Il saltimbanco (Chi sono?)

Condividi questo articolo!


di Aldo Palazzeschi

Notevole la coincidenza tra le tematiche qui toccate da Palazzeschi e quelle dei coevi poeti crepuscolari, ad indicare una sostanziale coincidenza delle due avanguardie nella sfiducia della poesia, come reazione alla retorica dannunziana e alla concezione del poeta-vate

Il saltimbanco (Chi sono?)

di Aldo Palazzeschi

Chi sono?
Son forse un poeta?
No certo.
Non scrive che una parola, ben strana,
la penna dell’ anima mia:
follìa.
 

Son dunque un pittore?
Neanche.
Non à che un colore
la tavolozza dell’ anima mia:
malinconìa.
 

Un musico allora?
Nemmeno.
Non c’è che una nota
nella tastiera dell’ anima mia:
nostalgìa.
 

Son dunque… che cosa?
Io metto una lente
dinanzi al mio core,
per farlo vedere alla gente.
Chi sono?
Il saltimbanco dell’ anima mia.

libri

Lascia un commento

shares