ANALISI LOGICA DEL PERIODO

Condividi questo articolo!

 

ANALISI DEL PERIODO

1) Di che tipo sono le proposizioni subordinate sottolineate?

a) Visto che sei così stanco, non andremo al cinema

b) Dimmi che il Milan ha vinto ancora una volta

c) L’ ho vista delusa, quando invece avrebbe dovuto essere soddisfatta

d) Nonostante oggi sia il 25 marzo, fa ancora freddo

e) Ti ho telefonato perché tu sappia lo stato delle cose

f) Ho avuto una tal paura che non sono riuscito a dormire stanotte

g) Dimmi perché sei così agitato

h) Purché tu non sia più arrabbiato, sono disposto pure a darti ragione!

2) Di che tipo sono le proposizioni coordinate sottolineate?

a) Non ho ripassato la lezione, di conseguenza ho preso quattro

b) Si temevano incidenti, invece la manifestazione fu del tutto pacifica

c) Vieni con noi oppure preferisci stare in casa?

3) Di che tipo sono le proposizioni principali sottolineate?

a) Oh, se potessi ritornare sui miei passi!

b) Vieni pure avanti

4) Fai l’analisi del periodo del seguente brano indicando per ogni subordinata il tipo e il grado di subordinazione, senza specificare per le principali e le coordinate il tipo di proposizione, ma indicando nei confronti di quale proposizione si attua la coordinazione (es.: coordinata alla principale, coordinata alla subordinata finale di II grado, ecc…). Ricordati di scrivere le frasi per intero o in maniera tale da evitare ambiguità di interpretazione (es.: La mamma di Giulio che era venuta a casa mia, era molto adirata con suo figlio per il ritardo. Analisi: La mamma di Giulio era…ritardo= Proposizione principale – che…mia= proposizione subordinata relativa di I grado)

Cicerone chiede libertà di parola per difendere il poeta Archia:

Perché nessuno di voi giudichi strano che in un procedimento di legge e in un processo penale, trattando una causa davanti a un pretore del popolo romano e davanti a giudici pieni di austerità, io usi questo genere di oratoria, che non ignora l’abitudine dei tribunali, ma si serve anche dei modi dell’eloquenza forense, vi chiedo che mi facciate questa concessione, utile all’imputato, e a voi, come spero, non fastidiosa, di lasciare che io , patrocinando un sommo poeta e un uomo coltissimo, parli un po’ più liberamente degli studi che danno finezza di educazione e di cultura, e trattandosi di una persona che per la vita ritirata e studiosa non è mai stata bistrattata in rischiosi processi, io mi serva di una forma oratoria quasi nuova e insolita.

 

 

Lascia un commento

shares