Gerardo Sangiorgio (1921-1993)

Condividi questo articolo!


letterato e poeta internato nei campi di concentramento nazisti

sopravvissuto all’orrore dei lager, a cui è intitolata la Biblioteca civica di Biancavilla (CT).
La scelta coraggiosa di non aderire alla Repubblica di Salò, all’indomani dell’8 settembre 1943 – da cristiano e antifascista strappato agli studi – costò a Sangiorgio anni di profonda e inumana sofferenza come IMI nei campi nazisti che – come è stato scritto – rimarrà il cuore della sua testimonianza umana.

contributi a cura della “Fondazione Gerardo Sangiorgio”

Lascia un commento

shares