“E’ bello vivere liberi” di e con Marta Cuscunà

Condividi questo articolo!

a Gattatico – 7 Luglio 2011

Istituto Alcide Cervi, Museo Cervi, Biblioteca, Archivio Emilio Sereni, con il contributo di Boorea , Unieco e la collaborazione de I Teatri di Reggio Emilia , Associazione Culturale dAi campi Rossi, ErmoColle

10^ edizione del Festival teatrale di Resistenza

Premio Museo Cervi

Teatro e Canzone per la memoria

il 7 luglio, in ricordo dei morti di Reggio Emilia del 7 luglio 1960, con l’intervento di apertura di Mirto Bassoli, segretario generale della CGIL di Reggio Emilia, cui è seguito alle ore 21,15 il primo dei sette spettacoli teatrali:

 

E’ BELLO VIVERE LIBERI!

di e con Marta Cuscunà

progetto di teatro civile ispirato alla biografia di Ondina Peteani, prima Staffetta Partigiana


La storia di Ondina Peteani, considerata la prima Staffetta Partigiana d’Italia per la precocità del suo impegno nella lotta di Liberazione, attraversa gli anni del fascismo e della Resistenza nella zona di Montefalcone, in quella Venezia Giulia che risente della vicinanza coi gruppi partigiani sloveni. Qui ritorna dopo la tragedia della deportazione ad Auschwitz e continua nella militanza politica e culturale. 
Straordinaria figura di donna, protagonista di momenti chiave della Liberazione come la fornazione della Brigata Proletaria, Ondina riassume in sé tutte le articolazioni della Resistenza (storica, personale, politica, poetica…) mentre lo spettacolo di quella stessa Resistenza restituisce il sapore di un vissuto privo dei cascami celebrativi e degli irrigidimenti retorici.

“E’ bello vivere liberi!” è l’ultima frase pronunciata da Ondina.

shares