Ondina Peteani, la prima staffetta partigiana

Condividi questo articolo!

fonte:  http://www.loschermo.it/

24-03-2014 / TEATRO / GUIDO MENCARI

CERTALDO (Firenze), 24 marzo – Le immagini dell’Incontro Montemaggio, Ondina Peteani Prima Staffetta Partigiana tenutosi sabato pomeriggio (22 marzo) a I Macelli di Certaldo.

Introdotto dal presidente del consiglio comunale di Certaldo, Denise Latini, sono intervenuti l’attrice Marta Cuscunà, la storica e docente Anna Di Gianantonio, autrice del libro Ondina Peteani, il figlio Gianni Peteani e l’assessore alla Cultura del Comune di Certaldo Giacomo Cucini.

La vita di Ondina Peteani è stata raccontata dal punto di vista personale, storico e artistico. Una donna scampata al nazismo che non hai mai voluto essere considerata una vittima e ha sempre lavorato per la vita degli altri. Una staffetta prima, l’impegno politico e civile che continua anche nel dopo guerra, un’ostetrica, una mamma e un esempio che viene celebrato anche dallo spettacolo, che ha concluso a serata, E’ bello vivere liberi!, scritto, diretto e interpretato da Marta Cuscunà.

“E’ bello vivere liberi” sono le ultime parole scritte dalla Peteani, una libertà che ha avuto un prezzo altissimo e che ha ispirato questo spettacolo dolce e commovente. Marta Cuscunà scrive: “La biografia di Ondina, scritta dalla storica Anna Di Giannantonio, mi ha letteralmente entusiasmata, scossa, “accesa”. Ho incontrato una ragazza, poco più giovane di me, incapace di restare a guardare, cosciente e determinata ad agire per cambiare il proprio Paese”. Lo spettacolo che ne nasce entusiama e scuote, riesce a far sorridere e togliere il fiato. Raccontato con candore, ci porta in alto, con la leggerezza di una mongolfiera, che poi atterra come un pallone di cemento che si sgretola e ci lascia in frantumi.

Guido Mencari

www.gmencari.com

shares