Io maggio posto in core a Dio servire


di Giacomo da Lentini

Io mag[g]io posto in core a Dio servire,
comio potesse gire in paradiso,
al santo loco chag[g]io audito dire,
u si manten sollazzo, gioco e riso.

Sanza mia donna non vi vorria gire,
quella cha bl’onda testa e claro viso,
ché sanza lei non poteria gaudere,
estando da la mia donna diviso.

Ma non lo dico a tale intendimento,
perch’io pec[c]ato ci volesse fare;
se non veder lo suo bel portamento

e lo bel viso e l morbido sguardare:
ché lo mi teria in gran consolamento,
veg[g]endo la mia donna in ghiora stare.