L’altra citta possibile

LAltra Città” edizioni Studium Roma  è il nuovo libro di Padre Pier Sandro Vanzan e Fabio Rossi, un volume sul disagio giovanile, l’immigrazione, il carcere, come costruire nuove solidarietà.

Padre Vanzan grande amico della comunità Casa del Giovane, non è soltanto  il mitico scrittore di Civiltà Cattolica, è anche un uomo che non arretra di fronte allarrembaggio contemporaneo delle nuove certezze vendute a poco prezzo, basate spesso sulla capacità di dire tante cose in fretta proprio per non dire niente.

LAltra Città” racconta di come tanto tempo fa chi abbandonava il paese raggiungeva la sicurezza nella città, nello stare insieme a tante altre persone incontrava sempre nuove opportunità.

Città del passato e città del presente, tanti agglomerati e  tante differenze, città del buio e città della luce, manifesti universali e cartelli artigianali, città che non hanno più capacità di riparare e migliorare, di modificare percezioni e vivibilità, la stessa paura del diverso che non consente di pensare una differente dimensione  sociale”.

Questo libro possiede coerenza e generosità, righe che riguardano i costruttori di futuro e i custodi attenti di verità, pagine scritte con quadratura intellettuale ferma e allo stesso tempo mobile, per non rimanere sconvolti dalla scoperta di avere tante città diseguali, mimetizzate, straripanti una nuova idealità del passare avanti, del non fare caso a chi cade, non andare troppo sul sottile per quanto succede nelle parti altre” della città, e altre” città che non sono la nostra, anch’essa ci appare distante da ciò che credevamo fosse.

Città di periferie esistenziali, di colori di guerra sulla pelle, di luoghi sicuri non per arte di tolleranza che spesso professa disinteresse per le condizioni altrui.

LAltra città” descritta da  Padre Vanzan, va spiegata fin dalla scuola materna, fin da piccoli, quando gli occhi non vedono dall’altra parte della strada.

Stili di vita, comportamenti, quotidianità che possono essere strumenti e riferimenti alti, per allentare i sovraccarichi intollerabili degli interventi di una giustizia giusta per ogni città che si presenta scoperta, spogliata, tradita, nelle sue molteplicità, a partire dalle problematiche mai risolte dei rom e dei sinti, del carcere ridotto a un contenitore di numeri e inutilità, ai flussi migratori impediti a Lampedusa e vaganti sul territorio, sulla violenza che dilaga tra le mura domestiche e  sulle carreggiate, violenza che obbliga a barricarci dentro noi stessi, e così perpetrare altra violenza nelle generazioni più giovani, quelle che dentro una classe optano per il sopruso e la sofferenza dell’altro per arrivare primi al traguardo.

LAltra città è una ridotta specola sulle tante altre città che divampano private di uscite di emergenza, nelle altre estremità esistenziali ove non esiste attenzione, ma disamore per quanti non sono come noi.

Questo libro è diga insormontabile affinché la violenza non diventi l’unico strumento di certezza di fronte a ciò che riteniamo una diversità etnico, religiosa, o più semplicemente socioeconomica, pagine  di vista prospettica, posseggono la fiducia necessaria per ricondurre la società in un alveo di civiltà, concordia, e integrazione.

Vincenzo Andraous
tutor Comunità
Casa del Giovane
Pavia agosto 2009