L’olocausto e la sconfitta dell’asse

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

Fino alla fine del 1941 sembrava che Hitler avesse il controllo di quasi tutt’Europa. In realtà egli, in seguito alla battaglia d’Inghilterra, non era riuscito a piegare la resistenza inglese.

Dopo aver rinunciato all’Inghilterra il suo obbiettivo risultò essere la Russia, nonostante il patto di non aggressione, le armate tedesche iniziarono l’invasione dell’Unione Sovietica, che nonostante ciò non cedette.

Decisiva risultò essere l’entrata in guerra degli Stati Uniti, in seguito all’attacco giapponese alla base di Pearl Harbor.

I nazisti, sottoposero la parte dell’Europa caduta nelle loro mani ad un pesante sfruttamento economico e milioni di persone al lavoro forzato.

Da questo momento in poi ebbe inizio lo sterminio degli ebrei, da tempo bersaglio dell’odio nazista.

Fu un vero e proprio genocidio, svolto nei campi di concentramento, il più importante è quello di Auschwtz.

Nel 1942, cominciò la caduta del fascismo, in molti paesi quali: Francia, Russia e Inghilterra, nacquero movimenti di resistenza.

Nel 1943, gli americani sbarcarono in Italia (Sicilia), accelerando la caduta del fascismo. In seguito il Duce venne arrestato e successivamente l’Italia firmò l’armistizio con gli anglo- americani.

I tedeschi riuscirono a liberare Mussolini, che fondò la Repubblica sociale italiana a Salò.

In seguito gli americani attuarono lo sbarco in Normandia che li mise in condizioni da avanzare verso la Germania. Nello stesso tempo la Russia avanzava verso Oriente. Nonostante ciò Hitler non volle cedere, fino all’aprile 1945, dopo che russi e americani si erano congiunti sul fiume Elba.

Successivamente Mussolini si tolse la vita. Infine la Germania firmò la resa senza condizioni.

Nello stesso anno continuava lo scontro tra America e Giappone. Gli americani per stroncare definitivamente la resistenza giapponese sganciarono la bomba atomica prima su Hiroshima e poi su Nagasaki.

Pubblicità
shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: