Trama dettagliata de “La peste di Camus” con commenti

Scarica qui sotto la presentazione in power point usata per il video, ad un prezzo etico

La peste di Albert Camus in power point

Trama dettagliata de “La peste di Camus” con commenti

Parte I: Capitolo 1-14

Sommario dei capitoli 1-3

Un narratore senza nome, che promette di rivelare la sua identità in seguito, afferma che la cronaca che segue è la più oggettiva possibile. Assicura il lettore che riporta solo le cose a cui ha assistito lui stesso, il racconto orale dei testimoni oculari che ha ricevuto di prima mano, e un resoconto scritto degli osservatori degli eventi in questione.

Nella città algerina di Oran, il dottor Bernard Rieux esce dall’ambulatorio e trova un topo morto disteso sul pianerottolo. Nei giorni seguenti, un numero crescente di roditori esce barcollando all’aperto e muore. Il sangue sgorga dai loro musi. Il dottor Rieux, preoccupato per l’imminente viaggio della moglie in un sanatorio, all’inizio non presta molta attenzione al fenomeno. M. Michel, il portiere dell’edificio dove lavora il dottor Rieux, è convinto che i topi morti nell’edificio siano stati messi lì da burloni. Un anziano paziente asmatico del dottor Rieux dichiara che la fame ha spinto i roditori a morire a centinaia all’aperto. Un giovane giornalista, Raymond Rambert, invita il dottor Rieux a discutere del suo attuale progetto, un rapporto sulle condizioni sanitarie della popolazione araba. La principale preoccupazione del Dr. Rieux prima di parlare con Rambert è assicurarsi che Rambert riporti la verità sul triste stato dei servizi igienico-sanitari pubblici.

La madre del dottor Rieux viene a stare con lui mentre sua moglie è via. Nel frattempo, il dottor Rieux contatta Mercier, epidemiologo, per suggerire che vengano prese misure igienico-sanitarie. La gente inizia a sentirsi a disagio quando il flusso di ratti morenti continua ad aumentare. I giornali chiedono a gran voce al governo della città di affrontare il problema. In risposta, la città organizza la raccolta giornaliera e la cremazione dei cadaveri. Proprio quando una lieve isteria inizia ad attanagliare la gente, il fenomeno scompare bruscamente.

Lo stesso giorno, il dottor Rieux incontra padre Paneloux, un sacerdote gesuita, che accompagna a casa sua un febbricitante e indebolito M. Michel. Il collo, le ascelle e l’inguine di M. Michel si gonfiano dolorosamente. Il dottor Rieux promette di fargli visita più tardi nel pomeriggio. Nel frattempo, riceve una telefonata da un ex paziente, Joseph Grand, in merito a un incidente subito dal suo vicino, Cottard. Al suo arrivo, il dottor Rieux scopre che Cottard ha cercato di impiccarsi. Cottard si agita quando il Dr. Rieux afferma che dovrà presentare un rapporto sull’incidente alla polizia. Il dottor Rieux fa visita a M. Michel e scopre che le sue condizioni stanno peggiorando. M. Michel muore in ambulanza in viaggio verso l’ospedale.

Altre vittime soccombono alla stessa malattia nei giorni seguenti. Il narratore fa conoscere al lettore Jean Tarrou, l’autore dei documenti scritti menzionati in precedenza. Tarrou, un turista ad Orano, tiene dei quaderni contenenti resoconti dettagliati delle sue osservazioni sulla vita quotidiana ad Orano. Registra conversazioni riguardanti l’apparizione della misteriosa malattia in seguito alla morte dei topi morenti. Un vecchio esce periodicamente su un balcone di fronte alla camera d’albergo di Tarrou, per sputare sui gatti che prendono il sole sotto di loro. Quando la piaga dei topi morti allontana i gatti, il vecchietto sembra molto deluso. Tarrou scrive di una famiglia di quattro persone con un padre sgradevole e severo, M. Othon, che cena tutti i giorni in albergo. Il direttore dell’hotel, costernato per i topi morti nel suo hotel a tre stelle, non trova conforto nell’assicurazione di Tarrou che tutti sono sulla stessa barca. L’albergatore sprezzante spiega che è infastidito proprio perché il suo hotel ora è come tutti gli altri. Una delle cameriere si ammala della strana malattia, ma il proprietario assicura a Tarrou che probabilmente non è contagiosa. Nel mezzo di queste scene della vita quotidiana ad Orano, Tarrou riflette su questioni filosofiche come non sprecare il tempo.

Commento dei capitoli 1-3

Alla fine de La peste, il narratore si rivela come il dottor Rieux. Forse il dottor Rieux nasconde la sua identità perché si preoccupa di mantenere la sua distanza oggettiva dalla cronaca. Poiché definisce La Peste una cronaca, ci si aspetterebbe un resoconto giornalistico dei fatti. Considerando le idee di Camus sull’impossibilità di raggiungere una verità oggettiva, non è possibile concordare con la valutazione del Dr. Rieux sul proprio documento. Inoltre, nonostante le affermazioni di obiettività del Dr. Rieux, la sua descrizione della società di Orano prima della peste è fortemente intrisa di ironia. Rieux afferma che lo spirito di Orano prima della peste è quello di un vuoto mercantilismo, un affannarsi a perseguire i propri interessi commerciali e non solo. La vita della gente di Orano è interamente circoscritta dalle loro abitudini. Ogni giorno seguono le stesse routine di lavoro, film, caffè e amori superficiali.

Si potrebbe presumere che le persone possano però reagire immediatamente di fronte a un fenomeno inquietante come i topi morenti, ma in realtà quasi tutti sottovalutano e negano l’infezione, e sono del tutto indifferenti. Il governo della città è lento a rispondere al problema. Il giornale di Rambert si rifiuta di pubblicare una condanna piena delle condizioni sanitarie di Orano.

È solo quando il giornale si mette in moto pesante e inizia a chiedere a gran voce una reazione che il governo della città organizza la raccolta e la cremazione dei topi morti. Ciò prefigura il punto durante l’epidemia in cui le vittime della peste incontreranno la stessa sorte. Inoltre, tutti presumono che sia responsabilità di qualcun altro prendersi cura dello sciame di topi morenti. Nessuno vuole allontanarsi dalla propria routine comoda ed egoistica per affrontare il problema.

Molte persone non vogliono ammettere che i ratti rappresentano un grave rischio per la salute degli esseri umani, quindi ricorrono alla razionalizzazione del fenomeno. M. Michel afferma che i burloni hanno piantato i topi morti nell’edificio in cui lavora. Il paziente asmatico del dottor Rieux dichiara che la fame ha spinto i topi a morire allo scoperto. Entrambe queste risposte “razionali” sono in realtà completamente irrazionali. La fame non spiega il sangue che sgorga dal muso dei topi. La spiegazione di M. Michel non spiega perché ci sono centinaia di ratti morti negli edifici di tutta la città.

Sul fenomeno dei ratti, il Dr. Rieux afferma che è come se un ascesso infetto si fosse aperto, il che implica che la stessa città di Orano è in qualche modo malata. Nel corso dell’epidemia risulterà chiaro che l’indifferenza e la negazione costituiscono la malattia metaforica a cui allude Rieux. Le persone sono fin troppo pronte a negare che un problema collettivo non le riguardi. Sembra che il proprietario dell’hotel dove alloggia Tarrou sia più sconvolto dal fatto che “sono tutti sulla stessa barca” di quanto non lo sia per le implicazioni inquietanti della piaga dei topi.

I taccuini di Tarrou trattano una serie di questioni filosofiche oltre ai piccoli dettagli della vita quotidiana a Orano. Questi quaderni costituiscono gran parte della cronaca di Rieux. Ciò fornisce ulteriore supporto all’implicazione che la “cronaca” di Rieux si occupi di questioni molto più profonde di un catalogo giornalistico di fatti. La descrizione di Rieux del carattere di Orano implica che i cittadini di Orano non stanno vivendo la loro vita al massimo. Le loro routine anguste e circoscritte e la loro indifferenza impediscono loro di sfruttare al meglio la loro esistenza finita: stanno perdendo il loro tempo. La preoccupazione di Tarrou per la perdita di tempo riecheggia la frustrazione di Rieux per le tattiche di perdita di tempo degli abitanti di Orano in risposta allo sciame di ratti e più tardi con l’epidemia in aumento.

Tarrou postula che non si perde tempo solo quando si è sempre consapevoli del tempo. Pensa che ci si può rendere consapevoli del tempo indulgendo in routine intricate, frustranti e complicate. Tuttavia, i suoi suggerimenti per rendersi consapevoli del tempo sembrano stranamente simili alle routine abituali che privano gli abitanti di Orano del loro senso del tempo: la sua filosofia è priva di significato quanto l’insensatezza che tenta di affrontare. L’imminente epidemia lo costringerà a pensare alla sua domanda in in termini di vita e morte, responsabilità individuale e sociale. Essere semplicemente consapevoli del tempo che si spreca non significa necessariamente che non si stia perdendo tempo. La consapevolezza del tempo è solo un passo nel processo per farne un uso produttivo.

 

Sommario dei capitoli 4-8

Quando il dottor Rieux sollecita il capo dell’Albo dei medici, il dottor Richard, ad accogliere nuovi casi di malattia nei reparti di isolamento, il dottor Richard insiste che il prefetto deve emettere l’ordine. Un’ondata di pioggia produce una “svogliatezza lunatica” nella popolazione con l’eccezione del paziente asmatico del dottor Rieux che lo accoglie come curativo per la sua asma. Il dottor Rieux e Grand si incontrano con l’ispettore di polizia per l’inchiesta sul tentato suicidio di Cottard. Grand soffre di un’intensa ansia per la sua scelta delle parole quando dà la sua deposizione. L’ispettore rimprovera Cottard per aver disturbato la pace altrui.

Il dottor Rieux punge i gonfiori sul collo, sulle ascelle e sull’inguine delle vittime della malattia, rilasciando un pus denso e sanguinante. La maggior parte dei casi è fatale. I giornali che hanno fatto tanto clamore sui topi sono stranamente silenziosi riguardo alla malattia. Il dottor Rieux e il suo collega, Castel, ipotizzano che la malattia sia probabilmente la peste bubbonica. Castel prevede che i loro colleghi e il governo della città cercheranno di negare l’ovvio. Nonostante le periodiche epidemie di peste, la gente tende a ritenere che sia scomparsa nei “climi temperati”.

Il Dr. Rieux osserva che guerre e pestilenze sono sempre esistite nelle popolazioni umane, eppure le persone sono sempre sorprese quando diventano vittime dell’una o dell’altra. Anche se ha assistito personalmente a diversi casi fatali, gli eventi sembrano irreali anche a lui. Mentre ricorda resoconti storici vividi e terrificanti di epidemie di peste, il dottor Rieux si prepara alla possibilità di un’altra.

A Grand viene assegnato il compito quotidiano di calcolare le morti. Accompagnato da Cottard, riferisce al dottor Rieux che il numero dei decessi è in aumento. In seguito, saluta il dottore e Cottard perché deve sbrigare un’attività misteriosa e importante.

Vent’anni fa, quando Grand ha accettato il suo lavoro, gli è stato promesso un avanzamento a posizioni meglio pagate. Tuttavia, l’uomo che gli aveva promesso la possibilità di avanzamento è morto da tempo e Grand non è sicuro delle specifiche delle sue promesse. Ha molte difficoltà ad esprimersi perché ha un bisogno fanatico di trovare le “parole giuste”. Pertanto, non ha mai scritto una lettera di protesta chiedendo che le promesse fattegli fossero mantenute. Il dottor Rieux intuisce che Grand sta cercando di scrivere un libro.

Il dottor Rieux telegrafa a Parigi per richiedere il vaccino della peste. Nel frattempo, i suoi colleghi fanno guerra all’atteggiamento “aspetta e vedrai” del governo della città. Il dottor Rieux esorta a prendere misure immediate per affrontare il problema perché teme che la malattia possa uccidere metà della città. Mentre i giornali iniziano a discutere con cautela della malattia, le autorità continuano a tirare i piedi. Intanto continua a salire il conto dei decessi.

Grand riferisce che Cottard continua a comportarsi come se avesse qualcosa che pesa sulla sua coscienza. Il vaccino per la peste tarda ad arrivare e il dottor Rieux si rende finalmente conto di avere paura. Quando controlla Cottard, Cottard sembra colpito da una strana paranoia. Il paziente asmatico di Rieux ipotizza che la malattia sia un’epidemia di colera, osservando che le persone sembrano nervose e nervose. Infine, il dottor Rieux chiede al Prefetto di adottare misure concrete per affrontare l’aumento dell’epidemia. Quando arriva il vaccino, è sufficiente trattare solo i casi immediati. Con l’arrivo della primavera ad Orano, le persone continuano a condurre la propria vita come fanno sempre. Un forte picco di morti spinge infine le autorità a dichiarare lo stato di peste e mettere in quarantena la città.

 

Commento dei capitoli 4-8

Proprio come con i topi, tutti considerano responsabilità di qualcun altro occuparsi della misteriosa malattia di Orano. I funzionari del governo e i colleghi del dottor Rieux non vogliono rompere con lo status quo, quindi perdono tempo a discutere se la malattia è sicuramente contagiosa e se è sicuramente la peste bubbonica. La posizione del dottor Rieux è che dovrebbero agire come se la malattia fosse la peste bubbonica. Non gli piace l’idea di aspettare nuovi casi per provare i suoi sospetti. La sua principale preoccupazione è salvare quante più vite possibili.

Castel comprende l’ostinazione del governo della città e dei suoi colleghi. Anche quando il governo pubblica avvisi in tutta la città, i manifesti sono discreti. Il dottor Rieux ritiene che la situazione richieda un atteggiamento del tutto o niente. Se il governo non mette in atto completamente tutte le misure per far fronte a una possibile epidemia, è come non fare nulla. I manifesti discreti non fanno nulla per impressionare la gente con il potenziale pericolo della situazione. Il paziente asmatico, come voce del grande pubblico, osserva che la malattia è probabilmente un’epidemia di colera, una malattia molto meno grave. Ciò indica che le misere misure prese dal governo della città non sono state terribilmente efficaci.

Il dottor Rieux si rende conto che gli esseri umani hanno troppa fiducia nella razionalità per apprezzare davvero la minaccia di una catastrofe imminente. Guerre e pestilenze non sono disastri razionali e logici A rispondere alla minaccia di tali disastri con una presa isterica sul penvaccino razionale e ordinato è del tutto irrazionale data la possibile scala di morte e sofferenza che rappresentano.

La maggior parte delle persone a Orano è ossessionata dal mantenere la propria “tranquillità“. Questa ossessione li rende indifferenti alla sofferenza delle persone che li circondano. “Serenità” per la maggior parte delle persone a Orano significa non dover affrontare la sofferenza di altre persone. Non vogliono che la loro routine confortevole e abituale venga disturbata.

Grand e Cottard sono vicini, ma in realtà non ne conoscono un altro. Solo con il tentato suicidio di Cottard si conoscono. Sebbene Grand sia ossessionato dall’imparare a comunicare, lo sta facendo nel modo sbagliato. Lavora da solo al suo libro e al suo latino, ma non comunica con le altre persone intorno a lui. Cottard ha provato più volte a parlargli, ma non riesce mai a comunicare la sua paura di essere arrestato. Grand non lo ha spinto a parlare, così anche lui ha perso l’opportunità di liberarsi dal suo guscio di isolamento.

Il dottor Rieux pensa che sia inimmaginabile che una città con persone innocue come Grand possa essere soggetta a una mortale epidemia di peste. Tuttavia, non c’è alcun significato razionale o morale dietro un’epidemia di peste. La sua scelta delle vittime è completamente imparziale: non c’è ragione razionale o morale per cui persone come Grand dovrebbero o non dovrebbero morire di peste.

 

Sommario dei capitoli 9-10

La gente reagisce al loro isolamento inaspettato con un intenso desiderio per i propri cari fuori Orano. Il servizio di posta è sospeso per paura di diffondere la peste oltre le mura della città. La gente, stabilendosi in una cupa accettazione dell’esilio, smette di meditare su un futuro pieno di speranza. Se qualcuno ipotizza che l’epidemia durerà sei mesi, si renderà presto conto che non c’è motivo per cui non dovrebbe durare per un anno o più. La contemplazione del presente provoca un’impazienza impotente e il passato provoca rimpianto. I cittadini, che ora si considerano prigionieri, vagano senza meta durante i giorni perché tutte le loro speranze e sofferenze sembrano irrazionali. Fortunatamente, l’ossessione egoistica per il disagio personale impedisce il panico diffuso. I caffè e le sale cinematografiche si divertono a fare affari perché la gente ozioso ha bisogno di occupare il suo tempo.

Grand spiega al dottor Rieux perché il suo matrimonio con Jeanne è fallito. Si sposarono, continuarono ad amarsi e lavorarono. Tuttavia, hanno lavorato così duramente che si sono dimenticati di amarsi e alla fine lei lo ha lasciato. Grand ha cercato senza successo per anni di scriverle una lettera spiegando le sue azioni.

Rambert è determinato a fuggire da Orano per raggiungere sua moglie a Parigi. Dice alle autorità che ha il diritto di lasciare Orano perché non ha alcun vero legame con essa, essendo rimasto intrappolato lì per caso. Le autorità affermano che non possono creare un “precedente” lasciandolo partire. Il dottor Rieux si rifiuta di dargli un certificato che lo dichiari libero dalla peste. Rieux riconosce che è una situazione assurda, ma non resta che accettarla. Rambert lo accusa di usare il linguaggio dell’astrazione. Dopotutto, gli interessi del pubblico sono un insieme degli interessi dei privati. Nel frattempo, Rambert si stabilisce in letargo, alla deriva da un caffè all’altro.

Il dottor Rieux riflette sul fatto che la sua situazione richiede un certo “divorzio dalla realtà“. I letti negli ospedali di emergenza sono pieni e c’è sempre una scena emotiva quando evacua i pazienti dalle loro case per isolarli dalle loro famiglie. La pietà è diventata inutile, quindi non vi si abbandona più.

 

Commento ai capitoli 9-10

Solo quando vengono imprigionati i cittadini di Orano si rendono conto della relativa libertà di cui un tempo godevano. Prima non c’era nulla che li limitasse tranne la forza delle loro abitudini. Tuttavia, proprio come prima della peste, continuano ad essere egoisticamente egocentrici con la loro sofferenza personale. Ogni cittadino crede che il suo disagio sia in qualche modo unico. Non cercano di “trovare le parole giuste” per la loro sofferenza perché sono inorriditi al penvaccino che il loro ascoltatore immagini un’emozione comune e scambiata in massa. In parte, la gente di Oran non ha l’immaginazione per comunicare la propria sofferenza ad altre persone; erano costantemente “annoiati” prima dell’epidemia.

 

La peste fa capire a Rambert che apprezza l’amore e la felicità rispetto alla sua professione, ovvero i suoi mezzi per fare soldi. Tuttavia, è ancora preoccupato per il suo disagio personale. Insistendo sul fatto che non gli appartiene, dichiara che c’è una ragione razionale per il suo “diritto” di lasciare Orano. Tuttavia, non si rende conto che non c’è nulla di razionale nella sua situazione, così come non c’è nulla di razionale nell’arrivo di un’epidemia di peste a Orano. Rieux deve trattare tutti come se avessero la peste, anche se potrebbero non essere infetti. Le conseguenze per agire diversamente sono troppo disastrose. La peste richiede un atteggiamento del tutto o niente se le autorità di Orano vogliono impedire che si diffonda in altre città.

Rieux si rende conto che l’accusa di Rambert di usare il linguaggio dell’astrazione è in una certa misura vera. Deve evitare la pietà e il sentimentalismo perché ha bisogno di preservare le sue riserve emotive per continuare a lavorare contro la peste. A differenza di Rambert, riconosce che la peste è la sua preoccupazione. La peste riguarda tutti a Orano, che lo vogliano ammettere o meno. Tutti a Orano sono potenziali portatori della malattia e, quindi, una minaccia per chiunque si trovi dall’altra parte delle mura della città. Pertanto, in un certo senso, la peste è un’astrazione, che esiste al di fuori e al di là di se stessa nella minaccia che rappresenta. Richiede che persone come Rieux rispondano in modo astratto e freddo, in risposta alla sofferenza individuale di persone come Rambert.

 

Sommario dei capitoli 11-14

La domenica, padre Paneloux tiene un sermone a una chiesa gremita dichiarando che Dio ha inviato la peste per punire i cittadini di Orano per i loro peccati. Rambert continua i suoi sforzi per persuadere le autorità a permettergli di lasciare Orano. Rambert è brevemente fiducioso quando gli viene chiesto di compilare un modulo dettagliato sulla sua educazione ed esperienza lavorativa fino a quando non apprende che verrà utilizzato per contattare la sua famiglia in caso di morte di peste. È stupito che la burocrazia continui a funzionare come sempre.

Grand spiega a Rieux che nello scrivere il suo libro vuole creare un manoscritto impeccabile. Finora è riuscito a creare una bozza della sua linea di apertura, che condivide con Rieux. Fuori, l’umore di Oran va verso l’isteria. Alcune persone cercano di scappare e ci sono scene di violenza.

L’estate scende su Orano, accompagnata dal suo caratteristico caldo torrido. Quando i suoni delle vittime che si lamentano si riversano in strada, nessuno si ferma ad ascoltare con pietà. I tentativi di fuga sono ora punibili con lunghe pene detentive. Il conteggio dei decessi viene annunciato quotidianamente alla radio anziché settimanalmente. L’omino di fronte alla stanza di Tarrou smette di apparire sul suo balcone perché tutti i gatti sono stati uccisi come possibili portatori della peste. Othon, il magistrato, continua a cenare all’hotel di Tarrou con i suoi figli anche se sua moglie è stata messa in quarantena.

Il paziente asmatico di Rieux dichiara che tutto è “sottosopra”. Sebbene ci siano “più medici che pazienti”, il bilancio delle vittime continua a salire. Tarrou registra che il paziente asmatico decise un giorno di aver lavorato abbastanza per tutta la vita. Detesta gli orologi, quindi scandisce il tempo spostando i piselli da una casseruola all’altra. The Plague Chronicle viene lanciato con il pretesto di fornire un commento informato sull’epidemia, ma non contiene altro che annunci pubblicitari per “antidoti infallibili” contro la peste. La gente spende in modo stravagante in pasti costosi e vini costosi nei ristoranti.

 

Commento ai capitoli 11-14

L’ironia nel sermone di Paneloux è che la morte è un fatto inconfutabile dell’esistenza umana. Afferma che nessuna scienza umana può salvare una vittima condannata della peste. In verità, nessuna scienza umana può salvare una persona dalla morte di alcun tipo. Non c’è niente che renda una morte di peste più significativa di qualsiasi altra morte. Camus implica che la morte è insensata, non importa come accada. Prima della peste, i cittadini di Orano facevano poco più che aspettare la morte, intrattenendosi passivamente mentre le loro vite scivolavano tra le dita. Non avevano la capacità di amare intensamente semplicemente perché vivevano nella totale negazione, o del tutto inconsapevoli, della certezza della loro morte. Paneloux non chiede alla sua congregazione di rompere con la loro insensata inazione, di sfruttare al meglio quello che potrebbe essere l’ultimo giorno, l’ultima settimana o l’ultimo mese della loro vita. La peste non è né un disastro razionale né morale. Quindi, l’unica cosa significativa da fare in risposta ad essa è ribellarsi ad essa, cioè alla morte.

Il direttore dell’hotel di Tarrou afferma che la moglie di Othon è “sospettata”, ma lui e Tarrou non lo sono. La sua affermazione è una negazione irrazionale della comune catastrofe della peste. Fa eco alla richiesta di Rambert di un certificato che lo dichiari libero dalla peste da Rieux. Tutti a Orano devono affrontare la prospettiva di contrarre la peste; tutti sono “sospettati” di contagio. La negazione, la fuga, l’indifferenza sono tutte forme di “perdita di tempo”, di resa alla peste. È ironico che il direttore dell’hotel e Tarrou criticano Othon per la sua indifferenza e inerzia. Sono indifferenti a lui, sua moglie e la sua famiglia. Non è solo responsabilità di Othon combattere la peste per il bene di sua moglie, ma è di tutti. La maggior parte delle persone a Orano si aspetta che qualcun altro si assuma la responsabilità di difendere la propria vita, quindi perdono tempo a lamentarsi della mancanza di sforzi da parte del governo della città, delle autorità mediche e dei loro concittadini.

Il paziente asmatico di Rieux ha scelto di scandire il tempo contando i piselli da una padella all’altra a una velocità ben regolata. Questa immagine ricorda fortemente i metodi suggeriti da Tarrou per evitare perdite di tempo. Ha ipotizzato che la costante consapevolezza del tempo attraverso routine noiose, complicate o frustranti avrebbe impedito a un individuo di perdere tempo. Tuttavia, i suoi suggerimenti erano semplicemente forme di riempimento del tempo con attività spiacevoli piuttosto che piacevoli. Tali attività sono semplicemente “abitudini” coltivate. Tarrou ora se ne rende conto perché considera il metodo del paziente asmatico per scandire il tempo un'”abitudine” insignificante e che fa perdere tempo. Anche se il paziente asmatico ha deciso di aver lavorato abbastanza, non fa ancora un uso significativo del suo tempo. Ha scambiato l’abitudine al lavoro per un modo diverso di scandire il tempo.

Il grande desiderio di scrivere un manoscritto impeccabile può essere ammirevole, ma è anche debilitante. Un manoscritto impeccabile è un ideale, ma è anche impossibile. Scrivere un manoscritto impeccabile sarebbe simile, quindi, alla cura della peste. Né è possibile. Camus delinea così l’inverso delle consuete routine quotidiane che occupano le giornate della maggior parte degli abitanti di Orano: una totale mancanza di azione a causa della comprensione che l’ideale non può mai essere raggiunto. Entrambi i modi di essere sono in definitiva isolanti e ottusi; entrambi sono privi di significato. Con il progredire della peste, tuttavia, e Grand inizia a cercare di aiutare a combattere la malattia, appare una terza opzione per affrontare l’insensatezza della vita: riconoscere l’assurda impossibilità di vincere la lotta per l’ideale, e poi lottare comunque; solo in una struttura così consapevole e futile un individuo può ritagliarsi sia il senso di sé che la comunità.

 

Parte II: Capitoli 15-17

Sommario dei capitoli 15-17

Il vaccino di Parigi si rivela inefficace e la peste si trasforma in polmonite. Rieux pensa che sua moglie nei suoi telegrammi stia mentendo sullo stato di salute. Tarrou elabora un piano per reclutare volontari per la lega dei servizi igienico-sanitari perché non vuole vedere nessuno condannato a morte con il servizio obbligatorio. Rieux sarebbe grato per l’aiuto, ma chiede a Tarrou se ha valutato i pericoli. Quando Tarrou chiede la sua opinione sul sermone di Paneloux, Rieux afferma che la sofferenza degli appestati lo fa detestare l’idea della “punizione collettiva”. Tarrou crede che le catastrofi umane abbiano un lato positivo perché costringono le persone a “elevarsi al di sopra di se stesse”. Quando Tarrou chiede se crede in Dio, Rieux evita la domanda spiegando che Paneloux non ha visto la sofferenza in prima persona, quindi si concede il lusso di credere nella “Verità“. Rieux crede che potrebbe essere meglio smettere di credere in Dio e dedicare tutti gli sforzi a sfidare la morte. Sebbene tali sforzi possano essere inutili, non vede alcun motivo per arrendersi.

Sebbene il piano di Tarrou si dimostri efficace, Rieux esita a esagerare l’importanza degli sforzi dei volontari perché li fa sembrare eventi rari. Crede che le persone siano fondamentalmente buone e che l’ignoranza sia il loro peggior vizio. I volontari si rendono conto che la peste è una preoccupazione di tutti, quindi fanno il loro dovere aiutando a combatterla. Il dottor Castel inizia a fare il vaccino usando il batterio del bacillo locale. Grand diventa segretario generale della Lega dei servizi igienico-sanitari. Rieux riflette sul fatto che molti lettori avranno bisogno di un “eroe”, quindi offre Grand come un “eroe insignificante e oscuro”.

Quando Rambert inizia a indagare sui metodi di fuga illegali, Cottard si offre di aiutarlo. Cottard è diventato un contrabbandiere e ha fatto molte conoscenze nel mondo criminale che ha tratto profitto dalla peste. Porta Rambert sempre più in profondità attraverso il mondo criminale, fino a quando non incontra qualcuno che è in grado di aiutarlo. Rambert deve aspettare due giorni per organizzare la sua fuga, quindi contatta il dottor Rieux per aggiornarlo sui suoi sforzi. Il dottor Rieux è stanco perché c’è una costante carenza di attrezzature e manodopera per combattere la peste. Un intoppo ritarda di nuovo la fuga di Rambert, ma alla fine tutto è a posto: due sentinelle, Marcel e Louis, accettano di portarlo fuori di nascosto in cambio di 10.000 franchi.

Quando Tarrou suggerisce che Rambert potrebbe essere utile negli sforzi anti-peste, Rambert diventa taciturno e ostinato. Inoltre, il suo piano di fuga incontra di nuovo un intoppo quando Marcel e Louis mancano l’appuntamento per incontrarlo il giorno successivo. Deve ricominciare da capo e torna a Cottard. Cottard fa notare a Tarrou che gli sforzi della lega dei servizi igienico-sanitari sono inutili perché non sembrano fare molta differenza. Tarrou insiste che è dovere di ogni uomo abile aiutare a combattere la peste e chiede a Cottard di unirsi alla lega. Cottard rifiuta perché “non è [il suo] lavoro”. Sarebbe stato arrestato per un crimine commesso in passato se non fosse stato per la peste.

Rambert rivela di aver smesso di credere nell’eroismo dopo aver preso parte alla guerra civile spagnola dalla parte dei perdenti. Quando afferma che Tarrou è capace di morire per un’idea, Rieux afferma: “L’uomo non è un’idea”. Rambert ribatte che l’uomo è un’idea se è incapace di amare. Rieux insiste sul fatto che combattere la peste non è eroico, ma una questione di “comune decenza”. Tarrou prende da parte Rambert per informarlo che la moglie di Rieux si trova in un sanatorio a 100 miglia di distanza dalla città. Sconvolto, Rambert si offre di unirsi alla lega dei servizi igienico-sanitari fino a quando non riesce a fuggire.

 

Commento ai capitoli 15-17

La forma polmonare della peste bubbonica è trasmissibile per via aerea. È anche molto più letale della forma trasmessa dalle pulci. Pertanto, nonostante i migliori sforzi di uomini come Rieux, si registra una sconfitta nella lotta contro la peste.

Tarrou è impaziente con l’incapacità delle autorità di riconoscere la peste come un disastro collettivo. Si impegnano nella loro forma di negazione con statistiche quotidiane sulla morte e discorsi roboanti sul fatto che 130 morti contro 150 siano una “vittoria”. Non rispondono alla minaccia mortale della peste con azioni reali e devote. La maggior parte del pubblico sceglie di lamentarsi dello stato delle cose, ma Tarrou è un individuo che decide di fare qualcosa al riguardo. Poiché le autorità non hanno realmente compiuto uno sforzo concertato per reclutare volontari, Tarrou si assume questa responsabilità da solo. Non crede nel costringere le persone a combattere la peste. È significativo solo se le persone offrono volontariamente il loro tempo e i loro sforzi; rifiuta di vedere condannati a morte, contrariamente a Paneloux.

Paneloux crede che ci sia una “verità” dietro la peste. Tuttavia, per Rieux e Tarrou, la “verità” è una questione di riconoscere la peste come un disastro collettivo che deve essere contrastato. Come medico, Rieux ha spesso visto persone affrontare la morte imminente. Una paziente ha dichiarato la sua resistenza alla morte anche mentre esalava l’ultimo respiro. I morenti si rendono conto della totale inutilità della loro resistenza, ma molti di loro dichiarano comunque di sfida. Rieux non condanna duramente Paneloux perché considera il sacerdote semplicemente ignorante. Paneloux non ha visto le vittime della peste lottare con il dolore straziante della malattia. Né ha visto il modo implacabile con cui la peste continua a uccidere le sue vittime nonostante il loro intenso desiderio di continuare a vivere.

 

L’esperienza personale di Rieux gli ha insegnato cosa può fare l’ignoranza. Non ha scelto la professione medica per ideali di eroismo. Ha imparato cosa significasse essere un medico solo quando ha visto morire il suo primo paziente. La sua esperienza gli ha insegnato l’assurdità dell’esistenza umana. Gli esseri umani sono condannati a morire dalla nascita, eppure la maggior parte delle persone ha un intenso attaccamento alla vita. Rieux decise allora che il suo dovere era semplicemente combattere la morte con tutte le sue risorse. Poiché non crede in Dio o nell’aldilà, Rieux crede che il qui e ora sia tutto ciò che conta. Sebbene gli sforzi contro la peste sembrino non fare alcuna differenza, non è disposto ad acconsentire passivamente alla morte. Dà un senso alla sua vita scegliendo di accettare l’assurdità che la sua lotta contro la morte sia una sconfitta senza fine anche se la negazione e l’inazione sono molto più facili.

 

Potrebbe sembrare che la gioia di Cottard per la peste sia dovuta alla sua partecipazione al redditizio commercio di contrabbando che genera. Tuttavia, la sua felicità è anche dovuta al suo sollievo che tutti in città ora condividano il suo terrore. Prima dell’epidemia, era solo nella sua paura. Tuttavia, non riesce a stabilire la connessione cruciale con gli altri che Tarrou, Rieux e, infine, Rambert, fanno. Sebbene ora tutti a Orano abbiano paura, è ancora solo nella sua sofferenza. Altri condividono la loro angoscia contribuendo alla lotta collettiva contro la peste. Afferma che non è il suo lavoro aiutare a combattere la peste. Tuttavia, questo non è diverso da quello che molte persone pensavano prima del vasto sforzo di reclutamento di Tarrou. È indifferente alla portata della morte portata dalla peste a causa della sua ossessione egoistica per la sua sofferenza personale.

 

Rieux propone Grand come un “eroe” perché non crede nelle idee idealizzate di “eroismo”. La capacità di fare il bene, afferma, esiste in ogni persona, non poche, nobili, eccezionali. Pochissime persone commettono buone azioni davvero eccezionali, ma le numerose piccole buone azioni sono, nel complesso, più importanti e più significative.

 

Parte III: Capitolo 18

Sommario del Capitolo 18

A metà agosto, la gente inizia a vedere la peste come un disastro collettivo. La peste offre “giustizia imparziale” perché le sue vittime occupano tutti i livelli della gerarchia sociale. A causa dell’alto numero di morti, i funerali si svolgono rapidamente per garantire una rapida inumazione. Alla fine, diventa necessario seppellire le vittime in fosse comuni. Quando non c’è più spazio nel cimitero, le autorità iniziano a cremare i corpi. Fortunatamente, la peste non peggiora una volta raggiunta la capienza del crematorio. I ricordi dei cari assenti svaniscono mentre la gente sprofonda nello sconforto. Gli abitanti di Orano iniziano a parlare agli altri del loro dolore.

 

Commento al Capitolo 18

Quando la loro immaginazione cessa di fornire i mezzi per riempire il loro tempo libero, i cittadini di Oran riconoscono finalmente la loro situazione collettiva. Tutti sono ugualmente condannati perché la peste strappa le sue vittime da tutti i ceti sociali. Nel rivelare l’assurdità delle gerarchie rifiutandosi di obbedire ad esse, la peste illumina l’assurdità universale delle gerarchie: tutte le persone, ricche e povere, giovani e anziane, vivono sotto una condanna a morte ogni giorno della loro vita. La morte è sempre una catastrofe collettiva perché è il destino collettivo dell’umanità.

Le distinzioni di sepoltura cadono sotto l’inondazione di un numero immenso di cadaveri: gli appestati vengono eliminati sbrigativamente come lo erano stati i topi pochi mesi prima. Qualsiasi tentativo da parte dei vivi di imporre una gerarchia postuma alle vittime viene presentato come assolutamente assurdo. Allo stesso modo, molte persone si rendono conto che non esiste una gerarchia razionale o morale nella sofferenza causata dalla peste. La comunità comincia a vedersi come una vera comunità, unita in un’esperienza profonda, resa forse più profonda e livellante proprio perché assurda.

 

Parte IV: Capitoli 19-25

Sommario dei Capitoli 19-25

Grand parla spesso di Jeanne a Rieux; lui, a sua volta, allevia le sue preoccupazioni per sua moglie. Rieux verifica il suo sospetto che la sua salute stia peggiorando con le autorità del sanatorio. Rieux indurisce il suo cuore contro la disperazione delle famiglie degli appestati per continuare a fare il suo lavoro. Nel frattempo, Tarrou dedica molta attenzione a Cottard nei suoi taccuini. Cottard ha sempre vissuto con un costante senso di paura. È più felice ora che non sopporta più quel fardello da solo. Desidera il contatto umano, ma diffida di tutti come possibile informatore della polizia. Durante la peste, tutti bramano questo stesso contatto, ma devono anche diffidare di tutti come possibili portatori della peste mortale. Tarrou scrive di una rappresentazione dell’Orfeo di Gluck. L’attore che interpreta Orfeo crolla sul palcoscenico come un appestato proprio mentre Euridice viene riportata negli Inferi. All’inizio calmo, la gente alla fine si precipita verso l’uscita.

Quando è finalmente fissato un momento preciso per la sua fuga, Rambert sceglie di restare perché si vergogna troppo per andarsene durante una crisi del genere. Nel frattempo, Castel finisce il primo lotto di vaccino e il figlio piccolo di Othon è il primo a riceverlo. Il bambino soffre terribilmente prima di morire mentre Paneloux, Rieux e Tarrou guardano con orrore. Rieux si scaglia contro Paneloux, gridando che il ragazzo era una vittima innocente. Paneloux capisce che la rabbia di Rieux è diretta al suo sermone alcuni mesi prima.

Nella morsa mortale della peste, la gente ha spostato la sua attenzione dalla religione alla superstizione. Quando Paneloux pronuncia il suo prossimo sermone, la chiesa è più vuota di prima. Sostiene che il suo primo sermone è ancora attuale. Dichiara che la domanda senza risposta della sofferenza di un bambino innocente è il modo in cui Dio mette il cristiano con le spalle al muro. Mette alla prova la sua fede perché gli impone di negare tutto o di credere a tutto. Paneloux cita la cronaca di una precedente epidemia in cui sopravvissero solo quattro monaci, tre dei quali fuggirono dalla città colpita. Dichiara alla sua congregazione che ognuno di loro dovrebbe scegliere di essere colui che rimane indietro. Si oppone alla muta rassegnazione perché non ci sono scuse per rinunciare alla lotta. Poco dopo, Paneloux si ammala, ma si rifiuta di consultare un medico. I suoi sintomi non sono conformi a quelli della peste, quindi quando muore, Rieux lo contrassegna come un “caso dubbio”.

Quando il suo periodo di quarantena finisce, Othon si offre volontario per rimanere nel campo per dare una mano con lo sforzo anti-peste perché lo farebbe sentire “meno separato” da suo figlio. Rieux è stupito di vedere la gentilezza nel personaggio di Othon perché lo ha sempre considerato un uomo d’acciaio e inflessibile. Durante il Natale, Grand è sopraffatto dalla depressione perché gli ricorda il suo corteggiamento con Jeanne. Si ammala di peste e Rieux brucia le sue carte su sua richiesta. La maggior parte delle carte riguarda la riga di apertura del libro di Grand, ma un foglio contiene un’apertura incompiuta di una lettera indirizzata a Jeanne. Grand si riprende sorprendentemente e, meglio ancora, le morti di peste nel complesso iniziano a diminuire. Il paziente asmatico di Rieux dichiara allegramente che i topi sono tornati.

 

Commento ai Capitoli 19-25

All’inizio del romanzo, Rambert ha accusato Rieux di usare il linguaggio dell’astrazione invece del linguaggio del cuore. È andato molto vicino ad accusare Rieux di indifferenza. È vero che Rieux ha rinunciato alla pietà sentimentale. È anche vero che indurisce il suo cuore contro la sofferenza degli appestati, ma non è vero che è indifferente alla loro sofferenza. L’indifferenza è uno stato di inazione o negazione in risposta alla sofferenza di altre persone. Rieux deve indurire il suo cuore contro la propria sofferenza per continuare a contribuire allo sforzo contro la peste. Sua moglie sta morendo lentamente in un sanatorio a 100 miglia da Orano mentre lui è intrappolato in città.

Il desiderio del contatto umano è un bisogno umano potente, specialmente in tempi di sofferenza. Ora che tutti soffrono di un costante senso di paura, Cottard si sente meno solo. Tuttavia, non riesce davvero a liberarsi dalla sua alienazione. La paura costante genera sfiducia. Tutti ad Orano devono diffidare di tutti gli altri come possibili portatori della peste. Si accalcano nei film e nei caffè per sentirsi meno soli, ma non è saggio presumere che l’evasione reciproca costituisca davvero una violazione del loro isolamento collettivo.

L’attore che interpreta il ruolo di Orfeo costringe il suo pubblico a riconoscere i veri pericoli che devono affrontare. Fuggire a una performance di Orfeo è semplicemente arrendersi e negare questi pericoli. La commedia parla anche di amanti separati dalla morte. Intrattiene la fantasia che una persona amata possa essere recuperata dalle fauci della morte. Il crollo dell’attore costringe la gente a confrontarsi con la falsa illusione che questa commedia crea. Hanno negato la possibilità della propria morte abbandonandosi a fantasie su persone care assenti. La violazione da parte dell’attore della routine accettata li costringe a confrontarsi e considerare la peste come un pericolo reale per ciascuno di loro. Quando la realtà si insinua nel tessuto del mondo fantastico del pubblico, reagiscono con terrore disorganizzato. Il punto sollevato da questa scena è che tutti sono altrettanto isolati mentre si abbandonano a rituali di intrattenimento di evasione quanto lo sono nel loro terrore collettivo della morte.

Camus non risponde pienamente al problema dell’isolamento umano. La paura e la negazione sono entrambe responsabili dell’isolamento che la gente di Orano soffre durante l’epidemia. Rispondono a questo isolamento in modi diversi. Camus implica che il popolo di Orano possa rompere l’alienazione e l’isolamento prodotti dalla paura della peste opponendo una resistenza collettiva contro di essa. Combattere la peste è un’affermazione della volontà umana di sopravvivere mentre la paralisi della paura e l’evasione sono atti di resa.

Paneloux non può fornire una spiegazione morale o razionale per l’orribile morte di un bambino innocente. Il suo secondo sermone è un’interessante variazione sulla risposta “tutto o niente” di Rieux alla peste. Paneloux crede che la sofferenza degli innocenti non sia spiegabile in termini comprensibili per gli esseri umani. Pertanto, è una prova della fede cristiana nel senso più alto: il cristiano si trova di fronte alla scelta tra credere tutto e negare tutto su Dio. In un certo senso, Paneloux chiede alla sua congregazione di accettare una condizione di ignoranza. Sceglie di non consultare un medico quando si ammala perché vuole riporre tutta la sua fede nella divina Provvidenza. Tuttavia, i sintomi della sua malattia non corrispondono a quelli della peste. Pertanto, Rieux lo contrassegna come un “caso dubbio” dopo la sua morte. Ciò rappresenta la natura dubbia della comprensione di Paneloux dell’esistenza umana. Ha scelto di accettare passivamente la morte, qualcosa contro cui il romanzo discute. Ha negato l’impulso fondamentale della volontà umana di sopravvivere.

 

Parte V

Sommario della Parte V

La popolazione esita a mostrarsi speranzosa in risposta al calo del tasso di mortalità perché è diventata cauta durante il lungo periodo di reclusione. Il vaccino di Castel si dimostra efficace in diversi casi, e tutti i segnali indicano una diminuzione dell’epidemia. Tuttavia, Ottone soccombe alla peste proprio quando la speranza rinasce. Il Prefetto comunica che i cancelli saranno aperti nel giro di due settimane, ma le misure igienico-sanitarie sarebbero rimaste in vigore per un altro mese. Cottard incomincia ad angoscirsi ai segni della fine della peste. Quando Tarrou lo accompagna a casa, due uomini che sembrano impiegati del governo si avvicinano a Cottard. Lui fugge, ma loro lo seguono senza fretta.

Quando Tarrou si ammala di peste, Rieux e sua madre si prendono cura di lui. Tarrou giura di combattere per la sua vita, ma chiede a Rieux di essere completamente sincero con lui sulla sua condizione. Nonostante una dura lotta contro la peste, Tarrou muore dopo diversi giorni. Rieux riceve un telegramma che informa della morte della moglie.

Quando i cancelli aprono a febbraio, i treni in arrivo sono pieni. La moglie di Rambert viene da Parigi per incontrarlo ad Orano. Rambert si ritrova notevolmente cambiato dalla peste. È impaziente di rivederla, ma non con la passione ardente di prima.

Il dottor Rieux rivela di essere il narratore della cronaca. Voleva fare del suo meglio per presentare una narrazione oggettiva. Come medico, durante la peste ebbe molti contatti con tutti i livelli della società di Orano. Sente che ci sono solo poche cose che i cittadini hanno in comune: amore, esilio e sofferenza. Si limita a riferire solo ciò che le persone facevano e dicevano, piuttosto che speculare su ciò che pensavano o sentivano. Di Cottard, Tarrou ha detto che solo il suo vero crimine era approvare l’omicidio. Rieux aggiunge che Cottard aveva un cuore ignorante e solitario. Incapace di far fronte alla fine della peste, Cottard si chiude nel suo appartamento e inizia a sparare in strada. Alla fine la polizia lo imprigiona. In seguito, Grand informa Rieux che ha scritto una lettera a Jeanne e si sente molto meglio. Ha anche deciso di continuare a lavorare al suo libro.

Il paziente asmatico di Rieux, rimarcando la morte di Tarrou, osserva che sembra che i migliori muoiano sempre. Il paziente nota lo strano orgoglio che alcuni abitanti della città provano per essere sopravvissuti alla peste. Onoreranno i morti con un memoriale prima di tornare alle loro vecchie vite e attività come se nulla fosse accaduto. Quando Rieux guarda la gente gioire alla fine del loro esilio, è costretto ad essere d’accordo con loro. Per questo decide di raccogliere le testimonianze degli appestati. La peste lo ha portato alla conclusione che c’è più da lodare che da disprezzare negli umani. Riconosce che il batterio del bacillo può rimanere dormiente per anni, e nota che per questo motivo la cronaca non registra in alcun modo una vittoria finale.

 

Commento alla parte V

Dopo aver combattuto per la vita degli altri, Tarrou combatte per la propria vita quando contrae la peste. A differenza di Paneloux, non acconsente passivamente alla condanna a morte della peste. Lotta con tutte le sue forze. I suoi sintomi sono un ingrandimento dei sintomi normali: sono conformi sia alla forma polmonare che a quella bubbonica della peste. Pertanto, non è chiaramente un “caso dubbio”. La differenza nella sua morte e la morte di Paneloux indica che Tarrou ha raggiunto la comprensione della condizione umana mentre Paneloux no.

Né Rieux né Tarrou condannano Cottard per la sua indifferenza perché capiscono che scaturisce dalla sua ignoranza e alienazione. È interessante che non menzionino il crimine senza nome che ha commesso in passato quando discutono della sua colpa. Piuttosto, simpatizzano con la sua costante paura dell’arresto. Forse è perché non capiscono affatto le relazioni umane in termini di “colpa”. Lo stesso Rieux afferma che le uniche cose che la gente di Oran condivide con certezza sono l’amore, l’esilio e la sofferenza.

Audio Lezioni sulla Letteratura del novecento del prof. Gaudio

Ascolta “Letteratura del novecento” su Spreaker.