Assunzioni agevolate di soggetti iscritti nelle liste di mobilità

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

Assunzioni agevolate di soggetti iscritti nelle liste di mobilità

Riferimenti normativi:

Legge 223/1991, art. 8, co. 2 e art. 25, co. 9

Soggetti interessati:

Sono iscritti nelle liste di mobilità i seguenti soggetti:

–       lavoratori che, alla cessazione del periodo di CIG, l’impresa non abbia la possibilità di reimpiegare (L. 223/91, art. 4);

–       lavoratori collocati in mobilità dal curatore, liquidatore o commissario, nei casi di dichiarazione di fallimento, di emanazione del provvedimento di liquidazione coatta amministrativa ovvero di sottoposizione all’amministrazione straordinaria, quando non sia possibile la continuazione dell’attività (L. 223/91, art. 3);

–       lavoratori licenziati per licenziamento collettivo per riduzione o trasformazione di attività o lavoro (L. 223/91, art. 24);

–       lavoratori edili licenziati in seguito a grave crisi occupazionale (accertata dal CIPI) conseguente al previsto completamento di impianti industriali o di opere pubbliche di grandi dimensioni;

–       lavoratori che già avevano titolo a trattamento speciale di disoccupazione (non edile) e che si trovino in aree di crisi economica settoriale o locale, o siano stati licenziati da imprese per le quali è intervenuto l’accertamento da parte del CIPI della situazione di crisi aziendale ovvero che siano stati licenziati nelle aree del Mezzogiorno;

–       lavoratori che hanno diritto al trattamento speciale di disoccupazione nell’edilizia;

–       lavoratori licenziati da imprese con meno di 15 dipendenti, per riduzione, trasformazione o cessazione dell’attività

  Assunzione a tempo
determinato
Trasformazione a tempo
 indeterminato
Assunzione a tempo indeterminato
Schema:

I soggetti iscritti alle liste di mobilità possono essere assunti con contratto a tempo determinato della durata non superiore a 12 mesi, in deroga alle norme poste dalla legge 230/1962.

Trasformazione, in corso di svolgimento, del contratto a termine in contratto a tempo indeterminato

Assunzione a tempo pieno ed indeterminato

Assunzione a tempo indeterminato (pieno o parziale)

Incentivi:

La quota di contribuzione a carico del datore di lavoro è pari a quella prevista per gli apprendisti

Il beneficio contributivo spetta per ulteriori dodici mesi

Al datore di lavoro è concesso, per ogni mensilità di retribuzione corrisposta al lavoratore, un contributo pari al 50% dell’indennità di mobilità che sarebbe stata corrisposta al lavoratore.

La quota di contribuzione a carico del datore di lavoro è pari a quella prevista per gli apprendisti

Durata massima:

12 mesi

12 mesi

12 mesi; 24 mesi se il lavoratore ha più di 50 anni; 36 mesi in aree depresse

18 mesi

Pubblicità
shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: