CEI, autonomia “Riforma incompiuta”

Sharing is caring!


fonte: Servizio Informazione Religiosa, 12.2.2009

Una riforma incompiuta, per molti versi tradita, che non sembra al centro degli interventi attuali sulla scuola”. Così Gian Candido De Martin, docente di istituzioni di diritto pubblico all’Università Luiss Guido Carli, ha definito la riforma dell’autonomia, uno dei temi della tavola rotonda su Autonomia, parità scolastica e formativa, federalismo”, con cui si è aperta la seconda giornata del Convegno Cei di pastorale della scuola, in corso a Roma.
Soffermandosi sulle contraddizioni” all’interno del processo di attuazione dell’autonomia scolastica, il relatore ha parlato del quasi fallimento di una riforma che, almeno stando al disegno originario, avrebbe dovuto rappresentare un modello radicalmente alternativo a quello vigente, ancorato tuttora ad una gestione ministerial- gerarchica di tipo istituzionale” . Al contrario, per De Martin una reale autonomia avrebbe dovuto portare alla responsabilità delle autorità scolastiche, all’interno di un progetto comunitario”. Quello attuale, per De Martin, è invece uno statalismo centralista imperante, privo di un sistema di valutazione, restato sulla carta”. Uno scenario poco incoraggiante” , nonostante alcune sperimentazioni ed esperienze significative” che testimoniano il potenziale del principio di autonomia, laddove ci siano docenti coraggiosi, promotori di spazi di valorizzazione dell’autonomia didattica, in relazione con il territorio”.

Nell’attuale legislatura, per De Martin, le contraddizioni del centralismo continuano a permanete, anzi si rafforzano”. In particolare, sono stati intensificati gli interventi tipici di una logica ministeriale centralistica: si procede attraverso miriadi di circolari e attraverso la pratica dei decreti legge, sia quelli che hanno come obiettivo il contenimento della spesa, si con i ddl direttamente volti ad incidere sulla scuola, come il decreto Gelmini”. Il governo non dà segno di voler affrontare la questione del riassetto del sistema scolastico, legato al principio di autonomia”, la denuncia dell’esperto”, secondo il quale il governo è impegnato ad adottare una prospettiva di risparmio degli oneri legati alla scuola, mentre serve un regolamento che dovrebbe modificare gli ordinamenti didattici”. Senza contare che dei sette progetti di legge in discussione in Parlamento su tale materia, nessun progetto ha attenzione per la scuola paritaria”.
Per De Martin, quindi, resta del tutto aperta la questione dell’autonomia, che dovrebbe essere affrontata con una riforma di sistema condivisa, al di sopra delle divisioni politiche”. Di qui la necessità di abbandonare la logica delle circolari, per coinvolgere il mondo della scuola, senza il cui consenso la riforma non avrebbe gambe”.

shares