Cineforum : “Kolya”

Fine della seconda guerra mondiale, la repubblica Cecoslovacca fu liberata dai nazisti per mano della Russia. Il pegno da pagare ai sovietici per la liberazione sarà grande. l’URSS ingloba sotto la sua influenza tutti i paesi dell’est imponendo a tutti un sistema comunista e dittatoriale. Sono gli anni in cui comincia la guerra fredda per cui non c’è più libero circolo in Europa, infatti i sovietici da est non possono andare ad ovest e gli occidentali neppure possono scavalcare questa linea di confine chiamata “cortina di ferro”. In questo scenario viene segnata l’infanzia di Kolya, un bambino russo di 5 anni.
Quando la Cecoslovacchia, imitando la Polonia, comincia un processo di liberalizzazione viene subito fermata, infatti per paura che questo fenomeno contagi altri paesi i russi mandarono, per tenere sotto controllo la situazione i loro carroarmati. Proprio in questi anni arrivano dalla Russia il piccolo Kolya e sua madre, fuggita in Cecoslovacchia per cercare di ottenere la cittadinanza ceca, facendo un finto matrimonio. A sposarla sarà Luca, musicista che dopo essere stato escluso dalla filarmonica di Praga perché fratello di un emigrato, suona in un’orchestrina ai funerali e, per sbarcare il lunario, fa la manutenzione delle scritte in oro sulle tombe del cimitero cittadino. È proprio in cimitero, incontrandone il custode, che viene a conoscenza dell’opportunità di fare un finto matrimonio e con i soldi che riceverebbe in cambio sistemare tutti i suoi problemi finanziari. I due convolano a nozze, ma subito dopo cominciano i guai, la finta moglie di Luca scappa in Germania ovest dal suo amante, la madre della ragazza muore e il piccolo Kolya viene affidato a Luca che ora è anche indagato dalla polizia. Dopo varie incomprensioni dovute alla diversità di lingua i due, Kolya e Luca, diventano amici, ma proprio quando sembrano inseparabili la mamma di Kolya torna in Cecoslovacchia per riprendersi il bambino e portarlo con se in Germania Ovest, mentre Luca rimane a Praga insieme alla sua amante, e prossima sposa, in attesa di un figlio.

Torna all’indice della tesina Guerra fredda di Marco Tonet

anno scolastico 2000-2001 SMS “Gino Rocca” Via Fusinato 14 – 32032 FELTRE (BL)

fonte: http://www.mediarocca.it/rocca%20general%20web/tesina/Tesina%20d%27Esame.htm

Audio Lezioni di Storia moderna e contemporanea del prof. Gaudio

Ascolta “Storia moderna e contemporanea” su Spreaker.