Due pesi due misure

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

come ribaltare in pochi mesi quello che si pensa sulla scuola

1: Marco Lodoli e il maestro unico

Marco Lodoli su “Repubblica” del 27 maggio 2008

Poi qualcuno ha deciso che la maestra doveva moltiplicarsi e da una è diventata tre, e tre maestre sono diventate un viavai di volti, abbondanza e confusione, e forse qualcosa si è guadagnato e di sicuro qualcosa si è perso.

Marco Lodoli su “Repubblica” del 16 settembre 2008

Le elementari, fiore all’occhiello del nostro sistema educativo, sono finite sotto l’accetta della ministra Gelmini, che per rispettare le esigenze di risparmio non ha immaginato nient’altro che la maestra unica: come dire suicidiamoci per consumare meno ossigeno.

2: Il quaderno bianco e gli sprechi

dal Quaderno bianco sulla scuola (settembre 2007)

pubblicato nel settembre 2007 a cura dei ministri dell’Istruzione e dell’Economia del governo Prodi Fioroni e Padoa-Schioppa

“L’elemento dominante della maggior spesa pubblica per studente della scuola italiana si conferma dunque il rapporto insegnanti/studenti.

Nel caso della scuola primaria si osserva che l’eccesso di circa il 60 per cento è spiegato: a) per circa la metà dal maggior impegno orario degli studenti; b) per circa un quinto dal minor impegno orario degli insegnanti; c) per meno di un terzo dalla minore dimensione delle classi.

Per quanto riguarda la dimensione delle classi, si osserva un forte squilibrio verso la piccola dimensione.

La combinazione di questo dato [la spesa per studente, ndr] con gli insoddisfacenti esiti qualitativi indica che esiste un serio problema di allocazione delle risorse finanziarie.”

dal Comunicato stampa del Partito Democratico – 23 ottobre 2008

Ci auguriamo che il ministro Gelmini il quaderno bianco lo legga tutto. [n.d.r. anche voi]

Pubblicità
shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: