Il Novecento un secolo di contraddizioni


Sara Clemente III H

Il novecento è stato un secolo di grandi scoperte sia tecnologiche che scientifiche che sono state determinanti per la tecnologia avanzata di oggi.

Oltre alle scoperteci sono stati degli avvenimenti che hanno segnato la società intera subendo delle conseguenze catastrofiche all’economia di molti paesi.

Anche dei movimenti artistico-letterari hanno segnato questo periodo come il simbolismo,decadentismo,ermetismo ed è proprio questo movimento che ho deciso di trattare nel mio lavoro.

Uno degli autori di questo movimento è Salvatore Quasimodo.Tra le tante poesie di questo autore mi ha colpito di più Uomo del mio tempo”.

Questa poesia è molto profonda nel suo significato e Quasimodo esprime attraverso i simboli tutta la delusione che ha nei confronti dell’uomo.

Il poeta infine invita l’uomo a dimenticare i padri e le loro tombe ovvero l’uomo di una volta che non aveva amore,fede e soprattutto consapevolezza  di quello che facevano,ma almeno erano giustificati perché in qualche modo se lo dovevano procurare in cibo per nutrirsi e per vivere.

Come avevo detto prima il movimento che ho deciso di trattare è l’ermetismo.

Lermetismo è un movimento nato nel corso degli anni Trenta del Novecento affermandosi in Italia quando già Ungaretti,Saba e Montale erano già considerati dei grandi poeti.

Il termine ermetismo deriva  dal nome del dio greco Hermes.

I poeti ermetici non amavano i grandi palcoscenici e neanche mettersi in mostra ma esprimere le loro sensazioni attraverso le poesie di profondo significato.

 

 

                                                      Sara Clemente III H

 

torna all’indice del Giornalino d’Istituto del prof. Natale Todaro e dei suoi alunni della Scuola Media G. Capua di Melicuccà di Reggio Calabria, disponibile anche in formato compresso zip