La buona scuola e i dirigenti dal “contenzioso pendente” – di Gennaro Capodanno