Pianto antico di Giosue’ Carducci

 

Pianto antico di Giosuè Carducci

Raccolta in cui è inserita:

Rime nuove

Caratteristiche della raccolta:

– Distacco dalla tematica risorgimentale

– Crisi del poeta vate

– Rifiuto del presente e rifugio  in una dimensione ideale che può essere:

– Il mondo antico (tematiche amorose nella figura di Lina (Carolina Cristofori Piva))

– La Maremma, paesaggio dell’infanzia (Traversando  la maremma toscana, davanti San Guido, Idillio maremmano)

– Il passato tardo medievale (il comune rustico)

– Componimenti per la morte del figlio: Funere mersit acerbo, Pianto antico

Testo della poesia

Pianto antico di Giosuè Carducci

L’albero a cui tendevi
La pargoletta mano,
Il verde melograno
Da’ bei vermigli fior,  4

Nel muto orto solingo
Rinverdà ­ tutto or ora
E giugno lo ristora
Di luce e di calor.      8

Tu fior de la mia pianta
Percossa e inaridita,
Tu de l’inutil vita
Estremo unico fior,    12

Sei ne la terra fredda,
Sei ne la terra negra;
Né il sol più ti rallegra
Né ti risveglia amor.    16

Audio Lezioni su Giosuè Carducci del prof. Gaudio

Ascolta “Giosuè Carducci” su Spreaker.