àŽ¦àŽ¹àŽ»àŽ¯àâ‚¬àâ‚¬àŽ¿àâ€š, ࡽ€ àŽ²àŽ±àÆ’àŽ¹àŽ»àŽµà¡¿¦àâ€š, àâ‚¬ààŽ¬àŽ¾àŽ¹àŽ½ ࡼ”àâ€¡àŽ¿àŽ½ ࡼàŽº àâ€žà¡¿â€ àâ€š àâ€žà¡¿¶àŽ½ àŽÅ“àŽµàŽ»àŽ¹àâ€žàŽ±àŽ¹à¡¿¶àŽ½ àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽµàâ€°àâ€š

Il re Filippo, mentre conduceva un’azione di guerra contro la città di Melitea, sbagliò in due modalità; infatti andò l’ pur avendo le scale più corte di quanto fosse necessario, e inoltre perse l’occasione giusta. Infatti, sebbene avesse pianificato che sarebbe giunto intorno a mezzanotte, quando tutti stavano già dormendo, una volta che si mosse da Larissa prima del momento opportuno e giunse presso la regione di Melitea, non poté né aspettare né fuggire ritornando ancora indietro. Perciò, essendo costretto ad avanzare, giunse davanti alla città quando gli abitanti erano svegli. Per questo motivo non poté né fare un assalto con le scale a causa della mancata lunghezza, né entrare attraverso la porta poiché gli abitanti non potevano aiutarlo al momento opportuno.