Abete bianco


di Maria Paola Viale

Nome volgare: Abete bianco

Nome scientifico: Abies alba

Habitat: diffuso in tutto l’arco alpino, specialmente in quello orientale. Attualmente sugli Appennini, se si eccettuano le abetine di origine artificiale, e ridotto a pochi nuclei sparsi nelle zone montane della Liguria,dell’Abruzzo, del Molise e della Calabria.  

 

 

Fusto: albero sempreverde. Può raggiungere dimensioni molto rilevanti.Fusto diritto e chioma conica più o meno espansa che tende a slargarsi in punta (a “nido di cicogna”) negli esemplari adulti. Corteccia liscia di color grigio chiaro o cenerino negli esemplari più giovani. 

Foglie: aghi spessi,flessibili, smarginati all’apice, disposti su due file di color verde lucido sopra e argentei sotto.Rametti coperti di color bruno-pallido.

 

 

Impieghi: importante pianta da legno.Coltivato per vari usi:per fabbricare mobili, per uso tintorio, medicinale, ecc.. 

Propagazione: per seme ( autunno o primavera ). Per talea solo per la produzione di piante ornamentali.

 

da “La flora del Bosco Ceriana (Imperia)” di Maria Paola Viale

Paola Viale

Insegnante di scuola primaria in Liguria