Comprensione del testo


Compito di italiano per scuola primaria

Nome________________________ Classe:___

Lalfabeto in sciopero

Un giorno l’alfabeto, che era sempre stato in ordine e ubbidiente, si ribellò.

Tutti scioperano, – disse – tutti protestano; perché non posso ribellarmi anch’io?”. Detto, fatto!

Le lettere si misero a ballare e a saltare come impazzite: LA corse dalla Z perché non ne poteva più di stare sempre al primo posto, di avere accanto la B che ogni tanto per metterle paura, faceva:”BUUM!!!”.

La N e la M si divisero: una andò al primo posto, l’altra all’ultimo. Insomma presto l’alfabeto si trovò nel più grande disordine. Figuratevi quello che successe a scuola! I ragazzi, a causa del disordine alfabetico, impiegarono ore ed ore per cercare la spiegazione dei vocaboli difficili e dovettero rinunciare a giocare. I maestri non poterono più scrivere gli elenchi degli alunni sui registri. Quanto agli uffici, i poveri archivisti avevano le mani nei capelli.

Allora l’alfabeto ebbe rimorso e pensò: Il nostro non è sciopero, ma disordine!”.

E cos’ ogni lettera tornò al proprio posto.

Rispondi alle domande:

1)  Chi è il protagonista di questa storia?

2)  Che cosa decide di fare l’alfabeto?

3)  Che cosa succede a causa del disordine alfabetico?

4)  Come finisce la storia?

5)  Che cosa ci fa capire questa storiella?

di Maria Paola Viale

Paola Viale

Insegnante di scuola primaria in Liguria