Dall’ intervista ad Alda Merini (2006)

Le più belle poesie di Alda Merini

Nel mondo di oggi, cos’ frenetico e caotico, che ruolo ha la poesia?
La poesia non ha più un ruolo, non è considerata nemmeno più un lavoro ma un ozio, non ci ascoltano più ” peccato …

Come vede il futuro del mondo?
Alla mia età  cosa vuole che le dica..sono alla fine. Il mondo sta precipitando, credo sia in mano a forze demoniache, denaro, vizi, droga, consumo dell’amore come fosse carta straccia, l’amore vero fa gelare il sangue e invece oggi viene consumato in fretta senza sentirne il sapore. Ai miei tempi c’era la guerra, la povertà , ma non siamo morti, eravamo in un certo senso felici, si ubbidiva al padre, alla madre..oggi i genitori sembrano assatanati, vogliono i loro figli al potere, alla gloria e alla fine li rovinano.

Qual è il suo desiderio più grande?
Vincere il Nobel ..e avere una laurea, cos’ potrei avere una scrivania..anche se i miei versi più belli mi son venuti mentre lavavo i piatti o scopavo il pavimento..

Si sente amata?
S’, molto, dai giovani”