Didone accoglie i profughi: il banchetto. Eneide, I, vv. 695-756 (fine del primo libro)