È sabato di Giorgio Gaber interpretata da Luigi Gaudio

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

È sabato di Giorgio Gaber   (1972/1973)

E’ sabato è sabato

le nove e mezza di sera niente di anormale
ceniamo agli stessi posti eppure c’è qualcosa
si sente provo a guardarla c’è un’aria strana
non facciamo l’amore da una settimana

E’ sabato è sabato
domani niente lavoro forse andiamo al mare
le slaccio la cintura e resto un po’ a guardare
la linea armoniosa del collo la curva delle anche
che per me sono cose risapute e stanche

Ma è nell’aria
non so da che cosa
ma si sente
è nell’aria
si vede dai gesti dai silenzi
è nell’aria

In fondo è così naturale un piccolo sforzo iniziale
poi tutto tutto va da se tutto va da se
senza fatica senza fatica

Le mani si muovono accarezzano i fianchi
le bocche si avvicinano poi si staccano ancora
i corpi si sfiorano poi si allontanano
di scatto si riallacciano poi si comprimono

Il respiro è più forte incalzante
più affannoso morboso ansimante
parole sconnesse frenetiche senza pudore
E’ l’amore è l’amore è l’amore

E’ sabato è sabato
sdraiati nudi sul letto un asciugamano
adesso c’è un gran silenzio un senso d’abbandono
un letto che cigola piano si avverte il suo rumore
nella stanza di sopra stan facendo l’amore

Più forte
spaventoso come un treno
si sente più forte
poi gridi soffocati mugolii
sempre più forte
lamenti e respiri affannosi
signori così rispettosi

come fanno
non ce li vedo
non ce li vedo proprio
come conigli come maiali

Mi alzo vado in bagno le mani appiccicose
rumore di acqua che scorre la pancia appiccicosa
dall’appartamento di sopra
dall’appartamento di sotto
rumore di gente che si lava
rumore di cessi e di sciacquoni

Bellissimo l’amore tutti insieme
l’amore collettivo
i letti che si muovono
l’amore tutti insieme
ma si domani è festa
sciacquoni  sciacquoni  sciacquoni
forza cessi
è sabato è sabato è sabato

 

Presente negli album: Dialogo tra un Impegnato e un Non So

Pubblicità
shares