EFEBO DI KRITIOS – scultura greca

EFEBO DI KRITIOS

    Realizzato nel 480 a.C.; altezza di 86 cm
    Kritios » artista molto attivo in quei decenni, maestro di Mirone
               » statua originale in marmo
               » proveniente dalla colmata persiana
    Il volto è ancora rigidamente simmetrico
   » cranio non ha più forma appiattita, ma assume una nuova sfericità
   » poderoso e rotondo osso mascellare
   » naso dal dorso largo e appiattito, non più sottile
   » occhi fatti con la pasta vitrea colorata (ora persa)
   » non ci sono più piani schiacciati, menti appuntiti, nasi sottili
   » si presenza un angolo facciale ampio, arcuato, non + zigomi appuntiti
    Soggetto ripercorre ideale arcaico
   » è una statua votiva di un kouros in nudità eroica
   » viene riproposta la celebrazione dell’ideale atletico
    Acconciatura
   » tipicamente severa: lunga treccia che avvolge il capo
    Postura
   » posizione stante con le gambe tirate ed aperte a compasso non c’è +
   » peso non più ripartito sulle due gambe, la destra è libera
   » la destra avanza, a cui corrisponde abbassamento lieve del bacino
   » modificazione per la prima volta della simmetria delle anche
   » rotazione del bacino » gioco di luce sulla muscolatura del tronco
   » inclinazione non ancora sufficiente dell’asse delle spalle
   » rottura della simmetria per una posizione più naturale
   » proporzione tra le parti del corpo non sono ancora perfette
    Muscoli
   » la massa muscolare si presenta morbida, e rotonda (petto, gambe)
   » volontà e capacità di creare effetti di luce che producono 
      sensazione di movimento della superficie scolpita
   » nel torace non c’è più nulla di disegnato, modellato secondo la luce