Figure retoriche

Figure retoriche di suono e di ordine

FIGURE DI                                    FIGURE DI                                   FIGURE DI
  SUONO                                    SIGNIFICATO                               POSIZIONE
        Onomatopea                            Metafora                                     Enjambement
        Allitterazione                           Similitudine                                 Anafora
        Assonanza                                Ossimoro                                     Anastrofe
        Consonanza                             Personificazione                       
                                                      Chiasmo
                                                      Sinestesia
                                                      Sineddoche
 FIGURE DI SUONO
 
 ALLITTERAZIONE:  Ripetizione in parole diverse all’interno di un verso o di versi successivi, di vocali, consonanti e sillabe che hanno lo stesso suono.
Es: “… rimbombò, rimbalzò, rotolò cupo …”
-ONOMATOPEA:      Utilizzo di parole in modo tale da suggerire o riprodurre il suono della cosa che si vuole indicare.
Es: “… nei campi c’è un breve gre gre di ranelle …”
-ASSONANZA:          Somiglianza di suono fra le ultime sillabe di due parole, quando sono uguali le vocali ma diverse le consonanti.
Es:      viso – mattino ;  amore – morte
-CONSONANZA:       Consiste nella somiglianza di suono quando sono uguali le consonanti ma diverse le vocali.
Es:     distesa, estati, stagioni  ;   climi, mattini
 FIGURE DI SIGNIFICATO
-SIMILITUDINI:          E’ un paragone tenuto insieme dalla parola “come”.
Es:    “bello come un dio”
METAFORA:            Consiste nell’usare una parola per esprimere non ciò che essa significa abitualmente, ma un concetto somigliante.
Es:   “il sole piange”
-PERSONOFICAZIONE:  Attribuire a oggetti inanimati componenti e sentimenti propri dell’uomo.
Es:   “… la terra livida, ansante, in sussulto…”
-OSSIMORO:              Consiste nell’avvicinare due parole di significato opposto.
Es:   “…tacito tumulto…” ; “…silenzio assordante…” ; “…ghiaccio bollente…”
-CHIASMO:               Disposizione incrociata degli elementi costitutivi di due proposizioni collegate.
Es:   “…la parte si piccola, indi…
 
 
FIGURE DI POSIZIONE
      
         Ne io… e che voli, che gridi…”
SINESTESIA: Consiste nell’avvicinare due parole appartenenti a due mondo
                         sensoriali diversi.
Es:   “…tenebra azzurra, ombra silenziosa, ombra accesa…”
-SINEDDOCHE:          Figura retorica che consiste nel nominare una parte per tutto, è un tipo particolare di metafora.
Es:   “…le velefacevano rotta a sud…”
 
ENJEMBEMENT:      Spezzare tra la fine tra la fine di un verso e l’inizio di quello successivo una frase o un gruppo di parole. Serve a far soffermare il lettore sulla parola che è stata isolata.
Es:   “… bianca bianca nel tacito tumulto
         una casa apparì e sparì d’un tratto…”
       “… nel cuore è quasi un urlo
       di gioia…”
ANAFORA:              Ripetizione di una parola o gruppi di parole all’inizio di due o più frasi o versi. Serve a dare maggiore incisività ad una parola che per il poeta contiene un significato importante.
Es:   “…bianca bianca…” ; “…gre gre…”
-ANASTROFE:           Inversione dell’ordine normale di due o più termini nella costruzione della frase. Serve a dare un certo ritmo alla poesia.
Es:   “…sempre caro  mi fu  quest’ermo colle
                    3               2                1
        spesso  il male  di vivere  ho incontrato…”
            2          3             4                 1