Fuga

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

L’uomo fugge dalla realtà o da se stesso?

Artisti in fuga

 

Ci sono vari modi per fuggire: modi eclatanti o scandalosi, come il suicidio, ed altri meno appariscenti, come il ripiegamento in se stessi. La letteratura dell’ottocento ha offerto parecchi esempi di tali atteggiamenti, che testimoniano di una non-corrispondenza della realtà nei confronti della propria persona. La fuga nasce proprio quando non è possibile tener fede alla propria responsabilità nei confronti degli altri, ma soprattutto nei confronti di se stessi.

 

ITALIANO

  • L’Ortis foscoliano fugge dalla realtà avversa con il suicidio
  • Leopardi fugge da Recanati per uscire dal chiuso di un’esistenza e di un ambiente ristretto
  • Giovanni Pascoli tende a ripiegare su se stesso, a ricercare una nicchia, una casa, un nido in cui rifugiarsi per sfuggire il male presente nella società. Il poeta teme il mondo esterno, dove è il Male a regnare, e vuole ritirarsi in una sorta di idillio privato, dove i pericoli del mondo non lo possono raggiungere

 

FRANCESE

·        Gli artisti decadenti prendono come modello Baudelaire, proprio per la sua fuga dalla realtà, il suo simbolismo, e il suo rincorrere i paradisi artificiali.

 

TEDESCO

·        Anche Novalis e molti artisti romantici fuggono cercano di fuggire dalla realtà, trovando rifugio nell’irrazionalità della notte.

 

TESINE CORRELATE

http://www.atuttascuola.it/wp-content/uploads/2019/01/la_tesina-9.jpg (8864 byte)

Suicidio (si trova nel libro  “La tesina” edito da Bignami con 100 TESINE, a soli 8 EURO. Chiedilo nelle librerie o compralo  on-line).

Pubblicità
shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: