GAIO VALERIO CATULLO – Vita

VITA
    La fonte principale per la conoscenza della vita di Catullo sono i suoi stessi componimenti
    Nasce nel 87 a.C. a Verona, nella Gallia Cisalpina, da una facoltosa famiglia provinciale, prestigiosa
    Muore a Roma nel trentesimo anno d’età, quindi nel 57 a.C.
    Riceve una completa e raffinata educazione letteraria sia greca che latina
    Incomincia giovanissimo a scrivere poesie d’amore
    Si trasferisce a Roma e frequenta gli ambienti letterari e mondani
    Non intraprende una carriera politica » scelta dell’otium
    I suoi più cari amici sono i giovani poeti della cerchia neoterica (soprattutto Licinio Calvio ed Ennio Cinna)
    Con i suoi compagni conduce una vita di piaceri eleganti e raffinati
    L’amore per Lesbia
» è l’evento centrale della vita e della poesia di Catullo: l’amore per una donna che nei suoi carmi, secondo
   l’uso della lirica erotica, chiama con lo pseudonimo di Lesbia
» lo pseudonimo contiene un richiamo allusivo a Saffo, la poetessa greca dell’isola di Lesbo, che aveva
   cantato la passione amorosa nei suoi accenti di sconvolgente intensità
» sappiamo da Apuleio che il suo vero nome era Clodia, figlia di Cl’odio, nemico di Cicerone
» caratterizzerà la donna come docta puella, dotata di cultura e di gusti letterari raffinati
» con lei vive un’intensa relazione amorosa complessa e tormentata, costellata da abbandoni, tradimenti,
   provvisorie riconciliazioni (lei era già sposata, Catullo era uno dei suoi amanti)
    Nel 57Catullo parte per la Bitinia (Ponto) con la speranza di arricchirsi, al seguito di Gaio Mennio

    Nel 58rientra in patria da solo, dopo aver reso omaggio alla tomba del fratellosepolto nella Troade