Giuseppe Piro: con Notiziedallascuola.it tutti i giorni news e anticipazioni sul mondo della scuola

Conosciamo già  Giuseppe Piro a capo, da anni, di un agile team, Ariapertalab, nel settore digitale. Già  un decennio fa questo team aveva lanciato con successo il portale ScuolaMagazine.it. Oggi viene lanciato da Ariapertalab il sito di news NotiziedallaScuola.it.

Abbiamo chiesto a Giuseppe Piro di spiegarci il perchਠdi un lancio di un altro sito sulla scuola.

Da pi๠di 10 anni gestiamo ScuolaMagazine.it, il nostro magazine di approfondimento sulla scuola. Con alti e bassi abbiamo seguito in questi anni i cambiamenti che ha subito il mondo della scuola. Le logiche seo purtroppo non permettono ad un Magazine strutturato di pubblicare news brevi o comunicati stampa. Insomma pubblicare tutti i giorni quel flusso di notizie e comunicati che sono molto utili a chi tutti i giorni lavora nel mondo della scuola. Proprio per questa esigenza abbiamo creato un sito totalmente staccato da ScuolaMagazine.it che rimarrà  il sito di approfondimento dei temi pi๠caldi sul mondo della scuola.

Che cadenza di pubblicazione avrà  Notiziedallascuola.it?

Il sito sarà  costantemente aggiornato con pi๠di 10 news al giorno. Sappiamo che questo comporterà  un impegno lavorativo molto grande per il nostro team ma vogliamo provarci. Il mondo della scuola si trova davanti delle sfide molto importanti e ci sembra giusto esserci lanciando un nuovo media informativo molto agile e a disposizione di tutti i soggetti che operano nel mondo della scuola.

Quali saranno le vostre fonti informative?

Le nostre fonti informative sarenno sicuramente i comunicati stampa di tutte le istituzioni che ruotano intorno al mondo della scuola. Molto importanti saranno i contributi degli insegnanti e lavoratori della scuola, anche dei genitori se vorranno partecipare. Poi i sindacati della scuola e tutte le notizie che potranno essere utili ad insegnanti e studenti. Soprattutto dal mondo dell’innovazione e delle startup. Vogliamo battere molto sul concetto che i ragazzi devono entrare in contatto con realtà  che potrebbero aprirgli gli occhi su dei mondi pieni di opportunità  lavorative.