Lo vostro bel saluto e ‘l gentil sguardo di Guido Guinizzelli

Lo vostro bel saluto e ‘l gentil sguardo
che fate quando v’encontro, m’ancide:
Amor m’assale e già  non ha riguardo
s’elli face peccato over merzede,                                  4

ché per mezzo lo cor me lanciò un dardo
ched oltre ‘n parte lo taglia e divide;
parlar non posso, ché ‘n pene io ardo
s’ come quelli che sua morte vede.                               8

Per li occhi passa come fa lo trono,
che fer’ per la finestra de la torre
e ciò che dentro trova spezza e fende:                         11

remagno come statà¼a d’ottono,
ove vita né spirto non ricorre,
se non che la figura d’omo rende.                                 14

Audio Lezioni di Letteratura delle origini, duecento e trecento del prof. Gaudio

Ascolta “Letteratura origini duecento e trecento” su Spreaker.