Il proemio della Gerusalemme liberata

I.
     Canto l’arme pietose, e ‘l Capitano
Che ‘l gran sepolcro liberò di Cristo.
Molto egli oprò col senno e con la mano;
Molto soffr’ nel glorioso acquisto:
E invan l’Inferno a lui s’oppose; e invano
s’armò d’Asia e di Libia il popol misto:
Chè ‘l Ciel gli diè favore, e sotto ai santi
Segni ridusse i suoi compagni erranti.
II.
     O Musa, tu, che di caduchi allori
Non circondi la fronte in Elicona,
Ma su nel Cielo infra i beati cori
Hai di stelle immortali aurea corona;
Tu spira al petto mio celesti ardori,
Tu rischiara il mio canto, e tu perdona
S’intesso fregj al ver, s’adorno in parte
D’altri diletti, che de’ tuoi le carte.
III.
     Sai che là  corre il mondo, ove più versi
Di sue dolcezze il lusinghier Parnaso;
E che ‘l vero condito in molli versi,
I più schivi allettando ha persuaso.
Cos’ all’egro fanciul porgiamo aspersi
Di soavi licor gli orli del vaso:
Succhi amari, ingannato, intanto ei beve,
E dall’inganno suo vita riceve.

Audio Lezioni su Torquato Tasso del prof. Gaudio

Ascolta “Torquato Tasso” su Spreaker.