La crisi dell’età repubblicana e Giulio Cesare

Sharing is caring!


di Maria Paola Viale

Verso la fine della Repubblica la situazione sociale andava sempre più peggiorando: gli schiavi erano diventati numerosissimi e le loro condizioni erano davvero terribili perché venivano ceduti alle scuole dei gladiatori ( = il nome deriva dal gladio  ed era una particolare arma del lottatore della antica Roma ). La disciplina di combattimento era molto dura e chi vinceva faceva guadagnare molti soldi al suo padrone. Spartaco, nato in Tracia nel 109 a.C. e morto in Lucania ( attuale Basilicata) nel 71 a.C., fu un gladiatore romano che capeggiò una rivolta di schiavi. Per questo motivo fu soprannominato: “Lo schiavo che sfidò l’impero”. (fonte : wikipedia)

In questo ultimo periodo, Roma si riempì a dismisura di proletari, povera gente affamata ricca soltanto nel numero di figli). Però, due fratelli, Tiberio Gracco e Caio Gracco, nominati come tribuni della plebe, intervennero per tutelare i diritti dei più poveri. Infatti, Tiberio nel 133 a.C. e dieci anni dopo Caio Gracco riuscirono a far approvare alcune leggi come la Legge Agraria ( = Limitava la quantità di terreno che ognuno poteva possedere in modo che il terreno in più sarebbe stato assegnato ai contadini nullatenenti) Ma a causa di queste riforme questi fratelli vennero uccisi annullando le loro leggi.

Dopo questo amaro episodio, si generò una guerra civile (= guerra che si combatte tra i cittadini di uno stesso Stato) accentuando ancor di più la crisi repubblicana. Accrebbe a dismisura il potere militare tanto che due comandanti: Caio Mario, di origine plebea, e Lucio Silla, di origine patrizia per difendere il loro potere combattevano uno contro l’altro con i loro eserciti. Caio Mario fece un’importante Riforma del dell’esercito ( i soldati avrebbero ricevuto sia le armi che una paga giornaliera e in caso di vittoria un appezzamento di terreno) . Ma nell’88 a.C., Mario e Silla si scontrarono con i loro eserciti e Silla vinse cancellando così tutte le riforme a favore della plebe.

Quando morì Silla, il Senato affidò il governo a Roma a un altro generale Cneo Pompeo. Nel 60 a.C., egli si alleò con due uomini potenti: l’aristocratico Marco Licinio Crasso ed il generale Caio Giulio Cesare. I tre strinsero un patto che fu chiamato triumvirato (= governo di tre uomini, vir significa “uomo” in latino) ) ed aveva lo scopo di sostenersi a vicenda senza essere controllati dal Senato.

Caio Giulio Cesare divenne il più popolare perché godeva del sostegno dei soldati e dei plebei. Cesare era uno scrittore ( scrisse il De Bello Civili, La guerra civile e il “De bello gallico” = un resoconto scritto in terza persona, come se egli fosse un estraneo che descrive imparzialmente le azioni di Cesare), generale e uomo  politico. Nel 59 a.C. fu eletto console a vita ed ebbe il comando delle truppe stanziate nella Gallia romana ( = Pianura Padana e Francia meridionale) . In pochi anni conquistò tutta la Gallia , l’attuale Francia e Germania sino al fiume Reno e penetrò in Britannia, l’attuale Inghilterra). Avviò anche molte riforme a favore dei plebei e modificò il calendario ( il settimo mese prese il suo nome). Fu assassinato con 23 pugnalate nelle Idi di Marzo del 44 a.C. da alcuni nobili capeggiati dal figlio adottivo Marco Giunio Bruto e da Gaio Cassio. Con la sua morte termina la Repubblica. Cesare Ottaviano Augusto diventerà il primo imperatore di Roma.

I Germani

I Germani erano un popolo diverso dai Galli: erano nomadi, provenivano dalle terre del nord e dell’est europeo, parlavano un’altra lingua e rappresentavano un enorme pericolo sia per i Romani sia per i Galli stessi. (fonte: wikipedia)

Paola Viale

Paola Viale

Insegnante di scuola primaria in Liguria

shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: