Civiltà degli Indi

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

schema di studio

di Maria Paola Viale

IL TEMPO

3.300 + 2.011 = 5.311 (anni fa). Infatti sono passati dai nostri giorni 5.311 anni.
La pianura dell’Indo però fu abitata fin dal 5000 a.C.
Nel 1500 a.C. il territorio dell’Indo venne invaso dagli Arii e cominciò una nuova civiltà

IL LUOGO

La civiltà si sviluppò lungo le rive del fiume Indo, in Asia, tra la catena dell’Himalaya e l’Oceano Indiano.

LE ORIGINI

Le radici risalgono all’inizio della pratica dell’agricoltura e dell’allevamento nelle colline ad ovest della valle dell’Indo, intorno alla metà del VII millennio a.C. . Questi primi contadini coltivarono il grano,

LE ATTIVITÁ

• AGRICOLTURA: coltivavano grano, orzo, legumi, riso e cotone;
• ALLEVAMENTO: mucche, zebù bufali ed elefanti;
• PESCA: nel fiume Indo;
• CACCIA : nelle folte foreste;
• ARTIGIANATO: lavoravano il cotone, il bronzo, la ceramica;
• COMMERCIO: Il commercio avveniva per via terra e per via mare.

I CENTRI ABITATI

Si contavano un centinaio di villaggi e cinque città. Le più famose esistevano nel 2.300 a.C. ed erano:
• Mohenjo-Daro
• Harappa. 2300 anni a.C.
Avevano ampie strade che si incrociavano ad angolo retto. Le case erano a più piani, con pozzi per raccogliere l’acqua piovana e grandi stanze da bagno, Dall’alto delle città dominava una cittadella fortificata

LA SOCIETÁ

La società dell’Indo era suddivisa in quattro gruppi chiamati caste:
o I bramini ( re – sacerdoti) – era la casta più pura e avevano il colore simbolico del bianco;
o I guerrieri – erano subordinati ai bramini e avevano il colore simbolico del rosso;
o I contadini e i commercianti – erano coloro che coltivavano, allevavano o vendevano i prodotti ed avevano il colore giallo scuro o marrone;
o i servitori – svolgevano i lavori più pesanti ed avevano il colore grigio scuro. Vi era una sottocategoria: quella dei Paria ( i fuoricasta) che svolgevano lavori molto impuri, secondo la religione:

RELIGIONE

L’INDUISMO è una religione politeista. Inizialmente credevano in numerosi dei come:
o Brama – il dio creatore dell’universo;
o Visnu – il dio conservatore del mondo
o Shina – il dio distruttore.
Un notevole contributo alla dottrina religiosa giunse da Gotama Siddharta (566-486 a.C. circa), detto Buddha, “l’illuminato”. Egli perfezionò la tecnica della meditazione interiore e combatté la divisione in caste.

SCOPERTE E INVENZIONI

Con l’argilla che si trovava in riva al fiume, costruivano mattoni per le case e tavolette per i sigilli.
Crearono le conduttore di scarico collegate alla rete fognaria.

ARTE E CULTURA

La loro scrittura non è stata ancora decifrata.

Creavano dei bellissimi vasi d’argento, che evidentemente fungevano da scrigno. Lì vi era conservato un piccolo tesoro costituito da gemme, anelli, braccialetti, collane d’oro, d’argento e d’avorio.
Interessanti erano anche i loro sigilli , cioè dei cilindri ben disegnati e curati, che indicavano la provenienza.

VITA QUOTIDIANA

Prendevano materie prime da altri popoli sia l’oro e le pietre preziose e sia lo stagno che il rame .

Pubblicità
Paola Viale

Paola Viale

Insegnante di scuola primaria in Liguria

shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: