“La scuola dei centennials” di Valentina Aprea: una narrazione senz’anima