La solitudine


Valeria Ottinà Classe Seconda H

Nel mondo ci sono tantissimi anziani che passano soli le feste tradizionali tipo la Pasqua perché non hanno nessuno con cui festeggiare.

Ci sono persone che passano intere giornate da soli e alcune persone, la mattina quando si alzano dal letto non vedono lora che arrivi la sera per andare a dormire di nuovo. La poesia che ha scritto Giacomo Leopardi parla della solitudine ed è stata composta nel Diciannovesimo Secolo.

Giacomo Leopardi sceglie di paragonarsi ad un uccello, un semplice passero in cui il poeta  gli osserva uno strano atteggiamento cioè la solidarietà.

La solitudine per me è una brutta cosa. A me dispiace vedere le persone al di fuori dei gruppi che creano per raccontarsi tantissime cose che succedono in tutto il mondoalcune persone non hanno qualcuno con cui scambiare qualche parola di conforto o passare giornate in compagnia.

Valeria Ottinà Classe Seconda H

 

torna all’indice del Giornalino d’Istituto del prof. Natale Todaro e dei suoi alunni della Scuola Media G. Capua di Melicuccà di Reggio Calabria, disponibile anche in formato compresso zip

 

Un pensiero su “La solitudine

I commenti sono chiusi.