LUCREZIO, DE RERUM NATURA – proemio V libro (vv.1-54): traduzione, analisi, commento