Meriggio

MERIGGIO

A mezzo il giorno
sul Mare etrusco
pallido verdicante
come il dissepolto
bronzo dagli ipogei, grava                                          5
la bonaccia. Non bava
di vento intorno
alita. Non trema canna
su la solitaria
spiaggia aspra di rusco,                                             10
di ginepri arsi. Non suona
voce, se ascolto.
Riga di vele in panna
verso Livorno
biancica. Pel chiaro                                                    15
silenzio il Capo Corvo
l’isola del Faro
scorgo; e più lontane,
forme d’aria nell’aria,
l’isole del tuo sdegno,                                                20
o padre Dante,
la Capraia e la Gorgona.
Marmorea corona
di minaccevoli punte,

le grandi Alpi Apuane                                               25
regnano il regno amaro,
dal loro orgoglio assunte.

La foce è come salso
stagno. Del marin colore,
per mezzo alle capanne,                                           30
per entro alle reti
che pendono dalla croce
degli staggi, si tace.
Come il bronzo sepolcrale
pallida verdica in pace                                              35
quella che sorridea.
Quasi letèa,
obliviosa, eguale,
segno non mostra
di corrente, non ruga                                                40
d’aura. La fuga
delle due rive
si chiude come in un cerchio
di canne, che circonscrive
l’obl’o silente; e le canne                                          45
non han susurri. Più foschi
i boschi di San Rossore
fan di sé cupa chiostra;
ma i più lontani,

verso il Gombo, verso il Serchio,                            50
son quasi azzurri.
Dormono i Monti Pisani
coperti da inerti
cumuli di vapore.

Bonaccia, calura,                                                        55
per ovunque silenzio.
L’Estate si matura
sul mio capo come un pomo
che promesso mi sia,
che cogliere io debba                                                 60
con la mia mano,
che suggere io debba
con le mie labbra solo.
Perduta è ogni traccia
dell’uomo. Voce non suona,                                     65
se ascolto. Ogni duolo
umano m’abbandona.
Non ho più nome.
E sento che il mio volto
s’indora dell’oro                                                          70
meridiano,
e che la mia bionda
barba riluce
come la paglia marina;

sento che il lido rigato                                               75
con s’ delicato
lavoro dall’onda
e dal vento è come
il mio palato, è come
il cavo della mia mano                                              80
ove il tatto s’affina.

E la mia forza supina
si stampa nell’arena,
diffondesi nel mare;
e il fiume è la mia vena,                                             85
il monte è la mia fronte,
la selva è la mia pube,
la nube è il mio sudore.
E io sono nel fiore
della stiancia, nella scaglia                                        90
della pina, nella bacca
del ginepro; io son nel fuco,
nella paglia marina,
in ogni cosa esigua,
in ogni cosa immane,                                                  95
nella sabbia contigua,
nelle vette lontane.
Ardo, riluco.
E non ho più nome.

E l’alpi e l’isole e i golfi                                               100
e i capi e i fari e i boschi
e le foci ch’io nomai
non han più l’usato nome
che suona in labbra umane.
Non ho più nome né sorte                                         105
tra gli uomini; ma il mio nome
è Meriggio. In tutto io vivo
tacito come la Morte.

E la mia vita è divina.

 

Le madri

Su le Lame di Fuore,

nel salso strame,

nelle brune giuncaie,

nell’erbe gialle,

oziano a branchi

le saure e baie

cavalle

di San Rossore.

Altre su i banchi

di sabbia, altre nell’acqua

immerse fino al ventre,

s’ammusano; mentre

le groppe al sole

rilucono, chiare, scure,

d’oro, di rame.

Su le Lame, cui adduce

anatre il verno,

oziano nella luce

pura le feconde,

coi gravidi fianchi

immote in una massa

placida. Sole

su l’acqua bassa

le lunghe code

con moto eterno

ondeggiano. S’ode

a quando a quando

fremito delle froge

umide, sbuffare

ansare leggero,

tremulo nitrito,

nella foce silente;

cui dal lito risponde

fievole risucchio

del mare. Taluna

esce del mucchio, annusa

l’acqua, s’abbevera lenta;

poi guata verso il monte

su cui s’aduna

fumoso il nembo;

poi si rivolge e ammusa.

E ondeggiano le code

lente sul riposo

della mandra ferace.

Teco, o Luce pura,

teco attendono in pace

la genitura

le Madri.

Lunge per l’aria chiara

appar grande e soave

cerula e bianca

l’Alpe di Carrara,

cerula d’ombre

bianca di cave.

Ma ingombre del muto

nembo che si prepara

son le cime ov’hanno

con l’aquile nido

le folgori corusche.

Odor di l’unge acuto,

dalle pinete

verdi e fulve, nelle bave

rare del vento giunge

alla quiete.

Ed ecco una nave,

ecco le vele etrusche

partitesi dal lito

di Luni lunato

e niveo di marmi.

Ecco una nave in vista

tra il Serchio e il Gombo.

È carica di marmi,

è carica di sogni

dormenti nel profondo

candore ignoti e soli.

E il mio spirito evòca

il tuo folle Evangelista,

o Buonarroti,

il figlio della Terra

e del Genio che l’affoca;

vede la gran persona

che si torce nell’angoscia

del masso che lo serra,

onde si sprigiona a guerra

l’aspro ginocchio, e la coscia

d’osso e di muscoli enorme.

Nella carena dorme

l’incarco fecondo

di forme,

tratto dall’erme cave,

rapito al grembo dell’Alpe.

Nel grembo della nave

dormono le bianche moli.

Attendon dai sogni soli

la genitura

le Madri.

 

Albà sia

O mattin nuziale

tra il Mar pisano

e l’Alpe lunense!

O nozze immense

e brevi!

La nube formosa

disposa

il monte che a lei sale,

l’ombra d’entrambi il piano,

la dolce acqua il sale,

la canna il tralcio,

il salcio

la florida stiancia,

l’argano la bilancia

su la foce pescosa,

la mia rima il mio giòlito,

l’algosa

arena i tuoi piè lievi,

o Ermione.

E il cielo è nivale

come su la tua guancia

ondata il velo

insolito.

Il mare è d’opale

con vene di crisòlito,

come i mari dell’Asia,

immoto albore

di gemme fuse.

Brillano le meduse

a fiore

dell’immerso banco.

E tutto è bianco,

presso e lontano.

È grande albà sia

da lido a lido,

come allor che fa il nido

sul Mar sicano

la sposa Alcyone.

L’Alpe sublime

Svégliati, Ermione,

sorgi dal tuo letto d’ulva,

o donna dei liti.

Mira spettacolo novo,

gli Iddii appariti

su l’Alpe di Luni

sublime!

Occidue nubi, corone

caduche su cime

eterne.

Ma par che s’aduni

concilio di numi

grande e solenne

tra il Sagro e il Giovo,

tra la Pania e la Tambura,

e che l’aquila fulva

del Tonante

su le sante

sedi apra tutte le penne.

Oh silenzii tirrenii

nel destero Gombo!

Solitudine pura,

senz’orme!

Candore dei marmi lontani,

statua non nata,

la più bella!

Dormono i Monti Pisani,

grevi, di cerulo piombo,

su la pianura

che dorme.

Altra stirpe di monti.

Non han numi, non genii,

non aruspici in lor caverne,

non impeti d’ardore

verso i tramonti,

non insania, non dolore;

ma dormono su la pianura

che dorme.

Oh Alpe di Luni,

davanti alla faccia del Mare

la più bella,

rupe che s’infutura,

oh Segno che l’anima cerne,

grande anelito terrestro

verso il Maestro

che crea,

materia prometèa,

altitudine insonne,

alata,

Inno senza favella,

carne delle statue chiare,

gloria dei templi immuni,

forza delle colonne

alzata,

sostanza delle forme

eterne!

 

Il Gombo

L’immensità  del duolo,

del lutto immedicabile senza

fine, terrestre fatta

qual Niobe nell’umida rupe,

quivi abitava sembra

nel lito deserto, nell’alpe

ardua, nella selva

che piange il suo pianto aromale.

Tutto è quivi alto e puro

e funebre come le plaghe

ove duran nel Tempo

i grandi castighi che inflisse

il rigor degli iddii

agli uomini obliosi del sacro

limite imposto all’ansia

del lor desiderio immortale.

Tre disse quivi immense

parole il Mistero del Mondo,

pel Mare pel Lito per l’Alpe,

visibile enigma divino

che inebria di spavento

e d’estasi l’anima umana

cui travagliano il peso

del corpo e lo sforzo dell’ale.

Poi che non val la possa

della Vita a comprendere tanta

bellezza, ecco la Morte

che braccia più vaste possiede

e silenzii più intenti

e rapidità  più sicura;

ecco la Morte, e l’Arte

che è la sua sorella eternale:

quella che anco rapisce

la Vita e la toglie per sempre

all’inganno del Tempo

e nuda l’inalza tra l’Ombra

e la Luce, e le dona

col ritmo il novello respiro:

ecco la Morte e l’Arte

apparsemi nel cerchio fatale.

O Niobe, l’antico

tuo grido odo alzarsi repente

al cospetto del Mare,

e il tuo disperato dolore

chiamar le figlie e i figli

per l’inesorabile chiostra,

e stridere odo l’arco

forte e sibilare lo strale.

«Tera, Ftia, Cleodossa,

Ast’oche, Pelòpia, Fed’mo!»

Tu chiami; e i dolci nomi,

i nomi che furono il miele

della tua bocca, o Madre,

si frangon nell’ululo crudo

come pel m’ssile oro

l’incolpevole fior filiale.

Procombono sul petto

sul fianco, procombono i corpi

floridi, i giovinetti

venusti, le vergini leni;

copron la sabbia amara,

mescono le chiome alle spume

non il sangue: incruenta

è la piaga dell’oro letale.

Procombono, stanno

ai tuoi piedi, o Madre demente!

Poi tutto è marmo, immota

bellezza, effigiato silenzio.

L’immensità  del duolo

è fatta terrestre e marina.

Il Mare il Lito l’Alpe

sono il tuo simulacro ferale.

O Tantalide audace,

io veggo il tuo bellissimo vólto

impietrato e il tuo pianto

nella solitudine esangue,

e il sacrilego orgoglio

che feceti chiedere altari

per la generatirce

virtù del tuo grembo mortale.

Tutto è quivi alto e puro

e funebre e ai cieli superbo,

memore dell’umane

grandezze e dei castighi divini.

Ed in nessuna plaga

con più guerra, ahi, l’anima audace

travagliarono il peso

del corpo e lo sforzo dell’ale.

Anniversario orfico

P.B.S. VIII Luglio MDCCCXXII

Udimmo in sogno sul deserto Gombo

sonar la vasta bùccina tritonia

e da Luni diffondersi il rimbombo

a Populonia.

Dalle schiume canute ai gorghi intorti

fremere udimmo tutto il Mare nostro

come quando lo v’èrberan le forti

ale dell’Ostro.

E trasalendo «Odi, sorella» io dissi

«odi l’annuncio dell’enfiata conca?

Forse per noi risale dagli abissi

la testa tronca,

la testa esangue del treicio Orfeo

che, rapita dal freddo Ebro alla furia

bassà rica, sen venne dell’Egeo

al mar d’Etruria».

Quasi fucina il vespro ardea di cupi

fuochi; gridavan l’aquile nell’alto

cielo, brillando il crine delle rupi

qual roggio smalto.

Come profusi fuor dell’urne infrante

parean ruggir nell’affocato cerchio

i fiumi, l’Arno del selvaggio Dante,

la Magra, il Serchio.

Ed ella disse: «Non l’Orfeo treicio,

non su la lira la divina testa,

ma colui che si diede in sacrificio

alla Tempesta.

Oggi è il suo giorno. Il nà ufrago risale,

che venne a noi dagli Angli fuggitivo,

colui che amava Antigone immortale

e il nostro ulivo».

Dissi: «O veggente, che faremo noi

per celebrar l’approdo spaventoso?

Invocheremo il coro degli Eroi?

Tremo, non oso.

Questo naufrago ha forse gli occhi aperti

e negli occhi l’imagine d’un mondo

ineffabile. Ei vide negli incerti

gorghi profondo.

E tolto avea Promèteo dal rostro

del vùlture, nel sen della Cagione

svegliato avea l’originario mostro

Demogorgóne!»

Disse ella: «Gli versavan le melodi

i V’ènti dai lor carri di cristallo,

il silenzio gli Spiriti custodi

bui del metallo,

il miel solare nella boccha schiusa

le musiche api che nudrito aveano

Sofocle, il gelo gli occhi d’Aretusa

fiore d’Oceano».

Dissi: «Ei gherm’ la nuvola negli atrii

di Giove, su l’acroceraunio giogo

la folgore. Non odi i boschi patrii

offrirgli il rogo?

Mira funebre letto che s’appresta,

estrutto rogo senza la bipenne!

Vengono i rami e i tronchi alla congesta

ara solenne.

E caduto dal ciel l’arde il divino

fuoco. Scrosciano e colano le gomme.

Spazia l’odor del limite marino

all’Alpi somme».

Ella disse: «A noi vien per aver pace

il nà ufrago che il Mar di gorgo in gorgo

travolse. Altra nel cielo che si tace

anima scorgo.

Placa te stesso e l’ospite! Il mortale,

ch’evocò la gran Niobe di pietra

su dal silenzio e trarre ud’ lo strale

dalla faretra,

èvochi presso il nà ufrago silente

la lacrimata figlia di Giocasta,

la regia virgo nelle pieghe lente

del peplo casta,

Antigone dall’anima di luce,

Antigone dagli occhi di viola,

l’Ombra che solo nell’esilio truce

egli amò sola.

Ecco il giglio per quelle morte chiome,

il fiore inespugnabile del nudo

Gombo, il tirreno fior che ha il greco nome

del doppio ludo,

ecco il pancrazio». Io dissi: «No, ‘l corremo.

Intatto sia tra l’uno e l’altro il fiore.

Vegli con noi quest’Ombre ed il supremo

lor sacro amore».

Terra, Vale!

Tutto il Cielo precipita nel Mare.

S’intenebrano i liti e si fan cavi,

talami dell’Eumenidi avernali.

Nubi opache sul limite marino

alzano in contro mura di basalte.

Solo tra le due notti il Mar risplende.

presa e constretta negli intorti gorghi,

come una preda pallida, è la luce.

La tempesta ha divelto con furore

i pascoli nettunii dalle salse

valli ove agguatano i ritrosi mostri.

Alghe livide, fuchi ferrugigni,

nere ulve di radici multiformi

fanno grande alla morta foce ingombro,

natante prato cui nessuna greggia

morderà , calcherà  nessun pastore.

Virtù si cela forse nelle fibre

sterili, che trasmuta il petto umano?

O mito del mortale fatto nume

cerulo, rinnov’èllati nel mio

desiderio del flutto infaticato!

Tutto il Cielo precipita nel Mare.

Preda è la luce dei viventi gorghi,

forse immolata per l’eternità .

Ditirambo II

Io fui Glauco, fui Glauco, quel d’Antèdone.

Trepidar ne’ precordii

sentii la deità , sentii nell’intime

midolla il freddo fremito

della potenza equorea trascorrere

di repente, io terr’gena,

io mortal nato di sostanza efimera,

io prole della polvere!

Memore sono della metamorfosi.

L’anima si fa pelago

nel rimembrare, s’inazzurra ed èstua,

e le foci vi sboccano

dei mille fiumi che mi confluirono

sul capo: nel rigùrgito

immenso novamente par dissolversi

quest’ossea compagine.

O Iddii profondi, richiamate l’esule,

però ch’ei sia miserrimo

nella sua carne d’acro sangue irrigua,

lasso ne’ suoi piè debili

che per lotosi tramiti s’attardano,

dopo ch’ei fu l’indomita

forza del flutto convertita in muscoli

tòrtili per attorcere,

dopo che le correnti dell’Oceano

gli furon giogo a tessere

le divine di sé vicissitudini

come su trama vitrea.

O Iddii profondi, richiamate l’esule

triste, purificatelo

sotto i fiumi lustrali ‘nferi e sùperi,

la deità  rendetegli!

Memore sono. Era già  fatto il vespero

su l’acque; ma i cieli ultimi

ardevano d’un foco inestinguibile,

e i golfi e i promontorii

e l’isole di contro negreggiavano

come are senza vittime

già  notturni, allorché sostai nel pascolo

nettunio, presso il limite

marino. Onusto di gran preda, sùbito

votai su l’erbe i néssili

miei lini a noverar la mia dovizia.

Poi del confuso cumulo

feci schiere ordinate. E in cor godevami

tante squame rilucere

veggendo per quel bruno intrico; «I néssili

miei lini e i piombi e i sugheri

t’appenderò nel tempio, o dio propizio»

in cor disse il grato animo.

E allor vidi i pesci più risplendere,

vidi le pinne battere

e le branchie alitare e per le scaglie

lampi di forza correre.

E, come quando il nume di Diòniso

invade le Bassaridi

e si disfrena giù pe’ monti il T’aso,

la muta gente parvemi

infuriare, cedere a un’incognita

virtù, di sacra fervere

insania. «Qual prodigio è questo? Ahi misero

me!» gridai per grandissimo

spavento; ché la preda mia fuggivasi

a gara con vipèrea

rapidità , balzando e dileguandosi.

«Me misero! Un dio fecemi

questo? e nell’erba è la possanza?» Attonito

mi rimasi. Il silenzio

era divino nella solitudine.

Era già  fatto il vespero,

ma lungamente i cieli ultimi ardevano.

Udir parvemi bùccina

cupa sonar l’ungh’essi i promontorii

selvosi; udire parvemi

canti fatali spandersi dall’isole.

E quasi inconsapevole

la man correami per quell’erba strania,

meditando io nell’animo

il prodigio. Divelsi dalle radiche

gli steli foschi; e, simile

a capra di virgulti avida, mordere

incominciai, discerpere

e mordere. Rigavami le fauci

il suco, ne’ precordii

scendeami, tutto il petto conturbandomi.

«O terra!» gridai. Fumida

era la terra intorno come nuvola

che fosse per dissolversi

ne’ cieli, sotto i piedi miei fuggevole.

E un amore terribile

sorgeva in me, dell’infinito pelago,

dell’amara salsedine,

degli abissi, dei vortici e dei turbini.

La mia carne era libera

della gravezza terrestre. Nascevami

dall’imo cor l’imagine

d’un’onda ismisurata e per le pà lpebre

mi si svelava il cerulo

splendor del sangue novo, e il collo e gli òmeri

dilatarsi parevano

e le ginocchia giugnersi, le scaglie

su per la pelle crescere,

gelidi guizzi correre pei muscoli.

«Terra, vale!» Precipite

caddi nel gorgo, mi sommersi, l’infima

toccai valle oceanica,

uomo non più, non anco dio, ma immemore

della terra e degli uomini.

Fiumi correnti, odo il sublime sònito

di voi sempre nell’anima,

fiumi sgorganti d’ogni scaturigine,

leni di pace o rauchi

di violenza, caldi come l’aure

nove che v’arrecarono

l’alluvione copiosa o frigidi

come i nivali vertici

onde scendeste inviolati, d’auree

sabbie flavi o sanguinei

d’argille, pingui di limo o più limpidi

che l’etere sidereo!

Cento e cento passarono passarono

sul mio capo. La fluida

vita dell’orbe mi flu’ su gli òmeri

proni, con ineffabile

melod’a. L’Acheronte, il gran tartareo

pianto, anche sentii volvere

su me nel cieco suo pallore i petali

rapiti al prato asfòdelo.

Tutte l’acque rombarono crosciarono

su me sommerso, tolsero

ogni terrestrità  dal corpo immemore

della sua dura nascita.

E mi risollevai dio verso l’etere

santo; spirai grande alito

che una nave d’eroi sospinse. Io auspice

apparvi agli Argonauti!

Di su la prora chino il cantor tracio

raccolse il vaticinio.

E presso lui, d’oro chiomato, florido

della prima lanugine,

(sentendo l’immortalità , saltavagli

il cuore sotto il bà lteo

splendido) presso Orfeo figlio d’Apolline

era il fratello d’Elena.

O Iddii profondi, richiamate l’esule,

la deità  rendetegli!

Io fui Glauco, fui Glauco, quel d’Antèdone.

La terra m’è supplizio.

Ecco, tutta la luce è nel Mare Infero,

e per ovunque è tenebra.

O nunzia di prodigi Alba oceanica!

Nel gorgo mi precipito.

L’oleandro

I.

Erigone, Aretusa, Berenice,

quale di voi accompagnò la notte

d’estate con più dolce melod’a

tra gli oleandri lungo il bianco mare?

Sedean con noi le donne presso il mare

e avea ciascuna la sua melod’a

entro il suo cuore per l’amica notte;

e ciascuna di lor parea contenta.

E sedevamo su la riva, esciti

dalle chiare acque, con beato il sangue

del fresco sale; e gli oleandri ambigui

intrecciavan le rose al regio alloro

su ‘l nostro capo; e il giorno di s’ grandi

beni ci avea ricolmi che noi paghi

sorridevamo di riconoscenza

indicibile al suo divin morire.

«Il giorno» disse pianamente Erigone

verso la luce «non potrà  morire.

Mai la sua faccia parve tanto pura,

non ebbe mai tanta soavità .»

Era la sua parola come il vento

d’estate quando ci disseta a sorsi

e nella pausa noi pensiamo i fonti

dei remoti giardini ov’egli errò.

L’udii come s’io fossi ancor sommerso

e la sua voce avesse umido velo.

Ma reclinai la gota, e d’improvviso

tiepida come sangue dalla conca

dell’udito sgorgò l’acqua marina.

Pur, profondando nella sabbia i nudi

piedi, io sentia partirsi lentamente

il buon calor del tramontato sole.

E chi recise all’oleandro un ramo?

Io non mi volsi, ma l’amarulenta

fragranza della linfa della fresca

piaga mi giunse alle narici, vinse

l’odor muschiato dei vermigli fiori.

«O Glauco» disse Berenice «ho sete.»

Ed Aretusa disse: «O Derbe, quando

fior’ di rose il lauro trionfale?»

Ella ben sapea quando, ma non Derbe

inesperto in foggiar lucidi miti.

Ed il cuore profondo mi tremò,

tremò della divina poesia.

Ond’io pregava: «O desiderii miei,

stirpe vorace e vigile, dormite!

E voi lasciate che nel vostro sonno

io mi cinga del lauro trionfale!»

Tutto allora fu grande, anche il mio cuore.

Oh poesia, divina libertà !

Ergevasi con mille cime l’Alpe

grande, quasi con volo di mille aquile,

per il salir d’impetuosa forza

dalle sue dure viscere di marmo

onde l’uom che non volle umana prole

trasse i suoi muti figli imperituri.

E le curve propaggini dell’Alpe

si protendeano ad abbracciare il mare;

ed il mare splendeva di candore

meraviglioso nel l’unato golfo

con la bellezza delle donne nostre.

E quella luce un rinascente mito

fece di voi sull’irraggiato mondo,

Erigone, Aretusa, Berenice!

Cos’ ci parve riudire il canto

delle Sirene, dalla nave concava

di prora azzurra, fornita di ponti,

veloce, in un doloroso ritorno

spinta dal vento al frangente del mare,

né ci difese Odisseo dal periglio

con la sua cera; ma il cuore, non più

libero, novellamente anelava.

II.

«O Glauco», disse Berenice «ho sete.

Dov’è la fonte? dove sono i frutti?

Dov’è Cyane azzurra come l’aria?

Dove coglierai tu con le tue mani

l’arancia aurata nella cupa fronda?

Come ci dissetammo! E tanto era soave

il dissetarsi che desiderammo

l’ardente sete. Al par di noi chi seppe

distinguere il sapore d’ogni frutto

e la maturità  dal suo colore?

distinguere d’ogni acqua la freschezza

e ritrovar la sua più fredda vena?

e regolar le labbra al vario bere

e il sorso modular come una nota?

L’imagine di me nell’acque amavi.

Dell’amore di me arsi inclinata,

s’ bella nel ninfale specchio fui.

Io fui Cyane azzurra come l’aria.

Tu mi ghermisti fra natanti foglie.

L’ombra divina mi trasfigurò.

Un fiore subitaneo s’aperse

tra i miei ginocchi. Vincolata fui

da verdi intrichi, fra radici pallide

come i miei piedi, con segreto gelo.

Il sol divino mi trasfigurò.

Anelli innumerevoli alle dita

furommi i raggi, pettini ai capelli,

monili al collo, e veste tutta d’oro.

O Aretusa, perché non ho il tuo nome?

Nascesti tu nell’isola di Ortigia

come l’amor del violento fiume?

La sirena scagliosa abbeveravi,

già  fatto il vespero, al tacer dei flauti.

Diedi io le canne ai flauti dei pastori.

Io fui Cyane azzurra come l’aria.

L’acqua sorgiva mi resto negli occhi;

la lenta corrent’a mi levigò.

O Glauco, ti sovvien della Sicilia

bella?» Ed io più non vidi la grande Alpe,

il bianco mare. Io dissi: «Andiamo, andiamo!»

«Ti sovvien della bella Doriese

nomata Siracusa nell’effigie

d’oro co’ suoi delfini e i suoi cavalli,

serto del mare? Noi scoprimmo un giorno,

stando su l’Acradina, la triere

che recava da Ceo l’Ode novella

di Bacchilide al re vittorioso.

Udivasi nel vento il suon del flauto

che regolava l’impeto dei remi,

or s’ or no s’udiva il canto roco

del celeùste; ma silenziosa

l’Ode, foggiata di parole eterne,

più lieve che corona d’oleastro,

onerava di gloria la carena.

Scendemmo al porto. Ti sovvien dell’ora?

Un rogo era l’Acropoli in Ortigia;

ardevano le nubi sul Plemmirio

belle come le statue sul fronte

dei templi; parea teso dalla forza

di Siracusa il grande arco marino.

E noi gridammo, e un sùbito clamore

corse lungo le stoe quando la nave

piena d’eternità  giunse all’approdo.

Portatrice di gloria, ella vivea

magnanima, sublime. Giù pe’ trasti

anelava l’anelito servile;

s’intravedean su’ banchi sovrapposti

i remiganti ignudi unti d’oliva:

la lor fatica ansava dai portelli;

il giglione del remo ai raggi obliqui

lucea come la scapula; un ferigno

odore si spandea, quasi di belve.

E non di quell’anelito servile

era viva la nave, non del sangue

e dell’ossa pesanti ne’ suoi fianchi;

ma s’ vivea divinamente d’una

cosa ch’ella recava d’oltremare,

più lieve che corona d’oleastro:

l’Ode, foggiata di parole eterne».

«È vero, è vero!» io dissi. «Mi sovviene».

Ed il cuore profondo mi tremò,

tremò della divina poesia.

«Mi sovviene. Era l’Ode trionfale:

“Canta Demetra che regna i feraci

campi siciliani, e la sua figlia

cinta di violette! Canto, o Cl’io,

dispensatrice della dolce fama,

la corsa dei cavalli di Ierone!

Nike ed Aglaia eran con essi quando

trasvolavano…” E l’anima invelata

di sogni andava per le lontananze

dei tempi verso i gloriosi approdi

piena d’eternità  come la nave

di Ceo. Passammo gli ellesponti, i golfi,

l’isole, gli arcipelaghi, le sirti:

riverimmo le foci dei paterni

fiumi, pregammo i promontorii sacri,

salutammo le bianche cittadelle

custodite da Pallade rupestri;

varcammo l’Istmo pel diolco. Quivi

eroi vedemmo e Pindaro con loro.

Ed obliammo l’usignuol di Ceo

per l’aquila tebana. Era la tua

mitica luce sul Tirreno, o madre

Ellade, ed era bella come i tuoi

monti la nuda Alpe di Luni, o madre

Ellade, come i tuoi monti bellissima

era, onde a te discesero le stirpi

degli Immortali che incedeano al fianco

degli Efimeri sopra il dominato

dolore, e quelli e questi erano eguali,

e tutti erano Ellèni ed una lingua

parlavano divina, uomini e iddii.

In silenzio guardammo i grandi miti

come le nubi sorgere dall’Alpe

ed inclinarsi verso il bianco mare.

Io vidi allora Pègaso pontare

su gli altissimi marmi i piè di vento

e balzar nell’azzurro con aperte

le immense penne, senza cavaliere;

e per il petto e per il ventre vasti

trasparia come fiamma palpitante

la potenza del sangue gorgonéo.

Ardi gridò: “Ecco il teschio d’Orfeo,

che vien dall’Ebro!”. Ed il solenne lido

parve attendere il fato dopo il grido.

La sua bellezza s’aggrand’ d’orrore.

Il flutto nell’insolito splendore

era meravigliosamente puro.

Splendea sul mondo un giorno imperituro.»

III.

Ma non sostenne il nostro cuor mortale

quel silenzio sublime. Si piegò

verso il sorriso delle donne nostre.

E Derbe disse ad Aretusa: «Quando

fior’ di rose il lauro trionfale?».

Era la donna giovinetta alzata,

mutevole onda con un viso d’oro,

tra gli oleandri; ed il reciso ramo

per la capellatura umida effusa,

che fingevale intorno al chiaro viso

l’avvolgimento dell’antica fonte,

intrecciava le rose al regio alloro.

Disse Aretusa: «Bene io te ‘l dirò»

mutevole onda con un viso d’oro.

Disse: «Inseguiva il re Apollo Dafne

l’ungh’esso il fiume, come si racconta.

La figlia di Penéo correva ansante

chiamando il padre suo dall’erma sponda.

Correva, e ad ora ad or le snelle gambe

le s’intricavan nella chioma bionda.

Ben cos’ la poledra di Tessaglia

galoppa nella sua criniera falba

che fino a terra la corsa le ingombra.

Rapido il re Apollo più l’incalza,

infiammato des’o, per lei predare.

All’alito del dio doventa fiamma

la chioma della ninfa fluvà¯ale.

“O padre, o padre” grida “tu mi scampa!”

Chiama ella il padre suo con grida vane.

“Padre, un veloce fuoco mi ghermisce!”

E corre, ed ansa, e le sue gambe lisce

crescon la furia del des’o predace.

“O gran padre Penéo, perduta sono,

ché mi si rompono i ginocchi. Salva-

mi dalla brama del veloce fuoco

che ora mi giunge, ecco, ecco, ora m’abbranca!”

Ma il dolce sangue suo in altro suono,

la sua bellezza in altro suono parla.

Balzale il cuor, si piegano i ginocchi.

Ed ecco ella s’arresta, chiude gli occhi

e trema e dice: “Or ecco m’abbandono”.

Una gioia s’aggiunge al suo terrore

ignota che il divin periglio affretta.

Tremante e nuda dentro la chioma ode

la vergine il tinnir della faretra,

sente la forza del perseguitore,

vede l’ardor pe’ chiusi cigli e aspetta

d’esser ghermita, e più non chiama il padre.

Ma il dio la chiama: “Dafne, Dafne, Dafne!”.

Ed ella non ud’ voce più bella.

Il dio la chiama: “Dafne, Dafne!” Ed osa

ella aprir gli occhi: la rutila faccia

vede da presso e la bocca bramosa

mentre il dio con le due braccia l’allaccia.

Rapita dalla forza luminosa

gitta ella un grido che per la selvaggia

sponda ultimo risuona, e l’ode il padre.

Avido il dio districa la soave

nudità  dalla chioma che la fascia.

Bianca midolla in còrtice lucente,

in folti pampini uva delicata!

Tenera e nuda il dio la piega, e sente

ch’ella resiste come se combatta.

Tenera cede il seno; ma dal ventre

in giuso, quasi fosse radicata,

ella sta rigida ed immota in terra.

Attonito, l’amante la disserra.

“Ahi lassa, Dafne, ch’arbore sei fatta!”

Subitamente Dafne s’impaura:

le copre il vólto e il seno un pallor verde.

Ella sembra cader, ma la giuntura

dei ginocchi riman dura ed inerte.

S’agita invano. L’atto della fuga

invan le torce il fianco. Si disperde

il senso di sua vita nella terra.

E l’amante deluso ancor la serra.

“Ahi lassa, Dafne, chi ti trasfigura?”

Ma non il suo melodioso duolo

giova a trarre colei dalla sua sorte.

Nell’umidore del selvaggio suolo

i piedi farsi radiche contorte

ella sente e da lor sorgere un tronco

che le gambe su fino alle cosce

include e della pelle scorza fa

e dov’è il fiore di verginità 

un nodo inviolabile compone.

“O Apollo” geme tal novo dolore

“prendimi! Dov’è dunque il tuo des’o?

O Febo, non sei tu figlio di Giove?

Arco-d’-argento, non sei dunque un dio?

Prendimi, strappami alla terra atroce

che mi prende e beve il sangue mio!

Tutto furente m’hai perseguitata

ed or più non mi vuoi? Me sciagurata!

Salva mio grembo per lo tuo des’o!

Salvami, Cintio, per la tua pietà !

Se i miei capelli, che m’avvinsero, ami,

de’ miei capelli corda all’arco fa!

Prendimi, Apollo!” E tendegli le mani,

che son fogliute; e il verde sale; e già 

le braccia sino ai cubiti son rami;

e il verde e il bruno salgon per la pelle;

e su per l’ombelico alle mammelle

già  il duro tronco arriva; e i lai son vani.

“Aita, aita! Il cuore mi si serra.

Vedi atra scorza che il petto m’opprime!

O Apollo Febo, strappami da terra!

Tanto furente, non sia più ghermire?

Nuda mi prenderai su la dolce erba,

su la dolce erba e su ‘l mio dolce crine.

Ardo di te come tu di me ardi.

O Apollo, o re Apollo, perché tardi?

Già  tutta quanta sentomi inverdire.”

Il dolce crine è già  novella fronda

intorno al viso che si trascolora.

La figlia di Penéo non è più bionda;

non è più ninfa e non è lauro ancora.

Sola è rossa la bocca gemebonda

che del novello aroma s’insapora.

Escon parole e lacrime odorate

dall’ultima doglianza. O fior d’estate,

prima rosa del lauro che s’infiora!

Tutto è gia verde linfa, e sola è sangue

la bocca che querelasi interrotta-

mente. In pallide fibre il cor si sface

ma il suo rossore è in sommo della bocca.

Desioso dolor preme l’amante.

Guarda ei l’arbore sua ma non la tocca;

l’ode implorare ma non ha virtù.

E chiama: “Dafne, Dafne!” Ella non più

implora, non più geme. “Dafne, Dafne!”

Ella non più risponde: è senza voce.

Pur la gola sonora è fatta legno.

Le palpebre son due tremule foglie;

li occhi gocciole son d’umor silvestro;

bruni margini inasprano le gote;

delle tenui nari è appena il segno.

Ma nell’ombra la bocca è ancora sangue,

sola nel lauro la bocca di Dafne

arde e al dio s’offre, virginal mistero.

Curvasi Apollo verso quella ardente,

la bacia con impetuosa brama.

Ne freme tutta l’arbore; s’accende

l’ombra intorno alla fronte sovrana;

ogni ramo in corona si protende,

e la fronte d’Apollo è laureata.

Pean! O gloria! Ma sotto i suoi baci

or più non sente che foglie vivaci,

amare bacche. E Dafne Dafne chiama.

“Ahi lassa, Dafne, ch’arbore sei tutta!

Ahi chi ti fece al mio des’o diversa?

In durissimo tronco e in fronda cupa

la dolce carne tua or s’è conversa.

La tua bocca vermiglia s’è distrutta,

che pareva di fiamma ardere eterna.

Come leggieri i piedi tuoi su l’erba,

or radicati nella negra terra!

M’odi tu? M’odi tu? Dafne, sei muta?

Rispondi!” Abbrividiscono le frondi

sino alla vetta. Nel silenzio un breve

murmure spira. “M’odi tu? Rispondi!”

Move la vetta un fremito più lieve.

Poi tutto tace e sta. Sotto i profondi

cieli le rive alto silenzio tiene.

Il bellissimo lauro è senza pianto;

il dolore del dio s’inalza in canto.

Odono i monti e le valli serene.

Odono i monti e le valli e le selve

e i fonti e i fiumi e l’isole del mare.

Spandesi il canto dall’anima ardente

e per tutte le cose generare.

La bellezza di Dafne ecco riveste

la terra; le sue membra delicate

son monti e valli e selve e fiumi e fonti,

il suo sguardo inzaffira gli orizzonti,

la sua chioma fa l’oro dell’estate.

O Dafne, sempre il dio e l’uom cantando

non vorranno altro onor che un ramoscello

di te! Cos’ l’Arco-d’-argento, quando

ha placato il suo cuore nell’immenso

inno, pago si giace sotto il sacro

lauro ad attendere il suo d’ novello.

Cade la notte. Sul sonno divino

l’arbore luce d’un baglior sanguigno,

qual bronzo che si vada arroventando.

Scorre la notte. Tra l’Olimpo e l’Ossa

una stella tramonta e l’altra sale.

Misteriosa l’arbore s’arrossa

ma sul suo fuoco piovon le rugiade.

Sogna il Cintio la desiata bocca

di Dafne, e balza il suo cuore immortale.

È l’alba, è l’alba. Il dio si desta: un grido

di meraviglia irraggia tutti il lido.

Brilla di rose il lauro trionfale!»

IV.

E cos’ della rosa e dell’alloro

parlò quell’Aretusa fiorentina,

mutevole onda con un viso d’oro.

la sua voce era come acqua argentina

che recasse lavandula o pur menta

o salvia o altra fresca erba mattutina.

Tutto rigato dalla schietta vena

«Sol d’oleandro voglio laurearmi»

io dissi. Ed Aretusa era contenta;

e recise per me altri due rami

e fe’ l’atto di cingermi le tempie

dicendomi: «Pe’ tuoi novelli carmi!

Che la cerula e fulva Estate sempre

abbia tu nel tuo cuore e in te le rime

nascano come le sue rose scempie!»

E il giorno estivo non potea morire,

ma sorrideva sopra il bianco mare

silenziosamente senza fine;

e la notte, che avea parte ineguale,

spiava il bel nemico dalle chiostre

dei monti azzurra come te, Cyane.

Ebri e tristi d’aver bevuto a troppe

fonti e incantato il cor per tutte guise,

cercammo il grembo delle donne nostre.

Ma la Melancol’a venne e s’assise

in mezzo a noi tra gli oleandri, muta

guatando noi con le pupille fise.

Ed Erigone, ch’ebbe conosciuta

la taciturna amica del pensiero,

chinò la fronte come chi saluta.

E poi disse la Notte e il suo mistero.

V.

«Il Giorno» disse «non potrà  morire.

Il suo sangue non tinge il bianco mare.

Mai la sua faccia parve tanto pura,

non ebbe mai tanta soavità .

Giace supino sopra il bianco mare,

sorride al cielo ch’ei regnava, attende

ei non sa quale morte o voluttà .

Pur tanto è dolce che la Notte oscura

non già  lo spegne ma di lui s’accende,

e lui aurato nelle braccia prende,

lui cela nella sua capellatura,

ma non cos’ che quelle membra d’oro

non veggansi pel fosco trasparire

e illuminare la serenità .

Caldi soffiano i venti al bianco mare,

calde passano e lente le riviere

in cuore alle terribili città ,

passano e vanno per ignoti piani,

cingono ignoti boschi: i cervi a bere

scendono ansanti nella gran caldura;

lunghi brà miti ascoltano lontani;

bevono: in qualche tacita radura

poi fino a morte si combatterà .

O Notte, o Notte, invano tu nascondi

ne’ tuoi capelli il dolce tuo nemico!

Non sono i tuoi capelli s’ profondi

che non veggasi dai nostri occhi umani

fiammeggiarvi per entro il tuo piacere.

La terra oppressa respiro non ha.

Arde l’ombra. La vigna è come il vino:

il grappolo sul tralcio si matura

poi che il raggio nell’uva è prigioniere.

La terra soffre nell’ebrietà .

Arde come una glauca vampa l’ombra.

Aduna e vita e morte il bianco mare,

immensa cuna il mare, immensa tomba.

A lui dal monte la sorgente va.

Impallidisce sotto il pianto il coro

delle Pleiadi e l’una d’elle è occulta,

l’una che seppe la felicità .

Orione si slaccia l’armatura,

e Boote si volge, e Cinosura

vacilla; e l’Orsa anche impallidirà .

Obl’a la Notte tutte le sue stelle

e il duolo antico degli amanti umani.

Che con lei piangeremo ella non sa.

O Notte, piangi tutte le tue stelle!

il grido dell’allodola domani

dall’amor nostro ci disgiungerà ».

Un’altra era con noi, ma restò muta,

tra gli oleandri lungo il bianco mare.

Bocca di Serchio

ARDI: Glauco, Glauco, ove sei? Più non ti veggo.

Ho perduto il sentiere, e il mio cavallo

s’arresta. I Pini, i pini d’ogni parte

mi serrano. Agrio affonda nella massa

degli aghi, come nella sabbia, fino

ai garetti. Ove sei, Glauco? Mi vedi?

Ho le gambe che sanguinano. Folli

fummo entrando nel bosco ignudi come

nel mare. I rovi, le schegge, le scaglie

feriscono, e i ginepri aspri. Non sanguini

anche tu? Oh profumo! Sale a un tratto

come una vampa. Il vino dell’Estate!

N’ho bevuto una piena coppa, e un’altra

ne bevo, e un’altra anche più calda, e un’altra

bollente che mi brucia il cuore e fino

alla gola mi sazia, fino agli occhi.

O Glauco, Glauco, il vino dell’Estate

misto di oro di rèsina e di miele!

GLAUCO: Io ti veggo, ti veggo, Ardi. Sei bello

sul tuo cavallo bianco. Tu non puoi

portar clamide, come i cavalieri

d’Atene, ma ti giova essere ignudo.

Su, spingi Agrio! Non v’è sentiere. I fusti

sono fragili come aride canne.

Odi? Folo li rompe col suo petto.

Dunque or teme le scaglie e i rovi il marmo

delle tue gambe? È splendido il tuo sangue,

Ardi. Poiché ciascuna cosa in torno

le più ricche virtudi e più segrete

esprime per farti ebro, non ti dolga

di sanguinare come il pino stilla,

come il ginepro odora. Avanti, avanti

per la boscaglia che rosseggia e cede!

Vedesti mai più fulva chioma e spessa?

I bei sogni vi restano come api

prese nella criniera d’un leone.

ARDI: Preso per i capegli sono. Ah, il ramo

si rompe e gli aghi piovonmi sul collo,

su gli omeri, già  coprono la groppa

d’Agrio. Vedi? A miriadi, a miriadi!

Carichi tutti i rami biforcuti.

In ogni congiuntura accumulati

a fasci gli aghi morti. Morta sembra

tutta la selva, inaridita e cieca.

Rompesi come vetro. Il verde è al sommo,

invisibile, e fa prigione i raggi

nell’intrico; ma l’ombra sua mi cuoce

la fronte e mi dissecca la narice.

Entreremo nel fiume coi cavalli!

Diguazzeremo in mezzo alla corrente!

E ancor lontano il Serchio? Tutta l’ombra

respira aridità . L’acqua è lontana.

E sento che lo zòccolo a traverso

gli aghi morti non trova se non sabbia

torrida. I coni vacui son neri

come carboni spenti, come tizzi

consunti. O Glauco, dove mi conduci?

GLAUCO: Chiudi gli occhi. Odi il vento? Navigare

ti sembra, veleggiar per il deserto

mare. Odi il vento tra le sà rtie? Odi

il gemito degli alberi allo sforzo

delle vele? Si naviga per acque

infide verso l’isola di Circe.

Negli orciuoli d’argilla non rimane

goccia di fonte. Beveremo il sale.

Apri gli occhi! Ecco l’atrio della maga

tutto riscintillante di prodigi.

Larve di stelle adornano la reggia

della donna solare, vedi?, simili

a foglie macerate dagli autunni

che serban lor sottili nervature

con la tenuità  dei bissi intesti

d’aria e di lume. Fili palpitanti

le congiungono, l’iride le cangia,

indicibile tremito le muove.

Circe incantò le stelle eccelse, e l’ebbe,

e le votò di lor sostanza ign’ta;

e qui raduna le lor dolci larve.

ARDI: Opre di ragni, arte divina, tele

stellari! O Glauco, io n’ho già  lacerata

una col viso, e un’altra ancóra. Guarda!

Per ovunque tessute son le stelle.

Siam presi in una rete innumerevole.

Férmati! Non distruggere l’incanto.

GLAUCO: La radura è vicina. Il sole pènetra

fra i rami. Tutto tremola e scintilla.

La résina sul tronco è come l’ambra.

Di polito metallo è il mirto chiuso.

La tamerice sembra quasi azzurra

tra i rossi pini. E il tuo volto s’imperla.

ARDI: Oh com’è bello Folo che dall’ombra

trapassa, maculato di sudore,

nella banda del sole! Anche tu sà nguini.

Non vedesti le vipere fuggire?

Qual nome hanno quei lunghi fili d’erba

che portano una spiga nera in cima?

GLAUCO: Il nome che le labbra ti diletta.

Abbandona le rèdini sul collo

d’Agrio. Ascolta il cavallo nel silenzio

sbuffare. Vola la sua bava e imbianca

il mentastro. Perché, Ardi, sol questo

empie il mio petto di felicità ?

ARDI: Forse già  fummo i figli della Nuvola.

Già  l’erba calpestammo con gli zòccoli,

cogliemmo il fiore con le dita umane.

Un d’, volgendo indietro il torso ignudo,

con la concava scorza detergemmo

dal pelo della groppa calorosa

il sudore che in rivoli colava.

Lo spazio immenso era la nostra ebrezza.

Senz’ansia il nostro fianco infaticato

vinse in numero i palpiti del vento.

Tanto di terra in un sol d’ varcammo

quanto varcava Pègaso di cielo.

GLAUCO: Rapidità , Rapidità , gioiosa

vittoria sopra il triste peso, aerea

febbre, sete di vento e di splendore,

moltiplicato spirito nell’òssea

mole, Rapidità , la prima nata

dall’arco teso che si chiama Vita!

Vivere noi vogliamo, Ardi, correndo:

passare tutti i fiumi, discoprirli

dalle fonti alle foci, lungo i lidi

marini l’orma imprimere nel segno

sinuoso, nell’argentina traccia

che di sé lascia il flutto più recente.

ARDI: Dato ci fosse correre senz’ansia

l’Universo! Ma troppo il nostro petto

è angusto pel respiro della nostra

anima. O Glauco, a chi t’ascolta, sei

come l’estro implacabile che inc’ta

i tori. E l’orizzonte è come anello

vitreo che tu spezzi per disdegno.

GLAUCO: Taci, Beviamo il vino dell’Estate,

sol dediti all’amore del bel fiume.

Verso tutte le selve della Terra

sospiro; ma, se in una solitario

viver dovessi, in questa, Ardi, vorrei

vivere, in questa calda selva australe,

in quest’aridità  d’ombre estuose.

ARDI: È come un rogo pronto a conflagrare.

La potenza del fuoco in lei si chiude.

Soavemente mormora nell’aura,

ma la sua voce vera in lei si tace.

Parlerà  con le lingue dell’incendio

quando la nube nata dal Tirreno

le scaglierà  la folgore notturna.

GLAUCO: Il respiro non passa per le fauci

ma per tutte le membra, fino al pollice

del piede scalzo; e passano gli aromi

per tutti i pori. E sento respirare

il mio cavallo, e sento la ferina

sua allegrezza, come se nel duplice

corpo fervesse l’unico mio cuore.

ARDI: Ecco l’erba, ecco il verde, ecco una canna.

Ecco un sentiere erboso. Guarda, al fondo,

guarda i monti Pisani corrucciati

sotto le vaste nuvole di nembo.

GLAUCO: Ardi, non odi gracid’o di corvi

là  verso il mare? Scendono alla foce

del Serchio a branchi, e tesa v’è la rete,

dissemi il cacciatore di Vecchiano.

ARDI: Il Serchio è presso? Volgiti all’indizio.

Ecco la sabbia tra i ginepri rari,

vergine d’orme come nei deserti.

Si nasconde la foce intra i canneti?

La scopriremo forse all’improvviso?

Ci parrà  bella? No, non t’affrettare!

Lascia il cavallo al passo. È dolce l’ansia,

e viene a noi dal più remoto obl’o,

vien dall’antica santità  dell’acque.

Liberi siamo nella selva, ignudi

su i corsieri pieghevoli, in attesa

che il dio ci sveli una bellezza eterna.

Non t’affrettare, poi che il cuore è colmo.

GLAUCO: Bocche delle fiumane venerande!

Lungo le pietre d’Ostia è più divino

il Tevere. Soave è nei miei modi

l’Arno. Il natale Aterno, imporporato

di vele, splende come sangue ostile.

E l’Er’dano vidi, e l’Achelòo,

e il gran Delta, e le foci senza nome

ove attardarsi volle invano il sogno

del pellegrino. Ma che questa, o Ardi,

sia la più bella mi conceda il dio;

perché non mai fu tanto armonioso

il mio petto, né mai tanto fu degno

di rispecchiare una bellezza eterna.

ARDI: Oh, mistero! La verde chiostra accoglie

i vóti, qual vestibolo di tempio

silvano. I pini alzan colonne d’ombra

intorno al sacro stagno liminare

che ha per suo letto un prato di smeraldi.

Nel silenzio l’imagine del cielo

si profonda: non ride né sorride,

ma dal profondo intentamente guarda.

GLAUCO: Odi la melod’a del Mar Tirreno?

Tra le voci dei più lontani mari,

nell’estrema vecchiezza, nell’orrore

del gelo, il sangue mio l’imiterà .

E la cerula e fulva Estate sempre

io m’avrò nel mio cuore. Odi sommesso

carme che ci accompagna per l’esiguo

istmo sembiante al giogo d’una lira.

ARDI: Tutto è divina musica e strumento

docile all’infinito soffio. Guarda

per la sabbia le rotte canne, guarda

le radici divelte, ancor frementi

di labbra curve e di leggiere dita!

I musici fuggevoli con elle

modulavano il carme fluviale.

GLAUCO: Scendi dal tuo cavallo, Ardi. Ecco il fiume,

ecco il nato dei monti. Oh meraviglia!

Ei porta in bocca l’adunata sabbia

fatta come la foglia dell’alloro.

T’offriamo questi giovani cavalli,

o Serchio, anche t’offriamo i nostri corpi

ov’è chiuso il calor meridiano.

ARDI: Anelammo d’amore per trovarti!

Sgorgar parea che tu dovessi, o fiume,

dal nostro petto come un sùbito inno.

GLAUCO: Dio tu sei, dio tu sei; noi siam mortali.

Ma fenderemo la tua forza pura.

La più gran gioia è sempre all’altra riva.

Il cervo

Non odi cupi brà miti interrotti

di là  del Serchio? Il cervo d’unghia nera

si sépara dal branco delle femmine

e si rinselva. Dormirà  fra breve

nel letto verde, entro la macchia folta,

soffiando dalle crespe froge il fiato

violento che di mentastro odora.

Le vestigia ch’ei lascia hanno la forma,

sai tu?, del cor purpureo balzante.

Ei di tal forma stampa il terren grasso;

e la stampata zolla, ch’ei solleva

con ciascun piede, lascia poi cadere.

Ben questa chiama «gran sigillo» il cauto

cacciatore che lèggevi per entro

i segni; e mai giudizio non gli falla,

oh beato che capo di gran sangue

persegue al tramontare delle stelle,

e l’uccide in sul nascere del sole,

e vede palpitare il vasto corpo

azzannato dai cani e gli alti palchi

della fronte agitar l’estrema lite!

Ma invano invano udiamo i cupi brà miti

noi tra le canne fluviali assisi.

Tu non ti scaglierai nel Serchio a nuoto

per seguitar la pesta, o Derbe; e il freddo

fiume non solcherà  duplice solco

del tuo braccio e del tuo predace riso,

fieri guizzando i muscoli nel gelo.

Inermi siamo e sazii di bellezza,

chini a spiare il cuor nostro ove rugge,

più lontano che il brà mito del cervo,

l’antico desiderio delle prede.

Or lascia quello il branco e si rinselva.

Forse è d’insigni lombi, e assai ramoso.

Ei più non vessa col nascente corno

le scorze. Già  la sua corona è dura;

e il suo collo s’infosca e mette barba,

e fra breve sarà  gonfio del molto

bramire. Udremo a notte le sue lunghe

muglia, udremo la voce sua di toro;

sorgere il grido della sua lussuria

udremo nei silenzii della Luna.

L’ippocampo

Vimine svelto,

pieghevole Musa

furtivamente

fuggita del Coro

lasciando l’alloro

pel leandro crinale,

mutevole Aretusa

dal viso d’oro,

offri in ristoro

il tuo sal lucente

al mio cavallo Folo

dagli occhi d’elettro,

dal ventre di veltro,

ch’è solo l’eguale

del sangue di Medusa

ahi, ma senz’ale!

Offrigli il sale,

sonoro al dente,

o Aretusa,

nella palma dischiusa

e nuda, senza spavento

ché, per prendere il dono,

ha labbra più leggiere

delle sue gambe

di vento.

Appena ti lambe,

come per bere!

Del suo piacere

ti bagna; e la tua palma

appena sente, dietro

le labbra, il fresco

suo dente di puledro,

che brucar l’erba calma

può s’ dolcemente

e rodere il ferro

difficile quando serro

la rapidità  focace

pe’ solitarii

lidi io senza pace.

Come per te, furace

fauna dei pomarii,

un bugno

di miel redolente

non vale

simiana acerba,

cos’ per lui biada opima

non vale un pugno

di sale mordace.

Troppo gli piace,

Aretusa. Ingordo

n’è come capra sima.

Forse ha un ricordo

marino il sangue di Folo.

Egli è forse figliuolo

degli Ippocampi

dalla coda di squamme.

Ora è fiamme e lampi,

ma prima

era forse argentino

o cerulo o verdastro

come il flutto, gagliardo

come il flutto decumano.

E nel vespero tardo,

all’apparir dell’astro

che cresce,

al levar della brezza,

tutto acquoso e salmastro

venuto in su la proda,

mansuefatto,

battendo con la coda

di pesce l’arena

per la dolcezza,

sogguardando in atto

d’amore, gocciando bava,

prono la schiena,

mangiava piano

l’aliga nella mano

cava della Sirena.

L’onda

Nella cala tranquilla

scintilla,

intesto di scaglia

come l’antica

lorica

del catafratto,

il Mare.

Sembra trascolorare.

S’argenta? s’oscura?

A un tratto

come colpo dismaglia

l’arme, la forza

del vento l’intacca.

Non dura.

Nasce l’onda fiacca,

sùbito s’ammorza.

Il vento rinforza.

Altra onda nasce,

si perde,

come agnello che pasce

pel verde:

un fiocco di spuma

che balza!

Ma il vento riviene,

rincalza, ridonda.

Altra onda s’alza,

nel suo nascimento

più lene

che ventre virginale!

Palpita, sale,

si gonfia, s’incurva,

s’alluma, propende.

Il dorso ampio splende

come cristallo;

la cima leggiera

s’arruffa

come criniera

nivea di cavallo.

Il vento la scavezza.

L’onda si spezza,

precipita nel cavo

del solco sonora;

spumeggia, biancheggia,

s’infiora, odora,

travolge la cuora,

trae l’alga e l’ulva;

s’allunga,

rotola, galoppa;

intoppa

in altra cui ‘l vento

diè tempra diversa;

l’avversa,

l’assalta, la sormonta,

vi si mesce, s’accresce.

Di spruzzi, di sprazzi,

di fiocchi, d’iridi

ferve nella risacca;

par che di crisopazzi

scintilli

e di berilli

viridi a sacca.

O sua favella!

Sciacqua, sciaborda,

scroscia, schiocca, schianta,

romba, ride, canta,

accorda, discorda,

tutte accoglie e fonde

le dissonanze acute

nelle sue volute

profonde,

libera e bella,

numerosa e folle,

possente e molle,

creatura viva

che gode

del suo mistero

fugace.

E per la riva l’ode

la sua sorella scalza

dal passo leggero

e dalle gambe lisce,

Aretusa rapace

che rapisce le frutta

ond’ha colmo suo grembo.

Subito le balza

il cor, le raggia

il viso d’oro.

Lascia ella il lembo,

s’inclina

al richiamo canoro;

e la selvaggia

rapina,

l’acerbo suo tesoro

obl’a nella melode.

E anch’ella si gode

come l’onda, l’asciutta

fura, quasi che tutta

la freschezza marina

a nembo

entro le giunga!

Musa, cantai la lode

della mia Strofe Lunga.

La corona di Glauco

MÉLITTA: Fulge, dai maculosi leopardi

vigilata, una rupe bianca e sola

onde il miele silentemente cola

quasi fontana pingue che s’attardi.

Quivi in segreto sono i miei lavacri

dove il mio corpo ignudo s’insapora

e di rosarii e di pomarii odora

e si colora come i marmi sacri.

Io son flava, dal pollice del piede

alla cervice. Inganno l’ape artefice.

Porto negli occhi mie le arene lidie.

Per entro i variati ori la lieve

anima mia sta come un fiore semplice.

Melitta è il nome della mia flavizie.

L’ACERBA: Non io del grasso fiale mi nutrico.

Lascio la cera e il miele nel lor bugno.

Ma spicco la susina afra dal prugno

semiano, e mi piace l’orichico.

E il latte agresto piacemi del fico

primaticcio che nérica nel giugno.

Ti do due labbra fresche per un pugno

di verdi fave, e il picciol cuore amico!

Vieni, monta pe’ rami. Eccoti il braccio.

Odoro come il cedro bergamotto

se tu mi strizzi un poco la cintura.

Quanto soffii! Tropp’alto? Non ti piaccio?

Ah, ah, mi sembri quel volpone ghiotto

che disse all’uva: Tu non sei matura.

NICO: I tuoi piè bianchi sono i miei trastulli

nella gracile sabbia ove t’accosci,

bianchi e piccoli come gli al’iossi

levigati dal gioco dei fanciulli.

– Ahi, ahi, misera Nico, i miei piè brulli!

Su la sabbia di foco i piè mi cossi.

Tu ridi, costassù, tu ridi a scrosci!

Ma, s’io ti giungo, vedi come frulli.

– Ingrata, ingrata, con che arte il foco

ti rilieva le vene in pelle in pelle

e il pollice t’imporpora e il tallone!

– Bada; Non al’iossi pel tuo gioco

ma ho in serbo per te, schiavo ribelle,

una sferza di cuoio paflagone.

NICARETE: Glauco di Serchio, m’odi. Io, Nicarete

le canne con le lenze e gli ami sgombri

che non preser già  mai barbi né scombri

t’appendo alla tua candida parete.

E t’appendo le nasse anco, e la rete

fallace con suoi sugheri e suoi piombi

che non pescò già  mai mulli né rombi

ma qualche fuco e l’alghe consuete.

Amaro e avaro è il sale. O Glauco, m’odi.

Prendimi teco. Evvi una bocca, parmi,

sinuosa nell’ombra de’ miei bùccoli.

Teco andare vorrei tra lenti biodi

e coglier teco per incoronarmi

l’ibisco che fiorisce a Massaciùccoli

A NICARETE: Nicarete dal monte di Quiesa

a Montramito i colli sono lenti

come i tuoi biodi, all’aria obbedienti,

fatti anch’elli d’un oro che non pesa.

E quella lor soavità , sospesa

tra i chiari cieli e l’acque trasparenti,

tu non la vedi quasi ma la senti

come una gioia che non si palesa.

Sorge, splendore del silenzio, il disco

lunare. O Nicarete, ecco, e s’adempie

mentre nel lago la ninfea si chiude.

Prima è rosato come il fior d’ibisco

che t’inghirlanda le tue dolci tempie

ma dopo assempra le tue spalle ignude.

GORGO: Ospite sempre memore, io son Gorgo

e l’odor delle Cicladi vien meco.

Tutte l’uve e le spezie, ecco, ti reco

in questo lino aereo d’Amorgo.

Glauco, e ti reco il vin di Chio nell’otro,

quel che bevesti un d’ sul tuo fasélo,

quel che in argilla si facea di gelo

pendula a soffio di ponente o d’ostro.

E una corona d’ellera e di gà ttice

ti reco, per un’ode che mi piacque

di te, che canta l’isola di Progne.

Io voglio, nuda nell’odor del mà stice,

danzar per te sul limite dell’acque

l’ode fiumale al suon delle sampogne.

A GORGO: Gorgo, più nuda sei nel lin seguace.

La tua veste ti segue e non ti chiude.

Fra l’ombelico e il depilato pube

il ventre appare quasi onda che nasce.

Ombra non è su le tue membra caste:

dall”nguine all’ascella albeggi immune.

Polita come il ciòttolo del fiume

sei, snella come l’ode che ti piacque.

Danzami la tua molle danza ionia

mentre che l’Apuana Alpe s’inostra

e il Mar Tirreno palpita e corusca.

L’Ellade sta fra Luni e Populonia!

E il cor mi gode come se tu m’offra

il vin tuo greco in una tazza etrusca.

L’AULETRIDE: Io rinvenni la pelle dell’incauto

Frigio nomato Marsia appesa a un pino,

sul suol roggio il coltello del divino

castigatore e, presso, il doppio flauto.

Questo raccolsi trepidando, o Glauco.

E, immemore del flebile destino,

io son osa talor nel mio giardino

chiuso carmi dedurre sotto il lauro.

Rivolgomi sovente e guardo s’Egli

non apparisca a un tratto, l’Immortale.

Ma non mi trema il mio labbro fasciato.

Vivon nell’orror sacro i miei capegli

ma per l’angustia del mio petto sale

il superbo di Marsia antico afflato.

BACCHA: Ah, chi mi chiama? Ah, chi m’afferra? Un tirso

io sono, un tirso crinito di fronda,

squassato da una forza furibonda.

Mi scapiglio, mi scalzo, mi discingo.

Trascinami alla nube o nell’abisso!

Sii tu dio, sii tu mostro, eccomi pronta.

Centauro, son la tua cavalla bionda.

Fammi pregna di te. Schiumo, nitrisco.

Tritone, son la tua femmina azzurra:

salsa com’alga è la mia lingua; entrambe

le gambe squamma sonora mi serra.

Chi mi chiama? La bùccina notturna?

il nitrito del Tessalo? il tonante

Pan? Son nuda. Ardo, gelo. Ah, chi m’afferra?

Stabat nuda aestas

Primamente intravidi il suo piè stretto

scorrere su per gli aghi arsi dei pini

ove estuava l’aere con grande

tremito, quasi bianca vampa effusa.

Le cicale si tacquero. Più rochi

si fecero i ruscelli. Copiosa

la résina gemette giù pe’ fusti.

Riconobbi il colùbro dal sentore.

Nel bosco degli ulivi la raggiunsi.

Scorse l’ombre cerulee dei rami

su la schiena falcata, e i capei fulvi

nell’argento pallà dio trasvolare

senza suono. Più lungi, nella stoppia,

l’allodola balzò dal solco raso,

la chiamò, la chiamò per nome in cielo.

Allora anch’io per nome la chiamai.

Tra i leandri la vidi che si volse.

Come in bronzea messe nel falasco

entrò, che richiudeasi strepitoso.

Più lungi, verso il lido, tra la paglia

marina il piede le si torse in fallo.

Distesa cadde tra le sabbie e l’acque.

Il ponente schiumò ne’ suoi capegli.

Immensa apparve, immensa nudità .

Ditirambo III

O grande Estate, delizia grande tra l’alpe e il mare,

tra cos’ candidi marmi ed acque cos’ soavi

nuda le aeree membra che riga il tuo sangue d’oro

odorate di aliga di résina e di alloro,

laudata sii,

o voluttà  grande nel cielo nella terra e nel mare

e nei fianchi del fauno, o Estate, e nel mio cantare,

laudata sii

tu che colmasti de’ tuoi più ricchi doni il nostro giorno

e prolunghi su gli oleandri la luce del tramonto

a miracol mostrare!

Ardevi col tuo piede le silenti erbe marine,

struggevi col tuo respiro le piogge pellegrine,

tra cos’ candidi marmi ed acque cos’ soavi

alzata; e grande eri, e pur delle più tenui vite

gioiva la tua gioia, e tutto vedeva la tua pupilla

grande: le frondi delle selve e i fusti delle navi,

e la ragia colare, maturarsi nelle pine

le chiuse mandorlette e la scaglia che le sigilla

pender nel fulvo, e l’orme degli uccelli nell’argilla

dei fiumi, l’ombre dei voli su le sabbie saline

vedea, le sabbie rigarsi come i palati cavi,

al vento e all’onda farsi dolci come l’inguine e il pube

amorosamente,

imitar l’opre dell’api,

disporsi a mo’ dei favi

in alveoli senza miele,

e l’osso della seppia tra le brune carrube

biancheggiar sul lido, tra le meduse morte

brillar la lisca nitida, la valva

tra il sughero ed il vimine variar la sua iri,

pallida di desiri la nube

languir di rupe in rupe

l’ungh’essi gli aspri capi

qual molle donna che si giaccia co’ suoi schiavi,

scorrere la gómena nella rossa

cùbia, sorgere la negossa

viva di palpitanti pinne, curvarsi al peso vivo

la pertica, la possa

dei muscoli, gonfiarsi nelle braccia vellute,

una man rude

tendere la scotta,

al garrir della vela forte

piegarsi il bordo, come la gota del nuotatore,

la sc’a mutar colore,

tutto il Tirreno in fiore

tremolar come alti paschi al fiato di ponente.

O Estate, Estate ardente,

quanto t’amammo noi per t’assomigliare,

per gioir teco nel cielo nella terra e nel mare,

per teco ardere di gioia su la faccia del mondo,

selvaggia Estate

dal respiro profondo,

figlia di Pan diletta, amor del titan Sole,

armoniosa,

melodiosa,

che accordi il curvo golfo sonoro

come la citareda

accorda la sua cetra,

dolore di Demetra

che di te si duole

ne’ solstizii sereni

per Proserpina sua perduta primavera!

O fulva fiera,

o infiammata leonessa dell’Etra,

grande Estate selvaggia,

libidinosa,

vertiginosa,

tu che affochi le reni,

che incrudisci la sete,

che infurii gli estri,

Musa, Gorgóne,

tu che sciogli le zone,

che succingi le vesti,

che sfreni le danze,

Grazia, Baccante,

tu ch’esprimi gli aromi,

tu che afforzi i veleni,

tu che aguzzi le spine,

Esperide, Erine,

deità  diversa,

innumerevole gioco dei v’ènti

dei flutti e delle sabbie,

bella nelle tue rabbie

silenziose, acre ne’ tuoi torpori,

o tutta bella ed acre in mille nomi,

fatta per me dei sogni che dalla febbre del mondo

trae Pan quando su le canne sacre

delira (delira il sogno umano),

divina nella schiuma del mare e dei cavalli,

nel sudor dei piaceri,

nel pianto aulente delle selve assetate,

o Estate, Estate,

io ti dirò divina in mille nomi,

in mille laudi

ti loderò se m’esaudi,

se soffri che un mortal ti domi,

che in carne io ti veda,

ch’io mortal ti goda sul letto dell’immensa piaggia

tra l’alpe e il mare,

nuda le fervide membra che riga il suo sangue d’oro

odorate di aliga di résina e di alloro!

Versilia

Non temere, o uomo dagli occhi

glauchi! Erompo dalla corteccia

fragile io ninfa boschereccia

Versilia, perché tu mi tocchi.

Tu mondi la persica dolce

e della sua polpa ti godi.

Passò per le scaglie e pe’ nodi

l’odore che il cuore ti molce.

Mi giunse alle nari; e la mia

lingua come tenera foglia,

bagnata di sùbita voglia,

contra i denti forti langu’a.

Sapevi tu tanto sagaci

nari, o uomo, in legno s’ grezzo?

Inconsapevole eri, e del rezzo

gioivi e de’ frutti spiccaci

e dell’ombre cui fà nnoti gli aghi

del pino, seguendo il piacere

de’ v’ènti, su gli occhi leggiere

come ombre di voli su laghi.

Io ti spiava dal mio fusto

scaglioso; ma tu non sentivi,

o uomo, battere i miei vivi

cigli presso il tuo collo adusto.

Talora la scaglia del pino

è come una palpebra rude

che subitamente si schiude,

nell’ombra, a uno sguardo divino.

Io sono divina; e tu forse

mi piaci. Non piacquemi l’irto

Satiro sul letto di mirto,

e il panisco in van mi rincorse.

Ma tu forse mi piaci. Aulisce

d’acqua marina la tua pelle

che il Sol feceti fosca. Snelle

hai gambe come bronzo lisce.

Offrimi il canestro di giunco

ricolmo di persiche bionde!

Poiché non mi giovano monde,

riponi il tuo coltello adunco.

Io so come si morda il pomo

senza perdere stilla di suco.

Poi co’ miei labbri umidi induco

il miele nel cuore dell’uomo.

Riponi il ferro acre che attosca

ogni sapore. Tu non pregi

i tuoi frutti. I peschi, i ciriegi,

i peri, i fichi in terra tosca

son di dolcezza carchi, e i meli,

gli albricocchi, i nespoli ancora!

E tu li spogli in su l’aurora

velati dei notturni geli.

Da tempo in cuor mio non è gaudio

di tal copia. Ahimè, sono scarsi

i doni. E tu vedi curvarsi

i rami del susino cl’audio!

Ma io non ho se non la terra

pigna dal suggellato seme.

E a romper la scaglia che il preme

non giovami pur una pietra.

O uomo occhic’èrulo, m’odi!

Lascia che alfine io mi satolli

di queste tue persiche molli

che hai nel cesto intesto di biodi.

Ti priego! La pigna malvagia

mi vale sol per iscagliarla

contro la ghiandaia che ciarla

rauca. Non s’inghiotte la ragia.

Ma se le mastichi negli ozii,

quantunque ha sapore amarogno,

allor che il tuo cuore nel sogno

si bea lungi ai vili negozii,

certo ti piace, o uomo; ed io

te ne darò della più ricca.

Tu la persica che si spicca,

e ne cola il suco giul’o,

dammi, ch’io mi muoio di voglia

e da tempo non ebbi a provarne.

Non temere! Io sono di carne,

se ben fresca come una foglia.

Toccami. Non vello, non ugne

ricurve han le tue mani come

quelle ch’io so. Guarda: ho le chiome

violette come le prugne.

Guarda: ho i denti eguali, più bianchi

che appena sbucciati pinocchi.

Non temere, o uomo dagli occhi

glauchi! Rido, se tu m’abbranchi.

Abbrancami come il bicorne

villoso. La frasca ci copra,

i mirti sien letto, di sopra

ci pendano l’albe viorne.

Ma come, Occhiazzurro, sei cauto!

Forse amico sei di Diana?

Ora scende da Pietrapana

il lesto Settembre col flauto,

se cruenta nel corniolo

rosseggi la cornia afra e lazza.

Odo tra il grid’o della gazza

il richiamo del cavriuolo.

Sei tu cacciatore? Sei destro

ad arco, esperto a cerbottana?

Ora scende da Pietrapana

Settembre. Tu dammi il canestro.

Eh, veduto n’ho del pél baio

verso il Serchio correre il bosco!

Tu dammi il canestro. Conosco

la pesta se ben non abbaio.

Accomanda il nervo alla cocca.

Ne avrai della preda, s’io t’amo!

Imito qualunque richiamo

con un filo d’erba alla bocca.

La morte del cervo

Quasi era vespro. Atteso avea soverchio

alla posta del cervo, quatto quatto

fra le canne; e vinceami l’uggia. A un tratto

vidi l’uom che natava in mezzo al Serchio.

Un uomo egli era, e pur sentii la pelle

aggricciarmisi come a odor ferigno.

Di capegli e di barba era rossigno

come saggina, folte avea le ascelle;

ma pél diverso da quel delle gote

sotto il ventre parea che gli cominciasse,

bestial pelo, e che le parti basse

fossero enormi, cosce gambe piote,

come di mostro, tanto era il volume

dell’acqua che movea il natatore

se ben tenesse ambe le braccia fuore

con tutto il busto eretto in su le spume.

Un uomo era. A una frotta d’anitroccoli

sbigottita egli rise. Intesi il croscio.

Repente si gittò su per lo scroscio

della ripa, saltò su quattro zoccoli!

Lo conobbi tremando a foglia a foglia.

Ben era il generato dalla Nube

acro e bimembre, uom fin quasi al pube,

stallone il resto dalla grossa coglia.

Il Centauro! Di manto sagginato

era, ma nella groppa rabicano

e nella coda, di due piè balzà no,

l’equine schiene e le virili arcato.

Ritondo il capo avea, tutto di ricci

folto come la vite di racimoli;

e l’inclinava a mordicare i cimoli

dei ramicelli, i teneri viticci

con la gran bocca usa alla vettovaglia

sanguinolenta, a tritar gli ossi, a bere

d’un fiato il vin fumoso nel cratère

ampio, sopra le mense di Tessaglia.

Levava il braccio umano, dal bicipite

guizzante, a côrre il ramicel d’un pioppo.

Repente trasaltò, di gran galoppo

spar’ per mezzo agli arbori precipite.

Il cor m’urtava il petto, in ogni nervo

io tremando. Ma, nella mia latèbra

umida verde, l’anima erami ebra

d’antiche forze. E udii bramire il cervo!

L’udii bramir di furia e di dolore

come s’ei fosse lacero da zanne

leonine. Balzai di tra le canne,

vincendo a un tratto il corporale orrore,

agile divenuto come un veltro

pe’ gineprai, per gli sterpeti rossi,

con silenzio veloce, quasi fossi

in sogno, quasi avessi i piè di feltro.

O Derbe, la potenza che desidero

è nei metalli che il gran fuoco ha vinto.

Eternato nel bronzo di Corinto

ti darò quel che i lucidi occhi videro?

Il Centauro afferrato avea pei palchi

delle corna il gran cervo nella zuffa,

come l’uom pe’ capei di retro acciuffa

il nemico e lo trae, finché lo calchi

a terra per dirompergli la schiena

e la cervice sotto il suo tallone,

o come nella foia lo stallone

la sua giumenta assal per farla piena.

Erto alla presa della cornea chioma,

con le due zampe attanagliava il dorso

cervino, superandolo del torso,

premendolo con tutta la sua soma.

Furente il cervo si divincolava

sotto, gli occhi riverso, il bruno collo

gonfio d’ira e di mugghio, in ogni crollo

crudo spargendo al suol fiocchi di bava.

Era del più vetusto sangue regio,

di quelli che ammansiva il suon del sufolo,

vasto e robusto il corpo come bufolo,

di vénti punte in ogni stanga egregio.

Quanti rivali, oh l’une di Settembre,

cacciati avea da’ freschi suoi ricoveri

e infissi nella scorza delle roveri,

pria d’abbattersi al Tassalo bimembre!

Si scrollò, si squassò, si svincolò.

E le muglia sonavan d’ogni intorno.

In pugno al mostro un ramo del suo corno

lasciando, corse un tratto; e si voltò.

Si voltò per combattere, le vampe

delle froge soffiando e le vendette.

Il Tassalo gittò la scheggia; e stette

guardingo, fermo su le quattro zampe.

Un fil di sangue gli colava giù

pel viril petto, giù per il pelame

cavallino il sudore. Come rame

gli brillava la groppa or meno or più

al sole obliquo che fer’a lontano

pe’ tronchi, variato dalle frondi.

S’era fatto silenzio nei profondi

boschi. Il soffio s’ud’a ferino e umano.

Gli aghi dei pini ardere come bragia

parean sul campo del combattimento.

E l’aspro lezzo bestial nel vento

si mesceva all’odore della ragia.

Pontata a terra la sua forza avversa,

il cervo, come fa nel cozzo il tauro,

bassò l’arme. La coda del Centauro

tre volte battè l’aria come fersa.

Una rapidità  fulva e ramosa

si scagliò con un brà mito di morte.

O Derbe, ancor ne freme per la sorte

del petto umano l’anima ansiosa.

Credetti udire il gemito dell’uomo

su l’impennarsi del caval selvaggio.

Ma il Tessalo con inuman coraggio

il cervo avea pur quella volta dómo!

Preso l’avea di fronte, alle radici

delle corna, e gli avea riverso il muso.

Entrambi inalberati, l’un confuso

con l’altro in un viluppo, i due nemici,

tra luci ed ombre, sotto il muto cielo

saettato da sprazzi porporini,

lottavano; e su i due corpi ferini,

se le zampe le punte il fitto pelo

il crino irsuto il prepotente sesso,

io vedea con angoscia il capo alzarsi

di mia specie, agitare i ricci sparsi

quel vento d’ira sul mio capo istesso.

E, gonfio il cor fraterno, d’un antico

rimorso, tesi l’arco dell’agguato.

Ma l’uom co’ pugni avea divaricato

e divelto le corna del nemico.

Udii lo schianto stridulo dell’osso

infranto, aperto sino alla mascella.

Fumide giù dal cranio le cervella

sgorgarono commiste al sangue rosso.

L’erto corpo piombò nel gran riposo

con urto sordo; sanguinò silente;

senza palpito stette; del cocente

flutto bagnò l’arsiccio suol pinoso.

Rise il Centauro come a quella frotta

lieve natante giù pel verde Serchio.

Poi levò, grande nel silvano cerchio,

il duplice trofeo della sua lotta.

Fiutò il vento. Ma prima di partirsi

colse tre rami carichi di pine;

e due n’avvolse attorno alle cervine

corna, e s’ n’ebbe due notturni tirsi.

Del terzo incurvo fece un serto sacro

e se ne inghirlandò le tempie umane

ove le vene, enfiate dall’immane

sforzo, ancor cupe ardeangli di sangue acro.

Precinto, armato dei due tirsi foschi,

sollevò la gran bocca a respirare

verso il Cielo. S’ud’a remoto il Mare

seguir col rombo il murmure dei boschi.

Sola una Nube era nell’alte zone

dell’Etere qual dea scinta che dorma.

Venerava il Nub’gena la forma

cui fecondò l’audacia d’Issione.

Bellissimo m’apparve. In ogni muscolo

gli fremeva una vita inimitabile.

repente s’impennò. Sparve Ombra labile

verso il Mito nell’ombre del crepuscolo.

L’asfodelo

GLAUCO: O Derbe, approda un fiore d’asfodelo!

Chi mai lo colse e chi l’offerse al mare?

Vagò sul flutto come un fior salino.

O Derbe, quanti fiori fioriranno

che non vedremo, su pe’ fulvi monti!

Quanti l’ungh’essi i curvi fiumi rochi!

Quanti per mille incognite contrade

che pur hanno lor nomi come i fiori,

selvaggi nomi ed aspri e freschi e molli

onde il cuore dell’esule s’appena

poi che il suon noto per rendergli odore

come foglia di salvia a chi la morde!

DERBE: Io so dove fiorisce l’asfodelo.

Là  nel chiaro Mugello, presso il Giogo

di Scarperia, lo vidi fiorir bianco.

Anche lo vidi, o Glauco, anche lo colsi

in quell’Alpe che ha nome Catenaia

e all’Uccellina presso l’Alberese

nella Maremma pallida ove forse

ei sorride all’imagine dell’Ade

morendo sotto lunghia dei cavalli.

GLAUCO: O Derbe, anch’io errando su i vestigi

della donna letèa, vidi fiorire

tra Populonia e l’Argentaro il fiore

della viorna. Tutto le sorelle

bianche il bosco aspro nelle delicate

braccia tenean tacendo, e i negri lecci

e i sóveri nocchiuti al sol di giugno

dormivan come venerandi eroi

entro veli di spose giovinette.

DERBE: In Populonia ricca di sambuchi

io conobbi il marrubbio che rapisce

l’odor muschiato al serpe maculoso

e l’ebbio che colora il vin novello

di sue bacche e lo scirpo che riveste

il gonfio vetro dove il vin matura.

GLAUCO: La madreselva come la viorna

intenerire del suo fiato i tronchi

vidi a Tereglio lungo la Fegana,

e il giunco aggentilir la Marinella

di Luni, e su pe’ monti della Verna

l’avornio tesser ghirlandette al maggio.

DERBE: I gigli rossi e crocei ne’ monti,

alla Frattetta sotto il Sangro, io vidi;

anche alla Cisa in Lunigiana, e all’Alpe

di Mommio dove udii nel ciel remoto

gridar l’aquila. Spiriti immortali

pareano i gigli nell’eterna chiostra.

La bellezza dei luoghi era s’ cruda

che come spada mi fendeva il petto.

Con un giglio toccai la grande rupe,

che non s’aperse e non tremò. Mi parve

tuttavia che un prodigio si compiesse,

o Glauco, e andando mi sentii divino.

GLAUCO: Nella Bocca del Serchio, ove la piana

sabbia vergano oscuramente l’orme

dei corvi come segni di sibille,

il narcisso marino io colsi, mentre

l’ostro premea le salse tamerici,

i cipressetti dell’amaro sale.

Lo sm’lace conobbi attico; e al Gombo

anche conobbi il giglio ch’è nomato

pancrazio, nome caro ai greci efèbi;

e tanto parve ai miei pensieri ardente

di purità , che ai Mani dell’Orfeo

cerulo io lo sacrai, al Cuor dei cuori.

DERBE: O Glauco, noi facemmo della Terra

la nostra donna ed ogni più segreta

grazia n’avemmo per virtù d’amore.

Come il Sole entri nella Libra eguale,

ti condurrò sui monti della Pieve

di Camaiore, e alla Tambura, e ai fonti

del Frigido, e l’ungh’essa la Freddana

dietro Forci, e nell’Alpe di Soraggio,

ché tu veda fiorir la genzà¯ana.

GLAUCO: Bella è la Terra o Derbe, e molto a noi

cara. Ma quanti fiori fioriranno

che non vedremo, nelle salse valli!

Le Oceanine ornavan di ghirlande

i lembi della tunica a Demetra

piangente per il colchico apparito.

Com’entri nello Scòrpio il Sole, o Derbe,

ti condurrò su i pascoli del Giovo

in mezzo ai greggi delle pingui nubi,

perché tu veda il colchico fiorire.

Madrigali dell’estate

IMPLORAZIONE

Estate, Estate mia, non declinare!

Fa che prima nel petto il cor mi scoppi

come pomo granato a troppo ardore.

Estate, Estate, indugia a maturare

i grappoli dei tralci su per gli oppi.

Fa che il colchico dia più tardo il fiore.

Forte comprimi sul tuo sen rubesto

il fin Settembre, che non sia s’ lesto.

Sòffoca, Estate, fra le tue mammelle

il fabro di canestre e di tinelle.

LA SABBIA DEL TEMPO

Come scorrea la calda sabbia lieve

per entro il cavo della mano in ozio

il cor sentì che il giorno era più breve.

E un’ansia repentina il cor m’assale

per l’appressar dell’umido equinozio

che offusca l’oro delle piagge salse.

Alla sabbia del Tempo urna la mano

era, clessidra il cor mio palpitante,

l’ombra crescente di ogni stelo vano

quasi ombra d’ago in tacito quadrante.

L’ORMA

Sol calando, l’ungh’essa la marina

giunsi alla pigra foce del Motrone

e mi scalzai per trapassare a guado.

Da stuol migrante un suono di chiarina

ven’a per l’aria, e il mar tenea bordone.

Nitr’ di fra lo sparto un caval brado.

Ristetti. Strana era nel limo un’orma.

Però dall’alpe già  scendeva l’ombra.

ALL’ALBA

All’alba ritrovai l’orma sul posto,

selvatica qual pesta di cerbiatto;

ma v’era il segno delle cinque dita.

Era il pollice alquanto più discosto

dall’altre dita e il mignolo ritratto

come ugnello di gà zzera marina.

La foce ingombra di tritume negro

odorava di sale e di ginepro.

Seguitai l’orma esigua, come bracco

che tracci e fiuti il baio capriuolo.

Giunsi al canneto e mi scontrai col riccio.

Livido si fugg’ per folto il biacco.

Si levarono due tre quattro a volo

migliarini già  tinti di gialliccio.

Vidi un che bianco; e un velo era dell’alba.

Per guatar l’alba dismarrii la traccia.

A MEZZODàŒ

A mezzod’ scopersi tra le canne

del Motrone argiglioso l’aspra ninfa

nericiglia, sorella di Siringa.

L’ebbi su’ miei ginocchi di silvano;

e nella sua saliva amarulenta

assaporai l’or’gano e la menta.

Per entro al rombo della nostra ardenza

udimmo crepitar sopra le canne

pioggia d’agosto calda come sangue.

Fremere udimmo nelle arsicce crete

le mille bocche della nostra sete.

IN SUL VESPERO

In sul vespero, scendo alla radura.

Prendo col laccio la puledra brada

che ancor tra i denti ha schiuma di pastura.

Tanaglio il dorso nudo, alle difese;

e per le ascelle afferro la naià da,

la sollevo, la pianto sul garrese.

Schizzan di sotto all’ugne nel galoppo

gli aghi i rami le pigne le cortecce.

Di là  dai fossi, ecco il triforme groppo

su per le vampe delle fulve secce!

L’INCANTO CIRCEO

Tra i due porti, tra l’uno e l’altro faro,

bonaccia senza vele e senza nubi

dolce venata come le tue tempie.

Assai lungi, di là  dall’Argentaro,

assai lungi le rupi e le paludi

di Circe, dell’idd’a dalle molt’erbe.

E c’incantò con una stilla d’erbe

tutto il Tirreno, come un suo lebete!

IL VENTO SCRIVE

Su la docile sabbia il vento scrive

con le penne dell’ala; e in sua favella

parlano i segni per le bianche rive.

Ma, quando il sol declina, d’ogni nota

ombra lene si crea, d’ogni ondicella,

quasi di ciglia su soave gota.

E par che nell’immenso arido viso

della pioggia s’immilli il tuo sorriso.

LE LAMPADE MARINE

Lucono le meduse come stanche

lampade sul cammin della Sirena

sparso d’ulve e di pallide radici.

Bonaccia spira su le rive bianche

ove il nascente plenilunio appena

segna l’ombra alle amare tamerici.

Sugger di labbra fievole fa l’acqua

ch’empie l’orma del piè tuo delicata.

NELLA BELLETTA

Nella belletta i giunchi hanno l’odore

delle persiche mézze e delle rose

passe, del miele guasto e della morte.

Or tutta la palude è come un fiore

lutulento che il sol d’agosto cuoce,

con non so che dolcigna afa di morte.

Ammutisce la rana, se m’appresso.

Le bolle d’aria salgono in silenzio.

L’UVA GRECA

Or laggiù, nelle vigne dell’Acaia,

l’uva simile ai ricci di Giacinto

si cuoce; e già  comincia a esser vaia.

Si cuoce al sole, e detta è passolina,

anche laggiù su l’istmo, anche a Corinto,

e nella bianca di colombe Egina.

In Onchesto il mio grappolo era azzurro

come forca di rondine che vola.

All’ombra della tomba di Nettuno

l’assaporai, guardando l’Elicona.

Feria d’agosto

Espero sgorga, e tremola sul lento

vapor che fuma dalla Val di Magra.

Un vertice laggiù, nel cielo spento

ultimo flagra.

Emulo della stella e della vetta,

arde il Faro nell’isola di Tino.

Dóppiano il Capo Corvo una goletta

e un brigantino.

Or s’ or no la ragia con la cuora

si mescola nel vento diforà no.

Dell’agrore salmastro s’insapora

l’odor silvano.

à€lbica il mar, di cristalline strisce

varia, su i liti ansare odesi appena.

Ed ecco, il promontorio s’addolcisce

come l’arena.

Ogni cosa più gran dolcezza impetra.

Tutto avvolve l’immensa pace urania.

Fin, nell’aere tenue, si spetra

la cruda Pania.

O fanciullo, inghirlanda l’architrave;

salda la cera ai tuoi calami arguti;

rinfondi nella lampada il soave

olio di Buti.

Fa grido e aduna i tuoi compagni auleti,

che rechino le f’stole sonore

composte con le canne dei canneti

di Camaiore.

Sette di pino belle faci olenti

e sette di ginepro irsuto appresta,

a rischiarare gli ospiti vegnenti

per la foresta.

Fresche delizie avranno elli da scerre

bene accordate su la stoia monda:

l’uva sugosa delle Cinque Terre

e nera e bionda,

l’uva con i suoi pampani e i suoi tralci,

le pèsche e i fichi su la chiara stoia,

e le ulive dolcissime di Calci

in salamoia.

Infra l’ombr’na e il dèntice la triglia

grassa di scoglio veggan rosseggiare,

e il vino di Vernazza e di Corniglia

nelle inguistare.

Anche avremo di miele e di friscello

la focaccia che fu grata a Priapo,

e ghirlanda di cùnzia e d’alberello

per ogni capo.

O fanciulli, e per voi saremo lauti.

Io farò s’ che ognun di voi ricordi

la mia feria d’agosto, ma se i flauti

non sien discordi.

Accendete le faci, e andiam nel bosco

a rischiarare l’ospite che viene.

Odo tinnire un riso ch’io conosco,

ch’io mi so bene.

È di quella che fustiga i miei spirti,

d’una che acerba ride e dolce parla.

Accendete le faci e andiam tra i mirti

ad incontrarla.

Non vi stupite già  che la crocòta

sia guisa d’oggid’ tra Serchio e Magra.

Quest’ospite è d’origine beota,

vien di Tanagra.

Ma ben la grazia onde succinge il giallo

bisso e i sandali scopre è maraviglia

(porta anelli d’elettro e di cristallo

alla caviglia)

mentre il suo capo sottilmente ordito

piega, ove ferma un lungo ago l’intreccio,

fulvo come i ginepri che sul lito

morde il libeccio.

Rugge e odora il ginepro nella teda.

Or configgete in terra acceso il fusto.

Flauti silvestri, e il nume vi conceda

il tono giusto.

Fanciulli, attenti! Fate un bel concerto.

Pan vi guardi da nota roca o agra.

Quest’ospite che v’ode ha orecchio esperto;

vien di Tanagra.

(Data di composizione sconosciuta)

Il policefalo

Spezzate i flauti. Il lino che connette

le canne è quel medesmo degli astuti

lacci, e la cera troppo sa di miele.

Il suono puerile è breve obl’o

pel cor prestante che non ama il gioco

facile né cattare il sonno lieve.

Né tu sei cittadino d’Agrigento

nomato Mida, vincitore in Delfo.

Né t’insegnò la C’èsia il grande carme.

Pallade Atena dai fermi occhi chiari

prima inventò tal melod’a, nel giorno

in cui Medusa tronca fu dall’arpe.

Ud’ le grida e i pianti ch’Eurià le

mettea tra il sibilare dei serpenti

verso la strage; ud’ l’orrendo ploro.

I gemiti di Steno come dardi

fendeano l’etra, e tutti gli angui eretti

minacciavan l’eroe nato dall’oro.

Cos’ la Melod’a di Mille Teste

nacque in giorno sanguigno; e la raccolse

Pallade Atena e modulò per l’uomo.

Le canne dei canneti d’Orcom’èno

ella guarn’ con là mine di bronzo

e s’ ne fece più possente il tuono.

Spezzate i flauti esigui, auleti imberbi,

poi che non han potenza al grande carme.

Cercatemi nel mare i nicchi intorti.

V’insegnerò davanti alle tempeste

dedurre dalle bùccine profonde

la melod’a delle mie mille sorti.

Il tritone

Il Tritone squammoso mi fu mastro.

S’accoscia su la sabbia ove la schiuma

bulica; e al sole la sua squamma fuma.

Giùngogli ov’è tra il pesce e il dio l’incastro.

Ha il gran torace azzurro come il glastro

ma l’argento sul dorso gli s’alluma.

Sceglie tra l’alghe la più verde, e ruma;

e gli cola il rigurgito salmastro.

Con la vasta sua man palmata afferra

la sua conca, v’insuffla ogni sua possa,

gonfio il collo le gote gli occhi istrambi.

Va il rimbombo pel mare e per la terra.

L’Alpe di Luni cròllasi percossa.

Bà lzano nel mio petto i ditirambi.

L’arca romana

Alpe di Luni, e dove son le statue?

I miei spirti des’an perpetuarsi

oggi sul cielo in grandi simulacri.

O antichi marmi in grandi orti romani!

Stan per logge e scalèe di balaustri,

con le lor verdi tuniche di muschi.

Negreggiano i cipressi i lecci i bussi

intorno alla fontana ove il Silenzio

col dito su le labbra è chino a specchio.

Vede apparire dal profondo il teschio

dell’eterna Medusa, la Gorgóne

vede sé fiso nel divino orrore.

Lamenta i fati il grido del paone.

Tutto è immobilità  di pietra, vita

che fu, memoria grave, ombra infinita.

Un sarcofago eleggo, ov’è scolpita

in tre facce una pugna d’Alessandro;

pieno è di terra, e porta un oleandro.

Quivi masticherò la foglia amara

del mio lauro, seduto su quell’arca.

Quivi disfoglierò la rosa vana

dell’amor mio, seduto su quell’arca.

L’alloro oceanico

Oleandro d’Apollo, ambiguo arbusto

che d’ambra aulisci nell’ardente sera;

melagrano, e il tuo rosso balausto

quasi fiammella in calice di cera;

nautico pino, e il tuo scoglioso fusto

e i coni entro la chioma tua leggera;

olivo intorto da dolor vetusto,

e l’oliva tua dolce che s’annera;

ginepro irsuto, mirto caloroso,

lentisco, terebinto, caprifoglio,

cento corone dell’Estate ausonia;

ma te, sargasso, re del Marerboso,

vasto alloro del gorgo, anche te voglio,

che bacche fai come la fronda aonia.

Il Prigioniero

Ardi, sei triste come il Prigioniero

ignudo che il titano Buonarroto

cavò da quel che or splende à vio e rimoto

Sagro, per il pontefice guerriero.

Constretto anche tu sei del tuo mistero,

vittima consacrata al Mare Ignoto;

e la bocca tua bella grida a vòto

contra il fato che tolseti l’impero.

Tiranno fosti in Gela, trionfale

nell’ode pitia re? Traesti schiavi

da Tespe uomini e marmi alla tua Tebe?

O sul cavallo bianco eri a Micale,

presso il padre di Pericle, e pugnavi

con l’altra gioventù nel nome d’Ebe?

La vittoria navale

Se quella ch’arma di sue grandi penne

la prua della trière samotrace

venir dee verso me che senza pace

persévero lo sforzo mio ventenne,

non altrove ma fra le vive antenne

di questa selva nata dal focace

lito, in vista dell’Alpe che si tace

gloriosa di suo candor perenne,

l’attenderò dicendo: «Ben mi vieni

dalla piaggia che i Cà biri nutrica,

dall’isola che sta di contro all’Ebro.

Io son l’ultimo figlio degli Elleni:

m’abbeverai alla mammella antica;

ma d’un igneo dèmone son ebro».

Il peplo rupestre

Mutila dea, tronca le braccia e il collo,

la cima dell’Altissimo t’è ligia.

È tua la rupe onde alla notte stigia

discese il bianco aruspice d’Apollo.

La cruda rupe che non dà  mai crollo,

o Nike, il tuo ventoso peplo effigia!

La violenza delle tue vestigia

eternalmente anima il sasso brollo.

Quando sul mar di Luni arde la pompa

del vespro e la Cerà giola è cruenta

sotto il monte maggior che la soggióga,

sembra che dispetrata a volo irrompa

tu negli ardori e sul mio capo io senta

crosciar la gioia dell’immensa foga.

Il vulture del sole

S’io pensi o sogni, se tal volta io veda

quasi vampa tremar l’aria salina,

se nel silenzio oda piombar la pina

sorda, strider la ragia nella teda,

sonar sul loto la palustre auleda,

istrepire il falasco e la saggina,

subitamente del mio cor rapina

tu fai, di me che palpito fai preda,

o Gloria, o Gloria, vulture del Sole,

che su me ti precipiti e m’artigli

sin nel focace lito ove m’ascondo!

Levo la faccia, mentre il cor mi duole,

e pel rossore de’ miei chiusi cigli

veggo del sangue mio splendere il mondo.

L’ala sul mare

Ardi, un’ala sul mare è solitaria.

Ondeggia come pallido rottame.

E le sue penne, senza più legame,

sparse tremano ad ogni soffio d’aria.

Ardi, veggo la cera! È l’ala icaria,

quella che il fabro della vacca infame

foggiò quando fu servo nel reame

del re gnòssio per l’opera nefaria.

Chi la raccoglierà ? Chi con più forte

lega saprà  rigiugnere le penne

sparse per ritentare il folle volo?

Oh del figlio di Dedalo alta sorte!

Lungi dal medio limite si tenne

il prode, e ruinò nei gorghi solo.

Altius egit iter

L’ombra d’Icaro ancor pe’ caldi seni

del Mar Mediterraneo si spazia.

Segue di nave solco che più ferva.

Ogni rapidità  di v’ènti agguaglia.

Voce d’uom che comandi ama nel turbine.

Ode cl’amor di nà ufraghi iterato

e n’ha disdegno, ché silenzioso

fu quel rimoto suo precipitare.

Io la vidi laggiù, verso l’occaso.

Era nel palischermo io co’ miei due

remi. A prora il mio Dèspota seduto

era, e guatava fiso la mia cura.

Tra quegli e me subitamente vidi

ignuda l’ombra d’Icaro apparire.

Quasi il color marino aveano assunto

le sue membra, ma gli occhi eran solari.

Sul petto giovenile intraversate

ancor gli stavan le due rosse zone,

già  per gli òmeri vincoli dell’ale,

simili a inermi bà ltei di porpora.

«O Dèspota, costui» dissi «è l’antico

fratel mio. Le sue prove amo innovare

io nell’ignoto. Indulgi, o Invitto, a questa

mia d’altezze e d’abissi avidità !».

Ditirambo IV

Icaro disse: «La figlia del Sole

a me poggiata come ad un virgulto

sul limite dei paschi

guatava il candido armento dei buoi

pascere lungo il C’èrato rupestro.

Mi si piegava il destro

òmero sotto la mano regale

umida di sudor gelido; e, dentro

me, tremavano tutte le midolle,

negli orecchi fragore

sonavami s’ forte ch’io temeva

udir dal sacro Dicte i Coribanti

atroci e il rombo del bronzo percosso.

E la città  di Cnosso

splendea di mura còttili e di blocchi

oltre l’irto canneto atto a far dardi.

“O Pasife, che guardi?”

chiese il Re sopraggiunto. Ed anelava

nella sua barba violetta come

l’uva cidònia; ché membruto egli era

e gravato di giallo adipe il fianco.

“Io guardo il toro bianco,

quello che tu non désti a Posidone”

la figlia di Perseide rispose.

E le vette nevose

dell’Ida biancheggiavan men del toro

niveo diniegato al dio profondo.

“Perché s’ tremebondo

sei tu, figlio di Dedalo?” il Re chiese.

E allor Pasife: “Questo ateniese

giovinetto somiglia ad Androgèo

che non torna d’Atene;

e per ciò mi sostiene,

il cor triste mi folce;

per ciò tanto m’è dolce

le dita porre nel suo crin prolisso”.

Io rividi l’Ilisso,

i platani gli allori gli oleandri

che l’ad’ombrano, e il bosco degli ulivi

presso Colono caro all’usignuolo.

Rividi il patrio suolo

entro l’anima mia subitamente,

come colui ch’è presso alla sua fine;

perocché nel mio crine

ponea le dita la donna solare,

e l’ossa mie flagrare

parean nel suo sorriso accosto accosto

siccome rami cui fiamma s’appicchi

quando i legni sien ricchi

d’aroma e inariditi dall’Estate.

E le navi l’unate

coi rematori seduti agli scalmi

in fila a battere il flutto diviso,

e l’Eracleo, l’Amniso,

i due porti ricurvi, e il fiume, e i monti

e tutta quanta l’isola selvosa

con le vigne col d’ttamo e col miele

ardere in quel sorriso

vidi per mezzo ai cigli miei morenti.

E il sire degli armenti

udii mugghiare in quel foco sonoro,

mugghiare il bianco toro

diniegato al gran Padre enosigèo».

Icaro disse: «Poi che l’ombra cadde

(il vertice dell’Ida solitario

nell’etra rosseggiava

come il fiore del d’ttamo crinito)

nascostamente ritornai su’ paschi,

gonfio d’odio il cuor tacito; e scagliai

contra il toro le selci acuminate

dell’à lveo del C’èrato divulse

e imposte alla mia frombola cretese.

Il boaro m’intese

e mi rincorse ratto su per l’erbe

con la verga di còrilo a minaccia.

Ma perse la mia traccia

nell’ombra che cadea; né mi conobbe,

né l’erbe verdi tenner le vestigia.

L’infanda cupidigia

per ovunque era sparsa! Palpitare

parea pur anco nelle stelle vaghe!

Il vento perea piaghe

sùbite aprire nel mio corpo nudo

acerbe s’ che non sar’ami valso

a medicarle il d’ttamo dell’Ida.

E piena era di grida

compresse la mia gola nell’arsura,

quando giunsi alle mura

del Labirinto ove il mio padre aveva

ambage innumerevole di vie

riempiuta d’error laborioso.

Quivi ristetti ascoso

perocché vidi il duro fabro alzato

su la soglia difficile in silenzio

e la figlia del Sole in gran segreto

favellare con lui senza sorriso,

marmorea nel viso,

come chi chieda all’arte del mortale

una cosa tremenda e non ne tremi».

Icaro disse: «L’officina arcana

era in un orto a vista del recurvo

porto Eracleo frequente

di ben costrutte navi dalla prora

dipinta; e gli utens’li erano acuti,

e la fronte del fabbro era contratta.

Sorgea la forma esatta

della falsa giovenca nella luce

del d’, quasi che sazia di pastura

spirasse dalle froge il fiato olente

di c’tiso, tranquilla su’ piè fessi.

Con tale arte commessi

eran gli sculti legni e ricoperti

di fresca pelle, che parean felici

d’ubertà  non fallibile i bei fianchi

e le mamme in sul punto di gonfiarsi

all’affluir d’un latte repentino.

Furtiva nel giardino

ven’a Pasife senza le sue donne

a rimirar l’opera fabrile

ch’ella infiammava della sua lussuria

impaziente; e seco avea l’irsuto

boaro come giudice perfetto.

Costui rise: il difetto

scorse nella giogaia. Il grande artiere

fu docile al consiglio dell’uom rude.

Pasife con le nude

braccia premette gli òmeri miei nudi,

s’abbandonò su me come su fulcro

insensibile, assorta nel suo sogno

inumano, perduta nel portento.

Saliva un violento

foco dal suolo ov’eran le radici

della mia forza, e tutto m’avvolgea,

e tutto come arbusto resinoso

parea vi crepitassi e vi splendessi.

Oh giardino di spessi

aromi, carco di cera e di miele,

carco di gomma e d’ambra,

ove s’ud’a scoppiar la melagrana

come un riso che scrosci e quasi mosto

si liquefaccia in una bocca d’oro!

Recava l’Austro il coro

delle femmine ancelle dal palagio

remoto, che sedevano ai telai

o tingevan di porpora le lane

o i semplici isceglieano al beveraggio

o di carni ammannivan la vivanda

per la figlia del Sole,

ignare ch’ella fosse innanzi al Sole

preda schiumosa d’Afrodite infanda».

Icaro disse: «La figlia del Sole

amai, che per libidine soggiacque

alla bestia di nerbo più potente.

Splendea divinamente

la sua carne quand’ella penetrava

nel simulacro per imbestiarsi.

Io chiuso in me riarsi.

Io, quando vidi il callido boaro

la prima volta addurre

alla falsa giovenca il toro bianco

che si batteva il fianco

sonoro con la fersa della coda

adorno i corni brevi d’una lista

di porpora, balzai gridando: «O Sole,

a te consacrerò, sopra la rupe

inconcussa, oggi un’aquila sublime!»

E andai verso le cime

con la bipenne l’arco e le saette,

ben coturnato, a far le mie vendette».

Disse: «Da prima vidi l’ombra vasta

palpitar su la torrida petraia.

Fulvo il macigno, cerula era l’ombra.

E dopo udii la romba

delle penne per l’aer verberato.

Gridò verso il suo fato

ella repente, ferma su le penne;

la corda mia nel tendersi stridette;

il grido parve lacerare il cielo

e lo stridor fu lieve qual garrito

di rondine ma il tèlo

che si partì fu forte e fu cruento.

Sentii sul viso il vento

del volo che fece impeto a salire,

poi si fiaccò, girò come in un turbo,

piombò verso lo scr’molo del monte.

Mi cadde su la fronte

una goccia di sangue larga e calda

come goccia di nuvolo d’agosto

quando lampeggia e tuona.

L’aquila s’abbattè sul sasso prona

il petto, aperta l’ali

crude che strepitarono sul sasso,

erta sùbito il rostro alla difesa.

La roccia discoscesa

ardeva nel meriggio come il ferro

nella fucina, sotto i miei coturni.

La fronda dei viburni

era come la scoria dei metalli

liquefatti, e la fronda degli avorni.

S’ud’ano i capricorni

belare in mezzo al d’ttamo crinito,

e l’odore dell’erba vulneraria

mescevasi nell’aria

tremula con l’odor dell’aquilino

sangue che d’ogni sangue è più vermiglio.

Col rostro e con l’artiglio

fu pronta la satellite di Giove

a combattere contra il feditore

su la rupe inconcussa.

Allora io dissi: “Augusta,

se tu sei senza volo, io sia senz’armi”.

E disdegnai ritrarmi

qual uomo a saettarla di lontano.

Ma gittai l’arco; e mi fasciai la mano

con il corame della mia faretra,

mi fascia la man destra

a difesa degli occhi minacciati

dal becco adunco. Feci impeto, entrai

in un selvaggio fremito di penne;

in un orrendo strepito di penne

come in un nembo fulvo preso fui

dalla possa grifagna;

sentii fuggirmi sotto le calcagna

la rupe e gridai forte.

Combattemmo nel rombo della morte.

Io con la destra le afferrai la strozza

robusta come tronco di serpente,

e strinsi e strinsi; e con la manca trassi

dalla ferita fresca il dardo primo,

più volte e più nell’imo

fegato lo confissi.

Combattemmo sul ciglio degli abissi,

in cospetto del Sole, a mezzo il giorno.

Gloria d’Icaro! Intorno

alla zuffa ogni bà ttito di penne

sprizzava mille stille

di sangue come porpora in faville

accesa ed isvolata via per festa.

A gloria la mia testa

pareva di faville incoronarsi.

E le piume dei tarsi

e del petto e del collo e delle ascelle

isvolavan su l’Ostro.

E un rivolo purpureo dal rostro

colava sul mio braccio imporporato

fino al cùbito. E là cera dai colpi

delle rampe la destra coscia m’era

s’ che la messaggera

Nike, se mai sostò sul solitario

vertice andando verso Atene mia

a recar le corone

dell’oleastro, fece il paragone

tra l’aquilino sangue e il sangue icario.

Ah, non temetti il suo giudicio, o Sole.

Parvemi, quando apersi il pugno ostile

e la nemica ricopr’ la rupe

alfine spenta, parvemi che tutta

la sua virtute aligera mi fosse

nelle braccia e negli òmeri trasfusa

e m’agitasse i fragili precordii

una immortale avidità  di volo.

L’alto vertice solo

e l’esanime preda eran con meco,

e il dio della lucifera quadriga.

Pregai: “Divino auriga,

questa vittima t’offro in olocausto

perché tu mi sii fausto

se dato mi sarà  tentar le vie

dove agiti le tue criniere bianche.

Il torace le viscere le branche

e il gran capo rostrato

in un fuoco di sterpi e d’erbe io t’ardo

e la canna del dardo.

Concedi, o dio magnifico, se m’odi,

concedimi che immuni dalla brace

io dell’aquila serbi l’ali forti

e con meco le porti

perché le veda entrambe il padre mio

Dedalo d’Eupalà mo

ateniese, artefice sagace,

perché due me ne foggi a simiglianza

l’uomo di molti ingegni, ma più forti,

ma con più grande numero di penne”.

E tolsi la bipenne

che al cinto appesa avea dietro le reni:

con ella diedi nelle congiunture,

di muscoli e di tendini gagliarde

cos’ che resisteano al doppio taglio.

“Ahi che l’incudine e il maglio

e l’industria paterna non varranno

a radicarmi la virtù dell’ala

nella scapula somma” io mi pensai

considerando, come il citarista

inchino su le corde,

la tenacia del nesso tendinoso

che biancheggiava di color di perla

nel cruore. E la mente ne fu trista.

E trista fu la mozza ala, a vederla.

E, nel fuoco di sterpi fumigando

la residua carne offerta al Sole,

io mi pensai: “Si duole

il dio solingo sul suo carro ardente

e non cura l’insolito libame.

La figlia sua nel simulacro infame

ei vide, onniveggente;

e dell’arte di Dedalo si cruccia

e mi scopre nel cor la piaga acerba,

nel cor che non si lagna,

cui d’ttamo né stebe non mi vale”.

Mi gravai d’ambo l’ale

congiunte con la stringa del mio cinto;

e l’alta volontà  fu la compagna

della doglia fatale

quando, scorto dal dio, di sangue tinto,

scesi dal monte verso il Labirinto».

Icaro disse: «L’officina arcana

era in una caverna del dirupo,

dietro il porto d’Amniso

a levante di Cnosso, erma sul mare.

S’udiva starnazzare

e stridere d’uccelli senza tregua,

pe’ fóri dello scoglio ferrugigno.

Il suolo di macigno

consparso era d’antichi dolii rotti

e di fimo biancastro.

Rimbombavano al Già pice salmastro

le concave pareti

come le curve targhe dei Cureti

all’urto delle picche furibonde.

Sotto, il fragor dell’onde

avea lunga eco per ambagi ignote

quando l’Apeliote

enfiava i verdazzurri otri del sale.

Quivi all’innaturale

opera intento era il mio padre, quivi

i congegni del volo

oprava senza incude e senza maglio.

Ben gli diedi travaglio

e affanno, ché pareami troppo tarda

la sua fatica per il mio des’o

e sempre poche mi parean le penne

adunate dinanzi a lui che oprava.

Per lui la cera flava,

stretta in pani, col pollice e col fiato

ammollii; dispennai la copiosa

cacciagione; sollecito le penne

separai dalle piume.

Il sangue onde imperlavasi l’acume

d’ogni fusto divulso

vertudioso parvemi; e mi piacque

a stilla a stilla suggerlo, accosciato

presso il fabro mirabile che oprava

seduto su la pietra.

Quante volte votai la mia faretra,

infaticato sagittario errante

per le rupi lontane!

I falchi gli sparvieri e le poiane

caddero, e gli avvoltoi

calvi gravati di carni lugùbri,

e gli astori co’ resti dei colùbri,

ancor ne’ becchi adunchi, e i gru strimonii

gambuti dai lunghi ossi

accòmodi al tib’cine, ogni specie

pennipotente altivolante cadde

per la forza degli archi miei cidonii

e de’ miei dardi gnossi.

E mi tornava io carico di preda

celeste alla caverna;

e pur sempre pareva al mio des’o

che fosse tarda l’opera paterna.

Era quivi l’odore della cera

e della ragia, ché l’operatore

mescolava le lacrime del pino

chiare al dono trattabile dell’ape,

acciocché questo fosse più tegnente.

Escl’uso avea dall’opera i metalli

come gravi ch’ei sono, e l’armatura

composto avea con le vergelle ferme

del còrilo e pieghevoli, congiunte

da bene intorto stame in ciechi nodi,

e sópravi disteso avea l’omento,

la grassa rete che le interiora

degli animali include, ben dissecco.

E sul congegno solido e leggero

ei disponea per ordine le penne,

dalla più breve alla più lunga elette

acutamente, come nella fistola

di Pan le avene d’spari digradano

per la natura dei diversi numeri.

E lino e cera usava a collegarle,

cera immista di ragia, come dissi.

E le sapeva inflettere con tanta

arte, per imitar la curvatura

della vita, che l’ala su la pietra

inerte parea trepida e tepente

e penetrata d’aere, ventosa

come fosse per rompere dal nido

o per posarsi dopo lungo volo».

Icaro disse: «Non veduto, vidi.

Misi gli occhi per entro ad un rosaio,

ove all’alito mio silentemente

si sfogliarono due tre rose passe.

Parve che si sfogliasse

con elle e si sfacesse il cuor mio caro.

E senza fine amaro

mi fu tutto che vidi non veduto,

in quel giardino muto

ove non più s’ud’a la pingue gomma

gemere né scoppiar pomo granato

come riso puniceo che scrosci.

Fracidi i frutti, flosci

erano, grinzi come cuoi risecchi

gli arbori, crudi stecchi;

le cellette soavi, aride spugne,

senza la melod’a laboriosa.

Rotta al suolo, corrosa,

informe fatta come vil carcame

era la vacca infame

offerta dalla frode al toro bianco

perché l’inclito fianco

alla figlia del Sole

empiesse di semenza bestiale.

E la donna regale,

figlia del Sole e dell’Oceanina,

Pasife di Perseide, il cui vólto

m’era apparito come il penetrale

della luce nel tempio dell’iddio

splendido, la reina

dell’isola che fu cuna al Cron’de

ricca in d’ttamo in uve in miele e in dardi,

l’adultera dei pascoli era quivi

sola col suo spavento.

Bocca anelante, nari acri, occhio intento

avea, pallido volto come l’erbe

aride, consumato dai sudori

e dalle schiume della sua lussuria.

Discinta era, e l’incuria

della sua chioma la facea selvaggia

qual femmina del T’aso tebano

che defessa dall’orgia ansi in un botro

del Citerone, esangue

fra il tirso spoglio della fronda e l’otro

voto del vino, al gelo antelucano.

Sentiva nel suo ventre, abbrividendo,

vivere il mostro orrendo,

fremere il figlio suo bovino e umano».

Icaro disse: «Era stellato il cielo,

era pacato il mare,

nella vigilia mia meravigliosa.

La roggia stella ascosa

nel mio cor vigile era la più grande.

Le cose miserande

eran lungi da me come da un dio

beverato di néttare novello.

Parea dal corpo snello

dileguarmisi il triste peso come

dal cielo eòo si dileguava l’ombra,

e nella carne sgombra

un aereo sangue irradiarsi.

Nel cielo eòo comparsi

i pallidi crepuscoli, il messaggio

della Tità nia fece su per l’acque

un infinito tremito tremare.

Subitamente il giubilo del mare

si converse in des’o tumultuoso,

irto le innumerevoli sue squamme.

Allor tutte le fiamme

del giorno dal mio cor parvero nate,

per sempre tramontate

dietro di me le stelle della notte,

l’ali della mia sorte

già  nel periglio glorioso aperte.

Ahi, su la pietra inerte

si giacevan gli esà nimi congegni,

e le mie braccia umane erano spoglie

della virtù pennata

che la mia scure avea tronca sul monte

in giorno di vittoria.

E sùbito mi fu nella memoria

la tenacia del nesso tendinoso

che biancheggiava di color di perla

nel cruore vermiglio.

“Aquila vinta” dissi “Icaro, figlio

di Dedalo d’Atene,

ai tuoi mani consacra i ligamenti

arteficiati e fragili dell’ali

che sono opera d’uomo;

perché, come ti vinse combattendo

lungi e presso, cos’ nel tuo dominio

vincerti vuole d’impeto e d’ardire”.

E il mio padre destai dal sonno. Dissi:

“Padre, è l’ora”. Non altro dissi. Muto

stetti mentr’ei m’accomodava l’ali

agli òmeri, mentr’ei gli ammonimenti

iterava con voce mal sicura.

“Giova nel medio limite volare;

ché, se tu voli basso, l’acqua aggreva

le penne, se alto voli, te le incende

il fuoco. Tieni sempre il giusto mezzo.

Abbimi duce, séguita il mio solco.

Deh, figliuol mio, non esser tropp’oso.

Io ti segno la via. Sii buon seguace”.

E le mani perite gli tremavano.

Il mirabile artiere ebbi in dispregio

silenziosamente. “Al primo volo

io con te lotterò, per superarti.

Fin dal battito primo, io sarò l’emulo

tuo, la mia forza intenderò per vincerti.

E la mia via sarà  dovunque, ad imo,

a sommo, in acqua, in fuoco, in gorgo, in nuvola,

sarà  dovunque e non nel medio limite,

non nel tuo solco, s’io pur debba perdermi”

risposegli il mio cor silenzioso.

E gli sovvenne della grande frode

(difficile all’obl’o questo mio cuore

s’ che l’acqua del Lete non ci valse:

furon pur tre le tazze tracannate)

e del dolo fabrile gli sovvenne.

Fra le mani perite che tremavano

riveder seppe gli utens’li acuti

intesi a compiacer la trista voglia.

“Icaro figlio, m’odi? Io m’alzo primo.

Volerò senza foga, e tu mi segui”.

Ma con l’arte dell’aquila io spiccai

dal limitar della caverna un volo

s’ veemente che diseparato

fui sùbito. Gli stormi isbigottirono

su per le rosse rupi, in fuga striduli

temendo la rapina dileguarono.

Oh libertà ! Pel corpo nudo l’aere

matutino sentii crosciarmi, gelido

tutto rigarmi di chiarezza irrigua:

non i torrenti ove uso fui detergere

dopo le cacce la sanguigna polvere

m’avean rigato di s’ grande giòlito.

Oh nel cor mio rapidità  del palpito

ond’era impulso il volo, in egual numero!

Pareami già  gli intaversati bà ltei

esser conversi in vincoli tend’nei,

tutto l’azzurro entrar per gli spiracoli

del mio pulmone, il firmamento splendere

sul mio torace come sul terribile

petto di Pan. Gridava “Icaro! Icaro!”

il mio padre lontano. “Icaro! Icaro!”

Nel vento e nella romba or s’ or no

mi giungeva il suo grido, or s’ or no

il mio nome nomato dal timore

giungeva alla mia gioia impetuosa.

“Icaro!” E fu più fievole il richiamo.

“Icaro!” E fu l’estrema volta. Solo

fui, solo e alato nell’immensità .

Passai per entro al grembo d’una nuvola:

un tepore un odore dolce e strano

eravi, quasi l’alito di Néfele

madre d’Elle che diede nome al ponto.

Il vento del remeggio i veli tenui

sconvolse, un che di roseo svelò,

un che di biondo. Odore dolce e strano

m’illanguidiva, inumidiva l’ali.

Il vol decadde. Vidi undici navi

di prora azzurra fornite di tolda,

che flagellavano il mar con la palma

dei remi in lunga eguaglianza concordi,

andando a impresa lontana. Sul ponte

pelte l’unate luceano e di bronzo

cl’pei tondi, aste lunghe. Mi giunse

l’urlo dei nà uti. Veloce volai,

oltre passai. Qual fu dunque la mente

dei nà uti rudi mirando il prodigio?

Come di me favellarono? Dissero

forse: “In un campo di strage la mà scula

Nike, nell’ombra d’un cumulo grande

dai carri estrutto riversi e dirotti,

o a piè d’un grande trofeo d’armi illustri,

sul suol cruento cedette all’eroe

che l’afferrò per la chioma; e fu pregna.

E quei che rema lassù con tant’ala

è certo il figlio di lei giovinetto”.

Di queste l’alto cor mio si compiacque

imaginate parole, ché stirpe

di Nike avrebbe ei voluto infierire.

E vidi poi sotto fulgere in Paro

iscalpellata il candor del Marpesso.

E vidi poi dall’erratica Delo

salir vapore di caste ecatombi.

Poi non vidi altro più, se non il Sole.

Poi non volli altro più, se non da presso

mirarlo eretto sul suo carro ign’to,

giugnerlo, farmi ardito

di prendere pei freni il suo cavallo

sinistro, Etonte dalle rosse nari.

Il pètaso e i talari

d’Erme Cillenio avea conquisi il mio

sogno meridiano, il mio delirio.

Congiunto era con Sirio

altissimo nel medio orbe, nell’arce

somma dei cieli Elio d’Eurifaessa.

E l’altezza inaccessa

e l’ardore terribile agognai

ed offerirgli l’ali che sul monte

crètico escluse avea dall’olocausto.

Mi sembrava inesausto

il valor mio ché l’animo agitava

le morte penne, l’animo immortale

e non il braccio breve.

Ed ecco, vidi come un’ombra lieve

sotto di me nella profonda luce

ove non appariva segno alcuno

del mare cieco e dell’opaca terra;

ancóra un’ombra vidi, un’altra ancóra.

E dissi: “Icaro, è l’ora”.

Ma il cor non mi mancò. Non misi grido

verso il mio fato, come la devota

alla saetta aquila moritura;

né rimpiansi il paterno ammonimento.

Guatai senza spavento

in giuso; e l’ombre lievi eran le penne

dell’ali, che cadeano tremolando

dalla cera ammollita.

Mi sollevai con impeto di vita

verso il Titano: udii rombar le ruote

del carro sul mio capo alzato; udii

lo scà lpito quadruplice; il baleno

scorsi dell’asse d’oro, il fuoco anelo

dei cavalli. Piròe dalla criniera

sublime, Etonte dalle rosse nari.

E i cavalli solari

annitrirono. Il ventre di Flegonte

brillò come crisòlito; la bava

d’Eòo fu come il velo d’Iri effuso.

E vidi il pugno chiuso

che teneva le rèdini, la fersa

garrir sul fuoco udii. Tesi le braccia.

“O Titano!” E la faccia

indicibile, sotto la gran chioma

ambrosia, verso me si volse china;

e i raggi le cingean mille corone.

“Elio d’Iperione,

t’offre quest’ali d’uomo Icaro, t’offre

quest’ali d’uomo ignote

che seppero salire fino a Te!”

Si disperse nel rombo delle ruote

la mia voce che non chiedea mercè

al dio ma lode eterna.

E roteando per la luce eterna

precipitai nel mio profondo Mare».

Icaro, Icaro, anch’io nel profondo

Mare precipitai, anch’io v’inabissi

la mia virtù, ma in eterno in eterno

il nome mio resti al Mare profondo!

Tristezza

Tristezza, tu discendi oggi dal Sole.

La tua specie mutevole è la nube

del cielo, e son le spume

del mare gli orli del tuo lino lungo.

Sembri Ermione, sola come lei

che pel silenzio vienti incontro sola

traendo in guisa d’ala il bianco lembo.

S’ le somigli, ch’io m’ingannerei

se non vedessi ciocca di viola

su la sua gota umida ancor del nembo.

Ha tante rose in grembo

che la spina dell’ultima le punge

il mento e glie l’ingemma d’un granato.

Come fauno barbato

accosto accosto mòrdica le rose

il capricorno sordido e bisulco.

Le Ore marine

Quale delle Ore

che mi conducesti

viventi e furon larve

cinerine

quando il sole disparve

nella triste sera,

o Ermione,

quale delle Ore marine

ch’ebbero il tuo volto

e le tue mani e le tue vesti

e la tua movenza leggiera

e ciascuno de’ tuoi gesti

e ogni grazia che tu avesti,

o Ermione,

quale delle vergini Ore

che mansuefecero col solo

silenzio il mar selvaggio

quasi che accolto

se l’avessero in grembo

come un fanciullo torvo

per blandire il suo duolo

sorridendo,

o Ermione,

quale delle Ore divine,

con gli occulti beni

che tu le désti,

t’accompagna nel viaggio

di là  dai fiumi sereni,

di là  dalle verdi colline,

di là  dai monti cilestri?

Quella che raccoglie

su la sterile sabbia

le negre foglie

della querce sacra,

o Ermione,

creature dei monti

macere dal sale amaro,

cui rap’ dalla balza

il vento e diede al flutto amaro

che le travaglia

e le rifiuta?

Quella che guarda il faro

lontano su la rupe nuda

ove il flutto si frange,

o Ermione,

l’insonne occhio ardente

che già  volge i suoi fochi

per il deserto specchio

infaticabilmente?

Quella che inclina

pensosa l’orecchio

su la conca marina

e ascolta la romba

della voluta

e odevi la tromba

del Tritone che chiama

la Sirena perduta,

o Ermione,

e odevi il mar che piange

la sua Sirena perduta?

Quale delle Ore,

quale delle Ore marine,

con gli occulti beni

che tu le désti,

col segreto linguaggio

che le apprendesti,

o Ermione,

t’accompagna nel viaggio

di là  dai fiumi sereni,

di là  dalle verdi colline,

di la dai monti cilestri,

o Ermione,

di là  dalle chiare cascine,

di là  dai boschi di querci,

di là  da’ bei monti cilestri?

Litorea dea

Estate, bella quando primamente

nella tua bocca il mite oro portavi

come l’Arno i silenzii soavi

porta seco alla foce sua silente!

Ma più bella oggi mentre sei morente

e abbandonata ne’ tuoi cieli blavi,

che col cùbito languido t’aggravi

su la nuvola incesa all’occidente.

T’arda Ermione sul tuo letto roggio

gli à cini d’ambra dove si sublima

il pianto delle tue pinete australi.

Io della tua bellezza ultima foggio

una divinità  che su la cima

del cuor mi danza: Undulna dai piè d’ali.

Undulna

Ai piedi ho quattro ali d’alc’èdine,

ne ho due per mallèolo, azzurre

e verdi, che per la salsédine

curvi sanno errori dedurre.

Pellùcide son le mie gambe

come la medusa errabonda,

che il puro pancrazio e la crambe

difforme sorvolano e l’onda.

Io l’onda in misura conduco

perché su la riva si spanda

con l’alga con l’ulva e col fuco

che fà nnole amara ghirlanda.

Io règolo il segno lucente

che lascian le spume degli orli:

l’antico il men novo e il recente

io so con bell’arte comporli.

I musici umani hanno modi

lor varii, dal dorico al frigio:

divine infinite melodi

io creo nell’esiguo vestigio.

Le tempre dell’onda trascrivo

su l’umida sabbia correndo;

nel trà mite mio fuggitivo

gli accordi e le pause avvincendo.

O sabbia mia melodiosa,

non un tuo granello di s’lice

darei per la pómice ascosa

della fonte all’ombra dell”lice.

Brilli innumerevole e immensa

alla mia l’unata scrittura;

e l’acqua che bevi t’addensa,

lo sterile sale t’indura.

Il rilievo t’è tanto sottile,

dedotto con arte s’ parca,

che men gracile in puerile

fronte sopracciglio s’inarca.

A quando a quando orma trisulca

il lineamento intercide;

pesta umana, se ti conculca,

s’impregna di luce e sorride.

Figure di néumi elle sono

in questa concordia discorde.

O c’ètera curva ch’io suono,

né dito né plettro ti morde.

Io trascorro; e il grande concento

in me taciturna s’adempie,

dallunghie de’ miei piè d’argento

alle vene delle mie tempie.

Scerno con orecchia tranquilla

i toni dell’onda che viene,

indago con chiara pupilla

più oltre ogni segno più lene;

cos’ che la musica traccia

m’è suono, e ne’ righi leggeri,

mentre oggi odo ansar la bonaccia,

leggo la tempesta di ieri.

Che è questo insolito albore

che per le piagge si spande?

Teti offre alla madre di Core

dogliosa le salse ghirlande?

L’albà sia de’ giorni alcionii

anzi il verno giunge precoce

e dagli arcipelaghi ionii

attinge del Serchio la foce?

Il molle Settembre, il tib’cine

dei pomarii, che ha violetti

gli occhi come il fiore del gl’cine

tra i riccioli suoi giovinetti,

fa tanta chiar’a con due ossi

di gru modulando un partènio

mentre sotto l’ombra dei rossi

corbézzoli indulge al suo genio.

Respira securo il mar dolce

qual pargolo in grembo materno.

La pace alcionia lo molce

quasi aureo latte, anzi il verno.

Onda non si leva; non s’ode

risucchio, non s’ode sciacqu’o.

Di luce beata si gode

la riva su mare d’obl’o.

La sabbia scintilla infinita,

quasi in ogni granello gioisca.

Lùccica la valva polita,

la morta medusa, la lisca.

In ogni sostanza si tace

la luce e il silenzio risplende.

La Pania di marmi ferace

alza in gloria le arci stupende.

Tra il Serchio e la Magra, su l’ozio

del mare deserto di vele,

sospeso è l’incanto. Equinozio

d’autunno, già  sento il tuo miele.

Già  sento l’odore del mosto

fumar dalla vigna arenosa.

All’alba la luna d’agosto

era come una falce corrosa.

Di Vergine valica in Libra

l’amico dell’opere, il Sole;

e già  le quadrella ch’ei vibra

han meno pennute asticciuole.

Silenzio di morte divina

per le chiarità  solitarie!

Trapassa l’Estate, supina

nel grande oro della cesarie.

Mi soffermo, intenta al trapasso.

Onda non si leva. L’albèdine

è immota. Odo fremere in basso,

a’ miei piedi, l’ali d’alc’èdine.

Bianche si dilungan le rive,

tra l’acque e le sabbie dilegua

la zona che l’arte mia scrive

fugace. Sorrido alla tregua.

A’ miei piedi il segno d’un’onda

gravato di nero tritume

s’incurva, una mà cera fronda

di rovere sta tra due piume,

un’arida pigna dischiusa

che pesò nel pino sonoro

sta tra l’orbe d’una medusa

dispersa e una bacca d’alloro.

Vengono farfalle di neve

tremolando a coppie ed a sciami:

nella luce assemprano lieve

spuma fatta alata che ami.

Azzurre son l’ombre sul mare

come sparti fiori d’acònito.

Il lor tremol’o fa tremare

l’Infinito al mio sguardo attonito.

Il tessalo

Tra i fusti ove le radiche fan groppo

e già  si gonfia venenato il fungo,

odo incognito piede solidungo

come bronzo sonar contra l’intoppo.

Caval brado non è; però che troppo

forte suoni lo scà lpito ed a lungo

per la selva selvaggia ove no l’ giungo

duri l’irrefrenabile galoppo.

Certo è l’ugna del Tessalo bimembre

contra i rigidi coni e l’aspre stirpi

sonante, l’ugna del Centauro illeso.

Ei vuole, mentre il giovine Settembre

circa il fragile vetro intesse scirpi

bevere il nero vino all’otre obeso.

L’otre

I.

Pelle del becco sordido e bisulco

fui, prima che mi traesser le coltella.

Deh come olente alla stagion novella

egli era e tra le capre sue petulco,

o uom che m’odi, e ben barbato e torvo

e di téttole dure ornato il gozzo

e d’aspre corna il fronte invitto al cozzo,

negli occhi sùlfure atro come corvo!

Sagliente egli era, e mogli in abbondanza

ebbe, e feroce fu nelle sue pugne;

ma al suon d’un sufoletto, erto su l’ugne

fésse, imitava il satiro che danza.

Occiso penzolò sanguinolente

dall’uncino; e squarciato fumigava,

nudi ostentando in sua ventraia cava

l’argnon focoso e il fegato possente.

Tratta gli fui di dosso umida e floscia.

Pelo e carniccio poi tolsemi il ferro.

Ghianda di gallonéa, scorza di cerro

fecermi bona concia nella troscia.

Rasciutta nelle cieche st’e, premuta

dai macigni, distesa dall’orbello,

per sorte un d’ cucita fui del bello

con fil d’accia da femmina saputa.

Otre divenni e principe degli otri

obeso appresso i pozzi e le cisterne.

Acqua di cieli, acqua di fonti eterne

contenni, acqua di rivoli e di botri,

dolci acque e fresche ma di odor caprigno

sapide tuttavia, s’ che talvolta

le femmine entro me chiusero molta

menta e il seme dell’à nace fortigno.

O uomo, l’otre invidia le tue seti!

Pianure arsicce, livide petraie,

pigre maremme fabbricose, ghiaie

e sabbie in foco per deserti greti,

stridor di carri, à nsito di giumenti

io conobbi, e il guatar del sitibondo.

Io valsi più che l’universo mondo

al desiderio delle fauci ardenti!

O uomo, da benigni iddii tu hai

le tue seti. Il garòfolo e il papavero

non cos’ vividi ardere mi parvero

come la bocca tua che dissetai.

Non il capro, onde tratta fui sua spoglia,

mai si precipitò come chi volle

bere da me. Tutto lo feci molle.

Oh gaudio della gola che gorgoglia!

Mani cupide premono i miei fianchi

turgidi (sembra che gli arsi occhi bevano

prima che i labbri) mani mi sollevano

su arsi vólti, di polvere bianchi.

Va da me per le vene al cor profondo

la mia liquida gioia, al più remoto

viscere. Oh bene immenso! Eccomi vòto.

In dieci gole ho dissetato il mondo.

II.

E vòto fratel fui della bisaccia

grinzuta ch’ebbe la cipolla e il tozzo

in coniugio. E non più rempiuto al pozzo

fui, non udii crosciar la secchia diaccia,

ma dalla mamma copiosa udii

crosciare emunto il latte nel presepio

occl’uso. Per indùlgere al mio tedio

nova sorte mi fecero gli iddii.

Gonfio di latte, anch’io ubero parvi

più capace e men roseo. Notturno

pendevo nel presepio taciturno,

come gli uberi sotto i materni alvi.

Ma non mai tanto l’otre ebbesi amica

la pace come allor che, in su lo scorcio

dell’autunno, s’apparentò con l’orcio

per favore di Pallade pudica.

Pacifera è l’oliva e tarda e pingue.

da poi che gemuto ha sotto la mola,

si raddolcisce e più non fa parola;

mentre la garrula acqua ha mille lingue.

Or pieno fui di castità  palladia

e di silenzio. Tacito ascoltava

pulsar la tempia fievole dell’ava

e il pane lievitare nella madia.

D’improvviso, una notte, mentre vòto

giacea sul palco fra i minori otrelli,

venne un bifolco tutto irto di velli

e seco trassemi a un officio ignoto.

Duro il suo pugno parvemi qual sasso

e l’ugna adunca qual branca di belva.

Tramontavano l’Orse. Ad una selva

orrida, in riva al fiume, arrestò il passo.

Quivi nel sangue prono era disteso

il suo nimico. Gli troncò la testa

con una falce; e quella mozza testa

prese a’ capegli, e me carcò del peso.

Subitamente mi rempiei del nero

sangue. E disse il falcato al teschio: «Avevi

tu sete? Orbè, se t’arde sete, bevi,

nell’otro che t’ho acconcio, il vin tuo mero».

E il teschio e il sangue dentro ei mi serrò.

Gonfio ero fatto, ed ei mi sollevò.

Su la riva del fiume ei mi portò.

In mezzo alla corrente ei mi scagliò.

Fervido era anco il buon licor doglioso.

O uom che m’odi, acqua di fonte, bianco

latte, olio lene, quanto ebbi nel fianco,

non vale il sangue tuo meraviglioso!

Entro di me fu breve e immensa guerra,

ismisurata e rapida tempesta.

Non parvemi serrar la tronca testa

ma contenere l’orbe della Terra.

Poi nel gel fluviale in grumo e in sanie

si converse quel peso; e la corrente

mi voltò per le ripe, oscuramente

trassemi verso le contrade estranie.

III.

Era l’aurora quando in mezzo ai salici

mi rinvenne l’Eg’pane biforme.

Uom che m’odi, il tuo spirito che dorme

più non vede gli antichi numi italici!

Vivon eglino pieni di possanza:

hanno il fiato dei boschi entro le nari;

i gioghi venerandi han per altari,

e di sé fanvi testimonianza.

Più non li vedi, o uomo. Nel tuo petto

il cor si sface come frutto putre.

E la Terra materna invan ti nutre

de’ suoi beni. Tu plori al suo conspetto!

Mi rinvenne l’Eg’pane divino.

Possentemente rise in suo pél falbo;

poi tolsemi per trarmi di fra gli à lbori

umidi: mi credea gonfio di vino.

Dava schiocchi la lingua sua salace

mentr’ei m’aprìa. Ma pél non gli tremò

quando scoperse il teschio e il grumo; «Tò»

disse «nell’otro il capo del gran Trace!»

E sopra l’erba mi sgravò del reo

peso, mi scosse. Poi raccolse il teschio,

lo rotò, lo scagliò forte nel Serchio

gridando: «Tu non sei capo d’Orfeo!»

Tal era il riso de’ suoi denti scabri

quale un rio lapidoso. Allor nell’acque

chiare mi terse; m’asciugò. Gli piacque

anco d’enfiarmi co’ suoi curvi labri.

Pieno fui del divino afflato, pieno

fui del selvaggio spirito terrestro!

Venne allora il Panisco, che mal destro

era nel nuoto, al bel fiume sereno.

E il nume padre a lui mi diede; ed io

tenerlo a galla seppi, io lo sorressi

nel nuoto quando i piccoli piè féssi

troppo agitava celere dis’o.

Molto l’amai. Dall’ombelico in giuso

di pél biondiccio qual cavriuoletto

era ma liscio il rimanente, eretto

il cod’nzolo, un po’ lusco e camuso.

Tenérmigli solea sotto l’ascella

ove appena fior’a qualche peluzzo

rossigno; e avea del suo cornetto aguzzo

tema non mi bucasse per rovella,

s’ rapido era il pueril corruccio

s’ei districava il piè dall’erba acquatica

o alzar vedeva l’anatra selvatica

o sentiva guizzar da presso il luccio.

Viride Serchio in tra due selve basse!

Mattini estivi, quando il bel Panisco

biondetto sen ven’a, cinto d’ibisco

roseo, con suoi lacci e con sue nasse!

Troppo, ahimè, destro erasi fatto al nuoto.

Omai fendeva le più rapide acque;

s’ che più giorni e più l’otre si giacque

solo nel limo, e alfin rimase vòto.

IV.

Ma gli alti iddii anco mi fur benigni.

Un bel pastore dalla barba d’oro

mi raccolse. Ed all’ombra d’un alloro

mi lavorò con suoi sottili ordigni.

Quattro di bosso ei fecemi cannelle

ineguali, e assai bene le pol’.

La più corta alla spalla m’inser’

e strinse con cerate funicelle.

In bocca tre l’artiere me ne messe,

l’una più lunga, l’altre due minori;

nella più lunga numerosi fóri

praticò, che diverse voci desse.

Le due brevi, di largo cerchio e stretto,

aperte in giuso a mo’ di padiglione,

servir di grande e piccolo bordone

dovean come le frondi all’augelletto.

Oh meraviglia, quando per la corta

canna egli enfiò la nova cornamusa!

Tutta di pia felicità  soffusa

giovine donna venne in su la porta,

nuda le belle braccia, e disse: «O caro

marito, o barbadoro, ecco che nasce

ricchezza ingente nelle nostre case;

ed i granai si rempiono di grano,

gli alveari si rempiono di miele,

d’aurei pomi si rempiono i frutteti,

di rose citerèe tutti i verzieri,

e di cervi e di damme le mie selve;

e avrò tra i muri miei variodipinti

un talamo con quattro alte colonne

e vestimenta avrò d’ogni colore

e per cignermi d’ogni sorta cinti;

e avrò e avrò nelle mie veglie ancora

per filar la mia lana mille ancelle

mariterò le mie dolci sorelle

ai satrapi dell’Asia spaziosa!».

Questo fecero grande incantamento

l’otre e il pastore con un poco d’aria,

o uom che m’odi, con un poco d’aria

e col nume di Cintio arco-d’-argento;

però che il faretrato Citaredo,

il qual pur trasse Marsia di vagina,

sia largo della sua virtù divina

all’inculto pastore e al dotto aedo,

al calamo forato e alla testudine

tricorde se lui prieghi un puro cuore.

Noi come greggi i vesperi e l’aurore

pascemmo nella verde solitudine.

Il pino irsuto diede il molle fico,

i narcissi fioriron su i ginepri,

danzò il veltro armillato con le lepri,

e l’antico fu novo e il novo antico.

Oh maraviglia! Come l’elitropio

al Sol, volgeasi al suono la soave

donna dalla sua porta. E l’architrave

parea sculto da Dedalo il Cecropio

e lo stipite rozzo una colonna

del Palagio di Pelope l’Eburno,

quando il pastor dicea: «Come l’alburno,

intorno al cuore mi biancheggi, o donna!»

Divenuta più candida nel suono

ell’era, come il lin nell’acqua infuso.

Sorridea sempre. E la conocchia e il fuso,

la spola e i licci erano in abbandono.

Pe’ capegli repente l’abbrancò,

pe’ suoi capegli come l’uva nera,

come il folto giacinto a primavera,

come dell’edera il corimbo forte,

pe’ capegli repente l’abbrancò

la Morte, l’abbattè, pel calle oscuro

la trascinò: di là  dal fiume curvo,

nel regno buio la portò la Morte.

E nessuno e nessuno più la scorse.

Cupo silenzio fu dentro le case.

L’ombra lunga occupò la soglia, invase

il talamo. E l’aurora più non sorse.

Ma pianto non sonò dentro le case:

erano il cuore e gli occhi opache selci.

E fugg’ la lucertola dall’embrice,

anche fugg’ la rondine, anche l’ape.

Io pendea tristo, presso il focolare.

Ed infine il pastore si sovvenne

dell’otre. Mi guatò gran tratto. Venne,

mi tolse, muto, senza lacrimare.

Io mi credeva ancóra esser premuto

contra il fianco dal cubito leggero

e disciogliere in me, rivolto al nero

Ade, l’ingombro del dolore muto.

«Sposa, ch’io venga su le tue vestigia!»

E da me svelse i calami con cruda

mano, li infranse. L’anima sua nuda

e noi profferse alla gran Notte stigia.

V.

O uom che m’odi, fu laboriosa

la mia sorte. Non fecero grandi ozii

a me gli iddii. Solstizii ed equinozii

passano; passa il colchico, e la rosa.

Tutto ritorna; e la saggezza è vana.

La saggezza non val legno ficulno

né zà ccaro caprino. Io voglio, alunno

di Libero, finir di fine insana.

Se bene obeso, molto vidi e udii

però che amico fui de’ viatori

insonni, esperto di molti sapori,

a servigio di efimeri e d’iddii.

Molto contenni, puro o adulterato.

Il falso e il vero son le foglie alterne

d’un ramoscello: il savio non discerne

l’una dall’altra, l’un dall’altro lato.

E la virtù si tigne come lana,

e la felicità  come Vertunno

tramuta la sua specie. Io voglio, alunno

di Libero, finir di fine insana.

So nelle loro generazioni

diverse l’acqua, il latte, l’olio tacito;

so il sangue umano e so l’afflato pà nico

e so le metamorfosi dei suoni.

Ma il licor rubicondo che ti rende

simile ai numi, o uom che m’odi, ignoro:

quello onde gonfio mi credette il buono

Eg’pane, e il gran riso ancor mi splende!

Tu m’hai raccolto, o uomo nello speco

ove per ruzzo trassemi il lupatto.

Che valgo? Vedi tu come son fatto!

Piacciati dunque d’insanire meco.

Des’o d’altre fortune non mi tocca.

Più lungamente vivere non posso.

Ricucimi la spalla ov’ebbi il bosso

animato e ristringimi la bocca.

Tu vedi: sono vecchio e non ti giovo.

Ma è larga alla tua sete e alla tua fame

la Terra, e tu le devi il tuo libame.

Nell’otre vecchio or poni il vino nuovo!

Vendemmierai con cantici di gioia.

Farai del mosto mite il vin possente.

Della giovine forza, alla nascente

l’una, tu m’empirai queste mie cuoia,

che me le schianti almen la giovinezza

terribile! E coronami di fiori

selvaggi, ed al più folto degli allori

tuoi sospendimi. Oh ultima bellezza!

Discisso tonerò nel gran meriggio.

Lungi s’udrà  nell’alta luce il tuono.

E tu dirai, la pura fronte prono:

«Bevi l’offerta, o Terra. Io son tuo figlio».

Gli indizii

Ahimè, la vigna è piena di languore

come una bella donna sul suo letto

di porpora, che attenda l’amadore.

Ahimè, di bacche il frùtice s’affoca,

la viorna s’incénera, più lieve

che la prima lanugine dell’oca.

Ahimè, già  qualche canna ha la pannocchia,

nella belletta il c’pero si schiude,

fa sue querele antiche la ranocchia.

Ahimè, fiore travidi gridellino

che di gruogo salvatico mi parve,

e tinto di gialliccio il migliarino.

In uno m’abbattei lungo il canale

ove tra lente imagini di nubi

s’infrà cida la dolce carne erbale.

Villoso egli era. Intento io lo guatai;

e la morte di quella che mi piacque

seppi negli occhi suoi distrambi e vai.

Sogni di terre lontane

I PASTORI

Settembre, andiamo. È tempo di migrare.

Ora in terra d’Abruzzi i miei pastori

lascian gli stazzi e vanno verso il mare:

scendono all’Adriatico selvaggio

che verde è come i pascoli dei monti.

Han bevuto profondamente ai fonti

alpestri, che sapor d’acqua nat’a

rimanga ne’ cuori esuli a conforto,

che lungo illuda la lor sete in via.

Rinnovato hanno verga d’avellano.

E vanno pel tratturo antico al piano,

quasi per un erbal fiume silente,

su le vestigia degli antichi padri.

O voce di colui che primamente

conosce il tremolar della marina!

Ora l’ungh’esso il litoral cammina

la greggia. Senza mutamento è l’aria.

il sole imbionda s’ la viva lana

che quasi dalla sabbia non divaria.

Isciacqu’o, calpest’o, dolci romori.

Ah perché non son io co’ miei pastori?

LE TERME

Settembre, oggi veder vorrei l’azzurro

del tuo cielo riempiere la bocca

rotonda della maschera di pietra

in cima alla colonna che si sfalda

nei secoli, convolta dal rosaio

che si sfoglia nell’ora, entro quel chiostro

quadrato che di biondo travertino

chiarisce il cotto delle antiche Terme.

Forse d’Orfeo ragionerei con Erme

sul margine del fonte ove i delfini

reggon la tazza in su le code erette;

o forse udrei l’ammonimento grave

dei due neri superstiti cipressi

ai due lor verdi cipressetti alunni

che crescono ove caddero i maggiori

percossi dalla folgore di luglio.

O forse mi parrebbe, oltre il cespuglio

soave, udire l’à nsito del servo

alla stanga appaiato col giumento

circa la mola cònica di lava;

e più de’ nudi torsi, e più de’ busti

e più de’ cippi mi sarebbe cara

l’ombra delle farfalle su pe’ dolii

risarciti con piombo dal colono.

Settembre, là , sul fianco del bel Trono

d’Afrodite, l’aulètride dagli occhi

a mandorla e dal seno di cotogna

sta, sovrapposta l’una all’altra coscia,

adagiata sonando le due tibie

con i frammenti dell’esperte dita;

e il Re Pastore immoto nel basalte

figge all’Eternità  gli occhi corrosi.

Ronzano l’api ne’ silenziosi

orti dei bianchi monaci defunti;

e nelle celle à bitano gli iddii,

là cerano le Menadi la vittima,

Anassimandro medita, dal muro

svégliasi il carme dei fratelli Arvali.

«Enos Lases iuvate». Un’ape or entra,

per la chioma di Iulia che l’illude.

Nell’à lveo d’un ricciolo si chiude.

LO STORMO E IL GREGGE

Settembre, teco io sia sul Loricino

che fece blandi gli ozii del pretore:

in sabbia quasi rosea fluisce

scabra di rughe e sparsa di negrore

come il palato del mio dolce veltro.

Sorvolano le rondini quel vetro

lieve cui godon rompere coi bianchi

petti: una piuma cade e corre al mare.

E di là  dalle verdi canne i monti

di Cori son cilestri come il mare.

Forza del Lazio quanto sei soave!

Obliate città  dei re vetusti,

atrii del Citaredo imperiale,

un bel fanciullo vien con le sue capre

e regna i lidi, impube re latino!

Il suo gregge è di numero divino,

nero e bianco a sembianza delle frotte

alate che sorvolano il bel rivo,

pari olocausto al Giorno ed alla Notte.

Quasi fiore l’esigua foce s’apre.

Equa ride alle rondini e alle capre.

LACUS IUTURNAE

Settembre, chiare fresche e dolci l’acque

ove il tuo delicato viso miri;

e dolce m’è nella memoria il mio

natale Aterno in letto d’erbe lente,

e l’Amaseno quando muor domato

presso l’Appia col fratel suo l’Uffente,

e la Cyane ascosa tra i pap’ri,

e la Vella s’ cara alla vitalba.

E pien di deità  dai colli d’Alba

lo specchio di Diana ancor mi luce.

Ma un’altr’acqua al mio sogno è più divina.

Quella m’attingi e ne riempi l’urna.

Sotto la roggia mole palatina

presso il Tempio di Castore e Polluce,

occhio di Roma è il Fonte di Iuturna.

Deh mio misterioso amor lontano!

Alte sul Fòro nel meridiano

silenzio stan le tre colonne parie

come d’argento cui salsezza infoschi.

Gli elci neri sul colle imperiale

sembran ruine dei primevi boschi.

Di ferrigno basalte arde la Via

Sacra tra gli oleandri giovinetti

e i sepolcreti dei Latini prisci.

Si tace il Fonte ne’ suoi marmi lisci

come quando Tarpeia la Vestale

vi discendea con l’anfora d’argilla.

Tremola il capelvenere sul tufo

e sul mattone, l’acqua è glauca, tinge

il suo letto l’unense; una lucerta

su l’ara dei Diòscuri tranquilla

gode in grembo alla dea di lunga face.

Ombre delle farfalle in quella pace!

Poc’acqua accolta, santità  dell’Urbe!

Le custodi del Fuoco sempiterno

scendono alla marmorea piscina?

o i Tindà ridi rossi di latina

strage, per beverare i due cavalli?

Deh lauri nuovi! Presso il puteale

crescono, nel sacrario di Iuturna.

Li veglia la Speranza taciturna.

LA LOGGIA

Settembre, il tuo minor fratello Aprile

fioriva le vestigia di San Marco

a Capodistria, quando navigammo

il patrio mare cui Trieste addenta

co’ i forti moli per tenace amore.

Capodistria, succiso adriaco fiore!

Io vidi nella l’oggia d’un palagio

nidi di balestrucci appesi a travi

fosche, tra mazzi penduli di sorbe.

Cinericcio era il tempo, umido e dolco.

Or laggiù, pel remaggio senza solco,

tu certo aduni i neribianchi stormi,

e quelli di Pirano e di Parenzo,

che si rincontreranno in alto mare

con l’altra compagnia che vien di Chioggia.

E son deserti i nidi nella l’oggia,

e dei mazzi di sorbe son rimase

forse le canne appese pel lor cappio.

S’ode nell’ombra quella parlatura

che ricorda Rialto e Cannaregio.

Una colomba tuba dal bel fregio.

LA MUTA

Settembre, ora nel pian di Lombardia

è già  pronta la muta dei segugi,

de’ bei segugi falbi e maculati

dall’orecchie biondette e molli come

foglie del fiore di magnolia passe.

La muta dei segugi a volpe e a damma

or già  tracciando va per scope e sterpi.

Erta ogni coda in bianca punta splende.

Presso il gran ponte sta Sesto Calende.

Corre il Ticino tra selvette rare,

verso diga di roseo granito

corre, spumeggia su la china eguale,

come labile tela su telaio

c’èlere intesta di nevosi fiori.

Chiudon le grandi conche antichi ingegni,

opere del divino Leonardo.

Il sorriso tu sei del pian lombardo,

o Ticino, il sorriso onde fu pieno

l’artefice che t’ebbe in signoria;

e il diè constretto alle sue chiuse donne.

Oh radure tra l’oro che rosseggia

dello sterpame, tiepide e soavi

come grembi di donne desiate,

s’ che al calcar repugna il cavaliere!

Vanno i cani tra l’èriche leggiere

con alzate le code e i musi bassi,

davanti il capocaccia che gli allena

per mezz’ottobre ai lunghi inseguimenti.

S’ode chiaro squittire in que’ silenzii.

Il suon del corno chiama chi si sbanda

e chi s’attarda e trae la lingua ed ansa.

Già  la virtù si mostra del più prode.

Il buon maestro dell’arte sua si gode:

talor gli ultimi aneliti esalare

sembra l’Estate aulenti sotto l’ugne

del palafren che nel galoppo falca.

E, fornito il lavoro, ei torna al passo

per la carraia ingombra di fascine:

con la sua muta va verso il canile,

va verso Oleggio ricca di filande.

Vapora il fiume le sterpose lande.

LE CARRUBE

Settembre, son mature le carrube.

Or tu pel caldo mare di Cilicia

conduci dalla riva cipriota

la sà ica a scafo tondo e a vele quadre.

Bonaccia, e nel saffiro non è nube.

Germa con sue maggiori quattro vele,

garbo o schirazzo, legni levantini

carichi di baccelli dolci e bruni

conduci verso l’isola dei Sardi.

E vien teco un odor di tetro miele.

La siliqua, che ingrassa la muletta

dall’ambio lene e in carest’a disfama

la plebe dalla bianca dentatura,

lustra come i capelli tuoi castagni

mentre stai su la coffa alla vedetta.

Certo, d’olio di sésamo son unte

quelle tue ciocche in forma di corimbi.

Certo, ritrovi or tu nel gran dolciore

del Mar Cilicio l’obliato carme

che alla Cipride piacque in Amatunte.

Settembre, teco esser vorremmo ovunque!

Il novilunio

Novilunio di settembre!

Nell’aria lontana

il viso della creatura

celeste che ha nome

Luna, trasparente come

la medusa marina,

come la brina nell’alba,

labile come

la neve su l’acqua,

la schiuma su la sabbia,

pallido come

il piacere

su l’origliere,

pallido s’inclina

e smuore e langue

con una collana

sotto il mento s’ chiara

che l’oscura:

silenzioso viso esangue

della creatura

celeste che ha nome Luna,

cui sotto il mento s’incurva

una collana

s’ chiara che l’offusca,

nell’aria lontana

ov’ebbe nome Diana

tra le ninfe eterne,

ov’ebbe nome Selene

dalle bianche braccia

quando amava quel pastore

giovinetto Endimione

che tra le bianche braccia

dormiva sempre.

Novilunio di settembre!

Sotto l’ambiguo lume,

tra il giorno senza fiamme

e la notte senza ombre,

il mare, più soave

del cielo nel suo volume

lento, più molle

della nube

lattea che la montagna

esprime dalle sue mamme

delicate,

il mare accompagna

la melod’a

della terra, la melod’a

che i flauti dei grilli

fan nei campi tranquilli

roca assiduamente,

la melod’a

che le rane

fan nelle pantane

morte, nel fiume che stagna

tra i salci e le canne

lutulente,

la melod’a

che fan tra i vinchi

che fan tra i giunchi

delle ripe rimote

uomini solinghi

tessendo le vermene

in canestre,

con s’ lunghi

indugi su quelle parole

che ritornano sempre.

Novilunio di settembre!

Tal chiaritate

il giorno e la notte commisti

sul letto del mare

non lieti non tristi

effondono ancora,

che tu vedi ancora

nella sabbia le onde

del vento, le orme

dei fanciulli, le conche

vacue, le alghe

argentine,

gli ossi delle seppie,

le guaine

delle carrube,

e vedi nella siepe

rosseggiar le nude

bacche delle rose canine

e nel campo la pannocchia

dalla barba d’oro

lucere, che al plenilunio

su l’aia il coro

agreste monderà  con canti,

e nella vigna

il grappolo d’oro

che già  fu sonoro d’api,

e nel verziere il fico

che dall’ombelico stilla

il suo miele,

e su la soglia del tugurio

biancheggiar la conocchia

dell’antica madre che fila,

che fila sempre.

Novilunio di settembre,

dolce come il viso

della creatura

terrestre che ha nome

Ermione, tiepido come

le sue chiome,

umido come il sorriso

della sua bocca

umida ancóra

della prima uva matura,

breve come la sua cintura

nel cielo verde

come la sua veste!

Ha tremato

nella sua veste

verde che odora

ad ogni passo

come un cespo ad ogni fiato,

ha tremato

al primo gelo notturno

ella che a mezzo il giorno

dorm’ con la guancia

sul braccio curvo

e si svegliò con le tempie

madide, con imperlato

il labbro, nella calura,

vermiglia come un’aurora

aspersa di calda rugiada

e sorridente.

E io le dico: «O Ermione,

tu hai tremato.

Anche agosto, anche agosto

andato è per sempre!

Guarda il cielo di settembre.

Nell’aria lontana

il viso della creatura

celeste che ha nome

Luna, con una collana

sotto il mento s’ chiara

che l’oscura,

pallido s’inclina e muore…»

Ma dice Ermione,

non lieta non triste:

«T’inganni. Quella ch’è s’ chiara

è la falce

dell’Estate, è la falce

che l’Estate abbandona

morendo, è la falce

che falciò le ariste

e il papavero e il c’ano

quando fior’ano

per la mia corona

vincendo in lume il cielo e il sangue;

ed è la faccia dell’Estate

quella che langue

nell’aria lontana, che muore

nella sua chiaritate

sopra le acque

tra il giorno senza fiamme

e la notte senza ombre,

dopo che tanto l’amammo,

dopo che tanto ci piacque;

e la sua canzone

di foglie di ali di aure di ombre

di aromi di silenzii e di acque

si tace per sempre;

e la melod’a di settembre,

che fanno i flauti campestri

ed accompagna il mare

col suo lento ploro,

non s’ode lassù nell’aria

lontana ov’ella spira

solitaria

il suo spirto odorato

di alga di résina e di alloro;

e l’uomo che s’attarda

in tessere vermene

già  fece del grano mannelle

ed or fa canestri

per l’uva, con un canto eguale,

e tutto è obliato;

obliato anche agosto

sarà  nell’odor del mosto,

nel murmure delle api d’oro;

per tutto sarà  l’obl’o,

per tutto sarà  l’obl’o;

e niuno più saprà 

quanto sien dolci

l’ombre dei voli

su le sabbie saline,

l’orme degli uccelli

nell’argilla dei fiumi,

se non io, se non io,

se non quella che andrà 

di là  dai fiumi sereni,

di là  dalle verdi colline,

di là  dai monti cilestri,

se non quella che andrà 

che andrà  lungi per sempre,

e non con le tue rondini, o Settembre!»

Il commiato

L’Alpe di Mommio un pallido velame

d’ulivi effonde al cielo di giacinto,

come un colle dell’isola di Same

o di Zacinto.

Il Monte Magno di più cupo argento

fascia la sua piramide; il Matanna

è porpora e viola come il lento

fior della canna.

O canneti lunghessi i fiumicelli

di Camaiore, appreso ho il vostro carme.

Vedess’io rosseggiare gli albatrelli

sul Monte Darme!

Dal Capo Corvo ricco di viburni

i pini vedess’io della Palmaria

che col lutto de’ marmi suoi notturni

sta solitaria!

Potess’io sostenerti nella mano,

terra di Luni, come un vaso etrusco!

In te amo il divin marmo apuano,

l’umile rusco;

amo la tua materia prometèa,

la sabbia delle tue selve aromali,

l’aquila dei tuoi picchi, la ninfea

de’ tuoi canali.

Potesse l’arte mia, da Val di Serchio

a Val di Magra e per le Pà nie al Vara

e al Golfo, tutta stringerti in un cerchio

con l’alpe a gara!

Troppo è grave al mio cor la dipartenza.

Come dal corpo, l’anima si esilia

dal marmo che biancheggia tra l’Avenza

e la Versilia.

Tempo è di morte. In qualche acqua torpente

or perisce la dolce carne erbale.

Strider non s’ode falce ma si sente

odor letale.

D’ruta la Cerà giola rosseggia,

là  dove Serravezza è co’ due fiumi,

quasi che fero sangue in ogni scheggia

grondi e s’aggrumi.

Sta nella cruda nudità  rupestre

il Gà bberi irto qual ferrato casco.

Ecco, e su i carri per le vie maestre

passa il falasco.

Metuto fu dalla più grande falce

nella palude all’ombra del Quiesa,

ove raggiato di vermène il salce

par chioma accesa

tra cannelle di stridulo oro secco,

tra pigro sparto di pallor bronzino.

Su l’acqua un lampo di smeraldo, e il becco

tuffa il piombino.

Deh foss’io sopra un burchio per la cuora

navigando, e di tifa e di sparganio

carico ei fosse, e fóssevi alla prora

fitto un bucranio

o un nibbio con aperte ali, e vi fosse

odore di garofalo nel mucchio

per qualche cunzia dalle barbe rosse

onde il suo succhio

s’ caro all’arte dell’aromatario

stillasse fra l’erbame, e resupino

vi giacessi io mirando il solitario

ciel iacintino;

e scendessi cos’, tra l’acqua e il cielo

con l’alzaia la Fossa Burlamacca

albicando qual prato d’asfodèlo

la morta lacca;

e traesse il bardotto la sua fune

senza canto per l’argine; ed io, corco

sul mucchio, mi credessi andare immune

di morte all’Orco!

Ma cade il vespro, e tempo è d’esulare;

e di sogni obliosi in van mi pasco.

Su i gravi carri lungo le vie chiare

passa il falasco.

Sono s’ vasti i cumuli spioventi

che il timone soperchiano dinnanzi

e il giogo c’èlano e le corna e i lenti

corpi dei manzi,

onde sembran di lungi per sé mossi

e tra la polve aspetto hanno di strani

animali dai gran lanosi dossi,

dai ventri immani.

In fila vanno verso Pietrasanta,

strame ai presepi, ai campi aridi ingrasso.

L’un carrettiere vócia e l’altro canta

a passo a passo.

E tutta la Versilia, ecco, s’indora

d’una soavità  che il cor dilania.

Mai fosti bella, ahimè, come in quest’ora

ultima, o Pania!

O Tirreno, Mare Infero, s’accende

sul tuo specchio l’insonne occhio del Faro;

ti veglia e guarda con le sue tremende

navi d’acciaro

la Città  Forte dietro il Caprione

sacro agli Itali come ai Greci il Sunio;

t’è scheggia della spada d’Orione

il novilunio;

come sia fatta l’ombra, alla tua pace

verseranno lor lacrime le Atlà ntidi,

ti condurrà  l’ignavo Artofilace

l’Orse erimà ntidi;

s’udrà  pe’ curvi lidi il tuo respiro

solo nell’ombra senza mutamento;

solo rispecchierai l’immenso giro

del firmamento.

O Mare, o Alpe, ed io sarò lontano

con nel mio cuor la torbida mia cura!

Splende la cima del mio cuore umano

nell’ode pura.

Ode, innanzi ch’io parta per l’esilio,

risali il Serchio, ascendi la collina

ove l’ultimo figlio di Vergil’io,

prole divina,

quei che intende i linguaggi degli alati,

strida di falchi, pianti di colombe,

ch’eguale offre il cor candido ai rinati

fiori e alle tombe,

quei che fiso guatare osò nel c’èsio

occhio e nel nero l’aquila di Pella

e ud’ nova cantar sul vento etèsio

Saffo la bella,

il figlio di Vergil’io ad un cipresso

tacito siede, e non t’aspetta. Vola!

Te non reca la femmina d’Eresso,

ma va pur sola;

ché ben t’accoglierà  nella man larga

ei che forse era intento al suono alterno

dei licci o all’ape o all’alta ora di Barga

o al verso eterno.

Forse il libro del suo divin parente

sarà  con lui, su’ suoi ginocchi (ei coglie

ora il trifoglio aruspice virente

di quattro foglie

e ne fa segno del volume intonso,

dove T’tiro canta? o dove Enea

pe’ meati del monte ode il responso

della Cumea?).

Forse la suora dalle chiome lisce,

se i ferri ella abbandoni ora ch’è tardi

e chiuda nel forziere il lin che aulisce

di spicanardi,

sarà  con lui, trista perché concilio

vide folto di rondini su gronda.

E tu gli parla: «Figlio di Vergil’io,

ecco la fronda.

Ospite immacolato, a te mi manda

il fratel tuo diletto che si parte.

Pel tuo nobile capo una ghirlanda

curvò con arte.

E chi coronerà  oggi l’aedo

se non l’aedo re di solitudini?

Il crasso Scita ed il fucato Medo

la Gloria ha drudi;

e, se barbarie genera nel vento

nuovi mostri, non più contra l’orrore

discende Febo Apollo arco-d’-argento

castigatore.

Ma tu custode sei delle più pure

forme, Ospite. Col polso che non langue

il prisco vige nelle tue figure

gentile sangue.

Gli uomini il tuo pensier nutre ed irradia,

come l’ulivo placido produce

agli uomini la sua bacca palladia

ch’è cibo e luce.

Per ciò dal fratel tuo questa fraterna

ghirlanda ch’io ti reco messaggera

prendi: non pesa: ell’è di fronda eterna

ma s’ leggera.

Fatta è d’un ramo tenue che crebbe

tra l’Alpe e il Mare, ov’ebbe il Cuor de’ cuori

selvaggio rogo e il Buonarroti v’ebbe

i suoi furori.

L’artefice nel flettere lo stelo

vedea sul Sagro le ferite antiche

splendere e su l’Altissimo l’anelo

peplo di Nike.

Altro è il Monte invisibile ch’ei sale

e che tu sali per l’opposta balza.

Soli e discosti, entrambi una immortale

ansia v’incalza.

Or dove i cuori prodi hanno promesso

di rincontrarsi un d’, se non in cima?

Quel d’ voi canterete un inno istesso

di su la cima».

Ode, cos’ gli parla. Ed alla suora,

che vedrai di dolcezza lacrimare,

dà  l’ultimo ch’io colsi in su l’aurora

giglio del mare.

Audio Lezioni su Gabriele D’Annunzio del prof. Gaudio

Ascolta “Gabriele D’Annunzio” su Spreaker.