Meriggio

MERIGGIO

A mezzo il giorno
sul Mare etrusco
pallido verdicante
come il dissepolto
bronzo dagli ipogei, grava                                          5
la bonaccia. Non bava
di vento intorno
alita. Non trema canna
su la solitaria
spiaggia aspra di rusco,                                             10
di ginepri arsi. Non suona
voce, se ascolto.
Riga di vele in panna
verso Livorno
biancica. Pel chiaro                                                    15
silenzio il Capo Corvo
l’isola del Faro
scorgo; e più lontane,
forme d’aria nell’aria,
l’isole del tuo sdegno,                                                20
o padre Dante,
la Capraia e la Gorgona.
Marmorea corona
di minaccevoli punte,

le grandi Alpi Apuane                                               25
regnano il regno amaro,
dal loro orgoglio assunte.

La foce è come salso
stagno. Del marin colore,
per mezzo alle capanne,                                           30
per entro alle reti
che pendono dalla croce
degli staggi, si tace.
Come il bronzo sepolcrale
pallida verdica in pace                                              35
quella che sorridea.
Quasi letèa,
obliviosa, eguale,
segno non mostra
di corrente, non ruga                                                40
d’aura. La fuga
delle due rive
si chiude come in un cerchio
di canne, che circonscrive
l’oblìo silente; e le canne                                          45
non han susurri. Più foschi
i boschi di San Rossore
fan di sé cupa chiostra;
ma i più lontani,

verso il Gombo, verso il Serchio,                            50
son quasi azzurri.
Dormono i Monti Pisani
coperti da inerti
cumuli di vapore.

Bonaccia, calura,                                                        55
per ovunque silenzio.
L’Estate si matura
sul mio capo come un pomo
che promesso mi sia,
che cogliere io debba                                                 60
con la mia mano,
che suggere io debba
con le mie labbra solo.
Perduta è ogni traccia
dell’uomo. Voce non suona,                                     65
se ascolto. Ogni duolo
umano m’abbandona.
Non ho più nome.
E sento che il mio volto
s’indora dell’oro                                                          70
meridiano,
e che la mia bionda
barba riluce
come la paglia marina;

sento che il lido rigato                                               75
con sì delicato
lavoro dall’onda
e dal vento è come
il mio palato, è come
il cavo della mia mano                                              80
ove il tatto s’affina.

E la mia forza supina
si stampa nell’arena,
diffondesi nel mare;
e il fiume è la mia vena,                                             85
il monte è la mia fronte,
la selva è la mia pube,
la nube è il mio sudore.
E io sono nel fiore
della stiancia, nella scaglia                                        90
della pina, nella bacca
del ginepro; io son nel fuco,
nella paglia marina,
in ogni cosa esigua,
in ogni cosa immane,                                                  95
nella sabbia contigua,
nelle vette lontane.
Ardo, riluco.
E non ho più nome.

E l’alpi e l’isole e i golfi                                               100
e i capi e i fari e i boschi
e le foci ch’io nomai
non han più l’usato nome
che suona in labbra umane.
Non ho più nome né sorte                                         105
tra gli uomini; ma il mio nome
è Meriggio. In tutto io vivo
tacito come la Morte.

E la mia vita è divina.

 

Le madri

Su le Lame di Fuore,

nel salso strame,

nelle brune giuncaie,

nell’erbe gialle,

oziano a branchi

le saure e baie

cavalle

di San Rossore.

Altre su i banchi

di sabbia, altre nell’acqua

immerse fino al ventre,

s’ammusano; mentre

le groppe al sole

rilucono, chiare, scure,

d’oro, di rame.

Su le Lame, cui adduce

anatre il verno,

oziano nella luce

pura le feconde,

coi gravidi fianchi

immote in una massa

placida. Sole

su l’acqua bassa

le lunghe code

con moto eterno

ondeggiano. S’ode

a quando a quando

fremito delle froge

umide, sbuffare

ansare leggero,

tremulo nitrito,

nella foce silente;

cui dal lito risponde

fievole risucchio

del mare. Taluna

esce del mucchio, annusa

l’acqua, s’abbevera lenta;

poi guata verso il monte

su cui s’aduna

fumoso il nembo;

poi si rivolge e ammusa.

E ondeggiano le code

lente sul riposo

della mandra ferace.

Teco, o Luce pura,

teco attendono in pace

la genitura

le Madri.

Lunge per l’aria chiara

appar grande e soave

cerula e bianca

l’Alpe di Carrara,

cerula d’ombre

bianca di cave.

Ma ingombre del muto

nembo che si prepara

son le cime ov’hanno

con l’aquile nido

le folgori corusche.

Odor di l’unge acuto,

dalle pinete

verdi e fulve, nelle bave

rare del vento giunge

alla quiete.

Ed ecco una nave,

ecco le vele etrusche

partitesi dal lito

di Luni lunato

e niveo di marmi.

Ecco una nave in vista

tra il Serchio e il Gombo.

È carica di marmi,

è carica di sogni

dormenti nel profondo

candore ignoti e soli.

E il mio spirito evòca

il tuo folle Evangelista,

o Buonarroti,

il figlio della Terra

e del Genio che l’affoca;

vede la gran persona

che si torce nell’angoscia

del masso che lo serra,

onde si sprigiona a guerra

l’aspro ginocchio, e la coscia

d’osso e di muscoli enorme.

Nella carena dorme

l’incarco fecondo

di forme,

tratto dall’erme cave,

rapito al grembo dell’Alpe.

Nel grembo della nave

dormono le bianche moli.

Attendon dai sogni soli

la genitura

le Madri.

 

Albàsia

O mattin nuziale

tra il Mar pisano

e l’Alpe lunense!

O nozze immense

e brevi!

La nube formosa

disposa

il monte che a lei sale,

l’ombra d’entrambi il piano,

la dolce acqua il sale,

la canna il tralcio,

il salcio

la florida stiancia,

l’argano la bilancia

su la foce pescosa,

la mia rima il mio giòlito,

l’algosa

arena i tuoi piè lievi,

o Ermione.

E il cielo è nivale

come su la tua guancia

ondata il velo

insolito.

Il mare è d’opale

con vene di crisòlito,

come i mari dell’Asia,

immoto albore

di gemme fuse.

Brillano le meduse

a fiore

dell’immerso banco.

E tutto è bianco,

presso e lontano.

È grande albàsia

da lido a lido,

come allor che fa il nido

sul Mar sicano

la sposa Alcyone.

L’Alpe sublime

Svégliati, Ermione,

sorgi dal tuo letto d’ulva,

o donna dei liti.

Mira spettacolo novo,

gli Iddii appariti

su l’Alpe di Luni

sublime!

Occidue nubi, corone

caduche su cime

eterne.

Ma par che s’aduni

concilio di numi

grande e solenne

tra il Sagro e il Giovo,

tra la Pania e la Tambura,

e che l’aquila fulva

del Tonante

su le sante

sedi apra tutte le penne.

Oh silenzii tirrenii

nel destero Gombo!

Solitudine pura,

senz’orme!

Candore dei marmi lontani,

statua non nata,

la più bella!

Dormono i Monti Pisani,

grevi, di cerulo piombo,

su la pianura

che dorme.

Altra stirpe di monti.

Non han numi, non genii,

non aruspici in lor caverne,

non impeti d’ardore

verso i tramonti,

non insania, non dolore;

ma dormono su la pianura

che dorme.

Oh Alpe di Luni,

davanti alla faccia del Mare

la più bella,

rupe che s’infutura,

oh Segno che l’anima cerne,

grande anelito terrestro

verso il Maestro

che crea,

materia prometèa,

altitudine insonne,

alata,

Inno senza favella,

carne delle statue chiare,

gloria dei templi immuni,

forza delle colonne

alzata,

sostanza delle forme

eterne!

 

Il Gombo

L’immensità del duolo,

del lutto immedicabile senza

fine, terrestre fatta

qual Niobe nell’umida rupe,

quivi abitava sembra

nel lito deserto, nell’alpe

ardua, nella selva

che piange il suo pianto aromale.

Tutto è quivi alto e puro

e funebre come le plaghe

ove duran nel Tempo

i grandi castighi che inflisse

il rigor degli iddii

agli uomini obliosi del sacro

limite imposto all’ansia

del lor desiderio immortale.

Tre disse quivi immense

parole il Mistero del Mondo,

pel Mare pel Lito per l’Alpe,

visibile enigma divino

che inebria di spavento

e d’estasi l’anima umana

cui travagliano il peso

del corpo e lo sforzo dell’ale.

Poi che non val la possa

della Vita a comprendere tanta

bellezza, ecco la Morte

che braccia più vaste possiede

e silenzii più intenti

e rapidità più sicura;

ecco la Morte, e l’Arte

che è la sua sorella eternale:

quella che anco rapisce

la Vita e la toglie per sempre

all’inganno del Tempo

e nuda l’inalza tra l’Ombra

e la Luce, e le dona

col ritmo il novello respiro:

ecco la Morte e l’Arte

apparsemi nel cerchio fatale.

O Niobe, l’antico

tuo grido odo alzarsi repente

al cospetto del Mare,

e il tuo disperato dolore

chiamar le figlie e i figli

per l’inesorabile chiostra,

e stridere odo l’arco

forte e sibilare lo strale.

«Tera, Ftia, Cleodossa,

Astìoche, Pelòpia, Fedìmo!»

Tu chiami; e i dolci nomi,

i nomi che furono il miele

della tua bocca, o Madre,

si frangon nell’ululo crudo

come pel mìssile oro

l’incolpevole fior filiale.

Procombono sul petto

sul fianco, procombono i corpi

floridi, i giovinetti

venusti, le vergini leni;

copron la sabbia amara,

mescono le chiome alle spume

non il sangue: incruenta

è la piaga dell’oro letale.

Procombono, stanno

ai tuoi piedi, o Madre demente!

Poi tutto è marmo, immota

bellezza, effigiato silenzio.

L’immensità del duolo

è fatta terrestre e marina.

Il Mare il Lito l’Alpe

sono il tuo simulacro ferale.

O Tantalide audace,

io veggo il tuo bellissimo vólto

impietrato e il tuo pianto

nella solitudine esangue,

e il sacrilego orgoglio

che feceti chiedere altari

per la generatirce

virtù del tuo grembo mortale.

Tutto è quivi alto e puro

e funebre e ai cieli superbo,

memore dell’umane

grandezze e dei castighi divini.

Ed in nessuna plaga

con più guerra, ahi, l’anima audace

travagliarono il peso

del corpo e lo sforzo dell’ale.

Anniversario orfico

P.B.S. VIII Luglio MDCCCXXII

Udimmo in sogno sul deserto Gombo

sonar la vasta bùccina tritonia

e da Luni diffondersi il rimbombo

a Populonia.

Dalle schiume canute ai gorghi intorti

fremere udimmo tutto il Mare nostro

come quando lo v’èrberan le forti

ale dell’Ostro.

E trasalendo «Odi, sorella» io dissi

«odi l’annuncio dell’enfiata conca?

Forse per noi risale dagli abissi

la testa tronca,

la testa esangue del treicio Orfeo

che, rapita dal freddo Ebro alla furia

bassàrica, sen venne dell’Egeo

al mar d’Etruria».

Quasi fucina il vespro ardea di cupi

fuochi; gridavan l’aquile nell’alto

cielo, brillando il crine delle rupi

qual roggio smalto.

Come profusi fuor dell’urne infrante

parean ruggir nell’affocato cerchio

i fiumi, l’Arno del selvaggio Dante,

la Magra, il Serchio.

Ed ella disse: «Non l’Orfeo treicio,

non su la lira la divina testa,

ma colui che si diede in sacrificio

alla Tempesta.

Oggi è il suo giorno. Il nàufrago risale,

che venne a noi dagli Angli fuggitivo,

colui che amava Antigone immortale

e il nostro ulivo».

Dissi: «O veggente, che faremo noi

per celebrar l’approdo spaventoso?

Invocheremo il coro degli Eroi?

Tremo, non oso.

Questo naufrago ha forse gli occhi aperti

e negli occhi l’imagine d’un mondo

ineffabile. Ei vide negli incerti

gorghi profondo.

E tolto avea Promèteo dal rostro

del vùlture, nel sen della Cagione

svegliato avea l’originario mostro

Demogorgóne!»

Disse ella: «Gli versavan le melodi

i V’ènti dai lor carri di cristallo,

il silenzio gli Spiriti custodi

bui del metallo,

il miel solare nella boccha schiusa

le musiche api che nudrito aveano

Sofocle, il gelo gli occhi d’Aretusa

fiore d’Oceano».

Dissi: «Ei ghermì la nuvola negli atrii

di Giove, su l’acroceraunio giogo

la folgore. Non odi i boschi patrii

offrirgli il rogo?

Mira funebre letto che s’appresta,

estrutto rogo senza la bipenne!

Vengono i rami e i tronchi alla congesta

ara solenne.

E caduto dal ciel l’arde il divino

fuoco. Scrosciano e colano le gomme.

Spazia l’odor del limite marino

all’Alpi somme».

Ella disse: «A noi vien per aver pace

il nàufrago che il Mar di gorgo in gorgo

travolse. Altra nel cielo che si tace

anima scorgo.

Placa te stesso e l’ospite! Il mortale,

ch’evocò la gran Niobe di pietra

su dal silenzio e trarre udì lo strale

dalla faretra,

èvochi presso il nàufrago silente

la lacrimata figlia di Giocasta,

la regia virgo nelle pieghe lente

del peplo casta,

Antigone dall’anima di luce,

Antigone dagli occhi di viola,

l’Ombra che solo nell’esilio truce

egli amò sola.

Ecco il giglio per quelle morte chiome,

il fiore inespugnabile del nudo

Gombo, il tirreno fior che ha il greco nome

del doppio ludo,

ecco il pancrazio». Io dissi: «No, ‘l corremo.

Intatto sia tra l’uno e l’altro il fiore.

Vegli con noi quest’Ombre ed il supremo

lor sacro amore».

Terra, Vale!

Tutto il Cielo precipita nel Mare.

S’intenebrano i liti e si fan cavi,

talami dell’Eumenidi avernali.

Nubi opache sul limite marino

alzano in contro mura di basalte.

Solo tra le due notti il Mar risplende.

presa e constretta negli intorti gorghi,

come una preda pallida, è la luce.

La tempesta ha divelto con furore

i pascoli nettunii dalle salse

valli ove agguatano i ritrosi mostri.

Alghe livide, fuchi ferrugigni,

nere ulve di radici multiformi

fanno grande alla morta foce ingombro,

natante prato cui nessuna greggia

morderà, calcherà nessun pastore.

Virtù si cela forse nelle fibre

sterili, che trasmuta il petto umano?

O mito del mortale fatto nume

cerulo, rinnov’èllati nel mio

desiderio del flutto infaticato!

Tutto il Cielo precipita nel Mare.

Preda è la luce dei viventi gorghi,

forse immolata per l’eternità.

Ditirambo II

Io fui Glauco, fui Glauco, quel d’Antèdone.

Trepidar ne’ precordii

sentii la deità, sentii nell’intime

midolla il freddo fremito

della potenza equorea trascorrere

di repente, io terrìgena,

io mortal nato di sostanza efimera,

io prole della polvere!

Memore sono della metamorfosi.

L’anima si fa pelago

nel rimembrare, s’inazzurra ed èstua,

e le foci vi sboccano

dei mille fiumi che mi confluirono

sul capo: nel rigùrgito

immenso novamente par dissolversi

quest’ossea compagine.

O Iddii profondi, richiamate l’esule,

però ch’ei sia miserrimo

nella sua carne d’acro sangue irrigua,

lasso ne’ suoi piè debili

che per lotosi tramiti s’attardano,

dopo ch’ei fu l’indomita

forza del flutto convertita in muscoli

tòrtili per attorcere,

dopo che le correnti dell’Oceano

gli furon giogo a tessere

le divine di sé vicissitudini

come su trama vitrea.

O Iddii profondi, richiamate l’esule

triste, purificatelo

sotto i fiumi lustrali ìnferi e sùperi,

la deità rendetegli!

Memore sono. Era già fatto il vespero

su l’acque; ma i cieli ultimi

ardevano d’un foco inestinguibile,

e i golfi e i promontorii

e l’isole di contro negreggiavano

come are senza vittime

già notturni, allorché sostai nel pascolo

nettunio, presso il limite

marino. Onusto di gran preda, sùbito

votai su l’erbe i néssili

miei lini a noverar la mia dovizia.

Poi del confuso cumulo

feci schiere ordinate. E in cor godevami

tante squame rilucere

veggendo per quel bruno intrico; «I néssili

miei lini e i piombi e i sugheri

t’appenderò nel tempio, o dio propizio»

in cor disse il grato animo.

E allor vidi i pesci più risplendere,

vidi le pinne battere

e le branchie alitare e per le scaglie

lampi di forza correre.

E, come quando il nume di Diòniso

invade le Bassaridi

e si disfrena giù pe’ monti il Tìaso,

la muta gente parvemi

infuriare, cedere a un’incognita

virtù, di sacra fervere

insania. «Qual prodigio è questo? Ahi misero

me!» gridai per grandissimo

spavento; ché la preda mia fuggivasi

a gara con vipèrea

rapidità, balzando e dileguandosi.

«Me misero! Un dio fecemi

questo? e nell’erba è la possanza?» Attonito

mi rimasi. Il silenzio

era divino nella solitudine.

Era già fatto il vespero,

ma lungamente i cieli ultimi ardevano.

Udir parvemi bùccina

cupa sonar l’ungh’essi i promontorii

selvosi; udire parvemi

canti fatali spandersi dall’isole.

E quasi inconsapevole

la man correami per quell’erba strania,

meditando io nell’animo

il prodigio. Divelsi dalle radiche

gli steli foschi; e, simile

a capra di virgulti avida, mordere

incominciai, discerpere

e mordere. Rigavami le fauci

il suco, ne’ precordii

scendeami, tutto il petto conturbandomi.

«O terra!» gridai. Fumida

era la terra intorno come nuvola

che fosse per dissolversi

ne’ cieli, sotto i piedi miei fuggevole.

E un amore terribile

sorgeva in me, dell’infinito pelago,

dell’amara salsedine,

degli abissi, dei vortici e dei turbini.

La mia carne era libera

della gravezza terrestre. Nascevami

dall’imo cor l’imagine

d’un’onda ismisurata e per le pàlpebre

mi si svelava il cerulo

splendor del sangue novo, e il collo e gli òmeri

dilatarsi parevano

e le ginocchia giugnersi, le scaglie

su per la pelle crescere,

gelidi guizzi correre pei muscoli.

«Terra, vale!» Precipite

caddi nel gorgo, mi sommersi, l’infima

toccai valle oceanica,

uomo non più, non anco dio, ma immemore

della terra e degli uomini.

Fiumi correnti, odo il sublime sònito

di voi sempre nell’anima,

fiumi sgorganti d’ogni scaturigine,

leni di pace o rauchi

di violenza, caldi come l’aure

nove che v’arrecarono

l’alluvione copiosa o frigidi

come i nivali vertici

onde scendeste inviolati, d’auree

sabbie flavi o sanguinei

d’argille, pingui di limo o più limpidi

che l’etere sidereo!

Cento e cento passarono passarono

sul mio capo. La fluida

vita dell’orbe mi fluì su gli òmeri

proni, con ineffabile

melodìa. L’Acheronte, il gran tartareo

pianto, anche sentii volvere

su me nel cieco suo pallore i petali

rapiti al prato asfòdelo.

Tutte l’acque rombarono crosciarono

su me sommerso, tolsero

ogni terrestrità dal corpo immemore

della sua dura nascita.

E mi risollevai dio verso l’etere

santo; spirai grande alito

che una nave d’eroi sospinse. Io auspice

apparvi agli Argonauti!

Di su la prora chino il cantor tracio

raccolse il vaticinio.

E presso lui, d’oro chiomato, florido

della prima lanugine,

(sentendo l’immortalità, saltavagli

il cuore sotto il bàlteo

splendido) presso Orfeo figlio d’Apolline

era il fratello d’Elena.

O Iddii profondi, richiamate l’esule,

la deità rendetegli!

Io fui Glauco, fui Glauco, quel d’Antèdone.

La terra m’è supplizio.

Ecco, tutta la luce è nel Mare Infero,

e per ovunque è tenebra.

O nunzia di prodigi Alba oceanica!

Nel gorgo mi precipito.

L’oleandro

I.

Erigone, Aretusa, Berenice,

quale di voi accompagnò la notte

d’estate con più dolce melodìa

tra gli oleandri lungo il bianco mare?

Sedean con noi le donne presso il mare

e avea ciascuna la sua melodìa

entro il suo cuore per l’amica notte;

e ciascuna di lor parea contenta.

E sedevamo su la riva, esciti

dalle chiare acque, con beato il sangue

del fresco sale; e gli oleandri ambigui

intrecciavan le rose al regio alloro

su ‘l nostro capo; e il giorno di sì grandi

beni ci avea ricolmi che noi paghi

sorridevamo di riconoscenza

indicibile al suo divin morire.

«Il giorno» disse pianamente Erigone

verso la luce «non potrà morire.

Mai la sua faccia parve tanto pura,

non ebbe mai tanta soavità.»

Era la sua parola come il vento

d’estate quando ci disseta a sorsi

e nella pausa noi pensiamo i fonti

dei remoti giardini ov’egli errò.

L’udii come s’io fossi ancor sommerso

e la sua voce avesse umido velo.

Ma reclinai la gota, e d’improvviso

tiepida come sangue dalla conca

dell’udito sgorgò l’acqua marina.

Pur, profondando nella sabbia i nudi

piedi, io sentia partirsi lentamente

il buon calor del tramontato sole.

E chi recise all’oleandro un ramo?

Io non mi volsi, ma l’amarulenta

fragranza della linfa della fresca

piaga mi giunse alle narici, vinse

l’odor muschiato dei vermigli fiori.

«O Glauco» disse Berenice «ho sete.»

Ed Aretusa disse: «O Derbe, quando

fiorì di rose il lauro trionfale?»

Ella ben sapea quando, ma non Derbe

inesperto in foggiar lucidi miti.

Ed il cuore profondo mi tremò,

tremò della divina poesia.

Ond’io pregava: «O desiderii miei,

stirpe vorace e vigile, dormite!

E voi lasciate che nel vostro sonno

io mi cinga del lauro trionfale!»

Tutto allora fu grande, anche il mio cuore.

Oh poesia, divina libertà!

Ergevasi con mille cime l’Alpe

grande, quasi con volo di mille aquile,

per il salir d’impetuosa forza

dalle sue dure viscere di marmo

onde l’uom che non volle umana prole

trasse i suoi muti figli imperituri.

E le curve propaggini dell’Alpe

si protendeano ad abbracciare il mare;

ed il mare splendeva di candore

meraviglioso nel l’unato golfo

con la bellezza delle donne nostre.

E quella luce un rinascente mito

fece di voi sull’irraggiato mondo,

Erigone, Aretusa, Berenice!

Così ci parve riudire il canto

delle Sirene, dalla nave concava

di prora azzurra, fornita di ponti,

veloce, in un doloroso ritorno

spinta dal vento al frangente del mare,

né ci difese Odisseo dal periglio

con la sua cera; ma il cuore, non più

libero, novellamente anelava.

II.

«O Glauco», disse Berenice «ho sete.

Dov’è la fonte? dove sono i frutti?

Dov’è Cyane azzurra come l’aria?

Dove coglierai tu con le tue mani

l’arancia aurata nella cupa fronda?

Come ci dissetammo! E tanto era soave

il dissetarsi che desiderammo

l’ardente sete. Al par di noi chi seppe

distinguere il sapore d’ogni frutto

e la maturità dal suo colore?

distinguere d’ogni acqua la freschezza

e ritrovar la sua più fredda vena?

e regolar le labbra al vario bere

e il sorso modular come una nota?

L’imagine di me nell’acque amavi.

Dell’amore di me arsi inclinata,

sì bella nel ninfale specchio fui.

Io fui Cyane azzurra come l’aria.

Tu mi ghermisti fra natanti foglie.

L’ombra divina mi trasfigurò.

Un fiore subitaneo s’aperse

tra i miei ginocchi. Vincolata fui

da verdi intrichi, fra radici pallide

come i miei piedi, con segreto gelo.

Il sol divino mi trasfigurò.

Anelli innumerevoli alle dita

furommi i raggi, pettini ai capelli,

monili al collo, e veste tutta d’oro.

O Aretusa, perché non ho il tuo nome?

Nascesti tu nell’isola di Ortigia

come l’amor del violento fiume?

La sirena scagliosa abbeveravi,

già fatto il vespero, al tacer dei flauti.

Diedi io le canne ai flauti dei pastori.

Io fui Cyane azzurra come l’aria.

L’acqua sorgiva mi resto negli occhi;

la lenta correntìa mi levigò.

O Glauco, ti sovvien della Sicilia

bella?» Ed io più non vidi la grande Alpe,

il bianco mare. Io dissi: «Andiamo, andiamo!»

«Ti sovvien della bella Doriese

nomata Siracusa nell’effigie

d’oro co’ suoi delfini e i suoi cavalli,

serto del mare? Noi scoprimmo un giorno,

stando su l’Acradina, la triere

che recava da Ceo l’Ode novella

di Bacchilide al re vittorioso.

Udivasi nel vento il suon del flauto

che regolava l’impeto dei remi,

or sì or no s’udiva il canto roco

del celeùste; ma silenziosa

l’Ode, foggiata di parole eterne,

più lieve che corona d’oleastro,

onerava di gloria la carena.

Scendemmo al porto. Ti sovvien dell’ora?

Un rogo era l’Acropoli in Ortigia;

ardevano le nubi sul Plemmirio

belle come le statue sul fronte

dei templi; parea teso dalla forza

di Siracusa il grande arco marino.

E noi gridammo, e un sùbito cl’amore

corse lungo le stoe quando la nave

piena d’eternità giunse all’approdo.

Portatrice di gloria, ella vivea

magnanima, sublime. Giù pe’ trasti

anelava l’anelito servile;

s’intravedean su’ banchi sovrapposti

i remiganti ignudi unti d’oliva:

la lor fatica ansava dai portelli;

il giglione del remo ai raggi obliqui

lucea come la scapula; un ferigno

odore si spandea, quasi di belve.

E non di quell’anelito servile

era viva la nave, non del sangue

e dell’ossa pesanti ne’ suoi fianchi;

ma sì vivea divinamente d’una

cosa ch’ella recava d’oltremare,

più lieve che corona d’oleastro:

l’Ode, foggiata di parole eterne».

«È vero, è vero!» io dissi. «Mi sovviene».

Ed il cuore profondo mi tremò,

tremò della divina poesia.

«Mi sovviene. Era l’Ode trionfale:

“Canta Demetra che regna i feraci

campi siciliani, e la sua figlia

cinta di violette! Canto, o Cl’io,

dispensatrice della dolce fama,

la corsa dei cavalli di Ierone!

Nike ed Aglaia eran con essi quando

trasvolavano…” E l’anima invelata

di sogni andava per le lontananze

dei tempi verso i gloriosi approdi

piena d’eternità come la nave

di Ceo. Passammo gli ellesponti, i golfi,

l’isole, gli arcipelaghi, le sirti:

riverimmo le foci dei paterni

fiumi, pregammo i promontorii sacri,

salutammo le bianche cittadelle

custodite da Pallade rupestri;

varcammo l’Istmo pel diolco. Quivi

eroi vedemmo e Pindaro con loro.

Ed obliammo l’usignuol di Ceo

per l’aquila tebana. Era la tua

mitica luce sul Tirreno, o madre

Ellade, ed era bella come i tuoi

monti la nuda Alpe di Luni, o madre

Ellade, come i tuoi monti bellissima

era, onde a te discesero le stirpi

degli Immortali che incedeano al fianco

degli Efimeri sopra il dominato

dolore, e quelli e questi erano eguali,

e tutti erano Ellèni ed una lingua

parlavano divina, uomini e iddii.

In silenzio guardammo i grandi miti

come le nubi sorgere dall’Alpe

ed inclinarsi verso il bianco mare.

Io vidi allora Pègaso pontare

su gli altissimi marmi i piè di vento

e balzar nell’azzurro con aperte

le immense penne, senza cavaliere;

e per il petto e per il ventre vasti

trasparia come fiamma palpitante

la potenza del sangue gorgonéo.

Ardi gridò: “Ecco il teschio d’Orfeo,

che vien dall’Ebro!”. Ed il solenne lido

parve attendere il fato dopo il grido.

La sua bellezza s’aggrandì d’orrore.

Il flutto nell’insolito splendore

era meravigliosamente puro.

Splendea sul mondo un giorno imperituro.»

III.

Ma non sostenne il nostro cuor mortale

quel silenzio sublime. Si piegò

verso il sorriso delle donne nostre.

E Derbe disse ad Aretusa: «Quando

fiorì di rose il lauro trionfale?».

Era la donna giovinetta alzata,

mutevole onda con un viso d’oro,

tra gli oleandri; ed il reciso ramo

per la capellatura umida effusa,

che fingevale intorno al chiaro viso

l’avvolgimento dell’antica fonte,

intrecciava le rose al regio alloro.

Disse Aretusa: «Bene io te ‘l dirò»

mutevole onda con un viso d’oro.

Disse: «Inseguiva il re Apollo Dafne

l’ungh’esso il fiume, come si racconta.

La figlia di Penéo correva ansante

chiamando il padre suo dall’erma sponda.

Correva, e ad ora ad or le snelle gambe

le s’intricavan nella chioma bionda.

Ben così la poledra di Tessaglia

galoppa nella sua criniera falba

che fino a terra la corsa le ingombra.

Rapido il re Apollo più l’incalza,

infiammato desìo, per lei predare.

All’alito del dio doventa fiamma

la chioma della ninfa fluvïale.

“O padre, o padre” grida “tu mi scampa!”

Chiama ella il padre suo con grida vane.

“Padre, un veloce fuoco mi ghermisce!”

E corre, ed ansa, e le sue gambe lisce

crescon la furia del desìo predace.

“O gran padre Penéo, perduta sono,

ché mi si rompono i ginocchi. Salva-

mi dalla brama del veloce fuoco

che ora mi giunge, ecco, ecco, ora m’abbranca!”

Ma il dolce sangue suo in altro suono,

la sua bellezza in altro suono parla.

Balzale il cuor, si piegano i ginocchi.

Ed ecco ella s’arresta, chiude gli occhi

e trema e dice: “Or ecco m’abbandono”.

Una gioia s’aggiunge al suo terrore

ignota che il divin periglio affretta.

Tremante e nuda dentro la chioma ode

la vergine il tinnir della faretra,

sente la forza del perseguitore,

vede l’ardor pe’ chiusi cigli e aspetta

d’esser ghermita, e più non chiama il padre.

Ma il dio la chiama: “Dafne, Dafne, Dafne!”.

Ed ella non udì voce più bella.

Il dio la chiama: “Dafne, Dafne!” Ed osa

ella aprir gli occhi: la rutila faccia

vede da presso e la bocca bramosa

mentre il dio con le due braccia l’allaccia.

Rapita dalla forza luminosa

gitta ella un grido che per la selvaggia

sponda ultimo risuona, e l’ode il padre.

Avido il dio districa la soave

nudità dalla chioma che la fascia.

Bianca midolla in còrtice lucente,

in folti pampini uva delicata!

Tenera e nuda il dio la piega, e sente

ch’ella resiste come se combatta.

Tenera cede il seno; ma dal ventre

in giuso, quasi fosse radicata,

ella sta rigida ed immota in terra.

Attonito, l’amante la disserra.

“Ahi lassa, Dafne, ch’arbore sei fatta!”

Subitamente Dafne s’impaura:

le copre il vólto e il seno un pallor verde.

Ella sembra cader, ma la giuntura

dei ginocchi riman dura ed inerte.

S’agita invano. L’atto della fuga

invan le torce il fianco. Si disperde

il senso di sua vita nella terra.

E l’amante del’uso ancor la serra.

“Ahi lassa, Dafne, chi ti trasfigura?”

Ma non il suo melodioso duolo

giova a trarre colei dalla sua sorte.

Nell’umidore del selvaggio suolo

i piedi farsi radiche contorte

ella sente e da lor sorgere un tronco

che le gambe su fino alle cosce

include e della pelle scorza fa

e dov’è il fiore di verginità

un nodo inviolabile compone.

“O Apollo” geme tal novo dolore

“prendimi! Dov’è dunque il tuo desìo?

O Febo, non sei tu figlio di Giove?

Arco-d’-argento, non sei dunque un dio?

Prendimi, strappami alla terra atroce

che mi prende e beve il sangue mio!

Tutto furente m’hai perseguitata

ed or più non mi vuoi? Me sciagurata!

Salva mio grembo per lo tuo desìo!

Salvami, Cintio, per la tua pietà!

Se i miei capelli, che m’avvinsero, ami,

de’ miei capelli corda all’arco fa!

Prendimi, Apollo!” E tendegli le mani,

che son fogliute; e il verde sale; e già

le braccia sino ai cubiti son rami;

e il verde e il bruno salgon per la pelle;

e su per l’ombelico alle mammelle

già il duro tronco arriva; e i lai son vani.

“Aita, aita! Il cuore mi si serra.

Vedi atra scorza che il petto m’opprime!

O Apollo Febo, strappami da terra!

Tanto furente, non sia più ghermire?

Nuda mi prenderai su la dolce erba,

su la dolce erba e su ‘l mio dolce crine.

Ardo di te come tu di me ardi.

O Apollo, o re Apollo, perché tardi?

Già tutta quanta sentomi inverdire.”

Il dolce crine è già novella fronda

intorno al viso che si trascolora.

La figlia di Penéo non è più bionda;

non è più ninfa e non è lauro ancora.

Sola è rossa la bocca gemebonda

che del novello aroma s’insapora.

Escon parole e lacrime odorate

dall’ultima doglianza. O fior d’estate,

prima rosa del lauro che s’infiora!

Tutto è gia verde linfa, e sola è sangue

la bocca che querelasi interrotta-

mente. In pallide fibre il cor si sface

ma il suo rossore è in sommo della bocca.

Desioso dolor preme l’amante.

Guarda ei l’arbore sua ma non la tocca;

l’ode implorare ma non ha virtù.

E chiama: “Dafne, Dafne!” Ella non più

implora, non più geme. “Dafne, Dafne!”

Ella non più risponde: è senza voce.

Pur la gola sonora è fatta legno.

Le palpebre son due tremule foglie;

li occhi gocciole son d’umor silvestro;

bruni margini inasprano le gote;

delle tenui nari è appena il segno.

Ma nell’ombra la bocca è ancora sangue,

sola nel lauro la bocca di Dafne

arde e al dio s’offre, virginal mistero.

Curvasi Apollo verso quella ardente,

la bacia con impetuosa brama.

Ne freme tutta l’arbore; s’accende

l’ombra intorno alla fronte sovrana;

ogni ramo in corona si protende,

e la fronte d’Apollo è laureata.

Pean! O gloria! Ma sotto i suoi baci

or più non sente che foglie vivaci,

amare bacche. E Dafne Dafne chiama.

“Ahi lassa, Dafne, ch’arbore sei tutta!

Ahi chi ti fece al mio desìo diversa?

In durissimo tronco e in fronda cupa

la dolce carne tua or s’è conversa.

La tua bocca vermiglia s’è distrutta,

che pareva di fiamma ardere eterna.

Come leggieri i piedi tuoi su l’erba,

or radicati nella negra terra!

M’odi tu? M’odi tu? Dafne, sei muta?

Rispondi!” Abbrividiscono le frondi

sino alla vetta. Nel silenzio un breve

murmure spira. “M’odi tu? Rispondi!”

Move la vetta un fremito più lieve.

Poi tutto tace e sta. Sotto i profondi

cieli le rive alto silenzio tiene.

Il bellissimo lauro è senza pianto;

il dolore del dio s’inalza in canto.

Odono i monti e le valli serene.

Odono i monti e le valli e le selve

e i fonti e i fiumi e l’isole del mare.

Spandesi il canto dall’anima ardente

e per tutte le cose generare.

La bellezza di Dafne ecco riveste

la terra; le sue membra delicate

son monti e valli e selve e fiumi e fonti,

il suo sguardo inzaffira gli orizzonti,

la sua chioma fa l’oro dell’estate.

O Dafne, sempre il dio e l’uom cantando

non vorranno altro onor che un ramoscello

di te! Così l’Arco-d’-argento, quando

ha placato il suo cuore nell’immenso

inno, pago si giace sotto il sacro

lauro ad attendere il suo dì novello.

Cade la notte. Sul sonno divino

l’arbore luce d’un baglior sanguigno,

qual bronzo che si vada arroventando.

Scorre la notte. Tra l’Olimpo e l’Ossa

una stella tramonta e l’altra sale.

Misteriosa l’arbore s’arrossa

ma sul suo fuoco piovon le rugiade.

Sogna il Cintio la desiata bocca

di Dafne, e balza il suo cuore immortale.

È l’alba, è l’alba. Il dio si desta: un grido

di meraviglia irraggia tutti il lido.

Brilla di rose il lauro trionfale!»

IV.

E così della rosa e dell’alloro

parlò quell’Aretusa fiorentina,

mutevole onda con un viso d’oro.

la sua voce era come acqua argentina

che recasse lavandula o pur menta

o salvia o altra fresca erba mattutina.

Tutto rigato dalla schietta vena

«Sol d’oleandro voglio laurearmi»

io dissi. Ed Aretusa era contenta;

e recise per me altri due rami

e fe’ l’atto di cingermi le tempie

dicendomi: «Pe’ tuoi novelli carmi!

Che la cerula e fulva Estate sempre

abbia tu nel tuo cuore e in te le rime

nascano come le sue rose scempie!»

E il giorno estivo non potea morire,

ma sorrideva sopra il bianco mare

silenziosamente senza fine;

e la notte, che avea parte ineguale,

spiava il bel nemico dalle chiostre

dei monti azzurra come te, Cyane.

Ebri e tristi d’aver bevuto a troppe

fonti e incantato il cor per tutte guise,

cercammo il grembo delle donne nostre.

Ma la Melancolìa venne e s’assise

in mezzo a noi tra gli oleandri, muta

guatando noi con le pupille fise.

Ed Erigone, ch’ebbe conosciuta

la taciturna amica del pensiero,

chinò la fronte come chi saluta.

E poi disse la Notte e il suo mistero.

V.

«Il Giorno» disse «non potrà morire.

Il suo sangue non tinge il bianco mare.

Mai la sua faccia parve tanto pura,

non ebbe mai tanta soavità.

Giace supino sopra il bianco mare,

sorride al cielo ch’ei regnava, attende

ei non sa quale morte o voluttà.

Pur tanto è dolce che la Notte oscura

non già lo spegne ma di lui s’accende,

e lui aurato nelle braccia prende,

lui cela nella sua capellatura,

ma non così che quelle membra d’oro

non veggansi pel fosco trasparire

e illuminare la serenità.

Caldi soffiano i venti al bianco mare,

calde passano e lente le riviere

in cuore alle terribili città,

passano e vanno per ignoti piani,

cingono ignoti boschi: i cervi a bere

scendono ansanti nella gran caldura;

lunghi bràmiti ascoltano lontani;

bevono: in qualche tacita radura

poi fino a morte si combatterà.

O Notte, o Notte, invano tu nascondi

ne’ tuoi capelli il dolce tuo nemico!

Non sono i tuoi capelli sì profondi

che non veggasi dai nostri occhi umani

fiammeggiarvi per entro il tuo piacere.

La terra oppressa respiro non ha.

Arde l’ombra. La vigna è come il vino:

il grappolo sul tralcio si matura

poi che il raggio nell’uva è prigioniere.

La terra soffre nell’ebrietà.

Arde come una glauca vampa l’ombra.

Aduna e vita e morte il bianco mare,

immensa cuna il mare, immensa tomba.

A lui dal monte la sorgente va.

Impallidisce sotto il pianto il coro

delle Pleiadi e l’una d’elle è occulta,

l’una che seppe la felicità.

Orione si slaccia l’armatura,

e Boote si volge, e Cinosura

vacilla; e l’Orsa anche impallidirà.

Oblìa la Notte tutte le sue stelle

e il duolo antico degli amanti umani.

Che con lei piangeremo ella non sa.

O Notte, piangi tutte le tue stelle!

il grido dell’allodola domani

dall’amor nostro ci disgiungerà».

Un’altra era con noi, ma restò muta,

tra gli oleandri lungo il bianco mare.

Bocca di Serchio

ARDI: Glauco, Glauco, ove sei? Più non ti veggo.

Ho perduto il sentiere, e il mio cavallo

s’arresta. I Pini, i pini d’ogni parte

mi serrano. Agrio affonda nella massa

degli aghi, come nella sabbia, fino

ai garetti. Ove sei, Glauco? Mi vedi?

Ho le gambe che sanguinano. Folli

fummo entrando nel bosco ignudi come

nel mare. I rovi, le schegge, le scaglie

feriscono, e i ginepri aspri. Non sanguini

anche tu? Oh profumo! Sale a un tratto

come una vampa. Il vino dell’Estate!

N’ho bevuto una piena coppa, e un’altra

ne bevo, e un’altra anche più calda, e un’altra

bollente che mi brucia il cuore e fino

alla gola mi sazia, fino agli occhi.

O Glauco, Glauco, il vino dell’Estate

misto di oro di rèsina e di miele!

GLAUCO: Io ti veggo, ti veggo, Ardi. Sei bello

sul tuo cavallo bianco. Tu non puoi

portar clamide, come i cavalieri

d’Atene, ma ti giova essere ignudo.

Su, spingi Agrio! Non v’è sentiere. I fusti

sono fragili come aride canne.

Odi? Folo li rompe col suo petto.

Dunque or teme le scaglie e i rovi il marmo

delle tue gambe? È splendido il tuo sangue,

Ardi. Poiché ciascuna cosa in torno

le più ricche virtudi e più segrete

esprime per farti ebro, non ti dolga

di sanguinare come il pino stilla,

come il ginepro odora. Avanti, avanti

per la boscaglia che rosseggia e cede!

Vedesti mai più fulva chioma e spessa?

I bei sogni vi restano come api

prese nella criniera d’un leone.

ARDI: Preso per i capegli sono. Ah, il ramo

si rompe e gli aghi piovonmi sul collo,

su gli omeri, già coprono la groppa

d’Agrio. Vedi? A miriadi, a miriadi!

Carichi tutti i rami biforcuti.

In ogni congiuntura accumulati

a fasci gli aghi morti. Morta sembra

tutta la selva, inaridita e cieca.

Rompesi come vetro. Il verde è al sommo,

invisibile, e fa prigione i raggi

nell’intrico; ma l’ombra sua mi cuoce

la fronte e mi dissecca la narice.

Entreremo nel fiume coi cavalli!

Diguazzeremo in mezzo alla corrente!

E ancor lontano il Serchio? Tutta l’ombra

respira aridità. L’acqua è lontana.

E sento che lo zòccolo a traverso

gli aghi morti non trova se non sabbia

torrida. I coni vacui son neri

come carboni spenti, come tizzi

consunti. O Glauco, dove mi conduci?

GLAUCO: Chiudi gli occhi. Odi il vento? Navigare

ti sembra, veleggiar per il deserto

mare. Odi il vento tra le sàrtie? Odi

il gemito degli alberi allo sforzo

delle vele? Si naviga per acque

infide verso l’isola di Circe.

Negli orciuoli d’argilla non rimane

goccia di fonte. Beveremo il sale.

Apri gli occhi! Ecco l’atrio della maga

tutto riscintillante di prodigi.

Larve di stelle adornano la reggia

della donna solare, vedi?, simili

a foglie macerate dagli autunni

che serban lor sottili nervature

con la tenuità dei bissi intesti

d’aria e di lume. Fili palpitanti

le congiungono, l’iride le cangia,

indicibile tremito le muove.

Circe incantò le stelle eccelse, e l’ebbe,

e le votò di lor sostanza ignìta;

e qui raduna le lor dolci larve.

ARDI: Opre di ragni, arte divina, tele

stellari! O Glauco, io n’ho già lacerata

una col viso, e un’altra ancóra. Guarda!

Per ovunque tessute son le stelle.

Siam presi in una rete innumerevole.

Férmati! Non distruggere l’incanto.

GLAUCO: La radura è vicina. Il sole pènetra

fra i rami. Tutto tremola e scintilla.

La résina sul tronco è come l’ambra.

Di polito metallo è il mirto chiuso.

La tamerice sembra quasi azzurra

tra i rossi pini. E il tuo volto s’imperla.

ARDI: Oh com’è bello Folo che dall’ombra

trapassa, maculato di sudore,

nella banda del sole! Anche tu sànguini.

Non vedesti le vipere fuggire?

Qual nome hanno quei lunghi fili d’erba

che portano una spiga nera in cima?

GLAUCO: Il nome che le labbra ti diletta.

Abbandona le rèdini sul collo

d’Agrio. Ascolta il cavallo nel silenzio

sbuffare. Vola la sua bava e imbianca

il mentastro. Perché, Ardi, sol questo

empie il mio petto di felicità?

ARDI: Forse già fummo i figli della Nuvola.

Già l’erba calpestammo con gli zòccoli,

cogliemmo il fiore con le dita umane.

Un dì, volgendo indietro il torso ignudo,

con la concava scorza detergemmo

dal pelo della groppa calorosa

il sudore che in rivoli colava.

Lo spazio immenso era la nostra ebrezza.

Senz’ansia il nostro fianco infaticato

vinse in numero i palpiti del vento.

Tanto di terra in un sol dì varcammo

quanto varcava Pègaso di cielo.

GLAUCO: Rapidità, Rapidità, gioiosa

vittoria sopra il triste peso, aerea

febbre, sete di vento e di splendore,

moltiplicato spirito nell’òssea

mole, Rapidità, la prima nata

dall’arco teso che si chiama Vita!

Vivere noi vogliamo, Ardi, correndo:

passare tutti i fiumi, discoprirli

dalle fonti alle foci, lungo i lidi

marini l’orma imprimere nel segno

sinuoso, nell’argentina traccia

che di sé lascia il flutto più recente.

ARDI: Dato ci fosse correre senz’ansia

l’Universo! Ma troppo il nostro petto

è angusto pel respiro della nostra

anima. O Glauco, a chi t’ascolta, sei

come l’estro implacabile che incìta

i tori. E l’orizzonte è come anello

vitreo che tu spezzi per disdegno.

GLAUCO: Taci, Beviamo il vino dell’Estate,

sol dediti all’amore del bel fiume.

Verso tutte le selve della Terra

sospiro; ma, se in una solitario

viver dovessi, in questa, Ardi, vorrei

vivere, in questa calda selva australe,

in quest’aridità d’ombre estuose.

ARDI: È come un rogo pronto a conflagrare.

La potenza del fuoco in lei si chiude.

Soavemente mormora nell’aura,

ma la sua voce vera in lei si tace.

Parlerà con le lingue dell’incendio

quando la nube nata dal Tirreno

le scaglierà la folgore notturna.

GLAUCO: Il respiro non passa per le fauci

ma per tutte le membra, fino al pollice

del piede scalzo; e passano gli aromi

per tutti i pori. E sento respirare

il mio cavallo, e sento la ferina

sua allegrezza, come se nel duplice

corpo fervesse l’unico mio cuore.

ARDI: Ecco l’erba, ecco il verde, ecco una canna.

Ecco un sentiere erboso. Guarda, al fondo,

guarda i monti Pisani corrucciati

sotto le vaste nuvole di nembo.

GLAUCO: Ardi, non odi gracidìo di corvi

là verso il mare? Scendono alla foce

del Serchio a branchi, e tesa v’è la rete,

dissemi il cacciatore di Vecchiano.

ARDI: Il Serchio è presso? Volgiti all’indizio.

Ecco la sabbia tra i ginepri rari,

vergine d’orme come nei deserti.

Si nasconde la foce intra i canneti?

La scopriremo forse all’improvviso?

Ci parrà bella? No, non t’affrettare!

Lascia il cavallo al passo. È dolce l’ansia,

e viene a noi dal più remoto oblìo,

vien dall’antica santità dell’acque.

Liberi siamo nella selva, ignudi

su i corsieri pieghevoli, in attesa

che il dio ci sveli una bellezza eterna.

Non t’affrettare, poi che il cuore è colmo.

GLAUCO: Bocche delle fiumane venerande!

Lungo le pietre d’Ostia è più divino

il Tevere. Soave è nei miei modi

l’Arno. Il natale Aterno, imporporato

di vele, splende come sangue ostile.

E l’Erìdano vidi, e l’Achelòo,

e il gran Delta, e le foci senza nome

ove attardarsi volle invano il sogno

del pellegrino. Ma che questa, o Ardi,

sia la più bella mi conceda il dio;

perché non mai fu tanto armonioso

il mio petto, né mai tanto fu degno

di rispecchiare una bellezza eterna.

ARDI: Oh, mistero! La verde chiostra accoglie

i vóti, qual vestibolo di tempio

silvano. I pini alzan colonne d’ombra

intorno al sacro stagno liminare

che ha per suo letto un prato di smeraldi.

Nel silenzio l’imagine del cielo

si profonda: non ride né sorride,

ma dal profondo intentamente guarda.

GLAUCO: Odi la melodìa del Mar Tirreno?

Tra le voci dei più lontani mari,

nell’estrema vecchiezza, nell’orrore

del gelo, il sangue mio l’imiterà.

E la cerula e fulva Estate sempre

io m’avrò nel mio cuore. Odi sommesso

carme che ci accompagna per l’esiguo

istmo sembiante al giogo d’una lira.

ARDI: Tutto è divina musica e strumento

docile all’infinito soffio. Guarda

per la sabbia le rotte canne, guarda

le radici divelte, ancor frementi

di labbra curve e di leggiere dita!

I musici fuggevoli con elle

modulavano il carme fluviale.

GLAUCO: Scendi dal tuo cavallo, Ardi. Ecco il fiume,

ecco il nato dei monti. Oh meraviglia!

Ei porta in bocca l’adunata sabbia

fatta come la foglia dell’alloro.

T’offriamo questi giovani cavalli,

o Serchio, anche t’offriamo i nostri corpi

ov’è chiuso il calor meridiano.

ARDI: Anelammo d’amore per trovarti!

Sgorgar parea che tu dovessi, o fiume,

dal nostro petto come un sùbito inno.

GLAUCO: Dio tu sei, dio tu sei; noi siam mortali.

Ma fenderemo la tua forza pura.

La più gran gioia è sempre all’altra riva.

Il cervo

Non odi cupi bràmiti interrotti

di là del Serchio? Il cervo d’unghia nera

si sépara dal branco delle femmine

e si rinselva. Dormirà fra breve

nel letto verde, entro la macchia folta,

soffiando dalle crespe froge il fiato

violento che di mentastro odora.

Le vestigia ch’ei lascia hanno la forma,

sai tu?, del cor purpureo balzante.

Ei di tal forma stampa il terren grasso;

e la stampata zolla, ch’ei solleva

con ciascun piede, lascia poi cadere.

Ben questa chiama «gran sigillo» il cauto

cacciatore che lèggevi per entro

i segni; e mai giudizio non gli falla,

oh beato che capo di gran sangue

persegue al tramontare delle stelle,

e l’uccide in sul nascere del sole,

e vede palpitare il vasto corpo

azzannato dai cani e gli alti palchi

della fronte agitar l’estrema lite!

Ma invano invano udiamo i cupi bràmiti

noi tra le canne fluviali assisi.

Tu non ti scaglierai nel Serchio a nuoto

per seguitar la pesta, o Derbe; e il freddo

fiume non solcherà duplice solco

del tuo braccio e del tuo predace riso,

fieri guizzando i muscoli nel gelo.

Inermi siamo e sazii di bellezza,

chini a spiare il cuor nostro ove rugge,

più lontano che il bràmito del cervo,

l’antico desiderio delle prede.

Or lascia quello il branco e si rinselva.

Forse è d’insigni lombi, e assai ramoso.

Ei più non vessa col nascente corno

le scorze. Già la sua corona è dura;

e il suo collo s’infosca e mette barba,

e fra breve sarà gonfio del molto

bramire. Udremo a notte le sue lunghe

muglia, udremo la voce sua di toro;

sorgere il grido della sua lussuria

udremo nei silenzii della Luna.

L’ippocampo

Vimine svelto,

pieghevole Musa

furtivamente

fuggita del Coro

lasciando l’alloro

pel leandro crinale,

mutevole Aretusa

dal viso d’oro,

offri in ristoro

il tuo sal lucente

al mio cavallo Folo

dagli occhi d’elettro,

dal ventre di veltro,

ch’è solo l’eguale

del sangue di Medusa

ahi, ma senz’ale!

Offrigli il sale,

sonoro al dente,

o Aretusa,

nella palma dischiusa

e nuda, senza spavento

ché, per prendere il dono,

ha labbra più leggiere

delle sue gambe

di vento.

Appena ti lambe,

come per bere!

Del suo piacere

ti bagna; e la tua palma

appena sente, dietro

le labbra, il fresco

suo dente di puledro,

che brucar l’erba calma

può sì dolcemente

e rodere il ferro

difficile quando serro

la rapidità focace

pe’ solitarii

lidi io senza pace.

Come per te, furace

fauna dei pomarii,

un bugno

di miel redolente

non vale

simiana acerba,

così per lui biada opima

non vale un pugno

di sale mordace.

Troppo gli piace,

Aretusa. Ingordo

n’è come capra sima.

Forse ha un ricordo

marino il sangue di Folo.

Egli è forse figliuolo

degli Ippocampi

dalla coda di squamme.

Ora è fiamme e lampi,

ma prima

era forse argentino

o cerulo o verdastro

come il flutto, gagliardo

come il flutto decumano.

E nel vespero tardo,

all’apparir dell’astro

che cresce,

al levar della brezza,

tutto acquoso e salmastro

venuto in su la proda,

mansuefatto,

battendo con la coda

di pesce l’arena

per la dolcezza,

sogguardando in atto

d’amore, gocciando bava,

prono la schiena,

mangiava piano

l’aliga nella mano

cava della Sirena.

L’onda

Nella cala tranquilla

scintilla,

intesto di scaglia

come l’antica

lorica

del catafratto,

il Mare.

Sembra trascolorare.

S’argenta? s’oscura?

A un tratto

come colpo dismaglia

l’arme, la forza

del vento l’intacca.

Non dura.

Nasce l’onda fiacca,

sùbito s’ammorza.

Il vento rinforza.

Altra onda nasce,

si perde,

come agnello che pasce

pel verde:

un fiocco di spuma

che balza!

Ma il vento riviene,

rincalza, ridonda.

Altra onda s’alza,

nel suo nascimento

più lene

che ventre virginale!

Palpita, sale,

si gonfia, s’incurva,

s’alluma, propende.

Il dorso ampio splende

come cristallo;

la cima leggiera

s’arruffa

come criniera

nivea di cavallo.

Il vento la scavezza.

L’onda si spezza,

precipita nel cavo

del solco sonora;

spumeggia, biancheggia,

s’infiora, odora,

travolge la cuora,

trae l’alga e l’ulva;

s’allunga,

rotola, galoppa;

intoppa

in altra cui ‘l vento

diè tempra diversa;

l’avversa,

l’assalta, la sormonta,

vi si mesce, s’accresce.

Di spruzzi, di sprazzi,

di fiocchi, d’iridi

ferve nella risacca;

par che di crisopazzi

scintilli

e di berilli

viridi a sacca.

O sua favella!

Sciacqua, sciaborda,

scroscia, schiocca, schianta,

romba, ride, canta,

accorda, discorda,

tutte accoglie e fonde

le dissonanze acute

nelle sue volute

profonde,

libera e bella,

numerosa e folle,

possente e molle,

creatura viva

che gode

del suo mistero

fugace.

E per la riva l’ode

la sua sorella scalza

dal passo leggero

e dalle gambe lisce,

Aretusa rapace

che rapisce le frutta

ond’ha colmo suo grembo.

Subito le balza

il cor, le raggia

il viso d’oro.

Lascia ella il lembo,

s’inclina

al richiamo canoro;

e la selvaggia

rapina,

l’acerbo suo tesoro

oblìa nella melode.

E anch’ella si gode

come l’onda, l’asciutta

fura, quasi che tutta

la freschezza marina

a nembo

entro le giunga!

Musa, cantai la lode

della mia Strofe Lunga.

La corona di Glauco

MÉLITTA: Fulge, dai maculosi leopardi

vigilata, una rupe bianca e sola

onde il miele silentemente cola

quasi fontana pingue che s’attardi.

Quivi in segreto sono i miei lavacri

dove il mio corpo ignudo s’insapora

e di rosarii e di pomarii odora

e si colora come i marmi sacri.

Io son flava, dal pollice del piede

alla cervice. Inganno l’ape artefice.

Porto negli occhi mie le arene lidie.

Per entro i variati ori la lieve

anima mia sta come un fiore semplice.

Melitta è il nome della mia flavizie.

L’ACERBA: Non io del grasso fiale mi nutrico.

Lascio la cera e il miele nel lor bugno.

Ma spicco la susina afra dal prugno

semiano, e mi piace l’orichico.

E il latte agresto piacemi del fico

primaticcio che nérica nel giugno.

Ti do due labbra fresche per un pugno

di verdi fave, e il picciol cuore amico!

Vieni, monta pe’ rami. Eccoti il braccio.

Odoro come il cedro bergamotto

se tu mi strizzi un poco la cintura.

Quanto soffii! Tropp’alto? Non ti piaccio?

Ah, ah, mi sembri quel volpone ghiotto

che disse all’uva: Tu non sei matura.

NICO: I tuoi piè bianchi sono i miei trastulli

nella gracile sabbia ove t’accosci,

bianchi e piccoli come gli al’iossi

levigati dal gioco dei fanciulli.

РAhi, ahi, misera Nico, i miei pi̬ brulli!

Su la sabbia di foco i piè mi cossi.

Tu ridi, costassù, tu ridi a scrosci!

Ma, s’io ti giungo, vedi come frulli.

– Ingrata, ingrata, con che arte il foco

ti rilieva le vene in pelle in pelle

e il pollice t’imporpora e il tallone!

– Bada; Non al’iossi pel tuo gioco

ma ho in serbo per te, schiavo ribelle,

una sferza di cuoio paflagone.

NICARETE: Glauco di Serchio, m’odi. Io, Nicarete

le canne con le lenze e gli ami sgombri

che non preser già mai barbi né scombri

t’appendo alla tua candida parete.

E t’appendo le nasse anco, e la rete

fallace con suoi sugheri e suoi piombi

che non pescò già mai mulli né rombi

ma qualche fuco e l’alghe consuete.

Amaro e avaro è il sale. O Glauco, m’odi.

Prendimi teco. Evvi una bocca, parmi,

sinuosa nell’ombra de’ miei bùccoli.

Teco andare vorrei tra lenti biodi

e coglier teco per incoronarmi

l’ibisco che fiorisce a Massaciùccoli

A NICARETE: Nicarete dal monte di Quiesa

a Montramito i colli sono lenti

come i tuoi biodi, all’aria obbedienti,

fatti anch’elli d’un oro che non pesa.

E quella lor soavità, sospesa

tra i chiari cieli e l’acque trasparenti,

tu non la vedi quasi ma la senti

come una gioia che non si palesa.

Sorge, splendore del silenzio, il disco

lunare. O Nicarete, ecco, e s’adempie

mentre nel lago la ninfea si chiude.

Prima è rosato come il fior d’ibisco

che t’inghirlanda le tue dolci tempie

ma dopo assempra le tue spalle ignude.

GORGO: Ospite sempre memore, io son Gorgo

e l’odor delle Cicladi vien meco.

Tutte l’uve e le spezie, ecco, ti reco

in questo lino aereo d’Amorgo.

Glauco, e ti reco il vin di Chio nell’otro,

quel che bevesti un dì sul tuo fasélo,

quel che in argilla si facea di gelo

pendula a soffio di ponente o d’ostro.

E una corona d’ellera e di gàttice

ti reco, per un’ode che mi piacque

di te, che canta l’isola di Progne.

Io voglio, nuda nell’odor del màstice,

danzar per te sul limite dell’acque

l’ode fiumale al suon delle sampogne.

A GORGO: Gorgo, più nuda sei nel lin seguace.

La tua veste ti segue e non ti chiude.

Fra l’ombelico e il depilato pube

il ventre appare quasi onda che nasce.

Ombra non è su le tue membra caste:

dall’ìnguine all’ascella albeggi immune.

Polita come il ciòttolo del fiume

sei, snella come l’ode che ti piacque.

Danzami la tua molle danza ionia

mentre che l’Apuana Alpe s’inostra

e il Mar Tirreno palpita e corusca.

L’Ellade sta fra Luni e Populonia!

E il cor mi gode come se tu m’offra

il vin tuo greco in una tazza etrusca.

L’AULETRIDE: Io rinvenni la pelle dell’incauto

Frigio nomato Marsia appesa a un pino,

sul suol roggio il coltello del divino

castigatore e, presso, il doppio flauto.

Questo raccolsi trepidando, o Glauco.

E, immemore del flebile destino,

io son osa talor nel mio giardino

chiuso carmi dedurre sotto il lauro.

Rivolgomi sovente e guardo s’Egli

non apparisca a un tratto, l’Immortale.

Ma non mi trema il mio labbro fasciato.

Vivon nell’orror sacro i miei capegli

ma per l’angustia del mio petto sale

il superbo di Marsia antico afflato.

BACCHA