SACRATISSIMO CUORE DI GESÙ

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

 

SACRATISSIMO CUORE DI GESÙ

RITI DI INTRODUZIONE

ALL’INGRESSO

Rallegriamoci tutti nel Signore, celebrando la festa del cuore sacratissimo di Gesù Cristo, nel quale è racchiuso ogni tesoro della sapienza e dell’amore di Dio.

INGRESSO

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.

R. Amen.

Il Signore sia con Voi.

R. E con il tuo Spirito

ATTO PENITENZIALE

Fratelli, per celebrare degnamente questi santi misteri, riconosciamo i nostri peccati.

Confesso a Dio Onnipotente

Dio Onnipotente abbia misericordia di noi, perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna.

R. Amen.

Gloria a Dio nell’alto dei cieli e pace in terra agli uomini di buona Volontà. Noi ti lodiamo, ti benediciamo, ti adoriamo, ti glorifichiamo, ti rendiamo grazie per la tua gloria immensa, Signore Dio, Re del Cielo, Dio Padre Onnipotente. Signore, Figlio unigenito, Gesù Cristo, Signore Dio, Agnello di Dio, Figlio del Padre, tu che togli i peccati del mondo, abbi pietà di noi, tu che togli i peccati del mondo, accogli la nostra supplica, tu che siedi alla destra del Padre, abbi pietà di noi. Perché tu solo il Santo, tu solo il Signore, tu solo l’Altissimo Gesù Cristo, con lo Spirito Santo, nella gloria di Dio Padre.

Amen.

ALL’INIZIO DELL’ASSEMBLEA LITURGICA

O Padre, che nel cuore del tuo dilettissimo Figlio ci dai la gioia di celebrare le grandi opere del tuo amore per noi, fa’ che da questa fonte inesauribile attingiamo l’abbondanza dei tuoi doni. Per lui, nostro Signore e nostro Dio, che vive e regna con te, nell’unita dello Spirito santo, per tutti i secoli dei secoli. AMEN


LITURGIA DELLA PAROLA

PRIMA LETTURA

Il Signore si é legato a voi e vi ha scelti.

Dal libro del Deuteronòmio

Dt 7,6-11

Mosè parlò al popolo dicendo: «Tu sei un popolo consacrato al Signore tuo Dio; il Signore tuo Dio ti ha scelto per essere il suo popolo privilegiato fra tutti i popoli che sono sulla terra.

Il Signore si è legato a voi e vi ha scelti, non perché siete più numerosi di tutti gli altri popoli – siete infatti il più piccolo di tutti i popoli -, ma perché il Signore vi ama e perché ha voluto mantenere il giuramento fatto ai vostri padri, il Signore vi ha fatti uscire con mano potente e vi ha riscattati liberandovi dalla condizione servìle, dalla mano del faraone, re di Egitto.

Riconoscete dunque che il Signore vostro Dio è Dio, il Dio fedele, che mantiene la sua alleanza e benevolenza per mille generazioni con coloro che l’amano e osservano i suoi comandamenti; ma ripaga nella loro persona coloro che lo odiano, facendoli perire; non concede una dil’azione a chi lo odia, ma nella sua stessa persona lo ripaga.

Osserverai dunque i comandi, le leggi e le norme che oggi ti dò, mettendole in pratica».

Parola di Dio.

Rendiamo grazie a Dio.

SALMO RESPONSORIALE

Dal Salmo 102

R. Il Signore è buono e grande nell’amore.

Benedici il Signore, anima mia,

quanto è in me benedica il suo santo nome:

Benedici il Signore, anima mia,

non dimenticare tanti suoi benefici. R.

Egli perdona tutte le tue colpe,

guarisce tutte le tue malattie;

salva dalla fossa la tua vita,

ti corona di grazia e di misericordia. R.

Il Signore agisce con giustizia

e con diritto verso tutti gli oppressi.

Ha rivelato a Mosè le sue vie,

ai figli d’Israele le sue opere. R.

Buono e pietoso è il Signore,

lento all’ira e grande nell’amore.

Non ci tratta secondo i nostri peccati,

non ci ripaga secondo le nostre colpe. R.

SECONDA LETTURA

Dio ci ha amati per primo.

Dalla prima lettera di san Giovanni apostolo

1 Gv 4,7-16

Carissimi, amiamoci gli uni gli altri, perché l’amore è da Dio: chiunque ama è generato da Dio e conosce Dio. Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore.

In questo si è manifestato l’amore di Dio per noi: Dio ha mandato il suo Figlio unigenito nel mondo, perché noi avessimo la vita per lui.

In questo sta l’amore: non siamo stati noi ad amare Dio, ma è lui che ha amato noi e ha mandato il suo Figlio come vittima di espiazione per i nostri peccati.

Carissimi, se Dio ci ha amato, anche noi dobbiamo amarci gli uni gli altri: Nessuno mai ha visto Dio; se ci amiamo gli uni gli altri; Dio rimane in noi e l’amore di lui è perfetto. in noi.

Da questo si conosce che noi rimaniamo in lui ed egli in noi: egli ci ha fatto dono del suo Spirito.

E noi stessi abbiamo veduto e attestiamo che il Padre ha mandato il suo, Figlio come salvatore del mondo.

Chiunque riconosce che Gesù è il Figlio di Dio, Dio dimora in lui ed egli in Dio. Noi abbiamo riconosciuto e creduto all’amore che Dio ha per noi.

Dio è amore; chi sta nell’amore dimora in Dio e Dio dimora in lui.

Parola di Dio.

Rendiamo grazie a Dio.

CANTO AL VANGELO

Mt 11,29

R. Alleluia, alleluia.

Prendete il mio giogo su di voi, dice il Signore, e imparate da me che sono mite e umile di cuore.

R. Alleluia.

VANGELO

Io sono mite e umile di cuore.

Dal vangelo secondo Matteo

Mt 11,25-30

In quel tempo Gesù disse: «Ti benedico, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai tenuto nascoste queste cose ai sapienti e agli intelligenti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così è piaciuto a te.

Tutto mi è stato dato dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio lo voglia rivelare.

Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime. Il mio giogo infatti è dolce e il mio carico leggero».

Parola del Signore.

Lode a te o Cristo

DOPO IL VANGELO

(Cf Ef 2,7)

Rivelaci, o Dio nostro, le ricchezze sconfinate della tua grazia e il tuo amore per noi che si compie nel Cristo Gesù.

PREGHIERA UNIVERSALE

Preghiamo insieme dicendo:

A CONCLUSIONE DELLA LITURGIA DELLA PAROLA

Lo Spirito santo, o Padre, ci infiammi di quel fuoco che il Signore nostro Gesù Cristo ha riversato in terra dall’intimo del suo cuore e ha voluto che in noi divampasse per attrarci a lui, che vive e regna nei secoli dei secoli.

R. Amen.

LITURGIA EUCARISTICA

Secondo l’ammonimento del Signore, prima di presentare i nostri doni all’altare, scambiamoci un segno di pace.

SUI DONI

Ascenda a te, o Dio, come profumo soave l’offerta che ti presentiamo in onore del cuore di Cristo perché la sua carità infiammi il nostro cuore e ci conformi a lui, che vive e regna nei secoli dei secoli.

R. Amen.

Credo in un solo Dio

Amen.

PREGHIERA EUCARISTICA

Il Signore sia con voi.

R. E con il tuo spirito.

In alto i nostri cuori.

R. Sono rivolti al Signore.

Rendiamo grazie al Signore nostro Dio.

E. E’ cosa buona e giusta.

PREFAZIO

È veramente cosa buona e giusta celebrarti, Padre santo, Dio onnipotente ed eterno. Cristo Signore nostro, innalzato sulla croce, nel suo amore senza limiti donò la vita per noi e dalla ferita del suo fianco effuse sangue e acqua, simbolo dei sacramenti della Chiesa perché tutti gli uomini, attratti al suo cuore, attingessero con gioia alla fonte perenne della salvezza. Per questo mistero di grazia, uniti agli angeli e ai santi, proclamiamo senza fine la tua gloria:

Santo, Santo, Santo il Signore Dio dell’universo. I cieli e la terra sono pieni della tua gloria. Osanna nell’alto dei cieli. Benedetto colui che viene nel nome del Signore. Osanna nell’alto dei cieli.

Mistero della fede

Tu cia hai redento con la tua croce e la tua risurrezione: salvaci, o Salvatore del mondo.

RITI DI COMUNIONE

ALLO SPEZZARE DEL PANE

(Mt 11,28)

“Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi ristorerò” – dice il Signore -.

Obbedienti alla parola del Salvatore e formati al suo divino insegnamento osiamo dire:

Padre nostro, che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà, come in cielo e così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano, e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori, e non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male.

ALLA COMUNIONE

(Gv 15,13)

“Nessuno ha un amore più grande di questo – dice il Signore -: dare la vita per i propri amici”.

DOPO LA COMUNIONE

Questo sacramento del tuo amore, ci unisca, o Dio, al Figlio che ci hai donato perché, animati dalla stessa carità, sappiamo riconoscere nei nostri fratelli l’immagine di Cristo, che vive e regna nei secoli dei secoli.

R. Amen.

RITI DI CONCLUSIONE

Il Signore sia con voi.

R. E con il tuo spirito.

R. Kyrie Eleison

R. Kyrie Eleison

R. Kyrie Eleison

Andiamo in pace

R. Nel nome di Cristo.

Pubblicità
shares