ODISSEA – LIBRO 3 – testo,traduzione,analisi

ODISSEA – LIBRO III
TESTO GRECO                                                     TRADUZIONE

ࡼ¨àŽ­àŽ»àŽ¹àŽ¿àâ€š àŽ´’ à¡¼â‚¬àŽ½àÅ’ààŽ¿àâ€¦àÆ’àŽµ, àŽ»àŽ¹àâ‚¬à¡½¼àŽ½ àâ‚¬àŽµààŽ¹àŽºàŽ±àŽ»àŽ»àŽ­àŽ± àŽ»àŽ¯àŽ¼àŽ½àŽ·àŽ½,
àŽ¿à¡½ààŽ±àŽ½à¡½¸àŽ½ ࡼàâ€š àâ‚¬àŽ¿àŽ»ààâ€¡àŽ±àŽ»àŽºàŽ¿àŽ½, ࡼµàŽ½’
à¡¼â‚¬àŽ¸àŽ±àŽ½àŽ¬àâ€žàŽ¿àŽ¹àÆ’àŽ¹ àâ€ àŽ±àŽµàŽ¯àŽ½àŽ¿àŽ¹
àŽºàŽ±à¡½¶ àŽ¸àŽ½àŽ·àâ€žàŽ¿à¡¿â€“àÆ’àŽ¹ àŽ²ààŽ¿àâ€žàŽ¿à¡¿â€“àÆ’àŽ¹àŽ½ ࡼàâ‚¬à¡½¶
àŽ¶àŽµàŽ¯àŽ´àâ€°ààŽ¿àŽ½ à¡¼â€žààŽ¿àâ€¦ààŽ±àŽ½·
àŽ¿à¡¼± àŽ´à¡½² àŽ ààŽ»àŽ¿àŽ½, àŽàŽ·àŽ»à¡¿â€ àŽ¿àâ€š ࡼàâ€¹àŽºàâ€žàŽ¯àŽ¼àŽµàŽ½àŽ¿àŽ½
àâ‚¬àâ€žàŽ¿àŽ»àŽ¯àŽµàŽ¸ààŽ¿àŽ½,
ࡼ·àŽ¾àŽ¿àŽ½·
àâ€žàŽ¿à¡½¶ àŽ´’ ࡼàâ‚¬à¡½¶ àŽ¸àŽ¹àŽ½à¡½¶ àŽ¸àŽ±àŽ»àŽ¬àÆ’àÆ’àŽ·àâ€š ࡼ±àŽµàà¡½° à¡¿¥àŽ­àŽ¶àŽ¿àŽ½,
àâ€žàŽ±àààŽ¿àâ€¦àâ€š àâ‚¬àŽ±àŽ¼àŽ¼àŽ­àŽ»àŽ±àŽ½àŽ±àâ€š,
ࡼàŽ½àŽ¿àÆ’àŽ¯àâ€¡àŽ¸àŽ¿àŽ½àŽ¹ àŽºàâ€¦àŽ±àŽ½àŽ¿àâ€¡àŽ±àŽ¯àâ€žà¡¿Æ’.
ࡼàŽ½àŽ½àŽ­àŽ± àŽ´’ à¡¼â€¢àŽ´ààŽ±àŽ¹ ࡼ”àÆ’àŽ±àŽ½, àâ‚¬àŽµàŽ½àâ€žàŽ·àŽºàÅ’àÆ’àŽ¹àŽ¿àŽ¹ àŽ´’ ࡼàŽ½ à¡¼â€˜àŽºàŽ¬àÆ’àâ€žà¡¿Æ’
àŽµà¡¼µàŽ±àâ€žàŽ¿, àŽºàŽ±à¡½¶ àâ‚¬ààŽ¿à¡½”àâ€¡àŽ¿àŽ½àâ€žàŽ¿ à¡¼â€˜àŽºàŽ¬àÆ’àâ€žàŽ¿àŽ¸àŽ¹ ࡼàŽ½àŽ½àŽ­àŽ± àâ€žàŽ±àààŽ¿àâ€¦àâ€š.
àŽµà¡½â€“àŽ¸’ àŽ¿à¡¼± àÆ’àâ‚¬àŽ»àŽ¬àŽ³àâ€¡àŽ½àŽ±
àâ‚¬àŽ¬àÆ’àŽ±àŽ½àâ€žàŽ¿, àŽ¸àŽµà¡¿· àŽ´’ ࡼàâ‚¬à¡½¶ àŽ¼àŽ·ààŽ¯’ ࡼ”àŽºàŽ·àŽ±àŽ½,
àŽ¿à¡¼± àŽ´’ ࡼ°àŽ¸à¡½ºàâ€š àŽºàŽ±àâ€žàŽ¬àŽ³àŽ¿àŽ½àâ€žàŽ¿ ࡼ°àŽ´’ ࡼ±àÆ’àâ€žàŽ¯àŽ±
àŽ½àŽ·à¡½¸àâ€š ࡼàŽàÆ’àŽ·àâ€š                   10
àÆ’àâ€žàŽµà¡¿â€“àŽ»àŽ±àŽ½ à¡¼â‚¬àŽµàŽ¯ààŽ±àŽ½àâ€žàŽµàâ€š, àâ€žà¡½´àŽ½ àŽ´’ ࡽ¥ààŽ¼àŽ¹àÆ’àŽ±àŽ½, ࡼàŽº àŽ´’ ࡼ”àŽ²àŽ±àŽ½ àŽ±à¡½àâ€žàŽ¿àŽ¯·
ࡼàŽº àŽ´’ à¡¼â€žààŽ± àŽ¤àŽ·àŽ»àŽ­àŽ¼àŽ±àâ€¡àŽ¿àâ€š àŽ½àŽ·à¡½¸àâ€š àŽ²àŽ±à¡¿â€“àŽ½’, ࡼ¦ààâ€¡àŽµ àŽ´’ à¡¼Ë†àŽ¸àŽ®àŽ½àŽ·.
àâ€žà¡½¸àŽ½ àâ‚¬ààŽ¿àâ€žàŽ­ààŽ· àâ‚¬ààŽ¿àÆ’àŽ­àŽµàŽ¹àâ‚¬àŽµ àŽ¸àŽµà¡½° àŽ³àŽ»àŽ±àâ€¦àŽºà¡¿¶àâ‚¬àŽ¹àâ€š à¡¼Ë†àŽ¸àŽ®àŽ½àŽ··

“àŽ¤àŽ·àŽ»àŽ­àŽ¼àŽ±àâ€¡’, àŽ¿à¡½ àŽ¼àŽ­àŽ½ àÆ’àŽµ àâ€¡àà¡½´ ࡼ”àâ€ž’ àŽ±à¡¼°àŽ´àŽ¿à¡¿¦àâ€š àŽ¿à¡½àŽ´’ ࡼ àŽ²àŽ±àŽ¹àÅ’àŽ½·
àâ€žàŽ¿à¡½”àŽ½àŽµàŽºàŽ± àŽ³à¡½°à àŽºàŽ±à¡½¶ àâ‚¬àÅ’àŽ½àâ€žàŽ¿àŽ½ ࡼàâ‚¬àŽ­àâ‚¬àŽ»àâ€°àâ€š, ࡽ„àâ€ ààŽ± àâ‚¬ààŽ¸àŽ·àŽ±àŽ¹
àâ‚¬àŽ±àâ€žààÅ’àâ€š, ࡽ…àâ‚¬àŽ¿àâ€¦
àŽºààŽ¸àŽµ àŽ³àŽ±à¡¿â€“àŽ± àŽºàŽ±à¡½¶ à¡½â€¦àŽ½ àâ€žàŽ¹àŽ½àŽ± àâ‚¬àÅ’àâ€žàŽ¼àŽ¿àŽ½ ࡼàâ‚¬àŽ­àÆ’àâ‚¬àŽµàŽ½.
à¡¼â‚¬àŽ»àŽ»’ à¡¼â€žàŽ³àŽµ àŽ½à¡¿¦àŽ½ ࡼ°àŽ¸à¡½ºàâ€š
àŽºàŽ¯àŽµ àŽàŽ­àÆ’àâ€žàŽ¿ààŽ¿àâ€š ࡼ±àâ‚¬àâ‚¬àŽ¿àŽ´àŽ¬àŽ¼àŽ¿àŽ¹àŽ¿·
àŽµà¡¼´àŽ´àŽ¿àŽ¼àŽµàŽ½ ࡼ¥àŽ½ àâ€žàŽ¹àŽ½àŽ± àŽ¼à¡¿â€ àâ€žàŽ¹àŽ½ ࡼàŽ½à¡½¶ àÆ’àâ€žàŽ®àŽ¸àŽµàÆ’àÆ’àŽ¹ àŽºàŽ­àŽºàŽµàâ€¦àŽ¸àŽµ.
àŽ»àŽ¯àÆ’àÆ’àŽµàÆ’àŽ¸àŽ±àŽ¹ àŽ´àŽ­
àŽ¼àŽ¹àŽ½ àŽ±à¡½àâ€žàÅ’àŽ½, ࡽ…àâ‚¬àâ€°àâ€š àŽ½àŽ·àŽ¼àŽµààâ€žàŽ­àŽ± àŽµà¡¼´àâ‚¬à¡¿Æ’·
àË†àŽµà¡¿¦àŽ´àŽ¿àâ€š àŽ´’ àŽ¿à¡½àŽº
ࡼààŽ­àŽµàŽ¹· àŽ¼àŽ¬àŽ»àŽ± àŽ³à¡½°à àâ‚¬àŽµàâ‚¬àŽ½àâ€¦àŽ¼àŽ­àŽ½àŽ¿àâ€š ࡼàÆ’àâ€žàŽ¯.”   20

àâ€žà¡½´àŽ½ àŽ´’ àŽ±à¡½â€“ àŽ¤àŽ·àŽ»àŽ­àŽ¼àŽ±àâ€¡àŽ¿àâ€š àâ‚¬àŽµàâ‚¬àŽ½àâ€¦àŽ¼àŽ­àŽ½àŽ¿àâ€š à¡¼â‚¬àŽ½àâ€žàŽ¯àŽ¿àŽ½ àŽ·à¡½”àŽ´àŽ±·
“àŽÅ“àŽ­àŽ½àâ€žàŽ¿à,
àâ‚¬à¡¿¶àâ€š àâ€ž’ à¡¼â€žà’ ࡼ´àâ€°, àâ‚¬à¡¿¶àâ€š àâ€ž’ à¡¼â€šà àâ‚¬ààŽ¿àÆ’àâ‚¬àâ€žààŽ¾àŽ¿àŽ¼àŽ±àŽ¹ àŽ±à¡½àâ€žàÅ’àŽ½;
àŽ¿à¡½àŽ´àŽ­ àâ€žàŽ¯ àâ‚¬àâ€° àŽ¼ààŽ¸àŽ¿àŽ¹àÆ’àŽ¹ àâ‚¬àŽµàâ‚¬àŽµàŽ¯ààŽ·àŽ¼àŽ±àŽ¹ àâ‚¬àâ€¦àŽºàŽ¹àŽ½àŽ¿à¡¿â€“àÆ’àŽ¹àŽ½·
àŽ±à¡¼°àŽ´à¡½¼àâ€š àŽ´’ àŽ±à¡½â€“ àŽ½àŽ­àŽ¿àŽ½ à¡¼â€žàŽ½àŽ´ààŽ± àŽ³àŽµààŽ±àŽ¯àâ€žàŽµààŽ¿àŽ½ ࡼàŽ¾àŽµààŽ­àŽµàÆ’àŽ¸àŽ±àŽ¹.”


àâ€žà¡½¸àŽ½ àŽ´’ àŽ±à¡½â€“àâ€žàŽµ àâ‚¬ààŽ¿àÆ’àŽ­àŽµàŽ¹àâ‚¬àŽµ àŽ¸àŽµà¡½° àŽ³àŽ»àŽ±àâ€¦àŽºà¡¿¶àâ‚¬àŽ¹àâ€š à¡¼Ë†àŽ¸àŽ®àŽ½àŽ··
“àŽ¤àŽ·àŽ»àŽ­àŽ¼àŽ±àâ€¡’,
à¡¼â€žàŽ»àŽ»àŽ± àŽ¼à¡½²àŽ½ àŽ±à¡½àâ€žà¡½¸àâ€š ࡼàŽ½à¡½¶ àâ€ ààŽµàÆ’ࡽ¶ àÆ’ࡿ‡àÆ’àŽ¹ àŽ½àŽ¿àŽ®àÆ’àŽµàŽ¹àâ€š,
à¡¼â€žàŽ»àŽ»àŽ± àŽ´à¡½² àŽºàŽ±à¡½¶ àŽ´àŽ±àŽ¯àŽ¼àâ€°àŽ½ ࡽ‘àâ‚¬àŽ¿àŽ¸àŽ®àÆ’àŽµàâ€žàŽ±àŽ¹· àŽ¿à¡½ àŽ³à¡½°à à¡½â‚¬àŽàâ€°
àŽ¿à¡½” àÆ’àŽµ àŽ¸àŽµà¡¿¶àŽ½ à¡¼â‚¬àŽ­àŽºàŽ·àâ€žàŽ¹ àŽ³àŽµàŽ½àŽ­àÆ’àŽ¸àŽ±àŽ¹ àâ€žàŽµ àâ€žààŽ±àâ€ àŽ­àŽ¼àŽµàŽ½ àâ€žàŽµ.”

ࡽ£àâ€š à¡¼â€žààŽ± àâ€ àâ€°àŽ½àŽ®àÆ’àŽ±àÆ’’ ࡼ¡àŽ³àŽ®àÆ’àŽ±àâ€žàŽ¿ àŽ àŽ±àŽ»àŽ»à¡½°àâ€š à¡¼Ë†àŽ¸àŽ®àŽ½àŽ·
àŽºàŽ±ààâ‚¬àŽ±àŽ»àŽ¯àŽ¼àâ€°àâ€š· ࡽ àŽ´’ ࡼ”àâ‚¬àŽµàŽ¹àâ€žàŽ± àŽ¼àŽµàâ€ž’ ࡼ´àâ€¡àŽ½àŽ¹àŽ±
àŽ²àŽ±à¡¿â€“àŽ½àŽµ àŽ¸àŽµàŽ¿à¡¿â€“àŽ¿.       30
ࡼ·àŽ¾àŽ¿àŽ½ àŽ´’ ࡼàâ€š àŽ àâ€¦àŽ»àŽ¯àâ€°àŽ½ à¡¼â‚¬àŽ½àŽ´àà¡¿¶àŽ½
à¡¼â€žàŽ³àâ€¦ààŽ¯àŽ½ àâ€žàŽµ àŽºàŽ±à¡½¶ à¡¼â€¢àŽ´ààŽ±àâ€š,
ࡼ”àŽ½àŽ¸’ à¡¼â€žààŽ± àŽàŽ­àÆ’àâ€žàâ€°à ࡼ§àÆ’àâ€žàŽ¿ àÆ’ࡽºàŽ½ àâ€¦à¡¼±àŽ¬àÆ’àŽ¹àŽ½, à¡¼â‚¬àŽ¼àâ€ à¡½¶ àŽ´’ ࡼ‘àâ€žàŽ±à¡¿â€“ààŽ¿àŽ¹
àŽ´àŽ±à¡¿â€“àâ€ž’ ࡼàŽ½àâ€žàâ€¦àŽ½àÅ’àŽ¼àŽµàŽ½àŽ¿àŽ¹ àŽºààŽ­àŽ± àâ€ž’ ࡽ¤àâ‚¬àâ€žàâ€°àŽ½ à¡¼â€žàŽ»àŽ»àŽ± àâ€ž’ ࡼ”àâ‚¬àŽµàŽ¹ààŽ¿àŽ½.


àŽ¿à¡¼± àŽ´’ ࡽ¡àâ€š àŽ¿à¡½â€“àŽ½
àŽ¾àŽµàŽ¯àŽ½àŽ¿àâ€¦àâ€š ࡼ´àŽ´àŽ¿àŽ½, ࡼàŽ¸ààÅ’àŽ¿àŽ¹ ࡼ¦àŽ»àŽ¸àŽ¿àŽ½ ࡼ…àâ‚¬àŽ±àŽ½àâ€žàŽµàâ€š,
àâ€¡àŽµààÆ’àŽ¯àŽ½ àâ€ž’ ࡼ àÆ’àâ‚¬àŽ¬àŽ¶àŽ¿àŽ½àâ€žàŽ¿ àŽºàŽ±à¡½¶
à¡¼â€˜àŽ´ààŽ¹àŽ¬àŽ±àÆ’àŽ¸àŽ±àŽ¹ à¡¼â€žàŽ½àâ€°àŽ³àŽ¿àŽ½.
àâ‚¬àà¡¿¶àâ€žàŽ¿àâ€š
àŽàŽµàÆ’àâ€žàŽ¿ààŽ¯àŽ´àŽ·àâ€š àŽ àŽµàŽ¹àÆ’àŽ¯àÆ’àâ€žààŽ±àâ€žàŽ¿àâ€š ࡼàŽ³àŽ³ààŽ¸àŽµàŽ½ ࡼàŽ»àŽ¸à¡½¼àŽ½
à¡¼â‚¬àŽ¼àâ€ àŽ¿àâ€žàŽ­ààâ€°àŽ½
à¡¼â€¢àŽ»àŽµ àâ€¡àŽµà¡¿â€“ààŽ± àŽºàŽ±à¡½¶ ࡼµàŽ´ààâ€¦àÆ’àŽµàŽ½ àâ‚¬àŽ±àà¡½° àŽ´àŽ±àŽ¹àâ€žà¡½¶
àŽºàÅ½àŽµàÆ’àŽ¹àŽ½ ࡼàŽ½ àŽ¼àŽ±àŽ»àŽ±àŽºàŽ¿à¡¿â€“àÆ’àŽ¹àŽ½, ࡼàâ‚¬à¡½¶ àË†àŽ±àŽ¼àŽ¬àŽ¸àŽ¿àŽ¹àÆ’’ ࡼàŽ»àŽ¯à¡¿Æ’àÆ’àŽ¹,
àâ‚¬àŽ¬à àâ€žàŽµ àŽºàŽ±àÆ’àŽ¹àŽ³àŽ½àŽ®àâ€žà¡¿³ àŽËœààŽ±àÆ’àâ€¦àŽ¼àŽ®àŽ´àŽµàÅ  àŽºàŽ±à¡½¶ àâ‚¬àŽ±àâ€žàŽ­ààŽ¹ ࡾ§.
àŽ´à¡¿¶àŽºàŽµ àŽ´’ à¡¼â€žààŽ± àÆ’àâ‚¬àŽ»àŽ¬àŽ³àâ€¡àŽ½àâ€°àŽ½ àŽ¼àŽ¿àŽ¯ààŽ±àâ€š, ࡼàŽ½ àŽ´’ àŽ¿à¡¼¶àŽ½àŽ¿àŽ½ ࡼ”àâ€¡àŽµàâ€¦àŽµ    40
àâ€¡ààâ€¦àÆ’àŽµàŽ¯à¡¿³ àŽ´àŽ­àâ‚¬àŽ±àÅ · àŽ´àŽµàŽ¹àŽ´àŽ¹àÆ’àŽºàÅ’àŽ¼àŽµàŽ½àŽ¿àâ€š àŽ´à¡½² àâ‚¬ààŽ¿àÆ’àŽ·ààŽ´àŽ±
àŽ àŽ±àŽ»àŽ»àŽ¬àŽ´’ à¡¼Ë†àŽ¸àŽ·àŽ½àŽ±àŽ¯àŽ·àŽ½,
àŽºàŽ¿àààŽ·àŽ½ àŽ”àŽ¹à¡½¸àâ€š àŽ±à¡¼°àŽ³àŽ¹àÅ’àâ€¡àŽ¿àŽ¹àŽ¿·
Il sole si levò, lasciando il mare bellissimo,
nel cielo di bronzo, per illuminare gli dei
e i mortali sulla terra frugifera;
quando essi giunsero a Pilo, città di Neleo cinta di mura; essi invece offrivano sacrifici sul lido del mare,
tori nerissimi, allo scuoti terra dalle chiome cerulee.
Nove erano le sedi, in ciascuna sedevano 500 uomini,
e per ciascuna si immolavano nove tori.
subito gustarono le viscere, al dio bruciavano le cosce,
essi poi approdarono, altri raccolsero le vele dalla nave equilibrata, la armeggiarono, poi scesero;
Telemaco scendeva dalla nave, Atena lo precedeva.
La dea glaucopide Atena gli rivolse parola per prima:
“Telemaco, tu devi ormai bandire ogni vergogna;
per questo infatti hai navigato per mare, per avere notizie del padre, per sapere dove e come è morto.
Ma orsù vai già dritto da Nestore domatore di cavalli;
vediamo quale cuore tiene chiuso nel petto.
tu stesso pregalo, affinché risponda sincero;
non dirà menzogna, infatti è molto saggio.”
Le risponde allora giudiziosamente Telemaco:
“O Mentore, come dovrei andare, come dovrei salutarlo?
Non sono affatto esperto di parole sapienti;
E’ vergognoso che un ragazzo interroghi uno più vecchio.”
Allora gli disse la dea glaucopide Atena:
“Telemaco, tu stesso penserai qualcosa nel tuo animo;
anche un  nume ti suggerirà qualcosa; non penso infatti che tu sia nato e cresciuto a dispetto degli dei.”
Cos’ dicendo Pallade Atena lo precedette velocemente; lui camminava subito dopo i passi della dea.
Giunsero dunque all’adunanza e alle sedi dei Pili,
dove Nestore sedeva con i figli, circondato dai compagni
preparando il banchetto arristivano pezzi di carne, altri li infilzavano.
Essi, come videro gli uomini, avanzarono tutti in folla,
li salutavano e li invitavano a sedersi.
Per primo Pisistrato, figlio di Nestore, accorrendo vicino
prese le mani di entrambi e li fece sedere al banchetto
su morbidi pelli di pecora, sopra la spiaggia del mare,
presso il fratello Trasimete e suo padre.
Diede parte delle viscere, versò il vino
nella coppa d’oro; si volse ad offrirla
a Pallade Atena, la figlia di Zeus egioco;
Modi differenti con cui Omero caratterizza il mare
Verbi che mancano dell’aumento
Influssi eolici o ionici
Figure retoriche e fenomeni fonetici o metrici
Epiteti formulari, patronimici, forme di epiteto del nome
ANALISI
Versi 1-10
          à¡¼â‚¬àŽ½àÅ’ààŽ¿àâ€¦àÆ’àŽµ » verbo che non presenta l’aumento dovrebbe essere ࡼ àŽ½àÅ’ààŽ¿àâ€¦àÆ’àŽµ; “levarsi”
          àâ‚¬àŽµààŽ¹àŽºàŽ±àŽ»àŽ»àŽ­àŽ± àŽ»àŽ¯àŽ¼àŽ½àŽ·àŽ½ » non è il mare, ma indica l’area paludosa che orla la costa del Peloponneso
                                      » è una forma di epiteto del nome
                                      ÃƒÆ’‚» àâ‚¬àŽµààŽ¹- è un preverbio che ha la funzione di superlativo; “bellissima”
          àŽ¿à¡½ààŽ±àŽ½àÅ’àŽ½ ࡼàâ€š » anastrofe; è una forma di epiteto del nome che arriva fino alla cesura femminile
          à¡¼â‚¬àŽ¸àŽ±àŽ½àŽ¬àâ€žàŽ¿àŽ¹àÆ’àŽ¹ » in attico sarebbe à¡¼â‚¬àŽ¸àŽ±àŽ½àŽ¬àâ€žàŽ¿àŽ¹àâ€š
                         ÃƒÆ’‚» in Omero la forma del dativo plurale è -àŽ¿àŽ¹àÆ’àŽ¹ davanti a consonante, -àŽ¿àŽ¹àâ€š davanti a vocale
                         » aggiunta di àŽ±- iniziale per permettere l’intromissione della parola nella struttura metrica
                         » I legge di Schulze
          àŽ¸àŽ½àŽ·àâ€žàŽ¿à¡¿â€“àÆ’àŽ¹àŽ½ àŽ²ààŽ¿àâ€žàŽ¿à¡¿â€“àÆ’àŽ¹àŽ½ » valgono entrambi come “mortali”, letteralmente “uomini mortali”
                                         » radice àŽ¸àŽ½- è la stessa di àŽ¸àŽ½àŽ®àÆ’àŽºàâ€° , “morire”
          àŽ¶àŽµàŽ¯àŽ´àâ€°ààŽ¿àŽ½ » (da àŽ¶àŽµàŽ¹àŽ¬ “spelta” + àŽ´àâ€°à “donare”) significa “frugifera”, che porta frutto, fertile (terra)
          àŽ¿à¡¼± àŽ´à¡½² » anche se il testo non lo esplicita, subordinare con una temporale “quand’essi”
          àŽ ààŽ»àŽ¿àŽ½ » città fondata da Neleo, che ebbe dodici figli ed una figlia, tutti uccisi da Eracle durante una
                     delle sue dodici fatiche (che era quella di incendiare l’intera città), sopravvisse solo Nestore
                  » è una città cinta di solide mura (ࡼàâ€¦àâ€žàŽ¯àŽ¼àŽµàŽ½àŽ¿àŽ½ àâ‚¬àâ€žàŽ¿àŽ»àŽ¯àŽµàŽ¸ààŽ¿àŽ½ » forma di eolismo » inizia per àâ‚¬àâ€ž-)
                  » nell’antichità ne esistevano due: una in Messenia e una in Trifilia
                  » inizialmente si sosteneva il riferimento a quella della Messenia, che adora come dei    
                     protettori Poseidone ed Atena (dopo si descriveranno i sacrifici dei Pili a Poseidone); l’ fu
                     ritrovato un palazzo che si suppone fosse quello di Nestore, dove viene accolto Telemaco
                  » a conferma di questo sta il futuro sacrificio di Telemaco verso Poseidone e la presenza di
                     Atena che lo affianca durante il viaggio, sono elementi che danno indizi
                  » Strabone (storico del VIII sec a.C.) sostiene che Omero si riferisse a quella in Trifilia,
                     poiché vicina alla paludepresso il fiume Alfeo (conferma l’utilizzo del vocabolo àŽ»àŽ¯àŽ¼àŽ½àŽ·àŽ½)
                  » a discapito di questa tesi sta la lontananza della città dal mare (1 miglio)
                  » Massimo Vetta (studioso del 1900) sostiene il riferimento di Omero alla Pilo della Messenia
                  » dice che in seguito a conquiste il palazzo presente in Messenia (reggia di Nestore) sia stato
                     distrutto, i Pili cos’ si sono spostati in Trifilia, fondando una città con lo stesso nome
          ࡼ·àŽ¾àŽ¿àŽ½ » aoristo misto di ࡼµàŽºàâ€°
          àâ€žàŽ¿àŽ¯ » in attico è l’articolo àŽ¿à¡¼±, si riferisce ai Pili, tradurre con “essi”
          à¡¿¥àŽ­àŽ¶àŽ¿àŽ½ » “offrire sacrifici”, verbo a cui manca l’aumento, sebbene aoristo (ࡼàààŽµàŽ¶àŽ¿àŽ½)
                 » mentre Telemaco sbarca a Pilo, gli abitanti stanno compiendo dei riti sacri in onore di
                    Poseidone, dio protettore della città, a cui era abitudine offrire ecatombi di tori neri
                 » era costume fare delle ecatombi in onore di Poseidone (sacrificavano da 500 a 1000 animali)
                 » neri perché richiamavano al dio stesso: governante delle oscure profondità dell’oceano
                    (Poseidone inoltre prima di essere dio del mare era dio della terra, dell’oltretomba)
                 » il colore scuro in antichità veniva per questo associato agli occhi dei morenti, che venivano
                    descritti come offuscati, come se stessero già contemplando l’oscurità degli inferi
          àâ€žàŽ±àààŽ¿àâ€š àâ‚¬àŽ±àŽ¼àŽ¼àŽ­àŽ½àŽ±àŽ»àŽ±àâ€š » apposizione di ࡼ±àŽµààŽ¬
          ࡼàŽ½àŽ¿àÆ’àŽ¯àâ€¡àŽ¸àŽ¿àŽ½àŽ¹ » epiteto formulare di Poseidone, “scuotiterra”
          àŽºàâ€¦àŽ±àŽ½àŽ¿àâ€¡àŽ±àŽ¯àâ€žà¡¿Æ’ » eppiteto formulare di Nettuno, “dalle chiome cerulee”, perché è dio delle profondità
          ࡼàŽ½àŽ½àŽ­àŽ± » anafora che ripete l’aggettivo numerale “nove”
                » c’erano novi sedi con 500 uomini, per ogni sede immolavano nove tori (4500 persone)
                » nove era il numero di città su cui Nestore aveva il comando
          à¡¼â€¢àŽ´ààŽ±àŽ¹ » il dittongo àŽ±àŽ¹- si abbrevia, come succede ai dittonghi/vocale lunga seguiti da vocale breve
          àŽµà¡¼µàŽ±àâ€žàŽ¿ » in attico è ࡼ¥àŽ½àâ€žàŽ¿, imperfetto di ࡼ§àŽ¼àŽ±àŽ¹, con desinenza ionica -àŽ±àâ€žàŽ¿
          àâ‚¬àŽ¬àÆ’àŽ±àŽ½àâ€žàŽ¿ » aoristo senza la presenza dell’aumento (ࡼàâ‚¬àŽ¬àÆ’àŽ±àŽ½àâ€žàŽ¿)
          ࡼàâ‚¬à¡½¶…àŽºàŽ±à¡¿â€“àŽ¿àŽ½ » è una tmesi (àâ€žàŽ¼à¡¿â€ àÆ’àŽ¹àâ€š) omerica per cui un verbo composto viene spezzato mettendo
          àŽ½àŽ·àÅ’àâ€š » in attico c’è la metatesi quantitativa (declinazione attica) » àŽ½àŽµàÅ½àâ€š
          ࡼàŽ¯àÆ’àŽ·àâ€š » in attico sarebbe ࡼ°àÆ’àŽ·àâ€š (l’eolico allunga la prima vocale)
versi 10-20
          àÆ’àâ€žàŽµàŽ¯àŽ»àŽ±àŽ½ » enjambement insieme ad à¡¼â‚¬àŽµàŽ¯ààŽ±àŽ½àâ€žàŽµàâ€š che si riferiscono al verso prima
                    » è un verbo aoristo che non presenta l’aumento (ࡼ”àÆ’àâ€žàŽµàŽ¹àŽ»àŽ±àŽ½)
          àâ€žàŽ®àŽ½ » in attico sarebbe ࡼ€àâ€¦àâ€žàŽ®àŽ½ (si riferisce alla nave)
          ࡼ’àŽ²àŽ±àŽ½ » in attico sarebbe ࡼ’àŽ²àŽ·àÆ’àŽ±àŽ½, è un aoristo radicale con desinenza -àŽ½ (al posto d quella ionica ed
                  attica della terza plurale -àÆ’àŽ±àŽ½)
          ࡼàŽº…àŽ²àŽ±à¡¿â€“àŽ½’(àŽµ) » tmesi per far emergere il nome del protagonista Telemaco (in realtà è ࡼàŽºàŽ²àŽ±àŽ¯àŽ½àâ€°)
          à¡¼â€šààŽ± » particella che indica un’azione ripetuta (è come se dicesse che è abituale scendere dalla nave)
              » appartiene al linguaggio formulare con azioni normali che si ripetono (non si traduce)
          àâ€žàÅ’àŽ½ » è al posto di ࡼ€àâ€¦àâ€žàÅ’àŽ½
          àâ‚¬ààŽ¿àâ€žàŽ­ààŽ· » “per prima”, aggettivo predicativo riferito ad Atena-Mentore
                     » tutte le parti declinabili nel genere che si riferiscono a Mentore sono al femminile
          àŽ³àŽ»àŽ±àâ€¦àŽºà¡¿¶àâ‚¬àŽ¹àâ€š » è un epiteto totemistico, “dagli occhi di civetta”, “dagli occhi azzurri”, “glaucopide”
                        » Atena ha questo epiteto dalla credenza che, essendo la dea della saggezza, sulla spalla
                           tenesse una civetta, che personificava la sapienza di cui la dea era rappresentativa
          àâ€¡àà¡½´ ࡼ’àâ€ž » per sinizesi (= fusione di due vocali nella lettura metrica) due sillabe misurano una lunga
          àâ€žàŽ¿à¡½’àŽ½àŽµàŽºàŽ± » è àâ€žàŽ¿à¡¿¦ (neutro) + ࡼ’àŽ½àŽµàŽºàŽ±, è prolettico rispetto a ciò cui si riferisce » fenomeno della crasi
          ࡼàâ‚¬àŽ­àâ‚¬àŽ»àâ€°àâ€š » forma di aoristo raddoppiato di ࡼàâ‚¬àŽ¹àâ‚¬àŽ»àÅ½àâ€° (in attico ࡼàâ‚¬àŽ¹àâ‚¬àŽ»àŽ­àâ€°)
          ࡽ‚àâ€ ààŽ± » congiunzione con valore finale, “per chiedere del padre”
          àâ‚¬ààŽ¸àŽ·àŽ±àŽ¹ » in attico è àâ‚¬ààŽ¸à¡¿Æ’
          àâ‚¬àŽ±àâ€žààÅ’àâ€š » è un’esclamazione, che evidenzia il termine spostandolo all’inizio del verso (epesegesi)
          àŽºààŽ¸àŽµ » aoristo forte e senza aumento
               » “dove ricopre la terra”, cioè “dove è morto, dove è seppellito”
          ࡼ°àâ‚¬àâ‚¬àŽ¿àŽ´àŽ¬àŽ¼àŽ¿àŽ¹àŽ¿ » genitivo singolare eolico con terminazione -àŽ¹àŽ¿ (in attico -àŽ¿àâ€¦)
                          » epiteto di Nestore, “dominatore di cavalli”, riferito spesso ai guerrieri
          àŽµà¡¼²àŽ´àŽ¿àŽ¼àŽµàŽ½ » congiuntivo esortativo di àŽ¿à¡¼·àŽ´àŽ± con vocale breve àŽ¿ al posto di àâ€° (congiuntivo indipendente)
          àŽ»àŽ¯àÆ’àÆ’àŽµàÆ’àŽ¸àŽ±àŽ¹ » infinito con valore di imperativo
          àŽ¼àŽ¹àŽ½ » in attico è àŽ±à¡½àâ€žàÅ’àâ€š
          àŽµà¡¼²àâ‚¬àŽµ » non c’è lo iato con àŽ½àŽ·àŽ¼àŽµààâ€žàŽ­àŽ± ( da à¡¼â‚¬àŽ¼àŽ±ààâ€žàŽ±àŽ½àâ€° = dire il vero, essere sincero) perché è preceduto
                 da digamma (ààŽµàŽ¯àâ‚¬àŽµ)
          ࡼààŽ­àŽµàŽ¹ » in attico si contrae in ࡼààŽµà¡¿â€“ (da àŽ»àŽ­àŽ³àâ€°) sottintende “a te”, “ti”
Versi 20-30
          àâ‚¬àŽµàâ‚¬àŽ½àâ€¦àŽ¼àŽ­àŽ½àŽ¿àâ€š » participio perfetto di àâ‚¬àŽ½àŽ­àâ€°, “ispirato” letteralmente, qui “saggio”
          àâ€žàŽ®àŽ½ » è in realtà àŽ±à¡½àâ€žàŽ®àŽ½ riferito ad Atena, retto da àŽ·à¡½’àŽ´àŽ±
          àâ‚¬àŽµàâ‚¬àŽ½ààŽ¼àŽµàŽ½àŽ¿àâ€š » prima era stato usato in riferimento a Nestore, ora per Telemaco ad evidenziare la
                             sua maturità tanto da paragonarlo ad un grande eroe, anziano ed esperto
                          ÃƒÆ’‚» verso 21 è formulare: “rispose allora giudiziosamente Telemaco”
          à¡¼â‚¬àŽ½àâ€žàŽ¯àŽ¿àŽ½ » avverbio, “di rimando”
          verso 22 » interrogativa diretta aperta dall’anafora di àâ‚¬à¡¿¶àâ€š, “come, in che modo”
          àâ‚¬ààŽ¿àÆ’àâ‚¬àâ€žààŽ¾àâ€°àŽ¼àŽ±àŽ¹ » è un congiuntivo dubitativo inserito in un’interrogativa diretta introdotta da àâ‚¬à¡¿¶àâ€š
                               ÃƒÆ’‚» esprime la poca esperienza di Telemaco, che non sa neanche come salutare, come
                                  comportarsi davanti ad un adulto di tale importanza, gloria
          àâ€žàŽ¹ » accusativo avverbiale, “affatto”
          àâ‚¬àŽµàâ‚¬àŽµàŽ¯ààŽ·àŽ¼àŽ±àŽ¹ » letteralmente “mi sono esercitato”, quindi significa “essere esperti”
          àâ‚¬àâ€¦àŽºàŽ¹àŽ½àŽ¿à¡¿â€“àÆ’àŽ¹àŽ½ » letteralmente “dense, fitte”, qui prende il significato di “sagge, accorte”
          àŽ±à¡¼°àŽ´à¡½¼àâ€š » posizionato all’inizio del verso per conferire enfasi
                 » con l’utilizzo di questo termine Omero ci suggerisce che la mentalità greca conferiva alla
                    figura dell’uomo anziano estremo rispetto e autorità, che derivano dall’esperienza
                 » qui emerge la posizione di Telemaco: chi sono io per rivolgere la parola ad un eroe come lui?
                 » Atena però lo richiama al suo compito, che va oltre a qualsiasi considerazione umana,
                    perché è stato voluto da un dio, ed è stato voluto proprio da Telemaco
Società della colpa e della vergogna
» in greco la colpa si dice àŽ±à¡¼°àŽ´à¡½¼àâ€š, il suo opposto è l’onore, àâ€žàŽ¹àŽ¼àŽ®.
» è un insieme di valori fondamentali collettivamente stabiliti e riconosciuti da tutti
» il valore fondamentale che viene messo a tema è quello derivante dal valore, dalla bravura in battaglia
» più sei valoroso, forte, abile nel combattimento, più onore e stima, autorevolezza, riconoscenza otterrai
» colui che si sottrae da questi valori viene chiamato ࡼ„àâ€žàŽ¹àŽ¼àŽ¿àâ€š, “disonorato”, e viene allontanato dalla comunità
» a colui che è più valoroso viene associata anche una bellezza esteriore, perché per la mentalità greca i due     
   aspetti (interiore ed esteriore) dell’uomo andavano combaciando (àŽºàŽ±àŽ»àŽ¿àÆ’àŽºàŽ±àŽ³àŽ±àŽ¸àÅ’àâ€š = bello e buono)
» l’uomo deve quindi adoperarsi per accrescere le sue abilità guerriere, avendo come scopo di accrescere     
   anche se stesso. Coloro che non ci riescono sono ritenuti di poco conto, ma coloro che si rifiutano di  
   adoperarsi e non accettano questa mentalità addirittura sono ritenuti indegni di essere uomini
» la vergogna è relativa alla comunità, la colpa invece è un rimorso interiore e individuale sebbene derivi da
   una situazione esteriore (i greci non distinguono i due termini, racchiudendoli in un unico concetto)
» l’uomo vero, a cui bisogna tendere (l’eroe) è sempre in rapporto con la collettività, che riconosce ciò che
   sei, la quale determina l’uomo stesso attraverso il parere comune (anche se non è sempre veritiero)
» per i greci un uomo era ciò per cui veniva riconosciuto dalla collettività
          àÆ’ࡿ‡àÆ’àŽ¹ » desinenza eolica del dativo plurale della prima declinazione (in attico àÆ’àŽ±à¡¿â€“àâ€š)
          àŽ±à¡½â€“àâ€žàŽµ » particella che indica che il dialogo tra i due continua, tradurre con “e disse di rimando”
          à¡¼â€šàŽ»àŽ»àŽ± » anafora che sottolinea la decisa avversione della dea nei confronti della poca stima che
                   Telemaco ha di se stesso (lo rassicura e sprona nello stesso tempo)
          àŽ´àŽ±àŽ¯àŽ¼àâ€°àŽ½ » il suo significato principale è quello di “spiritello, demone”, ma qui è “nume, entità divina”
                   » questo “nume” in realtà è Atena, ma non specifica nulla
                   » qui Atena rimane molto vaga accennando a Telemaco che è protetto da un dio
          àŽ¿à¡½ àŽ³à¡½°à…àâ€žààŽ±àâ€ àŽ­àŽ¼àŽµàŽ½ » la ripetizione della negazione conferisce forza all’espressione (àŽ¿à¡½ colloquiale)
                                      » anche perché altrimenti significherebbe che anche Odisseo debba essere nato a
                                         dispetto degli dei, contro di loro; lo convince con la pura razionalità
          àâ€žààŽ±àâ€ àŽ­àŽ¼àŽµàŽ½ » infinito aoristo forte di àâ€žààŽ­àâ€ àâ€° con significato intransitivo
          ࡽ­àâ€š » “cos'”
Versi 30-40
          àŽ¸àŽµàŽ¿à¡¿â€“àŽ¿ » uscita ionica del genitivo singolare al posto di àŽ¸àŽµàŽ¿à¡¿¦; àŽ¸àŽµàÅ’àâ€š è sia maschile che femminile
          à¡¼â€šàŽ³àâ€¦ààŽ¹àâ€š » è la forma eolica dell’attico à¡¼â‚¬àŽ³àŽ¿ààŽ¬
          àâ€¦à¡¼±àŽ¬àÆ’àŽ¹ » dativo plurale di àâ€¦à¡¼±àÅ’àâ€š formato dal tema àâ€¦àŽ¹- con -àŽ±àÆ’àŽ¹ preso dalle eccezioni come àâ‚¬àŽ±àâ€žààŽ¬àÆ’àŽ¹
          àŽºààŽ­àŽ± » ha àŽ± breve
          ࡽ¡àâ€š » introduce una temporale
          àŽ¾àŽµàŽ¯àŽ½àŽ¿àâ€¦àâ€š » vocabolo omerico, in attico è àŽ¾àŽ­àŽ½àŽ¿àâ€š, “straniero, ospite”
          àŽ­àâ€žàŽ±à¡¿â€“ààŽ¿àŽ¹ » sono i compagni d’arme, che erano come una seconda famiglia per la mentalità greca
                   » qui infatti Nestore è si affiancato dai figli, ma circondato dai compagni
          à¡¼â€˜àŽ´ààŽ¹àŽ¬àŽ±àÆ’àŽ¸àŽ±àŽ¹ » in ionico à¡¼â€˜àŽ´ààŽ¹à¡¾¶àÆ’àŽ¸àŽ±àŽ¹; fenomeno della distractio (àŽ´àŽ¹àŽ­àŽºàâ€žàŽ±àÆ’àŽ¹àâ€š), un espediente meccanico
                             per cui si fa tornare il ritmo metrico alterato dalle contrazioni (attuato dai copisti attici
                             antichi) » si scrive davanti alla vocale contratta quella breve corrispondente
          à¡¼â€šàŽ½àâ€°àŽ³àŽ¿àŽ½ »  imperfetto da un verbo à¡¼â‚¬àŽ½àâ€°àŽ³àâ€° costrito sul sostantivo à¡¼â€šàŽ½àâ€°àŽ³àŽ±
          àŽàŽµàÆ’àâ€žàŽ¿ààŽ¯àŽ´àŽ·àâ€š » patronimico tiferito a Pisistrato, “figlio di Nestore”
          àŽ àŽµàŽ¹àÆ’àŽ¯àÆ’àâ€žààŽ±àâ€žàŽ¿àâ€š » era il figlio più giovane di Nestore (aveva circa la stessa età di telemaco)
                             » accostamento tra i due giovani, che si riconoscono compagni e coetanei
                             » nasce subito tra di loro una complicità legata direttamente all’età simile
                             » gli studiosi antichi pensano che sia stata un’aggiunta successiva fatta come
                                propaganda a Pisistrato (tiranno ad Atene nel 561-560 a.C.)
                             » a conferma di questa tesi sta che non lo si ritrova più come figlio di Nestore, né in
                                uno dei due poemi omerici, né in qualsiasi altra composizione poetica o non
                             » viene però accostato in altre opere a Telemaco come segno di amicizia perfetta
          ࡼàŽ½ » anastrofe di àŽºàÅ½àŽµàÆ’àŽ¹àŽ½ che è legato a ࡼàŽ½, c’è inoltre un enjambement si “su morbide pelli di pecora”
          à¡¼â€¢àŽ»àŽµ » in attico è àŽµà¡¼¶àŽ»àŽµ (da ࡼ-àÆ’àŽµ-àŽ»àŽµ)
          ࡼàŽ»àŽ¯à¡¿Æ’àÆ’àŽ¹ » termine traducibile con “mare”, ma la cui radice deriva da à¡¼â‚¬àŽ»àâ€š, à¡¼â‚¬àŽ»àÅ’àâ€š, “sale”
                  » Omero ogni volta che indica il mare ne dà una connotazione particolare differente
          àŽ´à¡¿¶àŽºàŽµ » aoristo mancante dell’aumento (dovrebbe essere ࡼ’àŽ´àâ€°àŽºàŽµ)
          ࡼ’àâ€¡àŽµàâ€¦àŽµ » in attico è ࡼ’àâ€¡àŽµàŽ±, aoristo debole con caduta di àÆ’ originario intervocalico
          àâ€¡ààâ€¦àÆ’àŽµàŽ¯à¡¿³ » è un enjambement riferito a ࡼàŽ½
          àŽºàŽ¿àààŽ·àŽ½ » termine omerico, ionico, in dorico è àŽºàÅ½ààŽ±, in attico è àŽºàÅ’ààŽ·
          àŽ±à¡¼°àŽ³àŽ¹àÅ’àâ€¡àŽ¿àŽ¹àŽ¿ » “egioco”, epiteto di Zeus, che viene caratterizzato dal suo scudo, l’egida, ricoperto con la
                          pelle della capra Amaltea che secondo il mito aveva nutrito con il suo latte Zeus da
                          bambino, una volta che la madre lo aveva nascosto sulla Terra per nasconderlo da Crono