Qual è il metodo di inserimento più corretto nelle graduatorie?

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

Esito di un sondaggio realizzato su atuttascuoladuepuntozero nei mesi di marzo-maggio 2011

Abbiamo chiesto ai visitatori di atuttascuoladuepuntozero qual e’ il metodo di inserimento più’ corretto nelle graduatorie

Ormai, in un certo senso, il nostro sondaggio è stato superato dagli eventi, e la vicenda delle graduatorie si è conclusa (ma è poi conclusa veramente?) a favore del pettine, a suon di sentenze della Consulta, decreti, ecc…

Comunque, nel corso dei 50 giorni del sondaggio, hanno risposto 115 docenti, così distribuiti:

per 42 di essi, pari al 36 %, il metodo di inserimento più corretto nelle graduatorie è il pettine

per 73 di essi, pari al 63 %, il metodo di inserimento più’ corretto nelle graduatorie è la coda.

metodo di inserimento più corretto nelle graduatorie
risposta numeri percentuale
pettine 42 37
coda 73 63

Lasciamo ai sociologi di valutare nel dettaglio questi dati, che presentano però un quadro sorprendente, perché in linea non con il parere dei sindacati “storici” dei precari (es. ANIEF) o con le sentenze dei tribunali, ma, paradossalmente, in sintonia  con la linea del governo, che ha da sempre prediletto il metodo della “coda” per non snaturare il carattere “regionale” e consolidato delle graduatorie, con le immissioni a pettine.

Partecipiamo ai due nuovi sondaggi di atuttascuola dei prossimi due mesi, entrambi sulle Prove Invalsi. Nel primo ci si chiede se le Prove Invalsi sono utili e affidabili , oppure inutili in tutto o in parte. Nel secondo si vuole verificare se i risultati delle Prove Invalsi dovrebbero fare media con i voti presi durante l’anno.

Pubblicità
shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: