Scuola: l’irrazionalità della legge