Spartaco di Luigi Gaudio

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

SPARTACO

SOL                                                       LAm
Sono uno schiavo proveniente dalla Tracia
                       RE                                SOL
Son giunto a Capua per esser gladiatore
          MIm                              LAm
Allora coi compagni ho organizzato
        RE                                           SOL
Una rivolta per poter tornare a casa

I rit: Ma nun ce sta niente ’a fa cu sti Romani
Certo se sono un poco imborghesiti
Ma il loro esercito forte ed attrezzato
È ancora troppo grande e organizzato

Semo trattati peggio dei maiali
Noi non possiam sposarci né figliare
Noi siamo oggetti in mano dei romani
Per soddisfare il gusto del sangue

II rit: Ma nun ce sta niente ’a fa cu sti Romani
Certo se sono un poco rammolliti
Ma il loro impero saldo ed ordinato
È ancora troppo vasto e regolato

Malgrado tutto stamo a fa’ faville
E di battaglie ne abbiam vinte mille
Passando per città e per borgate
Le nostre schiere si son rimpinguate
ma nun ce sta niente ’a fa cu sti Romani (I rit.)

Ce so’ volute ben dieci legioni
Con Crasso a capo quel grande riccone
Ma l’ho venduta cara questa pelle
Ed il mio gesto si saprà per sempre

ma nun ce sta niente ’a fa cu sti Romani
E i miei compagni tutt’e seimila
Saranno messi in croce sulla via
Come usan fare questi oppressori

Pubblicità
shares