Spingendo la notte più in là di Mario Calabresi – di Miriana Turco

Mario Calabresi narra dell’evento che cambiò drammaticamente la sua vita e quella della sua famiglia ovvero, l’assassinio di suo padre, ma non si ferma a questo; racconta infatti molti altri episodi tragici che vedono come protagonista la mafia italiana. La tragica morte del padre, il commissario Calabresi, è dovuta ad una serie di campagne pubblicitarie che lo vedevano colpevole dell’omicidio di Pinelli ,precipitato dalla finestra del suo ufficio. Prima che possa essere ritenuto innocente dalla Magistratura, Calabresi verrà ucciso con due colpi di pistola. Mario anche grazie a sua madre che crebbe tre figli da sola e con molto coraggio, riesce ad andare oltre il suo forte dolore e l’abbandono da parte delle istituzioni per arrivare ad una visione oggettiva della sua situazione e di quella di molte altre famiglie delle vittime. Infatti, si può dire, che Calabresi apra gli occhi ai lettori su situazioni che molto spesso passano nell’ombra;  solitamente non si pensa mai a chi sta dietro alla vittime. Queste pagine aiutano a capire che vivere nell’odio non serve e che bisogna lottare per ottenere rispetto e giustizia ed essendo noi giovani il futuro è bene che tutti lo leggano.