“Strange fruit”, la canzone che ha sfidato le discriminazioni – di Marcello Flamini

Era il 1939,
Billie Holiday si esibisce al “Caffè Society” di New York, uno dei pochi locali
che permette alle persone di colore di entrare. Qui la cantante incontra per la
prima volta Meeropol, poeta, scrittore, compositore e proprio sui tavoli di
questo locale,  scrivono la canzone “Strange Fruit”. In quello stesso anno
in Europa, la Germania nazista invade la Polonia. Il suo autore la scrive dopo
aver visto una fotografia relativa al linciaggio di due uomini: Thomas Shipp e
Abraham Smith, due neri delle piantagioni del sud; questa immagine  lo ha
 scosso profondamente e per lungo tempo.  La denuncia razziale è
ancora un tabù per l’epoca:  “Gli alberi del sud producono uno strano
frutto, sangue sulle foglie e sangue sulle radici, un corpo nero che ondeggia
nella brezza del sud, uno strano frutto che pende dai pioppi ….qui c’è un
frutto che i corvi possono beccare, che la pioggia inzuppa, che il vento
sfianca, che il sale marcisce, che l’albero lascia cadere, qui c’è uno strano e
amaro raccolto”.  Gli strani frutti sono i poveri corpi martoriati,
impiccati,  che penzolano dai pioppi. La stessa cantante Billie 
Holiday  ha  una vita segnata da tristi esperienze, dal razzismo, dal
carcere, dall’ abuso di alcool e droghe:  forse proprio per questo, sa
interpretare al meglio le vicende  ed i sentimenti descritti in questa
canzone. Dimostra inoltre un forte  coraggio, durante la seconda guerra
mondiale, in cui si  combatte  per riportare nel mondo la libertà,
 a parlare e cantare di neri linciati ed  appesi  come “strani
frutti” ,  ricordando che l’ America deve e dovrà  confrontarsi
ancora con degli enormi problemi da risolvere, come la discriminazione
razziale.
di Marcello Flamini della 
classe terza A anno scolastico 2015/2016. IC Sinopoli Ferrini Roma