Viaggio notturno nella letteratura italiana ep.19 (24/06/2020)

In estrema sintesi, la categoria di alto medioevo contiene in sé una duplice nozione: da un lato, un riavvolgimento dell’Europa nelle spire della barbarie (guardando prevalentemente ai secolo VI -VII), e dall’altro un faticoso risveglio della cultura e delle capacità  di riaggregazione politica delle regioni centro-occidentali del continente, realizzandosi sotto la spinta propulsiva dei Franchi carolingi, tra la seconda metà  del secolo VIII e la prima metà  del IX. I restanti centocinquanta anni che separano dal 1000 (o i duecentocinquanta che separano dal 1100, a seconda del termine verso il basso che si voglia scegliere), sono racchiusi, tradizionalmente, in una sorta di ciclo minore che contiene, si, al suo interno, la dissoluzione dell’Impero carolingio ed il precipitare dell’Europa centro-occidentale nella cosiddetta “anarchia feudale”, ma, in rapida successione, anche la riaggregazione di queste stesse regioni sotto “l’ombrello” delle due potestà  universali: il papa e l’impero.

Audio Lezioni di Storia medievale del prof. Gaudio

Ascolta “Storia medievale” su Spreaker.