Considerazioni sull’anno scolastico appena concluso (POST POLEMICO)

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

Il covid-19 ha bruscamente fermato le attività culturali a metà marzo senza dare altre opzioni che usare la DAD, se fossimo un paese normale (ossia preparato e pronto) non avrei avuto recriminazioni, ma siccome in Italia le cose si fanno a colpi di DPCM annunciati alle 22 di sera quando la gente si sta rilassando da oggi a domani non si può mettere su tutto.
Allora mi chiedo: ma non era meglio cristallizzare tutto e fare scrutini e tutto in base al primo quadrimestre ed usare la DAD con le classi che avevano l’esame? Capisco che così i ragazzi stavano troppo in panciolle ma almeno non si impazziva per finire l’anno scolastico.
Cosi come il calcio e anche la cultura si è fermata lo stesso doveva avvenire per la scuola. Poi non entro in discorsi di precari perchè non è il mio campo e sicuramente hanno le loro ragioni ma almeno se si finiva a marzo si faceva più bella figura a mio avviso.

Pubblicità
shares