Viaggio notturno nella letteratura italiana ep.6 (10/06/2020)

In Italia, tra V e VI secolo, si venne a creare una situazione diversa, dovuta a una più durevole persistenza delle strutture politico-amministrative imperiali e un diretto impiantarsi su di esse delle monarchie germaniche (erula e ostrogota) che subentrarono nello scorcio del V secolo. Quindi, se, da un lato, si affermò anche in Italia un ceto di famiglie aristocratiche legate alle città, esse, tuttavia, furono in primo luogo coinvolte nel funzionamento della macchina amministrativa pubblica ai suoi massimi livelli – e la loro designazione collettiva come “aristocrazia senatoria”, per quanto imprecisa, allude al dato eminente di una contiguità alla corte -e in secondo luogo furono assai meno radicate in contesti urbani periferici, ma piuttosto attratte verso le principali sedi del potere: Milano prima e Ravenna poi e, ovviamente, Roma. Inoltre, tra queste consorterie familiari dominanti sembravano prevalere, per prestigio politico e peso economico, quelle in cui il baricentro economico di interessi si stendeva tra la parte meridionale dell’Italia e la Sicilia e, sino che fu possibile, l’Africa settentrionale. Un’aristocrazia cos’ potente e illustre non sembra emergere con altrettanta nettezza nella parte settentrionale della penisola, ove forse prevalse una scansione economico-sociale maggiormente articolata e dinamica, legata in maniera più diretta all’apparato imperiale impegnato nello sforzo di garantire la tenuta delle frontiere esterne della Pars Occidentis.

Audio Lezioni di Storia medievale del prof. Gaudio

Ascolta “Storia medievale” su Spreaker.