Viaggio verso la morte

Tesina interdisciplinare su Auschwitz

di Massimo Lio – 20/05/2006

CONCLUSIONI

In chiusura vorrei proporre due riflessioni rispettivamente di un poeta-giornalista marocchino Tahar Ben Jalloun, ne Il razzismo spiegato a mia figlia”, e di Elie Wiesel, ne La Notte”:

Non incontrerai mai due facce assolutamente identiche. Non hanno
importanza bellezza o bruttezza: sono cose relative. Ogni faccia è
simbolo della vita e ogni vita merita rispetto.”

(Questa idea non era, senz’altro, chiara e limpida nella testa di Adolph Hitler)

“Tacere è proibito, parlare è impossibile”

(La situazione di un superstite dai campi di sterminio tedeschi ed anche russi)