VILLA ARMERINA

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità
VILLA ARMERINA

Costruita nell’epoca tardo-romana situata nella periferia di Piazza Armerina, in Sicilia
Misura 3500 metri quadrati
era la residenza di caccia di Massimiliano Erculeo, collega di Diocleziano nella gestione dell’impero romano.
È tutta decorata da mosaici costruiti da maestri africani, inventori di questa arte.
Le scene rappresentano le situazioni che più stavano a cuore ai romani: la caccia, le gare sportive, i miti.

STRUTTURA: si possono individuare cinque nuclei distinti:
ingresso monumentale » costituito da tre arcate e dotato di un cortile
» decorato da fontane e pitture di combattimenti
» ha l’aspetto di un arco trionfale
vestibolo » è l’accesso all’interno della casa
» lo si raggiunge attraverso alcuni gradini dall’ingresso monumentale
» pavimento con mosaici che rappresentano un adventus (= ingresso cerimoniale
di un imperatore romano nella città)
quartiere termale » poteva essere frequentato anche da estranei
» primo vano » dotato di banchine + usato come spogliatoio
» decorato da un mosaico che raffigura la padrona di casa
con i due figli e le ancelle
» atrio » “a forcipe” (= terminante in absidi alle due estremità)
» decorato con il mosaico del Circo Massimo di Roma
» era un corridoio usato per gli esercizi ginnici al coperto
» frigidarium » sala ottagonale con due piscine
» mosaici di Eroti pescatori con Nereidi e Tritoni
» era costituita di vasche di acqua fredda (lato nord terme per
mantenere la temperatura)
» tepidarium » sala allungata decorata con pitture dei giochi dello stadio
» posto tra il frigidarium e il calidarium
» costituita da vasche di acqua tiepida
» calidarium » ambiente riscaldato rivolto a mezzogiorno

peristilio » ha forma quadrangolare » al centro c’è una grossa fontana
ambienti privati » sono gli appartamenti padronali
» a destra della basilica risedeva il proprietario (+ decorato, + ampio)
» a sinistra stava la padrona o il figlio del proprietario (+ piccolo)
basilica » si trova sul lato di fondo del corridoio della grande caccia
» luogo dove il proprietario concedeva udienza e riceveva i visitatori
vano absidato » si trova in asse col vestibolo, ha il pavimento con stile geometrico
» viene chiamato “il Sacello dei Lari”
» motivo: due quadrati intersecati decorati con una treccia con al centro
Una foglia di edera (simbolo di Dionisio)

MOSAICI:

sala della piccola caccia

grande sala rettangolare con funzione di soggiorno per gli ospiti
vi si accede dal portico nord del peristilio
nel pavimento è rappresentata una battuta di caccia disposta su cinque registri
» primo registro » due servi accompagnano i cani sul luogo di caccia
» secondo registro » un personaggio compie un sacrificio incruento bruciando incenso a Diana, dea della caccia, con arco e faretra e posta sopra un’ara
» personaggio = Costanzo Cloro, Cesare di Massimiano, con alle spalle il figlio Costantino, futuro imperatore
» a destra dell’ara assiste al rito un personaggio appartenente alla famiglia di Massimiano (probabilmente è Massenzio, perché raffigurato strabico)
» terzo registro » due falconieri sono intenti a scrutare il fogliame di un albero di alloro
» quarto registro » a sinistra un cane azzanna una lepre
» a destra: cavaliere con un venabulum (= asta biforcuta) infilza una lepre
» quinto registro » a sinistra c’è la cattura dei cervi spinti in una rete
» a destra un cinghiale si avventa contro un giovane soccorso dai compagni
al centro » i venatores (= cacciatori) sostano sotto una tenda rossa legata tra due alberi e consumano un lauto pasto, frutto della battuta di caccia

sala a ottagoni e a quadrati

a pianta quadrangolare, ambiente per il personale di servizio che accudiva l’appartamento del Dominus
pavimento decorato da mosaici con stile geometrico di forma ottagonale che racchiudono medaglioni con rosa o con disegni di quadrati
funge da vestibolo alla sala dei quadrati
alla sala a ottagoni vi si accede dal portico nord del peristilio
nell’angolo della sala a ottagoni vi si trova un pozzo di età normanna
Sala a quadrati:
Sala a ottagoni:

ambulacro della grande caccia

corridoio lungo 66 m di lunghezza e 5 m di larghezza
ha le estremità absidate
ha un portico che si apre verso il peristilio
rappresenta una grande battuta di cattura delle bestie selvatiche che sarebbero state utilizzate per i giochi dell’anfiteatro a Roma (i cacciatori usano le armi per difendersi, non per uccidere)
nell’abside nord si trova una figura femminile che personifica la Mauritania (o dell’Africa)
» ha ai lati un leone e un leopardo (animali tipici dell’Africa)
» tiene nella mano destra una lancia
» rappresenta il confine estremo occidentale dell’impero romano
nell’abside sud si trova una figura femminile che personifica l’India (o l’Asia)



» la donna ha la tipica pelle olivastra delle zone orientali dell’impero romano
» affiancata da una tigre e da un elefante
» rappresenta il confine estremo orientale dell’impero romano
due fasce laterali » rappresentano le scene di cattura vera e propria



parte centrale » raffigura il trasporto degli animali



» rappresenta la centralità di Roma rispetto all’impero
parte destra del mosaico è più sviluppata » le terre da rappresentare sono più vaste
» lavorata da artisti più esperti che usavano più colori, 
mentre la parte sinistra è più spenta
» evidenziati i muscoli di animali e uomini con la tecnica del chiaro scuro
Donne in bikini

questo vestibolo presenta due pavimenti: uno a disegni geometrici, l’altro sovrapposto al primo in una fase più tarda.

Sono rappresentate delle ragazze vestite di subligar e stropkion.
Le fanciulle sono impegnate in varie gare sportive: salto con i pesi in mano, lancio del disco, corsa campestre, gioco con la palla.




È raffigurata l’incoronazione delle due vincitrici » una riceve corona di fiori
» una ha una ruota raggiata e sta per essere incoronata da una donna con manto aureo
Ruota raggiata: veniva fatta rotolare a terra per mezzo di un bastoncino tenuto con una mano a dimostrare l’abilità de colei che la manovrava 


Pubblicità
shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: