Acqua, tra sprechi e consumi

Sharing is caring!


Un bene prezioso sempre più esiguo. Cosa fare?

Tema svolto di Simone Re sotto forma di articolo di giornale

Organizzazione mondiale della sanità: 2025, acqua insufficiente per 2 persone su 3

«Se una zona attraversa un lungo periodo di siccità – dice Fontana in un suo articolo pubblicato dagli Editori Riuniti – migliaia o addirittura milioni di persone muoiono di fame». Nonostante ciò, l’uomo continua sempre di più a sottovalutare il valore che può avere un bene quale l’acqua. Sbrigando i nostri bisogni giornalieri, non ci rendiamo conto della quantità di acqua che viene sprecata. Solamente per lavarsi, infatti, vengono sprecate decine e decine di kilogrammi d’acqua. Senza di essa, nulla può vivere, ma allo stesso tempo l’acqua viene quotidianamente sporcata, sciupata, ignorata e dimenticata quasi come se fosse la meno importante di tutte le altre risorse naturali. Proprio per questo l’acqua diventerà sempre di più un bene prezioso ed insostituibile, anche raro. D’altronde, come gran parte della popolazione dovrebbe sapere, affinché vi sia cibo, c’è bisogno che vi sia acqua. Utilizziamo l’acqua in vari modi, anche per cucinare. Per la stragrande maggioranza delle prelibatezze che spesso ci vengono servite ai tavoli di un ristorante o semplicemente anche a casa c’è bisogno di acqua. Proprio per questo è inconcepibile che vi sia così poca preoccupazione per un bene così grande. L’acqua è sempre acqua, ma in molte parti del mondo è sporca, inquinata o portatrice di batteri e funghi che possono anche condurre alla morte. Secondo gli studi più recenti tra qualche decennio l’acqua sarà scarsa a tal punto da provocare dei conflitti, anche a livello mondiale, per impossessarsene. Nel 2025, secondo lOrganizzazione mondiale della Sanità, l’acqua potrebbe essere insufficiente per due persone su tre. Non a caso Merzagora in un articolo del Sole 24 Ore del 2003 arriva a definirla oro blu”. Spesso diamo troppa importanza a cose futili. Ci preoccupiamo che il nostro cellulare non abbia graffi, che il nostro computer sia al massimo delle sue prestazioni, oppure incominciamo a gridare ai quattro venti quando la nostra rete internet non è funzionante. Ma i problemi sono ben altri. La questione dell’acqua riguarda tutti noi. Persone nel mondo muoiono proprio perché vi è una mancanza di questa risorsa nel loro territorio. E noi? Noi la sprechiamo quotidianamente. Questo tema è una questione su cui riflettere. Infatti, molti di noi si dimenticano della reale importanza di alcune problematiche. C’è bisogno che qualcuno riporti alla mente il valore di tutte quelle cose di cui spesso non ci preoccupiamo. C’è bisogno di riflessioni, di cambiamenti.

shares