ALCYONE

Sharing is caring!


GABRIELE D’ANNUNZIO

Libro Terzo delle LAUDI DEL CIELO DEL MARE DELLA TERRA E DEGLI EROI

Intra du’ Arni

Ecco l’isola di Progne

ove sorridi

ai gridi

della rondine trace

che per le molli crete

ripete

le antiche rampogne

al re fallace,

e senza pace,

appena aggiorna,

va e torna

vigile all’opra

nidace,

né si posa né si tace

se non si copra

d’ombra la riviera

a sera

circa l’isola leggiera

di canne e di crete,

che all’aulete

dà flauti,

alla migrante nidi

e, se sorridi, lauti

giacigli all’amor folle.

Ecco l’isola molle.

Ecco l’isola molle

intra dù Arni,

cuna di carmi,

ove cantano l’Estate

le canne virenti

ai v’ènti

in varii modi,

non odi?,

quasi di nodi

prive e di midolle,

quasi inspirate

da volubili bocche

e tocche

da dita sapienti,

quasi con arte elette

e giunte insieme

a schiera,

su l’esempio divino,

con lino

attorto e con cera

sapida di miele,

a sette a sette,

quasi perfette

sampogne.

Ecco l’isola di Progne.

shares