Altius egit iter di Gabriele D’Annunzio

Dall’Alcyone di Gabriele D’Annunzio

Libro Terzo delle Laudi del Cielo del Mare della Terra e degli Eroi

Altius egit iter

L’ombra d’Icaro ancor pe’ caldi seni

del Mar Mediterraneo si spazia.

Segue di nave solco che più ferva.

Ogni rapidità di v’ènti agguaglia.

Voce d’uom che comandi ama nel turbine.

Ode cl’amor di nàufraghi iterato

e n’ha disdegno, ché silenzioso

fu quel rimoto suo precipitare.

Io la vidi laggiù, verso l’occaso.

Era nel palischermo io co’ miei due

remi. A prora il mio Dèspota seduto

era, e guatava fiso la mia cura.

Tra quegli e me subitamente vidi

ignuda l’ombra d’Icaro apparire.

Quasi il color marino aveano assunto

le sue membra, ma gli occhi eran solari.

Sul petto giovenile intraversate

ancor gli stavan le due rosse zone,

già per gli òmeri vincoli dell’ale,

simili a inermi bàltei di porpora.

«O Dèspota, costui» dissi «è l’antico

fratel mio. Le sue prove amo innovare

io nell’ignoto. Indulgi, o Invitto, a questa

mia d’altezze e d’abissi avidità!».

Audio Lezioni su Gabriele D’Annunzio del prof. Gaudio

Ascolta “Gabriele D’Annunzio” su Spreaker.